Connect with us

Attualità

Non ne usciremo grazie ai sindaci-sceriffo

Centinaia di fasce tricolore positive all’appeal-virus ci chiederanno una medaglia a Covid-19 sconfitto. Ma non saranno la loro voce grossa e le loro battaglie per un click ad averci portato fuori dal tunnel

Pubblicato

il

C’è un nuovo modo di fare il sindaco che sta toccando l’apice della sua espressione all’ombra del coronavirus.


È quel sindaco che insegue i cittadini che escono di casa.


Quel sindaco che si reca nei parchi per dare in anteprima la notizia della loro chiusura ai presenti.


Quel sindaco che segue di persona, in chiesa, le funzioni religiose trasmesse in diretta streaming e cui dovrebbe presenziare solo l’officiante.


Quel sindaco che apostrofa i cittadini irrispettosi delle regole.


Quel sindaco che cerca una soluzione ai problemi nello scontro con le altre istituzioni.


Quel sindaco che sveste la fascia tricolore per cingervi il santo e la Madonna di turno.


O ancora (il più in di tutti) quel sindaco che fa il poliziotto. Nonostante i poliziotti facciano benissimo il loro mestiere.


Tutto è palcoscenico


All’inizio avevamo anche sorriso. Quando quei quattro sindaci, dai quattro angoli d’Italia, erano saliti alla ribalta della cronaca con le loro sgrammaticate video dirette social.


Prima uno, poi l’altro (perlopiù, ahinoi, meridionali), tra un congiuntivo reinventato e una sparata sessista (che fa sempre folclore) al grido “restate a casa” avevano dato il là ad una deriva che ha colonizzato l’Italia intera.


Non lo sapevamo ma, in un remake della corsa all’oro, i pionieri (del grido digitale) avrebbero lasciato spazio agli sceriffi (delle strade).


L’El Dorado, qui, non è la sanità, ma la popolarità. È il voto in più in prospettiva. L’ebrezza del consenso che viaggia sui nuovi mezzi di comunicazione, dove la forza, l’arroganza, la boria del pistolero, pagano sempre.


Mentre noi guardavamo i numeri, contavamo i contagi, piangevamo le vittime, scongiuravamo la sorte, loro han misurato la nostra paura e l’hanno cavalcata. Loro, son passati al comando della spettacolarizzazione della notizia.


Mascherati da cavalieri, da filantropi guardiani del popolo, in nome del benessere comune e della salvaguardia del prossimo hanno sguainato le loro spade.


Perché tutto è palcoscenico. Basta avere un obiettivo puntato contro e parte la messa in scena.


Ci eravamo lasciati, appunto, con quelle quattro frasi sgrammaticate di un sindaco di cui a stento ricordiamo il nome. Ci ritroviamo con gli sceriffi in strada, attori e registi di siparietti che richiamano le più infime delle ronde.


Sugli schermi di tutti noi sono andati in onda i vari Antonio Decaro, i vari Cateno De Luca. Esempi doc di quanto enarrato.

L’uno, rieletto sindaco di Bari, rieletto presidente Anci, ora si precipita costantemente in strada a rincorrere i cittadini. Puntualmente inseguito dalla telecamera, si fa riprendere mentre svuota parchi, rimprovera giovani e anziani, talvolta apostrofa qualcuno e talaltra lo minaccia.


Dal sostituirsi alle forze dell’ordine laddove non presenti, è passato al sostituirvisi anche in loro stessa presenza. Bacchettando l’ennesimo trasgressore in diretta. Svilendo le divise che assistono inermi al raccapricciante teatrino. Aggiungendo ancora una volta un nulla dove già niente c’era da aggiungere. Dove la polizia locale aveva già fatto il suo sacrosanto dovere, sanzionando meritatamente il cittadino che non era rimasto a casa.


L’altro, sindaco di Messina, sul molo del porto della sua città ha iniziato una battaglia navale al suo prefetto. Risultata, agli occhi di chi era dall’altra parte dello schermo, vincente sol perché decisa, forte, irruente.


E sono solo due delle decine, centinaia di eclatanti esempi di casi di sindaci risultati positivi all‘appeal virus.


Le loro strategie non pagano, se non in termini di visibilità.


Complici noi addetti ai lavori, giornali e stampa in generale, riempiono il piatto di click e popolarità e ci si ficcano.


Ma è il momento di porre un freno. Non possiamo e non dobbiamo permettere a nessuno di guadagnar consenso su una pandemia. Sulla morte.


Beninteso: sacrosanti restano controllo e denuncia, fermezza e rigore. Ma nei modi e nei termini dovuti ed utili alla causa.


È sempre bene ricordare che l’affascinante binomio forza=sicurezza altro non è che una illusoria bugia.


È sempre necessario ricordare che non è tempo di far politica spicciola: chi alza i toni del discorso, nasconde zero contenuti, zero soluzioni. Sempre.


Non assecondare chi agisce in questa maniera è il miglior modo per raggiungere l’obiettivo. Tutti noi possiamo fare il nostro, col nostro piccolo schermo, col nostro pollice, col nostro consenso consapevole.


Dare spazio e tempo a chi capovolge i ruoli, fa a pezzi le istituzioni, distrugge prima di provare a costruire, prende iniziativa laddove non potrebbe e dovrebbe, mette firme su ciò che non è di sua competenza, non ci salvaguarderà. Il coronavirus non si combatte coi lanciafiamme.


La strada da seguire l’abbiamo imparata tutti, a spese nostre. Resta sempre la stessa: insieme, vicini nel destino e nell’obiettivo, seppur a distanza l’uno dall’altro.


A testa bassa e denti stretti. Come chi in silenzio, giorno e notte, ci salva la vita tra le corsie d’ospedale.


L’El Dorado è uno e uno solo. Al diavolo gli sceriffi. Abbiamo bisogno di cuore, scienza, solidarietà e sì, anche di parole. Quelle giuste, quelle misurate, quelle ragionate.


Non abbiamo bisogno di quegli eroi in fascia tricolore che domani, quando tutti assieme ce l’avremo fatta e tutti assieme usciremo dal tunnel, ci chiederanno una medaglia in più per aver vinto la ridicola gara a chi ce l’ha più grosso.


Lorenzo Zito


Attualità

Quella volta in cui Maradona sparì per andare a fare beneficenza in Salento

Pubblicato

il


Una storia meravigliosa che in pochissimi conoscono riguarda Diego Armando Maradona ed il Salento.





La narra, sulle pagine del sito del giornalista sportivo Gianluca Di Marzio, Massimo Meo, 58enne tifoso del Lecce.





I giornalisti stavano impazzendo, era partita una vera e propria caccia a Maradona. Nessuno lo trovava e non si aveva alcun tipo di informazione su di lui. L’argentino era finito al centro di un mistero, che partiva da Napoli e faceva il giro d’Italia. Da Roma a Palermo, da Milano… a Lecce. “Alla fine, lo abbiamo trovato noi. E nessuno è mai venuto a saperlo”.




Mentre tutto il mondo cercava Maradona nelle più belle ville napoletane, Diego era infatti nel cuore del Salento, ma solo di passaggio.Non c’entravano le donne, non era una bravata delle sue – spiega Massimo -. Trovammo l’argentino in un Istituto per bambini ciechi. Nessun giornalista, nessun titolo in prima pagina. In punta di piedi, Diego era finito in una piccola via del centro della città, per trascorrere del tempo con quei bambini. Hanno parlato e giocato insieme, poi ha lasciato un assegno ed è andato via”.





Qualche giorno più tardi, il caso-Maradona sarebbe rientrato: per tutti, si trattò di una volta come tante. Diego sarebbe di nuovo tornato ad allenarsi, per poi giocare la domenica e lasciare tutti a bocca aperta. “Al campione che era in campo eravamo tutti abituati. Quanto a quello che era fuori… molti, probabilmente, lo devono ancora capire“.


Continua a Leggere

Attualità

Studenti infermieristica Fazzi scelgono di supportare equipe Covid dell’Asl

Pubblicato

il


Gli studenti e le studentesse del Corso di Laurea in Infermieristica del Vito Fazzi hanno dato disponibilità a svolgere il tirocinio a supporto dell’equipe COVID del Servizio Igiene e Sanità Pubblica.





Sono suddivisi in due gruppi: il primo si occupa del tracciamento dei contatti dei casi Covid positivi (“contact tracing”), il secondo della sorveglianza sanitaria, si relazionano ogni giorno con le persone in isolamento domiciliare per monitorare le loro condizioni di salute e segnalare eventuali criticità.
Il tutto sotto la supervisione degli operatori sanitari del SISP Area Nord.
Per ora sono 45 ma il numero è destinato a crescere.





Continua a Leggere

Attualità

Contagi in provincia: chi scende e chi sale

Pubblicato

il


Nel report emerge l’andamento dell’infezione da SARS-CoV-2 con i dati dal 29 febbraio al 31 luglio e con i dati dal 1 agosto a oggi.  Sono 2324 i cittadini presenti in provincia di Lecce attualmente Covid positivi.





Il report evidenzia la distribuzione dei casi Comune per Comune, il numero dei degenti, dei ricoveri e dei decessi con la distinzione per genere ed età. Il documento riporta inoltre il numero dei tamponi complessivamente eseguiti e il trend settimanale del rapporto casi positivi/casi testati.  





Il report in allegato è a cura del Dott. Fabrizio Quarta, Direttore U.O.C. Epidemiologia e Statistica ASL Lecce.





Le principali novità si registrano a Carmiano che sale da 30 casi a 59 in una settimana; a Cavallino che da 33 passa a 55; a Copertino da 34 a 54; a Cursi da 4 a 20; a Lecce con salto da 215 a 248; a Martano da 32 a 54; a Nardò da 41 a 80 ed a Squinzano che da 28 arriva a 40.





Buone notizie per Taurisano scesa dai 204 di venerdì scorso ai 140 di oggi.




Restano alti i contagi a Galatina che arriva a 78 casi ed a Melendugno giunta a 75 dai 62 di 7 giorni fa.














Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus