Clandestini e controlli: quanto lavoro per i Carabinieri

Powered by WP Bannerize

I Carabinieri della Compagnia di Tricase hanno vissuto un fine settimana particolarmente intenso. L’operatore della Centrale Operativa ha ricevuto, sul numero unico europeo di emergenza 112, una telefonata con la quale l’interlocutore riferiva di uno sbarco di clandestini in atto in località “Guardiola” del Comune di Corsano. Nel luogo indicato venivano fatte convergere cinque delle pattuglie in quel momento impegnate a presidiare il territorio. Giunti sul posto i militari hanno individuato e bloccato venti cittadini extracomunitari, diciannove uomini ed una donna, appena giunti illegalmente sul territorio italiano. Sono di nazionalità egiziana, irakena e pakistana. Mentre gli sbarcati stavano salendo sul pullman che li avrebbe accompagnati al centro “Don Tonino Bello” di Otranto, un’altra segnalazione ha fatto precipitare i militari della Compagnia Carabinieri di Tricase in località “Ciardo” del Comune di Patù dove numerosi cittadini segnalavano la presenza di altri clandestini presumibilmente arrivati a terra a seguito di un secondo sbarco. Dopo alcune ore di ricerca altri trentaquattro cittadini extracomunitari, tutti maschi adulti e pakistani, sono stati rintracciati dai Carabinieri e trasferiti ad Otranto.

Droga e alcol: quanti automobilisti nei guai!

Concluse le operazioni relative all’arrivo degli extracomunitari, i militari della Compagnia Carabinieri di Tricase sono stati impegnati in un servizio a largo raggio finalizzato alla prevenzione delle stragi del sabato sera che ha visto impegnati circa trenta militari e quasi venti automezzi fra autoradio dell’Aliquota Radiomobile, pattuglie delle Stazioni e Carabinieri in borghese dell’Aliquota Operativa. Il servizio si è svolto sui diciotto comuni ricadenti nell’area di responsabilità della Compagnia con particolare attenzione alle zone costiere particolarmente affollate di turisti. Importanti i risultati ottenuti soprattutto in termini di prevenzione delle stragi del sabato sera. Ben centosettanta sono state le persone controllate sia a piedi che a bordo di oltre cento fra auto e motoveicoli. In totale sono state elevate quarantanove contravvenzioni, indice di un ancora diffuso mancato rispetto delle norme del codice della strada. Dodici, in totale i conducenti di autoveicoli che, al termine del controllo hanno dovuto lasciare la loro patente ai Carabinieri poiché sorpresi con un tasso alcolemico superiore ai 0.80 gr/l e che, pertanto, sono stati deferiti in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria. Il “recordman” della serata è stato un giovane salentino che ha fatto comparire sul display dell’etilometro il valore di 1,81 ovvero ben oltre il triplo del massimo consentito dalla legge, pari a 0,50 gr/l! Otto, invece, le persone trovate in possesso di sostanze stupefacenti. Tre di loro A. G., 20enne di Alessano, D. U., 18 enne di Andrano e G. L., 33enne di Castro, sono state denunciate in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana mentre altre cinque, S. L., 32enne di Castro, M. C., 21enne e C. P., 19 enne, entrambi di Taurisano, nonché D. F., 23enne e A. S., 22enne, entrambi di Tricase se la sono cavata con una segnalazione alla competente Autorità Amministrativa per detenzione a scopo non terapeutico di marijuana. In totale sono stati sequestrati quarantadue grammi di sostanza stupefacente.

Powered by WP Bannerize


Commenti

commenti