Connect with us

Tricase

Tricase si riprende la Chiesa dal.. diavolo

Presentazione di “Diavoli e Cuccuvasci” di Edoardo Winspeare

Pubblicato

il

L’edificio, dopo anni di incuria, grazie ai Fondi comunitari e ad una convenzione col Parco Costiero, ritrova la luce. Tre anni di lavori, 4 partner d’eccezione ed un regista d’eccellenza, per riportare al suo splendore la Chiesa eretta nel 1685 e ubicata nella traversa dei SS.Medici, in via Borgo Pescatori a Tricase.

Sabato 16 marzo, alle ore 17, ci sarà la cerimonia di inaugurazione, alla presenza dell’Amministrazione comunale, dei partners e del regista Edoardo Winspeare, che ha ideato una coreografia prospettica per il visitatore che ne varca la soglia.

L’edificio narra storia, cultura e leggende radicate nella comunità tricasina ed evidenti dai mutevoli nomi attribuiti. Così se da principio fu eretta a devozione della Vergine di Costantinopoli, successivamente, per la sua originale, innovativa struttura ottagonale fu conosciuta come “Chiesa Nova”; nei secoli acquisì, poi, la nomenclatura di “Chiesa dei diavoli”. Quest’ultima per un affascinante groviglio di supposti patti tra signori feudali, entità maligne e forzieri nascosti. Oggi grazie ad una meticolosa opera di ristrutturazione è restituita ai cittadini di Tricase.
Il valore storico culturale della Chiesa dei Diavoli assume peraltro un quid pluris facendo da contraltare alla vicina Quercia Vallonea, opera lignea della Natura, nell’importante universo della biodiversità.

Attualità

Tricase: una petizione per le vie del centro

«Situazione a dir poco indecorosa sin dal 1996 per via A. Tedeschi, via F.lli Allatini e piazzetta Ciardo». L’assessore Sabato: «Allo studio uno specifico piano traffico dell’intera zona interessata»

Pubblicato

il

Una petizione con 116 firme per chiedere al Comune di farsi carico della «situazione a dir poco indecorosa» che «sin dal 1996 interessa via A. Tedeschi, via F.lli Allatini e piazzetta Ciardo».

La promotrice della raccolte firme è Maria Morciano: «Sono una tricasina trapiantata da 50 anni a Milano, ma con il cuore sempre a Tricase», racconta, «ogni anno in estate ci torno con assoluto piacere, prima per vedere i miei genitori e, da quando non ci sono più, per portarvi figli e nipoti. Lo scorso anno, come già accaduto in passato, mi sono recata in Comune per fare le mie rimostranze su molti problemi della città, tra cui in particolare la situazione ormai divenuta intollerabile del traffico e della viabilità su via A. Tedeschi, via F.lli Allatini e piazzetta Ciardo.  Dopo interminabili rinvii per incontrare qualcuno dell’Amministrazione e dopo estenuanti attese nel corridoio del municipio», punta il dito, «ho incontrato una signora che mi ha detto di esporre a lei il problema. Dopo ho saputo essere l’assessore Sonia Sabato».

«La stessa, dopo avermi fatto parlare per circa cinque minuti, per tutta risposta mi ha “consigliato” di spostarmi in altre zone visto che il paese non mi era “gradito”. Ovviamente ho ribadito che era lei ad occupare un luogo sicuramente non consono alla sua persona e alla funzione che aveva l’obbligo di esercitare. Non mi ha fatto neppure finire che mi ha congedato su due piedi».

«Quest’anno», prosegue, «mi sono recata nuovamente in Municipio per incontrare espressamente il Sindaco, ma nuovamente si è presentata la stessa assessore Sabato ed a quel punto mi sono rifiutata di parlarci. Ritengo sia necessario scuotere prontamente le coscienze in modo da far cambiare mentalità a chi ci amministra. Trovo il mio paese sempre più trascurato e gli abitanti, tra cui alcuni miei vecchi amici e conoscenti, sono rassegnati, delusi, scoraggiati e timorosi di affrontare qualsiasi problema dalla cui soluzione si avrebbero benefici per tutti. Insieme ad altri 116 cittadini abbiamo protocollato una petizione al Sindaco perché si affronti la problematica segnalata. Non so se verremo quantomeno ascoltati, ma sicuramente sento di aver fatto il mio dovere civico».

«Vorrei», conclude, «tanto che il mio paese cambiasse registro, è un luogo fantastico ma abbrutito dalla mentalità e dalla approssimazione per non dire strafottenza».

«Sempre gentile e cortese con tutti»

Ovviamente abbiamo girato la patata bollente alla diretta interessata. L’assessore Sonia Sabato dapprima si è palesemente meravigliata delle accuse, poi ha precisato: «Corrisponde al vero che la sig.ra Maria Morciano ha parlato con me, ma non è assolutamente rispondente alla verità quanto da lei scritto riguardo al mio comportamento. Come è mio costume e comportamento sono stata e sono sempre gentile e cortese con tutti e non mi è passato mai per la testa di invitare chicchessia ad allontanarsi da Tricase e scegliere altri paesi. Anzi», aggiunge, «ricordo bene di aver detto che, nonostante l’argomento non rientrasse nella specifica competenza delle deleghe assegnatemi, avrei volentieri  e comunque informato il collega assessore competente, il sindaco e tutta la giunta».

Sonia Sabato

Liquidata la polemica ha aggiunto: «Detto questo, è bene precisare, a scanso di equivoci e cattive interpretazioni, che la difficoltosa transitabilità e l’eccessivo traffico di via A. Tedeschi sono problemi che esistono e sono all’attenzione dell’intera giunta municipale.  Vanno affrontati in modo razionale e corretto, con il contributo  indispensabile del Comando della Polizia Locale e di esperti del traffico, e, soprattutto, predisponendo uno specifico piano traffico dell’intera zona interessata,  praticato prima in via sperimentale e poi definitiva. Ovviamente non può bastare, come chiesto dalla sig.ra Maria Morciano, la semplice modifica della transitabilità da doppio senso a senso unico di circolazione solo per via A. Tedeschi».

Pur mantenendo il solito garbo, infine, la Sabato lancia una stoccata alla firmataria della lettera e ad eventuali terze figure: «Considerato il lungo lasso di tempo intercorso dalla venuta al Comune della sig.ra Morciano, mi sembra strumentale ed inspiegabile la lettera inviata solo ora al giornale. Probabilmente, chi lo sa, la signora sarà stata mal consigliata da chi, ultimamente, svolge in modo continuo e sistematico un’azione denigratoria nei confronti delle diverse attività e dei tanti servizi di competenza dell’assessorato che ho l’onore di condurre. La sottoscritta e l’intera giunta municipale», conclude la Sabato,  «sono sempre disponibili a dialogare per il bene della città e nell’interesse di tutti i cittadini».

Giuseppe Cerfeda

Continua a Leggere

Attualità

Tricase Compra e Vinci: i premiati

I 10mila euro in buoni acquisto saranno spesi nelle attività che hanno partecipato al concorso e verranno rimborsati per intero ai commercianti dell’associazione

Pubblicato

il

Consegnati i premi del concorso Tricase Compra e Vinci promosso dall’Associazione Commercianti e che ha tenuto banco in tutta l’estate tricasina.

Il primo premio che portava in dotazione la bellezza di 5mila euro in buoni acquisto è andato a Francesco D’Amico; secondo premio e duemila euro ad Antonia Blandolino; Alberto Ciardo si è aggiudicato i 1.500 euro del terzo premio; a Sandra Vincenti (l’unica non tricasina, è di Specchia) il 4° premio e mille euro; infine Antonio Facchini si è aggiudicati i 500 euro del 5° premio in palio.

Come hanno spiegato dall’Associazione Commercianti i buoni acquisti si possono spendere nelle attività che hanno partecipato al concorso e verranno rimborsati per intero ai commercianti dell’associazione, «in questo modo è sempre denaro che resta sul territorio».

L’estrazione de 10mila euro in buoni acquisto è stata effettuata in Piazza Cappuccini lo scorso 9 agosto alla presenza del Notaio Stefania Pallara; al concorso hanno partecipato tutti coloro che hanno effettuato anche un solo acquisto, di almeno 20euro, in una delle attività associate. Hanno aderito all’iniziativa ben 162 attività tra artigiani, piccoli imprenditori e commercianti.

Continua a Leggere

Attualità

Tricase Porto: la spiaggetta è nuda

Ad ogni temporale la stessa storia con la sabbia trascinata in mare. Schiuma rabbia il sindaco Chiuri: «Ogni volta ci costa dei soldi, speriamo di avere quanto prima i permessi per realizzare un cordolo di contenimento»

Pubblicato

il

Che fine ha fatto la spiaggetta di Tricase Porto?

Se lo saranno chiesti in molti in questi giorni, soprattutto nel post temporale di inizio settimana quando quella che una volta era la caratteristica spiaggetta ricoperta di rena è in pratica (ri)diventato uno scoglio nudo alla mercé delle onde.

«È una vicenda che si trascina da diversi anni e quel che mi rode è che ogni volta che accade ci costa un bel po’ di soldi», ha chiarito il sindaco di Tricase Carlo Chiuri, «il problema è sempre il solito, districarsi tra le maglie della burocrazia per avere i permessi per costruire un cordolo che contenga la sabbia. La questione comunque dovrebbe essere in via di risoluzione definitiva grazie ad un progetto già in giunta ed in attesa di approvazione».

«Si tratta di avere ancora un po’ di pazienza», gli fa eco l’ing. Vito Ferramosca, responsabile dell’ufficio tecnico, «grazie al progetto già in Giunta, entro l’anno prossimo quello della sabbia portata via dal maltempo dovrebbe rimanere solo un ricordo».

L’ingegnere poi spiega quanto accaduto negli ultimi giorni: «In seguito ad un temporale e in vista del Festival dell’Irregolare, in programma il 10 settembre scorso, ci siamo attivati per recuperare almeno parte della sabbia che era stata trascinata in mare. Sabbia di fiume», precisa, «perché quella di mare non si può prendere da altre spiagge, che avevamo già messo in loco a giugno. Il pomeriggio del 9 settembre siamo andati a recuperare la sabbia dal mare ma abbiamo dovuto rinviare i lavori perché fino alle 18 la spiaggetta era comunque piena di bagnanti. Ci siamo ripresentati  la mattina dopo all’alba e abbiamo rimesso a posto quanto possibile. Fatica inutile, però, perché il 10 settembre un altro temporale ha vanificato tutto il lavoro fatto».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus