Connect with us

Cronaca

Per le vie del paese pistola alla mano: arrestato a Specchia

Pubblicato

il


Arresto a Specchia. I militari della locale stazione dei Carabinieri, nel corso di una mirata attivita’ di prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, hanno colto in flagranza di reato P. A., 28enne, a causa di un suo atteggiamento sospetto.





Il giovane aveva cercato di nascondere, con il suo corpo, una carabina calibro 22, priva di munizioni. Notati i militari, il 28enne (che sarebbe originario di Depressa) si era dato a precipitosa fuga per le vie adiacenti, liberandosi dell’arma che è stata prontamente recuperata dagli operanti.




Una volta raggiunto, nella zona prossima alla via per Alessano, P.A. ha opposto viva resistenza nel tentativo di sfuggire all’arresto. Vanamente.





Sono ora in corso accertamenti per stabilire la provenienza dell’arma. Dopo la caserma, il 28enne è stato associato presso la casa circondariale di Lecce.


Cronaca

Altri migranti abbandonati dagli scafisti: sbarcano in 28

Pubblicato

il


Terminate da poco a Gallipoli le operazioni di sbarco e accoglienza coadiuvate dalla Croce Rossa di Lecce per 28 migranti di cui 11 di nazionalità iraniana e 17 irachena.





Nel gruppo, partito sei giorni fa dalla Turchia, erano presenti un nucleo familiare composto da 4 persone, oltre a 3 donne di cui una minore accompagnata e 2 minori maschi accompagnati. Abbandonati a se stessi dagli scafisti, i migranti sono approdati sulla costa salentina intorno alle 18.
Visitati dal medico USMAF e soccorsi dagli operatori CRI muniti di ogni dispositivo di protezione individuale per contenere il SARSCoV2, i migranti sono in buone condizioni fisiche e non hanno febbre. Solo due uomini adulti sono stati ricoverati per ipotermia ed ulteriori accertamenti.





Continua a Leggere

Casarano

Casarano: classe di scuola media a casa per Covid

Pubblicato

il


Covid anche nel 3o polo “Galilei” di Casarano.





La dirigente dell’istituto comprensivo, Augusta Primiceri, in una nota, indica i provvedimenti presi a seguito di un contagio in una classe terza della scuola secondaria di primo grado:




“Si informano le SS. LL. che il Direttore
SISP Area Nord della ASL di Lecce Dott. Alberto Fedele ha disposto l’isolamento fiduciario domiciliare e la sorveglianza sanitaria degli alunni e dei docenti della sola classe III B della Scuola Secondaria di I grado del Plesso di Viale Stazione, a far data da lunedì 26 ottobre 2020, a
causa di un caso confermato COVID-19 nella suddetta classe.
Ha disposto, altresì, la chiusura della classe e la sanificazione della stessa e degli ambienti comuni, secondo le indicazioni previste dal Rapporto ISS COVID 19, 58/2020.
A tal riguardo si comunica alle SS.LL. che, già in data odierna, è stata effettuata, a cura di una ditta specializzata incaricata dal Sindaco, la sanificazione di tutti i locali del Plesso di Viale Stazione.
Pertanto, sono garantite regolarmente le attività didattiche per le classi I B, II B, I C, II C, III C.
L’attività didattica della classe III B potrà riprendere solo dopo comunicazione del SISP Area Nord della ASL di Lecce”.


Continua a Leggere

Cronaca

Il sindaco di Patù conforta la cittadinanza: “Caso Covid da subito in isolamento”

Pubblicato

il


Il sindaco di Patú, Gabriele Abaterusso, aggiorna la cittadinanza sul caso Covid registrato nel suo territorio in queste ore e di cui nel pomeriggio vi abbiamo dato notizia. Lo fa con le seguenti parole su Facebook: “Mi è giunta in queste ore, direttamente dalla persona interessata, la notizia di un caso di positività a Patù. Si tratta del primo dall’inizio dell’emergenza”.





“L’interessato, residente da anni stabilmente fuori regione, appena arrivato a Patù la scorsa settimana ha accusato i sintomi tipici del virus, e si è quindi da subito messo in auto isolamento, comunicando la circostanza al servizio sanitario”.





“Effettuato il tampone, ieri ha avuto la conferma della positività. Nel frattempo, la Asl aveva già attivato la procedura per rintracciare persone eventualmente entrate in contatto con lui”.




“L’ho sentito telefonicamente, manifesta ancora lievi sintomi riconducibili al virus, ma le sue condizioni non sono preoccupanti. Facciamo pertanto i migliori auguri di pronta guarigione”.





“Mi sento quindi di tranquillizzare tutti i concittadini di Patù in merito alla vicenda, esortandoli al tempo stesso ad attenersi scrupolosamente alle disposizioni per affrontare l’emergenza”.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus