Connect with us

Attualità

Prenotare una visita in ospedale a Tricase? Una odissea!

Dopo 20 minuti di attesa, per non far perdere la pazienza a chi aspetta, mi ha risposto un assonnato operatore

Pubblicato

il

Stamane, armato di santa pazienza, ho cercato di prenotare una visita cardiologica, telefonicamente, presso il nosocomio Cardinale Panico di Tricase.

Si sa, siamo nell’era tecnologica, epoca in cui con un click e pochi attimi possiamo ordinare del salmone dalla Svezia, o una riproduzione della Tour Eiffel, in miniatura, e farcela arrivare dalla Francia. Beato progresso!

Eppure, nel gennaio 2020, nonostante la buona volontà dell’ASL e dell’efficienza dell’ospedale tricasino (noto per il suo stacanovismo), dopo aver effettuato diverse telefonate, dapprima all’ASL di Lecce, al CUP telefonico, al numero che campeggia sulla loro pagina web, lo 0832/1979911, dove nessuno mi ha riposto e, subito dopo, al numero telefonico che domina la pagina web dell’ASL con un numero di telefono dell’ospedale di Tricase, lo 0833/773602, dove, dopo mezz’ora di attesa, trastullato dal sound onirico di George Benson, in tema per non far perdere la pazienza a chi aspetta, mi ha risposto un assonnato operatore che non fare scocciato, quasi mi stesse facendo una cortesia, ha sentenziato che non avevo composto il numero giusto e che… dovevo riascoltare My Heart Is Dancing (canzone a tema) di George Benson. Santa Pazienza!

Oddio, adoro Geoge Benson, scevro da colpe, ha solo ideato il sottofondo che mi ha tenuto compagnia per i successivi 37 minuti (avete capito bene, 37 altri minuti che con le attese delle due prime telefonate è divenuta un’ora) per sentirmi dire che se volevo accettare la prenotazione della visita cardiologica la prima disponibile era fissata al 26 maggio 2020, fra 5 mesi e mezzo!

In attesa che da febbraio prenda piede e che funzioni il Cup integrato (entro aprile entreranno nella sperimentazione anche i tre ospedali ecclesiastici), tradotto significa che Asl e ospedali continueranno ad avere il proprio centro di prenotazione, ma si collegheranno a un server regionale «orchestratore» che metterà in comune le agende in modo che Lecce possa vedere Brindisi (e viceversa), e quindi una vista che non è prenotabile in un ospedale potrà essere effettuata, con meno attesa, in un altro nosocomio, questa è la situazione delle prenotazioni di esami e visite mediche nel Salento ad oggi.

La speranza è che le peregrine figure trasmesse da Striscia, due giorni fa, servano da sprone per migliorare, oltre che le visite, anche le liste di attesa per le prenotazioni e visite mediche e che, oltre ad accorciare i tempi, possano ridurre anche gli ascolti delle colonne sonore di attesa.

Magari, suggerirei, considerato il tempo d’ascolto, aiuterebbe un abbonamento a Spotify, si potrebbe così scegliere una playlist personale da ascoltare nell’attesa per non far perdere le proverbiali pazienze di Giobbe e non dover pensare: “Beata tecnologia, porta pazienza!”

Luigi Zito

Alessano

Picco influenzale, Alessano si tutela: disinfezione a scuola

Domani pomeriggio intervento di sanificazione e disinfezione di tutti i locali della Scuola Primaria e della Scuola dell’infanzia di Alessano e di Montesardo, attraverso la nebulizzazione di una soluzione disinfettante anti-batterica e anti-virus

Pubblicato

il

L’Amministrazione Comunale – Ufficio Ambiente informa le famiglie della popolazione scolastica dei plessi dell’Istituto Comprensivo di Alessano e Montesardo che nel pomeriggio di sabato 29 febbraio verrà eseguito un intervento di sanificazione e disinfezione di tutti i locali della Scuola Primaria e della Scuola dell’infanzia di Alessano e di Montesardo, attraverso la nebulizzazione di una soluzione disinfettante anti-batterica e anti-virus, dopodiché si provvederà ad arieggiare opportunamente gli ambienti interessati.

Detto intervento è eseguito a mero scopo cautelativo e preventivo ed anche al fine di sanificare e disinfettare gli ambienti scolastici a seguito del picco influenzale verificatosi alcune settimane or sono.

Continua a Leggere

Attualità

Tricase Plastic Free: l’esempio di Palazzo Gallone

L’Ufficio di presidenza consegna le borracce in acciaio ai componenti del Consiglio comunale e del Consiglio dei ragazzi ed ai dipendenti comunali

Pubblicato

il

Nella seduta del consiglio comunale dei ragazzi in corso di svolgimento a Palazzo Gallone è in atto la consegna delle borracce in acciaio ai componenti.

Ne danno notizia il presidente ed il vice presidente del Consiglio comunale Dario Martina e Nunzio Dell’Abate.

«Nell’ottica della campagna ambientale “Plastic free challenge” e con la finalità di trasmettere un forte messaggio istituzionale», si legge in una nota dell’Ufficio di presidenza, «abbiamo assunto l’iniziativa di fornire i componenti del nostro Consiglio comunale di quello dei ragazzi, nonché tutti i dipendenti comunali, di una borraccia in acciaio ivi impresso lo stemma della città accompagnato dalla dicitura “Il Consiglio comunale di Tricase”».

Dopo aver ringraziato «l’azienda Fornopronto srl che ha acquistato le borracce senza neanche pretendere l’inserimento del logo aziendale», presidente e vice presidente del Consiglio comunale spiegano: «Abbiamo optato per l’acciaio che non rilascia odori/sapori, ecologica resistente agli urti e compatibile con l’uso in lavastoviglie. Inoltre è dotata di un beccuccio ritraibile per l’abbeveraggio in assolute condizioni igieniche. Il nostro vuole essere un gesto simbolico ma di forte valenza istituzionale a tutti i livelli».

Inoltre è intenzione dell’Ufficio di presidenza «collocare a breve nel palazzo comunale un erogatore di acqua per consentire l’approvvigionamento in loco».

Viene precisato inoltre che «entrambe le iniziative non hanno intaccato il bilancio comunale e si sono rese possibile grazie alla suddivisione dei compiti tra i due componenti dell’ufficio».

Si comunica infine che «la consegna delle borracce al Consiglio comunale avverrà in occorrenza della prima seduta utile e al termine della stessa avverrà la consegna anche ai dipendenti comunali».

 

Continua a Leggere

Alliste

Due auto nuove per Alliste

Una Dacia Sandero per i vigili urbani; una Renault Zoe elettrica a disposizione del personale dipendente del Comune

Pubblicato

il

Due auto nuove per il Comune di Alliste. I mezzi saranno a disposizione rispettivamente della polizia municipale e dei servizi comunali.

La Dacia Sandero per il comando dei vigili urbani fa notizia perché è il primo mezzo nuovo da dieci anni.

L’altra auto è una Renault Zoe messa a disposizione del personale dipendente del Comune.

Due nuovi acquisti per il Comune di Alliste“, ha postato sulla sua pagina Facebook la vice sindaco e assessore all’ambiente Marilù Rega, “un nuovo mezzo per il nostro comando di Polizia Municipale ed un altro, una Renault Zoe, a disposizione del personale dipendente del comune“.

Quest’ultima è un’auto elettrica. Infatti la Rega ha anche annunciato che “verrà installata nei pressi del Comune una colonnina per la ricarica della batteria, in ossequio alla tutela del nostro ambiente“.

Nella foto in basso (di Fabrizio Casto) il sindaco Renato Rizzo, al momento della firma del contratto per l’acquisto delle due nuove auto.

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus