Connect with us

Cronaca

Galatone: vivai da casa per la cocaina

Pluripregiudicato arrestato in flagranza di reato per detenzione e spaccio. L’abitazione, in cui il 40enen di Galatone abitava con la compagna, era protetta da un circuito di video sorveglianza esterno e da una grata in ferro sulla porta di ingresso

Pubblicato

il

  Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui


Gli agenti del Commissariato di P.S. di Nardò, dopo numerose segnalazioni riguardanti una presunta attività di spaccio di sostanza stupefacente svolta all’interno di uno stabile situato a Galatone hanno appurato che l’abitazione era occupata da A.M., un 40enne pluripregiudicato con precedenti di polizia e condanne per i reati legati allo spaccio di stupefacenti, e la sua compagna.


I poliziotti hanno così predisposto un servizio di osservazione all’esterno dello stabile, dotato di circuito di video sorveglianza esterno e di una grata in ferro sulla porta di ingresso.


Gli agenti hanno deciso di fare irruzione di entrare nel momento in cui la compagna dell’uomo, una 27enne di nazionalità albanese, era intenta ad uscire; poco dopo, avvisato telefonicamente dalla donna, è giunto sul posto anche il compagno.


Informati entrambi del perché dell’operazione, i poliziotti hanno dato inizio alla perquisizione personale dei due, poi estesa all’abitazione.

In un vano al piano terra hanno rinvenuto, confezionata in diverse buste di cellophane cocaina per un totale di 612 grammi. In uno zainetto, oltre a parte della droga, anche due bilancini di precisione funzionanti, e materiale vario atto al confezionamento delle dosi di sostanza stupefacente.


In casa anche altre bustine in cellophane e una cassetta di sicurezza, conservate all’interno di un mobiletto nel soggiorno; in una borsa da donna 2.520 euro in contanti, probabile provento di spaccio.


Tutto il materiale rinvenuto è stato posto sotto sequestro insieme a due cellulari in uso alla coppia e al DVR del circuito di videosorveglianza.


L’uomo è tratto in arresto e come disposto dal P.M. di Turno presso la Procura della Repubblica del Tribunale Ordinario di Lecce, associato presso la Casa Circondariale di Lecce “Borgo San Nicola”.


Cronaca

Cumulo di rifiuti abbandonati a Tricase, la segnalazione: “E se…?”

Il messaggio al sindaco di una nostra lettrice: “Inasprire le regole sulla differenziata potrebbe avere effetto contrario”

Pubblicato

il

Riceviamo e pubblichiamo una segnalazione giunta in Redazione ed accompagnata da una considerazione.

Foto di cumuli di spazzatura da Tricase, in pieno centro abitato, in via Quintino Sella a pochi giorni dall’annunciato inasprimento di regole e controlli in merito alla differenziata ed all’utilizzo degli appositi sacchetti.

La domanda, indirizzata al sindaco dalla nostra lettrice, è: “E se tutto questo spingesse gli incivili ad un aumento dell’abbandono dei rifiuti?”

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase: donna ritrovata senza vita in casa

È accaduto nel quartiere di Sant’Eufemia. Tra le ipotesi degli inquirenti prende piede quella del suicidio

Pubblicato

il

Tragedia nel rione Sant’Eufemia a Tricase.

Attoniti gli abitanti del quartiere per quanto accaduto in via del Gonfalone.

Una donna di mezza età del posto è stata ritrovata in casa senza vita.

Non vi sono dichiarazioni ufficiali a riguardo ma a quanto trapela gli inquirenti propenderebbero all’ipotesi del suicidio.

La donna non era sposata e viveva sola in casa.

Continua a Leggere

Cronaca

Tentata truffa ad anziani: la segnalazione da Marittima

Pubblicato

il

Tentativo di truffa ai danni di anziani nell’abitato di Marittima (Diso), fortunatamente non andato a segno.

Lo segnala la locale Protezione Civile sui suoi canali social, dando notizia di quanto appreso dai carabinieri.

Ecco la comunicazione della Protezione Civile di Marittima: “La Stazione dei Carabinieri di Spongano segnala che giungono segnalazioni all’interno della giurisdizione di truffe agli anziani in queste ore.
E’ di pochi minuti un’ulteriore segnalazione di una tentata truffa nell’abitato di Marittima Si consiglia di prestare massima attenzione ed eventualmente contattare il 112”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus