Connect with us

Cronaca

Nel porto di Tricase spuntano le Forze Speciali della Marina Militare

Pubblicato

il


Gommone nero e mute nere: non potevano passare inosservati.





Tra lo stupore delle centinaia di bagnanti che affollavano muraglioni, scalette e scivoli di Tricase Porto, lunedì sono spuntati i palombari della Comsubin.









Acronimo di Comando Raggruppamento Subacquei e Incursori, Comsubin è una delle Forze Speciali della Marina Militare italiana che si occupa di operazioni speciali, azioni dirette, guerriglia, guerra non convenzionale, ricognizione speciale, liberazione ostaggi e controterrorismo internazionale terrestre, navale e marittimo. Nonché di ricerca e soccorso subacqueo e di attività di protezione civile.





I palombari del Gruppo Operativo Subacquei (GOS) del Comando Subacquei ed Incursori della Marina Militare (Comsubin), distaccati presso il Nucleo SDAI (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi) di Taranto, di recente (dal 27 al 31 luglio) sono intervenuti sul litorale di San Vito, nel tarantino, per rimuovere e distruggere una bomba d’aereo da 500 libbre, due proiettili di medio calibro da 80 mm e 1 spoletta di prossimità, tutte risalenti alla seconda guerra mondiale.





Non è dato sapere a che operazione si stessero dedicando nella giornata di lunedì nel Canale d’Otranto, quando sono spuntati nel porto tricasino. E non è escluso potessero essere impegnati in esercitazioni (come il velivolo di cui segue video).




Lo scorso anno i Palombari della Marina Militare hanno recuperato e bonificato oltre 72 mila ordigni esplosivi di origine bellica rinvenuti e neutralizzati nei mari, fiumi e laghi italiani.
Con una storia di 170 anni alle spalle, i Palombari del Comsubin rappresentano l’eccellenza nazionale nell’ambito delle attività subacquee essendo in grado di condurre immersioni lavorative fino a 1.500 metri di profondità a mezzo ROV (veicoli filoguidati dalla superficie) oppure fino a 300 metri con intervento umano ed in qualsiasi scenario operativo, nell’ambito dei propri compiti d’istituto (soccorso agli equipaggi dei sommergibili in difficoltà e la neutralizzazione degli ordigni esplosivi rinvenuti in contesti marittimi) ed a favore della collettività.





Sorpresa anche nei cieli





Non bastasse, un altro mezzo di trasporto (con tutta probabilità, in questo caso, di merci) appartenente alle forze militari è apparso nella zona di Tricase Porto. Un aereo che ha sorvolato la costa a bassa quota tra la meraviglia di coloro che erano presenti.





Anche per il velivolo non sono state rese informazioni circa l’attività in corso. Ma a giudicare dalle traiettorie di volo, si direbbe anche in questo caso si sia trattato di una esercitazione.






Cronaca

Duplice omicidio a Lecce: morto l’arbitro De Santis

Pubblicato

il


Tragedia a Lecce in serata dove una coppia è morta a margine di una lite.





Un violento scontro si è verificato in un condominio di via Montello, strada che incrocia viale Gallipoli. Una lite è degenerata e due persone, un uomo e una donna, sono morte. L’uomo sarebbe l’arbitro di calcio  Daniele De Santis, 33 anni, direttore di gara spesso impegnato in Serie C. La donna è Eleonora Manta.








Sul posto, le pattuglie della polizia. All’arrivo del 118, i due erano già morti: i sanitari hanno potuto solo constatarne il decesso. Il delitto potrebbe avere una movente passionale. Le due vittime sono state raggiunte da numerose coltellate. Il condominio in cui è avvenuto il fatto è quello in cui abitava l’uomo, nel quartiere Rudiae, nei pressi della stazione ferroviaria.





Un uomo sarebbe stato visto allontanarsi da via Montello.
Indagini serrate delle forze dell’ordine in corso.


Continua a Leggere

Cronaca

Imma, dalla gioia al dolore: tornava a casa per votare il fratello

Pubblicato

il


Gagliano del Capo vive oggi una giornata di lutto. La notte trascorsa ha qualcosa di surreale. Dalle 20 circa di ieri sera una giovane gaglianese non c’è più: Maria Immacolata Bisanti, da tutti conosciuta come Imma Bisanti, ha perso la vita.





Aveva solo 38 anni. Era maestra di scuola elementare in Emilia Romagna. In questi giorni si stava misurando con la nuova sfida dell’insegnamento al tempo del Covid. Poi la gioia del rientro a casa, spezzata improvvisamente per cause ancora non chiare.





Imma era tornata in Salento da pochi giorni. Su Facebook il racconto delle emozioni che accompagnavano il suo viaggio verso sud, verso casa e verso le urne. Tornava per votare e per sostenere il fratello, candidato consigliere alle comunali.





Tornare a casa è sempre meraviglioso”, scriveva su Facebook Imma. “Ritrovarsi tra quelle mura di affetto, di protezione e di calore. Ma so anche che per me la vera casa non è la casa, ma la strada di chi si mette in cammino, ascolta, osserva e si lascia cambiare… Perché la vita stessa non è altro che un viaggio da fare a piedi”.




Solare, sorridente, piena di vita. Così la conoscevano e la ricordano tutti in paese. In tanti stanotte si sono riversati in strada per cercare di capire cosa stesse accadendo nella casa dei suoi genitori. Imma non rispondeva, non apriva la porta. L’arrivo dei vigili del fuoco, del 118. Della polizia locale e dei carabinieri. Il fiato sospeso rotto dal dolore della scoperta: Imma era in bagno senza vita.





La prima impressione restituita dal ritrovamento è stata quella di un incidente. Il classico post-doccia: stava asciugando i capelli, è rimasta folgorata.





Ma il nesso tra la morte e la causa scatenante è tutt’altro che acclarato. Potrebbe essersi trattato di un malore, di un infarto. Il suo corpo è stato portato via e sarà sottoposto ad esame autoptico alla ricerca di ulteriori risposte. Il paese intero aspetta il suo funerale per dirle addio.


Continua a Leggere

Cronaca

Incidente in tangenziale: furgone contro guardrail e poi a centrostrada

Pubblicato

il


Un incidente nel pomeriggio di oggi ha visto protagonista un furgone sulla tangenziale ovest di Lecce.





Mentre la dinamica è in fase di ricostruzione, il mezzo è rimasto di traverso lungo la carreggiata, tra le uscite 1 e 2 in direzione Maglie.





Il furgone è finito contro il guardrail, quasi abbattendo, per poi terminare la sua corsa a centro strada.




Il sinistro si è verificato attorno alle 16e30. Sul posto la polizia locale di Lecce. Non vi sarebbero feriti gravi.





Foto Telegram polizia locale Lecce


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus