Connect with us

Castrignano del Capo

Intercettata imbarcazione: migranti sbarcano a Leuca

Pubblicato

il


Un natante con un gruppo di migranti a bordo è stato intercettato oggi al lungo le coste salentine.





Nella prima mattinata è partita la prassi preparativa allo sbarco. La barca è stata raggiunta nei pressi di Lido Marini (Ugento) e scortata nel porto di Leuca dove sono in corso le operazioni di routine: sanitarie e di identificazione.




Il gruppo è composto da 52 persone che hanno riferito di essere originarie di Iran e Iraq. Sono stati tutti trasferiti presso il centro di prima accoglienza don Tonino Bello di Otranto.





Foto Valerio Schirinzi


Castrignano del Capo

Rifiuti in campagna, i soliti idioti

Tra Giuliano di Lecce e San Dana abbandonati sul ciglio della strada un vecchio materasso e due grossi copertoni

Pubblicato

il

Siamo tra Giuliano di Lecce (frazione di Castrignano del Capo) e San Dana (Gagliano del Capo) poco prima dell’incrocio con la via Nazionale che, in direzione nord conduce fino ad Alessano.

La campagna tutto intorno è meravigliosa, nonostante siamo in pieno inverno e gli ulivi, una volta motivo di vanto per tutto il territorio, fatichino a nascondere gli sfregi della Xylella.

Chissà chi ha approfittato della zona, pressoché isolata e lontana da occhi indiscreti, per abbandonare sul ciglio della strada, accanto ad un muretto a secco, un vecchio materasso e due grossi copertoni, probabilmente appartenuti ad un camion.

Uno scempio, uno dei tanti tra le nostre sterminate campagne, l’ennesima dimostrazione della stupidità umana: un pugno nello stomaco, al centro di un autentico paradiso verde.

L’auspicio, ora, è che qualcuno provveda a rimuovere quanto prima quell’obbrobrio nella speranza che prima o poi, questa cattiva abitudine (eufemismo) smetta di essere tale tra chi non ha rispetto per nulla.

Continua a Leggere

Alessano

Statale 275, arriva l’ora del secondo lotto

La prossima settimana la Conferenza dei Servizi a Bari: 6 Comuni si preparano a discutere del tratto tra Montesano e Castrignano del Capo

Pubblicato

il

Mentre l’iter per il primo lotto della nuova strada statale 275 continua la sua corsa contro il tempo, si avvicina l’ora del secondo.

Se infatti il tratto a nord (da Maglie a Tricase), quello ritenuto più urgente, punta l’estate per l’affidamento dei lavori, il restante lotto, quello a sud che andrà da Montesano a Castrignano del Capo, si approssima ad una data importante.

Il prossimo 20 gennaio a Bari infatti si terrà la Conferenza dei Servizi in merito ai lavori della 275 che interesseranno il percorso che attraversa i Comuni di Montesano, Andrano, Tricase, Alessano, Gagliano del Capo e Castrignano del Capo. Una lingua di asfalto meno vicina ai centri nevralgici della provincia e meno trafficata di quella primo lotto che, per questi motivi, nel tempo, è stata considerata non prioritaria rispetto al tratto tra Maglie e Tricase (secondo alcuni un suo rifacimento sarebbe addirittura superfluo).

Si tratta tuttavia di un’opera anche qui importantissima. Perché se è vero che la sua importanza strategica può (secondo alcuni) risultare inferiore a quella del primo lotto, è anche vero che in questo tratto la strada statale 275 si annoda in un pericoloso intreccio con i centri abitati dei Comuni interessati. Molti dei quali vedono il cuore dei loro paesi attraversato quotidianamente dal traffico della 275, con gli annessi e connessi che ne conseguono. Senza dimenticare altre rilevanti peculiarità della zona, come ad esempio quella di Leuca che con il suo porto rappresenta un importante snodo turistico tra Ionio e Adriatico.

I Comuni sopra citati prederanno parte alla Conferenza dei Servizi della prossima settimana, che possiamo considerare una prima immateriale pietra a posa dell’opera. In vista dell’appuntamento di Bari, sono previsti Consigli Comunali nei vari Municipi, al fine di raccogliere richieste e proposte da presentare in Conferenza. L’appuntamento sarà occasione, per ciascuno, per dar valore alle necessità del proprio centro abitato e per tutelarne interessi e ristori.

Continua a Leggere

Attualità

Il Natale di una volta, il racconto di…

Lo scrittore e poeta di Castrignano del Capo ricorda come erano le festività natalizie quando lui era bambino

Pubblicato

il

Quanto era bello per noi bambini, con quelle solenni ma genuine festività natalizie di una volta!
L’ansia iniziava già molti giorni prima di Natale. In ogni casa ci si organizzava, se pur in modo semplice e con piccole cose casarecce per lo svolgimento di tutte le feste Natalizie. Il profumo dei candidi gelsomini si spandeva in ogni luogo. Sembrava fiorissero apposta per Natale, nelle campagne del sud Salento e nei giardini crescevano in quantità e venivano raccolti in abbondanza, per ornare case e chiese.
Nella Parrocchia ecclesiale, l’Altare veniva addobbato di questi fiori già da quando iniziava la novena, con noi bambini felici di essere presenti a quelle funzioni serali.
Era bello intonare tutti insieme i canti dedicati a Gesù bambino, particolarmente Tu scendi dalle stelle: l’inno di Natale tradizionale che si cantava dappertutto, anche nelle scuole.
Il clima delle festività si permeava nell’aria e tra la gente, come l’attesa di una vita nuova piena di speranza e di amore tra le persone che si pacificavano per qualche screzio avuto precedentemente.
Dai camini fuoriusciva il fumo aromatizzato di frittelle, “pittule, purcidduzzi, cartellate” e altre delizie tipo lo stoccafisso (pesce secco), alimento tradizionale per il cenone di Natale. Veniva tagliato a pezzetti una settimana prima e messo a mollo per ammorbidirlo. Vettovaglie che allora erano esclusività solo per Natale e Capodanno.

LA MESSA DI MEZZANOTTE

E poi la celebrazione della messa solenne nella notte: a mezzanotte in punto si scopriva da un drappo di stoffa bianca il giaciglio dove era adagiata la statuetta di Gesù bambino.
Subito partiva il grande applauso, sia dai presenti in Chiesa che dalle case, dove anche gli abitanti aspettavano davanti al fuoco, che doveva essere abbondante, per riscaldare l’ambiente e la Madonna quando avrebbe partorito.
Rimanevamo tutti svegli, aspettando la mezzanotte, trascorrevamo il tempo raccontando storielle o festeggiando con giochi fatti in casa, finché contemporaneamente all’orario stabilito, si ripeteva anche lì, il rito dell’avvento.
Intanto, fuori nelle piazze del paese si era accumulato la enorme catasta di legname di ogni tipo, e già un’ora prima era stato acceso il grosso falò (la fòcara o fuoco di Natale) con tutta la gente intorno a festeggiare e cantare in allegria. Cominciavano ufficialmente così, le feste Natalizie: quindici giorni gioiosi con giochi e scambi di regali che consistevano soprattutto in delizie e provviste di cibo oppure in vestiario.
Bambini e ragazzi, per i regali, dovevano ancora aspettare fino al giorno della Befana.
Anche in questo caso si trattava per lo più di caramelle, cioccolatini e, a volte, di un po’ di… carbone.
Tuttalpiù nelle famiglie con più possibilità, nella calza vi erano bamboline per le femminucce e delle piccole pistole da cowboy per i ragazzini. Erano talmente graditi che diventavano un pregio gelosamente custodito, giocattoli che resistevano integri per anni come fossero preziosi, quasi sacri. Ricordo nelle scuole le poesie e le letture, che raccontavano tutta la storia della notte di Natale, quando Giuseppe, Maria e l’asinello giravano per Betlemme in cerca di un rifugio. E la poesia più declamata era La Notte Santa di Guido Gozzano (…).

LA LETTERIA DI NATALE

Altre poesie venivano insegnate agli scolari e imparate a memoria per poi recitarle in casa o nelle occasioni di festeggiamenti in comitiva. Più importante, per noi ragazzi, era la letterina di Natale o i pensierini dettati dalle suore ai più piccoli.
Mentre a noi che andavamo già a scuola, veniva dettata dagli insegnati, ma solo nei primi anni, successivamente, ognuno la doveva scrivere da solo.
La letterina aveva il pregio dell’intimità tra figli e genitori, in occasione della nascita di Gesù bambino.
Oltre ad augurare benessere e salute, ci apprestavamo a chiedere perdono di tutte le mancanze fatte ai danni di mamma e papà, con la promessa che saremmo stati più bravi e ubbidienti. Una promessa sincera… solo per quel giorno, ma dimenticata già quello dopo!
Respiro ancora l’ansia nell’attesa di leggere quella letterina che doveva rimanere segreta fino quando non si era tutti al pranzo di Natale, seduti intorno allo stesso tavolo. Ogni bambino aveva la sua, che veniva segretamente nascosta sotto il piatto.
Ci guardavamo negli occhi per stabilire chi doveva cominciare per primo.
Si aspettava il momento buono, quando tutti erano presi dalle bontà servite in tavola; scattava il via e subito il primo si alzava in piedi, prendeva la lettera da sotto il piatto e, come se fosse una sorpresa, cominciava a declamarla nel silenzio più assoluto. Finito di leggere, faceva il giro del tavolo partendo dai genitori, li baciava per primi e poi man mano faceva lo stesso con gli altri. Ognuno ripeteva lo stesso rito ricevendo un regalino, un soldino o delle lusinghe di bravura, elargite con affetto e con amore.
Come con la letterina di Natale, si scriveva anche quella per Capodanno, col solito rito e il solito intento di chiedere perdono per tutte le mancanze dell’anno vecchio e la promessa di essere più bravo e ubbidiente nel nuovo anno.

PIRIPORTO QUANTI NE PORTO?

Finito di mangiare, dopo aver sistemato tutto, ci si organizzava per giocare tutti insieme. Spesso si univano anche altri parenti o vicini di casa, più gente c’era, meglio si stava. Ricordo i primi giochi innocenti, quelli con i ceci arrostiti o con mandorle di pigne.
Consisteva nello stringerne un numero da uno a dieci, nel pugno della mano, e fare indovinare al concorrente di turno il numero esatto.
La Frase in gergo era “Piriporto quanti ne porto?”. Se si azzeccava il numero esatto, si prendeva quel contenuto, diversamente si doveva restituirne lo stesso numero. Oppure si giocava con tutte e due le mani chiuse a pugno, di cui una vuota mentre l’altra conteneva la posta in gioco. La frase, sempre in gergo, era “Piripì- piripà, in quale mano sta?”. Si giocava a turno, ognuno con le stesse opportunità. Le pigne erano l’articolo più diffuso per quasi tutti i giochi. Frutto che per tutto il mese di dicembre e oltre, era venduto in quantità sia ai mercati con cataste messe per terra, che nei negozi di frutta. Inizialmente il costo variava dalle 5 alle 10 lire, in base al numero e alla grossezza del frutto.

DALLE CARTE ALLA TOMBOLA

Anche le carte da gioco si prestavano all’uso. Spesso per noi ragazzini, erano quei mazzetti di carte economiche, a taglio piccolo. Si giocava in diversi modi.
A mazzetto era il più frequente, in modo che potessimo giocare tutti insieme. La posta in palio, erano le solite mandorle quando i giocatori erano misti, piccoli e grandi; mentre, con le carte grandi, normali giocavano gli adulti, con in palio i soldini, da 5 o 10 Lire.
La tombola giunse qualche anno dopo. Questo nuovo gioco fu molto gradito, prese subito piede nei raduni organizzati dalla Parrocchia o altre associazioni in diverse serate. Finché, pure nelle case private, la tombola si faceva preferire a tutti i giochi precedenti. Spesso per segna-numeri, si utilizzavano i fagioli o i chicchi di grano. In palio, inizialmente, erano le solite mandorle, finché i soldi diventarono più disponibili e seducenti.
Solo in seguito arrivarono le prime radio ed i giradischi e quelle poche case in cui risuonava la musica, si riempivano di grandi e piccini. Si ballava e si cantava, senza distinzione di età, tutti affascinati dalla misteriosa novità. Finiva così l’era dei giochi innocenti e genuini che ci riempivano il cuore di gioia e la mente di soddisfazione. Sostituiti dal fascino degli apparecchi tecnologici che aumentavano in modo veloce seguendo a ruota l’innovazione sempre più sofisticata, fino all’invasione della tecnologia.
Attualmente le feste natalizie, pur conservando la solennità, si riducono ad uno stimolo al consumo a scapito dell’antico raduno, senza distinzione di età. Le famiglie, oggi, subiscono separazioni generazionali che spezzano l’armonia.
Lasciando così entrare la solitudine nelle case e l’amarezza nell’animo. Molto peggio della miseria economica dei tempi passati che si superava con quella unità che riempiva il cuore di gioia vera, affetto, allegria e amore, che lasciavano tracce indelebili nell’animo di ognuno di noi.

Vittorio Buccarello

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus