Connect with us

Cronaca

Prostituzione: bulgaro in arresto per favoreggiamento

Fermato lungo le complanari della SS101 un 24enne straniero

Pubblicato

il

I militari dell’Aliquota Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Gallipoli hanno, nella serata di ieri, tratto in arresto, nella flagranza di reato, Ivan Natsolov, 24 anni, cittadino bulgaro senza fissa dimora sul territorio nazionale.


unnamed (1)I carabinieri, durante alcuni servizi, hanno notato una Fiat Punto color oro targata bulgara circolare spesso lungo le strade complanari della SS 101, nei pressi dei luoghi abitualmente frequentati da prostitute di nazionalità bulgara. Pensando che quella presenza non fosse legata a prestazioni sessuali richieste alle giovani, ma temendo che il giovane potesse favorire la prostituzione, i militari hanno avviato, nelle scorse settimane, dei servizi di osservazione. In più circostanze hanno notato la Punto color oro, condotta dal 24enne, accompagnare sul luogo di meretricio, nelle prime ore del mattino, alcune prostitute e, in alcuni casi, anche andarle a riprendere il pomeriggio.


Nella giornata di ieri, poiché ormai vi erano più episodi nei quali il Natsolov era stato notato favorire la prostituzione, all’ennesimo episodio è stato fermato e condotto in caserma assieme a due prostitute appena prese dalla strada.

Qui è stato chiarito come il cittadino bulgaro ricevesse dalle prostitute una somma ogni tanto per quei passaggi dati. Tra l’altro, sul suo cellulare sono state trovate chiamate al telefono di una delle prostitute fermate con lui, fatte immediatamente prima del fermo, esattamente proprio come se fossero state contattate per farsi venire a prendere.


Sulla base di questi elementi Natsolov è stato tratto in arresto per favoreggiamento aggravato della prostituzione. L’autovettura e diversi abiti delle ragazze trovati a bordo sono stati posti sotto sequestro.


Cronaca

Umidità record nel sud Salento

Pubblicato

il

Sale l’umidità in Salento. Sempre più prossima al 100%.

Dopo un pomeriggio in cui l’aria si è appesantita in tutta la provincia, alle 23 l’umidità nel basso Salento tocca picchi del 95%, da record per la stagione.

Netta la differenza già con il nord salentino: nel Brindisino si assesta sul 65%, mentre nella zona di Lecce è al 75.

Secondo Michele Sanclare, del gruppo Meteo di Protezione Civile Salento, ora sono le zone costiere quelle più umide. Ma nella notte è previsto un aumento anche nelle zone dell’entroterra.

Continua a Leggere

Cronaca

Inseguimento per le vie di Taviano: 4 ragazzi bloccati dai carabinieri

Pubblicato

il

Tiene banco a Taviano un fatto accaduto nella serata di ieri, che in molti hanno vissuto in prima persona o di cui sono testimoni.

Quattro ragazzi a bordo di un’auto sono stati inseguiti per le vie del paese dai carabinieri della Radiomobile.

Nonostante i lampeggianti accesi dell’auto del 112 ed i ripetuti inviti a fermarsi, il conducente dell’utilitaria non ha arrestato la sua corsa.

Anzi, per non farsi raggiungere dai militari, ha fatto di tutto per darsi alla fuga. È così che in molti hanno incrociato la vettura che pericolosamente sfrecciava per le vie del centro abitato, mettendo a repentaglio l’incolumità di quanti a bordo e di coloro che ha incrociato lungo il percorso, tra pedoni e non.

I carabinieri hanno raggiunto la macchina all’altezza di un incrocio in pieno centro, in via Gallipoli. L’hanno fermata dopo uno speronamento che ha danneggiato la vettura dell’Arma. I giovani in auto sarebbero tutti e quattro minorenni.

Nel video che segue (pubblicato su Facebook da Tonio Nobile) le immagini girate proprio dopo che i militari hanno fermato la corsa dei ragazzi. Attimi di tensione in cui è volata anche qualche parola grossa. Successivamente i ragazzi sono stati identificati e condotti in caserma per i dovuti provvedimenti.

Continua a Leggere

Cronaca

Cielo nero all’improvviso: tromba d’aria nel Canale d’Otranto

Pubblicato

il

Cielo nero all’improvviso ed un forte vento che si alza ed inizia a soffiare verso la costa.

Il Canale d’Otranto è stato investito da una forte raffica e da un temporale nel primo pomeriggio di oggi.

Da Roca (Melendugno) le nuvole nere ed il vortice d’aria sono stati visibili a poche centinaia di metri da riva.

Ma gli effetti della raffica di vento si sono sentiti anche più a nord, lungo il litorale leccese, mettendo in fuga dozzine di bagnanti.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus