Connect with us

Cronaca

Perseguitava l’ex moglie, denunciato e fermato

Arrestato dalla polizia di Stato 31enne per atti persecutori nei confronti della ex-moglie. In auto, nel vano porta oggetti del cruscotto aveva un coltello a serramanico

Pubblicato

il

Gli agenti della Questura di Lecce hanno arrestato un trentunenne originario della provincia di Brindisi e residente a Lecce per atti persecutori nei confronti della ex-moglie.


L’uomo è stato anche denunciato per porto abusivo di coltello e violenza privata.


Dopo la segnalazione di una donna che riferiva di una violenta lite da poco avvenuta nel parcheggio vicino casa con il suo ex-marito, gli agenti si sono recati immediatamente sul posto ed hanno incontrato l’uomo che si dirigeva verso la propria auto e, al controllo degli agenti, ha reagito in modo scontroso è insofferente, raccontando di aver riaccompagnato i suoi due figli dalla ex moglie.


Dagli accertamenti è emerso che l’uomo annoverava precedenti per atti persecutori, maltrattamenti in famiglia e minacce nei confronti della ex-moglie.


La donna intanto ha riferito agli agenti che, poco prima, tornando a casa in auto con i suoi due figli, rispettivamente di 6 e 8 anni, si era imbattuta nell’uomo che le aveva sbarrato la strada con la propria macchina.


Conoscendone il temperamento ed essendone spaventata, aveva chiamato al cellulare l’attuale compagno, ma il suo ex gliel’aveva strappato dalle mani iniziando ad insultare l’uomo all’altro capo del telefono.


Nel tentativo di riappropriarsi del proprio cellulare, la donna è stata strattonata dal braccio e infine l’uomo le ha scagliato il telefono con forza colpendola al petto.

Le vittime è riuscita a scappare con i propri figli mettendosi al sicuro dentro casa e chiedendo subito l’intervento della Polizia di Stato.


L’uomo, dopo essere stato sottoposto a perquisizione sia personale che dell’auto, dove, nel vano porta oggetti del cruscotto lato passeggero, è stato rinvenuto un coltello a serramanico.


È stato così accompagnato negli uffici della Questura per il prosieguo degli accertamenti di rito.


Dell’accaduto è stato informato il P.M. di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce, che ne ha disposto l’arresto da trascorrere ai domiciliari.


L’uomo è stato inoltre denunciato per porto abusivo di coltello e violenza privata.


La donna ha sporto denuncia – querela in Questura nei confronti dell’ex marito e poi a causa di forti dolori al petto causati dal cellulare lanciatole dall’uomo, veniva accompagnata dal118 in ospedale per gli accertamenti sanitari del caso.


Cronaca

Taurisano, operaio morto al lavoro: condannato Scarlino

Condannato a sette anni per omicidio colposo l’amministratore unico del Salumificio taurisanese Attilio Scarlino.
Quattro anni al fratello Antonio. L’azienda ha già annunciato l’appello

Pubblicato

il

Omicidio colposo con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro: condannato a sette anni l’amministratore unico del Salumificio Scarlino di Taurisano, Attilio Scarlino, 61 anni. Quattro anni al fratello Antonio di 52 anni.

La vicenda all’esame dei giudici era quella dell’agosto 2013, quando Mario Orlando, operaio 51enne di Taurisano rimase stritolato in un’impastatrice nel salumificio taurisanese.

Assoluzioni e prescrizioni per gli altri imputati.

Deciso anche il risarcimento delle parti civili, cioè la moglie, i due figli e i sei fratelli di Orlando, in separata sede. Per moglie e due figli, inoltre, una provvisionale di 50mila euro ciascuno.

Infine, Attilio Scarlino è stato interdetto in perpetuo dai pubblici uffici, mentre Antonio per cinque anni.

Il comunicato dell’azienda

“La rimozione delle cautele antinfortunistiche, infatti, non avrebbe avuto alcuna incidenza causale sulla produzione dell’evento”, si legge in una nota diffusa dall’azienda.

Già annunciato il ricorso in appello.

Continua a Leggere

Botrugno

Ennesimo incidente sulla SS 275 Maglie – Leuca

Auto in coda e traffico rallentato all’altezza dello distributore di carburante, all’inizio della due corsie

Pubblicato

il

Ennesimo incidente sull’asfalto della statale 275 Maglie-Leuca

Questa volta il sinistro se verificato sul tratto tra Maglie e Montesano Salentino, nei pressi del distributore di benzina, praticamente all’inizio della “due corsie”.

Almeno due le auto coinvolte.

Non risulterebbero feriti gravi, intanto si registrano auto in coda e traffico rallentato.

Continua a Leggere

Cronaca

Scontro tra auto e bici, anziano morto sul colpo

A causa delle ferite riportate dopo la caduta sull’asfalto. La vittima Santo Biagio Schiattino, di 79 anni di Specchia Gallone

Pubblicato

il

Incidente mortale lungo la strada provinciale che collega Poggiardo a Minervino di Lecce, nei pressi della frazione di Minervino, Specchia Gallone.

Ad avere la peggio Santo Biagio Schiattino, 79 anni, di Specchia Gallone, che era in sella alla sua bici, quando, in circostanze ancora in fase di ricostruzione, è entrato in collisione con una Ford Focus, alla cui guida vi era un uomo di 40 anni di  Cutrofiano.

la rovinosa caduta sull’asfalto non ha lasciato scampo all’anziano morto sul colpo.

Sul posto sono arrivati quasi subito i sanitari del 118 ma per l’uomo non vi era più nulla da fare.

Sul posto oltre a i vigili urbani sono intervenuti i carabinieri della stazione di Minervino di Lecce per i rilievi di rito.

Come sempre accade in queste circostanze richiesti anche i test alcolemici e tossicologici per il conducente dell’auto.

 

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus