Connect with us

Cronaca

Covid in reparto a Tricase: “Situazione sotto controllo”

Sono 18 i pazienti positivi, più 2 nell’hospice Casa di Betania, ma il quadro non preoccupa

Pubblicato

il


Il Covid può sfuggire anche ai più rigidi controlli. Come quelli che vengono operati all’ingresso in ospedale prima di un ricovero.





Lo dimostra il caso del mini-focolaio registrato nel “Cardinale Panico” di Tricase in questi giorni e di cui vi abbiamo parlato giovedì.





Due reparti, quelli di Medicina e Oncologia, sono stati chiusi ai nuovi ricoveri proprio a causa di positività emerse su alcuni pazienti dopo il loro arrivo in ospedale.





Può capitare infatti che il virus si manifesti qualche giorno dopo il contagio. È senz’altro il caso di alcuni dei 18 pazienti risultati positivi ai tamponi effettuati durante la degenza. Alcuni di loro potrebbero aver “portato” inconsapevolmente il Covid in ospedale, andando a contagiare altre persone in reparto.




Nessuno del personale sanitario (peraltro vaccinato) è risultato invece positivo al virus.





Il direttore sanitario Errico, intanto, ha spiegato, sulle colonne de La Gazzetta del Mezzogiorno che la situazione è sotto controllo. I pazienti positivi sono stati isolati in un’area apposita, in attesa di trasferimento. Il nosocomio di Tricase non è infatti un presidio Covid. Mentre gli ospedali che sono adibiti alla cura dei pazienti affetti da coronavirus sono al momento pieni: in queste ore, dal “Panico” sono stati trasferirti 5 dei 18 interessati, smistati tra Lecce e San Cesario.





Altri 2 contagi si sarebbero registrati tra pazienti dell’hospice Casa di Betania.


Copertino

Tenta furto mentre è sotto sorveglianza speciale: nei guai 45enne

I carabinieri analizzano le immagini a circuito chiuso ed incastrano uomo pregiudicato

Pubblicato

il

Ai domiciliari un 45enne di Copertino già sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale.

D. C. è stato arrestato venerdì dai carabinieri del posto. I militari erano entrati in azione per un tentativo di furto. Con le telecamere di videosorveglianza del luogo preso di mira dai ladri, hanno potuto risalire all’identità del 45enne.

Raggiunto presso la sua abitazione, l’uomo è stato condotto in caserma. Qui, oltre a conteatargli la violazione degli obblighi già a suo carico, imposti dall’autorità giudiziaria, i carabinieri lo hanno denunciato alla stessa per il tentativo di furto.

È scattato così l’arresto, ai domiciliari, su disposizione della Procura.

Foto repertorio

Continua a Leggere

Cronaca

Truffa commessa in Sicilia 11 anni fa: arrestato 57enne ad Ugento

Pubblicato

il

Un vecchio reato commesso lontano dal Salento ha portato ieri all’arresto di un uomo di 57 anni ad Ugento.

I carabinieri della stazione del posgo, nel corso del pomeriggio, hanno raggiunto lavorazione di N. L.: a suo carico, un provvedimento emesso il giorno stesso dalla Procura Generale della Repubblica a Messina. Qui, si era appena concluso l’iter giudiziario riguardante una vicenda registrata nel dicembre 2010.

La Corte d’appello ha ritenuto colpevole l’uomo del reato di truffa. Commesso proprio 11 anni fa nel territorio di Patti, Comune del Messinese.

L’ufficio esecuzioni penali ha così inviato il provvedimento ai militari di Ugento che, tempestivamente, hanno provveduto all’arresto di N. L.

Dovrà scontare una pena residua di 6 mesi di reclusione presso il suo domicilio.

Continua a Leggere

Cronaca

Incidente sul lavoro: muore 42enne a Taviano

Pubblicato

il

Una caduta o un malore. Sarà l’autopsia, si spera, a far chiarezza sulle cause che hanno provocato la morte di un 42enne, trovato oggi senza vita a Taviano.

F. C., operaio di origini albanesi, è stato rinvenuto in fin di vita nei pressi di un laghetto all’interno di una struttura ricettiva di Mancavera (marina di Taviano).

Secondo la prima ricostruzione, la morte dell’uomo sarebbe stata un incidente. Probabile il 42enne stesse svolgendo dei lavori per conto del proprietario della struttura. Infatti quest’ultimo, come atto dovuto, è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura, che indaga per omicidio colposo.

La salma dell’operaio è stata condotta presso il Vito Fazzi di Lecce su disposizione dell’autorità giudiziaria. Nelle prossime ore si saprà di più circa l’accaduto.

Taviano intanto, in segno di lutto, ha sospeso i comizi elettorali che erano in programma in queste ore in vista delle amministrative di ottobre.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus