Connect with us

Cronaca

Parroco positivo. L’annuncio con un video messaggio

Don Ippazio, annuncia urbi et orbi, che la parrocchia, causa Covid, rimarrà chiusa e che, i fedeli…

Pubblicato

il


Attacca con un “Edizione Straordinaria del Tg1”, ma di straordinario non ha nulla.

L’ennesimo contagiato in Salento, nello specifico a Taurisano, nella parrocchia di San Biagio, dove don Ippazio, annuncia urbi et orbi, che la parrocchia, causa Covid, rimarrà chiusa e che, i fedeli, se lo vorranno dovranno recarsi presso altre parrocchie per seguire la funzione religiosa.


Un don Ippazio, giovane, sereno e responsabile che sceglie un mezzo al passo con i tempi, i social, che attacca con un : “Yuh uh, me liti tirata…”, per comunicare una notizia che in altri tempi passerebbe sottotono, ma che in tempi difficili e grevi, come quelli che stiamo vivendo, fotografa lo straordinario quotidiano, nella speranza che presto resti solo un ricordo.


Attualità

Sette decessi ed altri 98 positivi nel leccese

1.668 casi in Puglia su 9.693 test registrati per un tasso di positività del 17,20%

Pubblicato

il

Mentre si attende di conoscere di che colore sarà la Puglia in vista delle festività di fine anno e cresce la curiosità per il nuovo DPCM in arrivo il bollettino regionale covid ci racconta di nuovi 1.668 casi in Puglia su 9.693 test registrati per un tasso di positività del 17,20%.


I nuovi positivi nel leccese sono, invece, 98.


Registrati purtroppo anche altri 29 decessi, di cui 7 solo in provincia di Lecce.


Il riepilogo dei numeri dall’inizio della pandemia:


effettuati 804.028 test.


15.341 sono i pazienti guariti;


40.760 sono i casi attualmente positivi.


Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 57.647, di cui 4.295 nella Provincia di Lecce.

BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 2 DICEMBRE






 


Continua a Leggere

Cronaca

Contromano sulla statale con l’Apecar: sfiorata tragedia

Pubblicato

il


Il coraggioso e tempestivo intervento degli Agenti della Polizia di Stato in servizio di volante presso il Commissariato di Otranto ha scongiurato, ieri 1° dicembre, quello che avrebbe potuto in breve trasformarsi in un vero e proprio disastro stradale.





Ecco i fatti così come riportati dalla stessa polizia:





Sono le 10,15 del mattino quando inizia, nella Sala Operativa del Commissariato di Otranto, una serie ininterrotta di chiamate sul servizio di pubblico soccorso per segnalare una motoape che percorre contromano la S.S.16 in direzione Lecce, proveniente da Maglie.
La segnalazione viene immediatamente diramata a tutte le pattuglie presenti sul territorio e la prima a giungere sul posto è proprio la Volante Otranto che “letteralmente” sorpassa a destra la motoape poiché l’autovettura della Polizia si trova sulla carreggiata che da Maglie conduce a Lecce e nella stessa direzione, verso Lecce, sta viaggiando anche la motoape, benchè nella carreggiata sbagliata.
Le separa il guardrail: la Volante non può restare a lungo in corsia di sorpasso alla velocità di una motoape nel tentativo di far comprendere al guidatore l’errore commesso né può lasciare che sia l’anziano conducente a valutare da solo cosa fare; pertanto il Capopattuglia della volante, facendo ricorso a tutta la sua determinazione ed inveterata esperienza decide di portarsi qualche centinaio di metri più avanti della motoape, scende dall’autovettura di servizio, attraversa la Maglie-Lecce, scavalca il guardrail per porti dinanzi al mezzo condotto dall’anziano guidatore, facendolo fermare.
L’operazione condotta dal poliziotto doveva evitare che, altri automobilisti che percorrevano regolarmente la Lecce-Maglie in direzione Sud, potessero fare brusche manovre e slalom improvvisi per evitare di collidere con il mezzo che ne occupava l’intera corsia di sorpasso.
Nello stesso tempo l’autista della Volante dopo aver raggiunto lo svincolo successivo, quello di Martano, effettuava inversione di marcia e attivando tutti i segnalatori acustici e visivi atti a segnalare la situazione di pericolo, compresa la barra segnalatrice su “ RALLENTARE “ iniziava a procedere a velocità estremamente ridotta, determinando una notevole riduzione della velocità del traffico veicolare e consentendo, così, al Capo Pattuglia di avere a disposizione un tratto di strada sufficientemente libero per fare effettuare alla motoape una rapida inversione riacquistando, così, il corretto senso di marcia.
Usciti, infine, al primo svincolo utile si aveva modo di appurare che il conducente B.L. cl.1940, di Castrignano dei Greci, conduceva il mezzo con patente di guida revocata dalla Motorizzazione Civile di Lecce, più di 20 anni addietro (nel Giugno del 2000) per mancanza di idoneità psicofisica.
Gli agenti procedevano alle contestazioni amministrative del caso, incluso il fermo del mezzo, non revisionato per più volte mentre l’anziano faceva rientro a casa con il figlio, fatto intervenire sul posto.


Continua a Leggere

Castrignano del Capo

Manovra sbagliata nel porto: affonda barca a Leuca

Pubblicato

il


Una manovra sbagliata è praticamente costata una imbarcazione oggi in quel di Leuca.





Nel porto della marina del Comune di Castrignano del Capo, nel pomeriggio, una barca è andata a fondo dopo aver urtato il molo.


Si tratta di un piccolo peschereccio che, dopo l’urto, è inesorabilmente colato a picco.


L’acqua imbarcata dalla stiva, sfondatasi nell’impatto, ha fatto sì che la barca non potesse più restare a galla.


Con già molta acqua imbarcata ha provato ad attraccare ma il risultato è stato quello che potete vedere nel video in basso.








Nessun ferito tra gli occupanti che son riusciti agevolmente a mettersi in salvo.


Singolare poi lo scenario, col natante sparito lentamente nello specchio d’acqua diventato nero al calar della notte.






Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus