Connect with us

Attualità

FAI: tanti voti per la Chiesa di San Giacomo a Supersano

Dopo un mese di concorso è il luogo maggiormente votato nella provincia di Lecce: 19° posto nella classifica con oltre 1100 voti

Pubblicato

il

Nella classifica dei Luoghi del Cuore del FAI dopo un mese di concorso nella provincia di Lecce il luogo maggiormente votato è la chiesa di San Giacomo a Supersano al 19° posto nella classifica con oltre 1100 voti.

Posto in una posizione di rilievo, in prossimità dell’antica strada che congiungeva Cutrofiano a Supersano e a due passi dalla generosa ricchezza offerta dal bosco, il casale di Sombrino, o quello che ne resta, occupava un’area oggi compresa tre le Masseria Stanzie e Chiesa.

Quest’ultima prende il nome proprio da un chiesa, quella di San Giacomo, unica superstite della coppia di edifici religiosi che un tempo qui si ergevano.

La chiesa di San Giacomo faceva parte già nel 1218 dei possedimenti del lontano monastero di San Nicola di Casole, il vero ponte di collegamento tra oriente e occidente, nonché ritenuto l’edificio che abbia ospitato una delle prime università d’Europa.

La struttura originale di questa chiesa è stata fortemente modificata nel corso del cinquecento. L’ingresso, in principio rivolto ad ovest, è stato occultato da un altare a baldacchino e spostato nella parete opposta.

Poche tracce di affreschi sulle pareti testimoniano la presenza di un antico e vasto ciclo pittorico di cui sono ancora leggibili solo alcuni segni.

La chiesa per la grandezza delle dimensioni, inusuali per quell’epoca, manifesta una grande ricchezza di segni: conserva ancora la facciata medioevale e il tetto a capanna.

La volta è crollata quasi nella sua interezza, lasciando al cielo e alle nuvole il compito di disegnarne decori e contorni.

Sul piano di calpestio si possono ancora trovare alcuni frammenti delle tegole che costituivano il tetto doppio spiovente.

Faceva parte dei possedimenti dell’abbazia di san Nicola di Casole a Otranto.

È presente un altare dei primissimi anni del XVI secolo, mentre al posto dell’originale abside, demolita, venne costruita una nuova facciata.

Continua a Leggere

Attualità

Tricase, Francesca Sodero: «Ma quali regionali…!»

La consigliera del MoVimento 5 Stelle: «La verità è che vogliono confondere le idee ai cittadini per nascondere la loro scarsa credibilità politica»

Pubblicato

il

Dopo la presa di posizione degli altri componenti dell’opposizione Fernando Dell’Abate, Maria Assunta Panico, Alessandro Eremita, Nunzio Dell’Abate e Vito Zocco (clicca qui) in merito alla sua dichiarazione di intenti riguardo al futuro dell’amministrazione Chiuri (clicca qui e qui) arriva le replica di Francesca Sodero del MoVimento 5 Stelle.

«Dispiace registrare l’intervento scomposto dei colleghi della minoranza nel tentativo di infangarmi», esordisce la Sodero, «dicendo che il mio obiettivo nascosto sarebbe quello di candidarmi alle regionali del prossimo maggio, non si sono accorti che in realtà la nostra proposta di proseguire i lavori nel consiglio comunale per approvare il PUG va esattamente nella direzione opposta».

«Per le regole del MoVimento 5 Stelle», approfondisce, «essere in carica in un ruolo elettivo, com’è quello di consigliere comunale, significa non potersi candidare in altre competizioni elettorali. Perciò, se fosse vera la mia malafede», spiega, «avrei tutto l’interesse che si sciogliesse ora il consiglio comunale. La verità», attacca, «è che vogliono confondere le idee ai cittadini per nascondere la loro scarsa credibilità politica. Hanno promesso tutti in campagna elettorale l’approvazione dei PUG ma oggi si tirano indietro e si rimangiano tutto».

«Da tempo», l’affondo della consigliera dei 5 Stelle, «hanno smarrito il senso della loro missione in politica, ossia fare il meglio ed il massimo per Tricase e la sua comunità! Sono sempre in tempo per dimostrare il contrario e per rispondere ad una chiamata al senso di responsabilità», conclude, «smettendo di considerare le istituzioni comunali terreno di regolamenti di conti personali e di lottizzazioni partitiche».

A riprova di quanto dichiarato sulle regole per le candidature, la Sodero ci ha fatto pervenire uno stralcio del regolamento per le “regionarie” del M5S in Umbria che pubblichiamo sotto.

Continua a Leggere

Attualità

Tricase: opposizioni contro

I consiglieri del centrosinistra si scagliano contro Francesca Sodero: (Movimento 5 Stelle): «Pantomima strumentale ai suoi interessi»

Pubblicato

il

Resa dei conti tra le minoranze. Dopo il coming out di Francesca Sodero (Movimento 5 Stelle) che annunciava la sua fiducia a tempo al governo Chiuri «a patto di adottare il Piano Urbanistico Generale entro sei mesi», arriva la presa di posizione degli altri consiglieri di opposizione: Fernando Dell’Abate, Maria Assunta Panico, Alessandro Eremita, Nunzio Dell’Abate e Vito Zocco.

«L’invito rivolto dalla consigliera del Movimento 5 Stelle Francesca Sodero, a poche ore dalla scadenza del termine per la eventuale revoca delle dimissioni del Sindaco Chiuri, a fargli da “stampella”, perché di questo si tratta, ci lascia letteralmente sconcertati», si legge in un documento sottoscritto dai cinque consiglieri comunali. «È un insensato tentativo di entrare nella crisi amministrativa, tutta interna alla maggioranza. La consigliera si arroga il ruolo di dettare l’agenda e i tempi del consiglio comunale, che solo pochi giorni fa aveva definito come esperienza politica “priva di visione comune” e “frutto di un’accozzaglia”. Tale atteggiamento, improntato ad un finto senso di responsabilità verso Tricase», secondo i firmatari, «si appalesa, invece, come la peggiore incoerenza che un consigliere comunale possa ordire nei confronti dei propri elettori e della cittadinanza tutta».

«In maniera incomprensibile», affondano, «la Sodero, si avventura a parlare di PUG, pensando di metterlo al centro della politica cittadina ma nello stesso tempo insinuando oscuri interessi (quali?)». Tra i i firmatari c’è «chi, all’interno del dibattito sulle linee programmatiche di questa amministrazione, financo con una interrogazione specifica, ha sempre sollecitato  un’accelerata nel percorso di adozione del PUG, quale strumento necessario ed indispensabile per lo sviluppo della nostra città».

«Come è possibile», si chiedono, «passare dalle costanti accuse di inciucio al goffo tentativo di farne platealmente uno? Visto che riferisce di ingerenze esterne, perché non le partecipa a tutti? Questo modo di riferirsi a poteri oscuri che hanno messo le mani su Tricase appartiene al peggior grillismo ormai retrogrado e superato».

Facenbdo riferimento a quanto scritto dalla consigliera penta stellata si chiednho ancora: «Chi sarebbe di noi inattendibile ed in base a quale criterio? Come è possibile che da una netta posizione di contrasto all’amministrazione Chiuri si possa passare, con una giravolta, a sostenere il Sindaco Chiuri, puntando sul PUG, obiettivo fallito da questa maggioranza?».

I cinque poi tirano le loro conclusioni: «Che si tratti di una posizione strumentale lo dimostra la grande menzogna che la Sodero racconta in merito ai sei mesi(!), indicati quale tempo necessario per l’adozione del PUG. Una presa in giro per i cittadini!  Certamente il fine ultimo di questa pantomima si può riassumere in questo modo: i sei mesi sono necessari per arrivare alle elezioni regionali, cui la Sodero ambisce ad essere candidata da consigliere in carica insieme alla paura che il Movimento 5 stelle possa perdere consensi in caso di concomitanza tra le elezioni regionali e quelle comunali».

«Tutto questo», concludono «rimarrà tra i  brutti ricordi che lascerà questa amministrazione».

Intanto la dead line del 23 ottobre dista poco più di 24 ore. Entro domani sapremo se il sindaco Chiuri ritirerà o meno le sue dimissioni.

LA REPLICA DI FRANCESCA SODERO

Continua a Leggere

Attualità

Fiusis, un voto per prendersi l’Europa

Fino a domani a mezzanotte si potrà votare per il contest europeo. Piccinni: «Per il prestigio e l’orgoglio di aver portato un Modello di Sviluppo Green e Sostenibile dal Salento al cuore d’Europa».

Pubblicato

il

Domani a mezzanotte si chiude la votazione del Contest della Comunità europea sul modello di Sviluppo Green, Sostenibile e Sociale nei Territori.

Incredibile ed inaspettato l’entusiasmo che si è creato intorno alla Fiusis azienda di Calimera elezionata tra le finaliste (clicca qui).

«Ci hanno manifestato il loro sostegno tantissimi italiani con in testa  numerosissimi pugliesi ed abbiamo ricevuto consensi anche da molti Stati Europei», ha dichiarato l’amministratore della Fiusis Marcello Piccinni.

«Siamo nelle primissime posizioni», ha proseguito l’imprenditore, «non si vince un Premio in denaro ma per noi il Premio saranno il prestigio e l’orgoglio per aver portato un Modello di Sviluppo Green e  Sostenibile dal Salento al cuore d’Europa».

Per questo Piccinni chiede di «sostenerci coinvolgendo anche le persone che vi circondano. Il 24 ottobre a Bruxelles conosceremo il risultato di questa meravigliosa cavalcata».

Vota Fiusis su www.bit.do/rubizmo, scorri e clicca su Fiusis dopo scendi a fondo pagina e, dopo aver inserito il nome e la mail, conferma su DONE e attendi la conferma immediata.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus