Connect with us

Collepasso

Maltratta suo padre e gli estorce denaro: arrestato

Pubblicato

il


Una scia di maltrattamenti in famiglia ed estorsioni, cui han messo fine i carabinieri.





A Collepasso, i militari della locale stazione hanno arrestato, su provvedimento di applicazione di misura cautelare personale, emesso dal giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Lecce, un uomo riconosciuto colpevole dei suddetti reati ai danni di un suo genitore.




Gli uomini dell’Arma hanno accertato che le condotte denunciate da quest’ultimo erano state perpetrate sino allo scorso dicembre.





È così che è scattato l’arresto ed il trasferimento del responsabile presso la casa circondariale “Borgo san Nicola” di Lecce.


Collepasso

Rapina in tabaccheria a Lucugnano. A Collepasso invece…

Bottino da circa 700 euro. A Collepasso invece fermati due sospetti con coltello e scooter rubato: hanno ferito agente e sono fuggiti

Pubblicato

il

Venerdì sera da dimenticare quello di ieri per una tabaccheria di Lucugnano (Tricase).

Attorno alle 19, nell’attività di via Garibaldi, ha fatto irruzione un uomo. Col volto coperto ed incappucciato, si è fatto consegnare i contati presenti nel registratore di cassa.

Sono intervenuti sul posto i carabinieri della Compagnia di Tricase. Secondo quanto ricostruito, il rapinatore non era armato. Avrebbe strattonato e minacciato il titolare della tabaccheria facendosi cedere circa 700 euro in contanti. Non vi sono testimoni: l’uomo ha agito quando non vi erano clienti all’interno dell’attività.

Poi la fuga, con la quale ha fatto perdere le sue tracce. I militari potrebbero identificarlo grazie ad alcune videocamere di sorveglianza.

Un’altra rapina sarebbe invece stata sventata a Collepasso. La comandante della polizia locale ha fermato due giovani che si aggiravano in paese con fare sospetto a bordo di uno scooter. Ne è nata una colluttazione in cui la comandante ha riportato delle lievi ferite ed i ragazzi sono fuggiti, lasciando sul posto lo scooter. Il mezzo è risultato rubato e con esso è stato rinvenuto anche un coltello. Tutto lascia intendere che i due stessero preparando un tipico colpo del venerdì sera pre-chiusura.

Continua a Leggere

Aradeo

Salento: incidenti e vittime della strada, bilancio in crescita

L’elenco delle strade più pericolose del Salento…

Pubblicato

il

Incidenti e vittime sulle strade del Salento in crescita, ma il bilancio annuale potrebbe essere ancora più disastroso.

Stando ai numeri dell’Asset (servizio Cremss) delle forze dell’ordine, le province di Lecce e Brindisi sono quelle in cui, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, nel primo semestre si è registrato il maggior incremento di sinistri stradali .

Il 72% dei sinistri è avvenuto nei centri abitati, con il 21% per cento dei decessi e il 68 per cento dei feriti; il 28% dei sinistri, il 79% dei decessi e il 32 per cento dei feriti si sono registrati fuori città.

In 13 comuni si è consumato il 52,1%  di incidenti registrati su tutta la regione e Lecce e Brindisi ‘godono’ del primato in questa classifica.

Lecce è al terzo posto con 207 sinistri (lo stesso numero di Foggia), Brindisi al quinto con 161.

Per quanto riguarda la distribuzione degli scontri nei comuni pugliesi, nel corso dei primi sei mesi di quest’anno, in 43 comuni, dei 257 pugliesi, non sono stati rilevati sinistri stradali con morti e feriti, in 134 comuni i sinistri registrati vanno da uno a dieci.

I comuni dove si contano da undici a 30 sinistri sono 56, mentre in 11 comuni ne sono stati registrati da 31 a 60.

Quali sono le strade più pericolose?

Le provinciali, che in Puglia hanno registrato il 40% degli episodi mortali e il 38% dei decessi, seguite dalle strade statali: il 27% degli incidenti mortali e del 27% dei decessi.

A seguire le strade urbane, dove si sono concentrati il 23% degli incidenti mortali e il 21% di vittime.

La strada in provincia di Lecce che registrato il maggior numero di incidenti è la provinciale 362 (che collega il capoluogo a San Cesario di Lecce e a Galatina);  la 363 (che conduce da Galatone a Santa Cesarea passando da Seclì, Aradeo, Cutrofiano, Maglie, Poggiardo e Vitigliano) ed infine si registrano numeri più bassi per la provinciale 71 (Casarano – Ruffano), la 41 (Galatina – Noha – Collepasso con diramazione ad Aradeo) e la 18 (Galatina – Collemeto – Copertino) dove si conta anche un mortale.

Nella provincia di Lecce è stata la statale 275 tra Maglie e Santa Maria di Leuca a registrare 17 incidenti con due morti e 30 feriti (numeri che purtroppo sono destinati a crescere notevolmente per il secondo semestre), seguita dalla statale 101 (Lecce – Gallipoli) con 15 sinistri un morto e 23 feriti.

Continua a Leggere

Attualità

Il Garante dei Disabili per Collepasso

Dai Portatori Sani di Sorrisi. Una figura di riferimento sul territorio per le persone con disabilità, per la tutela dei loro diritti e degli interessi individuali o collettivi in materia di disabilità

Pubblicato

il

È Collepasso a fare il primo paese che accoglie il progetto di “Portatori sani di sorrisi ODV” per la nomina del Garante della Disabilità, una figura di riferimento sul territorio e punto di riferimento per le persone con disabilità, per la tutela dei loro diritti e degli interessi individuali o collettivi in materia di disabilità.  L’obiettivo è quello mettere su una rete che gestisca le criticità in ogni ambito sociale su tutto il territorio come conferma Pierangelo Muci, volontario e presidente dell’associazione.

«Accessibilità e inclusione», esordisce Muci, «due argomenti che dovrebbero essere superati se non vivessimo in una società legata a stereotipi che condizionano i rapporti umani. Il mio impegno in questa nomina è proprio riuscire a far vivere questa città a chi con una disabilità o con una vulnerabilità incontra muri intorno a sé tanto da rassegnarsi nella sua condizione. Promozione della vita indipendente, programmazione accurata e attenta per far vivere la città in maniera agevole con servizi ad oggi visti come favoritismi ma che in realtà sono diritti».

Su trasporti, accessibilità, turismo sociale: «Interazione e coinvolgimento nella vita della città saranno la base di tante iniziative. Collaborazione e programmazione attenta tra le strutture, le associazioni del settore e l’operato delle fantastiche persone che lavorano nell’ambito territoriale. Un lavoro di equipe costante e attento ai bisogni primari della comunità, sarò lì ad ascoltare e a farmi porta voce nelle sedi opportune».

Il garante, chiarisce Muci, sarà «una figura di riferimento sul territorio non solo per chi vive una disabilità ma soprattutto per sottolineare la volontà dell’amministrazione di Collepasso di essere presenza».

Per fare bene il suo lavoro Muci pensa all’organizzazione di una consulta: «Affiancherà il garante, un’equipe importante composta da cittadinanza attiva e realtà associative ed aperta a tutti coloro che vogliano confrontarsi e creare programmazioni efficaci e mirate.

Sarà in stretto contatto non solo con gli uffici comunali ma soprattutto con gli uffici preposti regionali, nazionali e europei. Infatti, compito della consulta sarà anche quello di portare sul territorio nuove aperture e fare un’attenta informazione sui diritti e sulle opportunità esistenti. Nella consulta si creerà un gruppo di volontari, formato e preparato, che possa essere da supporto alle famiglie, in questa azione verranno coinvolte le scuole e la cittadinanza attiva con dei progetti mirati, nessuno si dovrà più sentire solo».

Poi giù qualche idea a partire dal Taxi sociale sul territorio: «Un servizio per una mobilità sociale che possa essere prenotabile facilmente online tramite piattaforme dedicate. Il doversi spostare per esigenze sanitarie o per vivere la quotidianità troppo spesso è un blocco per chi ha una disabilità».

Si parla anche di Turismo sociale per «coniugare il sostegno e la promozione sociale con il marketing turistico con l’obbiettivo di far consegnare a Collepasso la “Bandiera Lilla”. Riconoscimento importantissimo che svilupperà sul territorio una programmazione turistica accessibile, la città sarà meta anche di tutte quelle persone, che con una disabilità, non sempre si possono godere le bellezze del territorio».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus