Connect with us

Cronaca

Rapina in salumeria: altri due arresti

Presi gli altri due componenti della banda che ha fatto il colpo a Lequile: dopo Giuseppe Caputo fermati anche Simone Luperto e Andrea Mancarella

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Lecce unitamente a quelli della Stazione di San Pietro in Lama hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Simone Luperto, 42 anni e Andrea Mancarella, 37, ritenuti entrambi responsabili di rapina aggravata, porto illegale di arma alterata, ricettazione e danneggiamento seguito da incendio.


Il provvedimento, emesso dal G.I.P. Sergio Mario Tosi, su richiesta del Pubblico Ministero Simona Rizzo, è scaturito da un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Lecce ed avviata nell’aprile dell’anno scorso dai carabinieri dalla Compagnia di Lecce.


Gli arresti sono scattati a conclusione dell’indagine relativa alla rapina commessa presso una salumeria di Lequile la sera del 29 aprile scorso, quando il complice dei due arrestati, Giuseppe Caputo, 33 anni, con volto travisato e armato di fucile a canne mozze aveva costretto il titolare a consegnare la somma di 1.500 euro, contenuta nel registratore di cassa, scappando poi a bordo di un auto, risultata poi oggetto di furto, rinvenuta nella tarda serata di quella sera completamente distrutta dalle fiamme sulla via Copertino di Lecce (foto a sinistra).


L’attività investigativa, lo scorso 20 giugno, aveva inizialmente consentito di identificare e trarre in arresto Caputo, quale esecutore materiale della rapina.

Gli ulteriori approfondimenti investigativi, condotti degli inquirenti nei mesi successivi all’arresto di Caputo, basati su attività di intercettazione, analisi di tabulati e delle chat estratte dal cellulare dell’uomo arrestato, hanno consentito di identificare gli altri due complici.


Entrambi si trovano ora agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni di Lequile a disposizione dell’autorità giudiziaria.


Casarano

Giornata di fuoco: bruciano ettari di campagne a Casarano

Pubblicato

il

Giornata intensa di lavoro per i Vigili del Fuoco e per i volontari della Protezione Civile di Casarano.

Diversi gli incendi che hanno interessato terreni intorno all’abitato di Casarano; in particolare uno in contrada Petrose esteso per circa 3 ettari. Qui, sono stati impegnati anche i volontari Aib della Protezione Civile di Parabita.

Di seguito le foto della Protezione Civile di Casarano.

Continua a Leggere

Cronaca

Una dozzina di contagi nel Leccese: il bollettino racconta un Covid a rilento

Scendono i positivi: i nuovi totali, oggi, in Puglia sono appena 61

Pubblicato

il

I contagi Covid nel bollettino di oggi della Regione Puglia sono in tutto 61 suddivisi così: 11 in provincia di Bari, 13 in provincia di Brindisi, cinque nella Bat, 4 in provincia di Foggia, 12 in provincia di Lecce, 17 in quella di Taranto. Un caso di provincia di residenza non nota è stato riclassificato e attribuito.

Sono tre i decessi registrati nell’ultimo report – in provincia Bat – e portano il totale delle vittime a 6mila 604. Mentre con 492 guariti in più, i negativizzati arrivano a 237mila 305. Così, gli attualmente positivi (casi totali meno decessi e guariti) scendendo a 8mila 909. Di questi 203 sono in ospedale.

Attualmente positivi sempre in discesa, oggi sotto quota novemila. Sono 61 i nuovi casi di infezione da Covid-19, a fronte di 7mila 142 test effettuati, secondo i dati diffusi nel bollettino del 19 giugno. I nuovi tamponi positivi rispetto a tutti quelli effettuati – compresi quelli di controllo – rappresentano lo 0,85 per cento, quasi un punto e mezzo in meno rispetto alla percentuale della scorsa settimana

Continua a Leggere

Cronaca

Fatale schianto tra suv e camion a Salve: un morto sulla 274

Pubblicato

il

Dramma su una delle principali strade del Salento: la statale 274, Gallipoli-Leuca.

Un incidente mortale si è consumato questa mattina alle 8 nel tratto di via nel territorio di Salve, all’altezza di contrada Schiafazzi. Uno schianto tremendo che ha visto un suv, un Nissan Qashqai, finire violentemente contro un camion e rimanervi schiacciato nella parte anteriore.

I vigili del fuoco del Distaccamento di Tricase, intervenuti sul posto, hanno disperatamente tentato di estrarre il conducente ancora in vita. Ma non c’è stato nulla da fare: l’uomo, un 82enne residente a Varese e titolare di una struttura ricettiva nel Capo di Leuca, sarebbe morto sul colpo. par

Choc per il conducente del mezzo pesante, un 54enne di Castrignano del Capo, che ha tentato invano di scongiurare l’impatto: secondo prima sommaria ricostruzione sarebbe stata proprio la Nissan ad occupare la corsia del senso di marcia opposto al suo.

Sul posto i carabinieri di Presicce-Acquarica che hanno chiuso al traffico il tratto di statale. Il traffico, molto intenso in quel punto nei weekend di questo periodo, è in tilt e registra già lunghe code.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus