Connect with us

Attualità

Sempre più giovani pronti a espatriare

Un sondaggio internazionale rivela che il 30% degli italiani prende in considerazione l’ipotesi di trasferirsi all’estero. La maggior parte sono giovani tra 14 e 34 anni

Pubblicato

il

Dati statistici provenienti da indagini straniere svelano un andazzo che è ormai da tempo percepito nel nostro Paese, ma non riportato dai mezzi ufficiali: la crisi che attraversa l’Italia ci riconduce a scenari già vissuti in storici periodi duri per l’economia che non ci saremmo aspettati di dover riaffrontare. Il sondaggio internazionale effettuato dallo Zurich Insurance Group (compagnia assicurativa elvetica) in dodici Paesi nel mondo sul fenomeno dell’emigrazione, fotografa ciò che sta accdendo tanto all’estero quanto in Italia. Dai dati globali, risulta che più di un terzo degli intervistati (38%) sta prendendo in considerazione l’ipotesi di cominciare una nuova vita trasferendosi all’estero o ha già deciso di emigrare, sebbene circa il 15% degli stessi esprima forti preoccupazioni a riguardo.


Fra coloro che invece non pensano di emigrare, il 17% ritiene di vivere già nel miglior Paese possibile (soprattutto cittadini di Paesi economicamente solidi come Svizzera, Germania, Austria e Australia) e il 17% dal totale degli intervistati si sente più sicuro in patria.


Le principali cause che spingono a prendere in considerazione l’emigrazione, sono le condizioni economiche e le opportunità occupazionali. Il 49% degli intervistati infatti considera la disoccupazione nel Paese d’origine e la ricerca di migliori condizioni lavorative, fattori chiave per prendere una decisione. Il timore della disoccupazione è particolarmente diffuso nel Sud dell’Europa, come dimostra il fatto che il 41% degli intervistati spagnoli e addirittura il 44% dei portoghesi, temono la disoccupazione. Per austriaci (38%) e tedeschi (29%) che considerano la possibilità di fare la valigie, invece, le motivazioni che spingono oltre confine non sono di carattere lavorativo ma più strettamente personali, come l’amore, i rapporti individuali e lo spirito d’avventura.

I dati riguardanti il nostro Paese invece, secondo Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, svela scenari inquietanti che ricordano quelli del periodo precedente alle grandi emigrazioni. In Italia, infatti, circa il 30% degli intervistati – la maggior parte dei quali giovani fra i 14 e 34 anni – sarebbe disposto a trasferirsi in un altro Paese per sfuggire alla disoccupazione e circa il 24% lo farebbe anche solo al fine di ricercare migliori condizioni occupazionali. Inoltre, ben il 20% del campione ha espresso preoccupazione per la situazione politica italiana, il 18% per la propria difficile situazione finanziaria e il 16% per la crisi della nostra economia. Tuttavia, la maggioranza dei nostri concittadini si dimostra ancora legata al Bel Paese: ben il 71% degli intervistati non prende in considerazione la possibilità di ricominciare una vita trasferendosi in un’altra nazione perché si sente più sicuro in patria o, magari, semplicemente perché prova troppa ansia per farlo davvero.


Attualità

Collemeto: iniziano i lavori per il postamat

Dal 6 al 31 luglio l’Ufficio Postale della frazione di Galatina resterà chiuso per consentire l’effettuazione dei lavori di installazione dell’ATM Postamat e di restyling interno

Pubblicato

il

Poste Italiane comunica che dal 6 al 31 luglio l’Ufficio Postale di Collemeto resterà chiuso per consentire l’effettuazione dei lavori di installazione dell’ATM Postamat e di restyling interno.

Per tutti i servizi postali e finanziari, compreso il ritiro delle raccomandate, è disponibile  la vicina sede di Galatina Centro, in Piazza F. Cesari, con il seguente orario: 8,20 – 19,05 dal lunedì al venerdì; 8,20 – 12,35 il sabato.

A Galatina è operativo anche l’ufficio di Via Corigliano 19, aperto dalle 8,20 alle 13,35 dal lunedì al venerdì; dalle 8,20 alle 12,35 il sabato.

Continua a Leggere

Attualità

Calimera: Fiusis conquista anche l’Oriente

Uno spot della Mistubishi indica l’azienda salentina come esempio mondiale di Sampo Yoshi (antichissima filosofia giapponese di  sviluppo sostenibile)

Pubblicato

il

Il colosso nipponico Mitsubishi realizza uno spot di un minuto, indicando la Fiusis di Calimera come esempio mondiale di Sampo Yoshi (antichissima filosofia giapponese di  sviluppo sostenibile).

Un altro meritato riconoscimento per l’azienda salentina guidata da Marcello Piccinni e dalla Commissione europea per dare un contributo fattivo alla realizzazione dell’agenda europea sull’ecosostenibilità per i prossimi 20 anni.

La Fiusis produce energia elettrica grazie alla combustione di cippato di legno vergine, raccolto nelle campagne del Salento come scarto della potatura degli alberi di ulivo.

Il loro impianto adotta la tecnologia più moderna presente attualmente in Europa e consta essenzialmente di una caldaia a griglia mobile, fornita da Uniconfort, in cui, tramite un nastro trasportatore, viene conferito il cippato (legno vergine di ulivo proveniente dagli scarti di potatura, raccolto e triturato).

Successivamente il calore viene veicolato attraverso un fluido che arriva ad azionare la turbina, fornita da Turboden, che produce energia elettrica.

La struttura e la composizione della caldaia non è idonea a bruciare alcun tipo di materia prima che non sia biomassa legnosa.

Fiusis produce energia da fonte rinnovabile, quindi il rispetto dell’ambiente costituisce  una priorità. Tutte le ceneri generate dall’impianto calimerese, in seguito alla combustione della biomassa legnosa, vengono raccolte e direttamente consegnate ad aziende specializzate nello smaltimento nel totale rispetto dell’ambiente.

Continua a Leggere

Attualità

Tutto pronto a Diso: parte il progetto per mappare il Covid

Pubblicato

il

Parte il progetto per mappare il Covid sottoscritto da 15 Comuni della provincia di Lecce e di cui vi avevamo parlato martedì.

Apre il Comune di Diso, con le candidature per effettuare il test sierologico.
Potranno presentare il consenso ad effettuare il test:
– Volontari di Protezione Civile
– Forze dell’Ordine
– Dipendenti pubblici che non hanno usufruito di smart working
– Medici di base
– Farmacisti
– Operatori sanitari
– Altri cittadini individuati dall’Amministrazione Comunale

Per domande sul test sierologico leggi le FAQ: http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioFaqNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=236

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus