Connect with us

Attualità

Turismo: “Salento in calo? I conti si fanno alla fine!”

Il Presidente del Coordinamento Locali Serali di Confcommercio Lecce commenta l’indagine del Sole24Ore: «Adesso pensiamo ad offrire il miglior servizio possibile ai nostri ospiti, tireremo le somme a fine stagione»

Pubblicato

il

Nel corso del Primo Consiglio Direttivo del Coordinamento Provinciale dei Locali Serali, il neo eletto gruppo, presieduto dal Presidente Danilo Stendardo, ha dapprima nominato vice presidente il consigliere Andrea Carlucci ed a seguire ha trattato varie tematiche poste all’ordine del giorno.

Ovviamente, ci si è soffermati ad analizzare il dato emerso da un’indagine del Sole 24Ore, curata da Jfc, sul calo del turismo in Salento.

Queste le dichiarazioni in merito a margine dell’incontro rilasciate dal presidente Danilo Stendardo e condivise dai colleghi consiglieri.

«Turismo in calo? Abbiamo appena iniziato la stagione e con tutta onestà, almeno nei centri storici, non stiamo riscontrando diminuzioni rispetto lo scorso anno, anzi i numeri sembrano incoraggianti. Invitiamo tutti i colleghi a tirare i conti a fine stagione, continuiamo ad offrire il nostro miglior servizio come sempre. Nella nostra terra i prezzi nei Pubblici Esercizi sono gli stessi sia l’estate che l’inverno, non si truffano i turisti consegnando loro menù differenti con notevoli ed irriguardosi sovraprezzi proprio nel segno dell’onestà, legalità ed ospitalità che ci contraddistingue. Sollecitiamo, pertanto, tutti gli imprenditori al rispetto delle regole per garantire una leale concorrenza, continuando a vigilare sulla presenza di eventuali abusi e distorsioni che ledono la categoria e segnalandoci come sempre i possibili illeciti immediatamente. Purtroppo, comprendiamo che il maltempo di Aprile e Maggio ha notevolmente danneggiato l’inizio delle attività dei colleghi nelle località marine ai quali va il nostro sostegno ed augurio di ripetere, e soprattutto aumentare, i risultati che con enormi sacrifici si sono ottenuti negli scorsi anni grazie al duro lavoro».

A conclusione del Consiglio Direttivo, il consigliere Marco De Matteis ha rassegnato le dimissioni: «A lui vanno i nostri più sentiti auguri per l’importante carica ottenuta nella nuova giunta comunale leccese, saprà certamente tutelare gli interessi della collettività come ha saputo fare da Presidente e Consigliere del nostro Coordinamento».

Attualità

L’esilarante video di don Flavio, parroco di Tricase, a Striscia la Notizia

Pubblicato

il

Dal paese alla ribalta nazionale.

Il simpatico video di don Flavio, parroco della chiesa matrice di Tricase, è finito tra i “pasticcini” di Striscia la Notizia.

Il programma di Antonio Ricci manda in onda ogni sera chicche prese dal web. Oggi, tra queste, rientra lo sketch di Don Flavio che, in corrispondenza della riapertura delle chiese ai fedeli sotto precise disposizioni anticovid, ha pubblicato sui social un video in cui impartisce istruzioni a mo’ di assistente di volo.

Continua a Leggere

Attualità

Covid: anche oggi provincia di Lecce indenne

Bollettino regionale: 11 nuovi casi positivi un Puglia, 9 nel barese e due in provincia di Taranto. Sale a 2.298 il numero dei guariti; quello degli attualmente positivi scende a 1.678

Pubblicato

il

Undici nuovi casi positivi un Puglia, proprio come ieri. E proprio come ieri nessun caso in provincia di Lecce.

A cambiare è soprattutto il tasso di positività salito fino all’1% perché è diminuito il numero dei test registrati (1.091) ma va sottolineato che 7 dei 9 casi si sono registrati in provincia di Bari, gli altri due in provincia di Taranto.

Quattro i decessi con covid: 3 nella Bat, uno in provincia di Foggia.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 104.670 test.

Sono 2.298 i pazienti guariti; 1.678 gli attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio della pandemia è di 4.467, di cui 511 nella Provincia di Lecce.

IL BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 25 MAGGIO

Continua a Leggere

Attualità

“Il turismo oggi: una sfida difficile, ma esaltante”

Lettera del Vescovo di Ugento – S. Maria di Leuca, Mons. Vito Angiuli agli operatori e alle operatrici del turismo

Pubblicato

il

Mons. Vito Angiuli ha scritto una lettera a tutti gli “operatori ed operatrici del turismo”: “Voi avete la grande responsabilità di guarire le persone dalla paura che ora le attanaglia

Di seguito la lettera del Vescovo di Ugento – Santa Maria di Leuca.

Carissimi operatori e operatrici nel mondo del turismo, in  questo  momento  delicato  di  ripresa,  seppur  con  tante  incertezze,  vorrei farvi  sentire  la  vicinanza  e  il  sostegno  della  nostra  Chiesa  di  Ugento  –  S.  Maria  di Leuca.  Homo  viator,  diceva  il  filosofo  francese  Gabriel  Marcel. 

Con  questa definizione, egli intendeva dire che è nella stessa natura dell’uomo essere viandante e viaggiatore.

“Viator”  è colui che si mette in cammino e  percorre la via, un sentiero ben tracciato  e individuabile nel territorio.  Ed  è  nel viaggio che  si  aprono orizzonti di senso  attraverso  l’incontro  con  l’altro  e  con  la  bellezza  che  ci  circonda,  con  la maestosa  luminosità  del  nostro  territorio,  dei  nostri  monumenti  e  delle  nostre Chiese barocche.

Mons. Vito Angiuli

In questo tempo, però, tutto ci sembra incredibilmente più difficile. Infatti, la fatica  di  pianificare,  gli  spostamenti  bloccati  e  il  distanziamento  sociale  rendono difficile non solo il viaggiare ma anche l’accogliere.

Vorrei,  però,  invitarvi  a  guardare  a  questo  tempo  come  a  un’occasione  di creatività e di alleanza per costruire buone pratiche di valorizzazione del bello e di fruizione del nostro territorio. Voi, operatori e operatrici nel turismo, oggi avete la grande  responsabilità   –  attraverso  le  esperienze  e  i  servizi  che  proponete  –   di guarire  le  persone  dalla  paura  che  le  attanaglia  e  dalla  diffidenza  nei  confronti dell’altro attraverso l’offerta di una bellezza che guarisce.

Voglio  assicurarvi  che  come  Chiesa  vi  siamo  vicini:  è  il  momento  in  cui  la creatività e lo spirito di sacrificio, che hanno sempre caratterizzato la nostra terra, ed i tesori  artistici  e  paesaggistici  che  custodiamo,  possono  spingerci  a  guardare  con fiducia ai prossimi mesi.

Sarà una stagione economicamente difficile, ma vogliamo sperare che sia umanamente arricchente.

Ritorneremo  a  viaggiare  ma  anche  ad  accogliere,  cominciando  dalla  nostra terra per poi raggiungere presto anche mete lontane. Ma ciò che aiuterà il mondo del turismo a rinascere sarà il rendere possibile l’esperienza di quella “Bellezza che salva il mondo e l’umanità” e che sapremo tradurre in racconti e in proposte.

Si  apre  davanti  a  tutti  noi  una  difficile,  ma  esaltante  sfida  da  non  perdere!

Soprattutto  se  sapremo  affrontarla  insieme  per  il  bene  della  nostra  terra  e  della nostra gente”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus