Arriva la prima canzone dedicata a Don Tonino Bello

La visita del Santo Padre ad Alessano e Molfetta regala a tutti gli appassionati del vescovo pugliese – precursore del Magistero di Papa Francesco – anche una canzone (“Tu, don Tonino Bello nostro” o “nuesciu” nella declinazione salentina).

E in effetti, a quanto pare, mancava un canto specificamente dedicato a Don Tonino.

L’idea, il testo e la melodia si devono a Manuela Pulimeno, docente di Filosofia al Liceo Stampacchia di Tricase, sede della Parrocchia di don Tonino Bello e già autrice del video di promozione turistica “Salento di Luce”, oltre che di una fortunata serie di storie illustrate per bambini e ragazzi in corso di presentazione nelle scuole del Salento (Tino e Rina: La Fantastica Avventura della Vita e “Myrian contro Raymond: la ragazza del destino e il principe del mondo”).

“Per come sono andate le cose, è come se lo stesso don Tonino si fosse regalato  quest’umile omaggio musicale, nato e ultimato tutto d’un fiato nelle ultime settimane, seguendo un’inspirazione improvvisa e inattesa”, confida l’autrice. “ Nel testo della canzone sono le stesse persone che hanno conosciuto don Tonino a raccontarci di lui: i poveri e gli emarginati a cui ha teso la mano, i ragazzi con cui giocava a calcio o a pallavolo, le famiglie per cui suonava la fisarmonica, gli uomini e le donne che incontravano il suo sguardo misericordioso”.

Il testo riannoda, come in un racconto in musica, il filo conduttore della vita di don Tonino: la sua sensibilità per le “periferie esistenziali” (come direbbe Papa Francesco), ma anche il suo essere costruttore di pace in tempo di guerra, quanto mai attuale. La canzone cerca di “raccontare” il cuore di don Tonino, capace di grandi sogni così come di dare vita ad immagini e narrazioni potenti (famosi i suoi “auguri scomodi”), in grado di diventare pungolo per la coscienza, invito pressante a cambiare vita. Una vera e propria pedagogia narrativa, quella di don Tonino, applicata sul campo, in una testimonianza evangelica “radicale” sulle orme di Cristo.

La canzone, affidata al Soprano Raffaella Liccardi del Conservatorio di Lecce per la supervisione artistica (la voce è quella di Lucy Negro) e accompagnata da una video-sequenza di fotografie di don Tonino Bello, è stata messa gratuitamente a disposizione della Diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca (così come di quella di Molfetta) per la proiezione su maxischermi a tutti fedeli in attesa del Papa.

La video-sequenza della canzone è visibile in anteprima su 3WebTv.(https://www.facebook.com/3webtv/)

 

Maddalena Bitonti

Tags:


Commenti

commenti