Connect with us

Casarano

Rottura sindaco-Fdi a Casarano. Vicesindaco sollevata da incarico: “L’ho appreso dai social”

Rapporto al capolinea tra De Nuzzo ed il partito della Meloni. La vice, sollevata, accusa: “È in confusione, pronto a scendere a patti con chiunque”

Pubblicato

il


Il sindaco di Casarano, Ottavio De Nuzzo, ha revocato la nomina a vicesindaco e ad assessore di Laura Parrotta.





“Zero lealtà”





La diretta interessata ha prontamente replicato alla decisione del primo cittadino ed alle sue parole, esprimendosi così: “Ho riflettuto a lungo prima di esprimere le mie considerazioni in proposito. Ho appreso la decisione dai social, senza che il Sindaco me ne abbia comunicato l’intenzione e i motivi, dimostrando un’assenza assoluta di lealtà e trasparenza, nonostante abbia avuto diverse occasioni di interloquire con me dopo il Consiglio Comunale, egli mi ha evitato volutamente. In questi anni, con tutta la mia anima e le mie forze, ho cercato di contribuire alla crescita della mia città impegnandomi, tra le altre attività, a ricercare e ottenere finanziamenti per lo sviluppo e la riqualificazione della nostra Città, progettando importanti opere pubbliche che gettano le basi per la rinascita economica, sociale e culturale.
Ho sempre creduto- continua la vicesindaco uscente -che non basti limitarsi all’ordinaria amministrazione per essere amministratori lungimiranti, non basta limitarsi a scegliere una lista di strade da asfaltare con contributi di trasferimenti statali per avviare un progetto di sviluppo ambizioso, degno della nostra Città. Probabilmente è per questa ragione che sin dall’inizio sono stata una figura ingombrante, una mente pensante che bisognava spegnere. Ma la motivazione contenuta nel decreto di revoca è di aver “aderito ad iniziative congiuntamente ad alcuni consiglieri che sostanziano il proprio distacco dal sentire del Sindaco e della sua maggioranza”.
Per amore di verità, è bene che la Città sappia che il Sindaco Ottavio De Nuzzo nelle ore precedenti al Consiglio Comunale, telefonava ai consiglieri di opposizione per chiedere il voto favorevole al rendiconto di gestione, offrendo le mie deleghe in cambio”.





“E’ evidente”, aggiunge, “che il Sindaco si trova in una situazione di grave confusione e che pur di salvare se stesso è pronto a scendere a patti e compromessi con tutti, anche con chi da anni si oppone a colui che lo ha designato alla guida della città.
In questi mesi malgrado Fratelli D’Italia abbia cercato di instaurare un rapporto istituzionale all’insegna della correttezza e del dialogo, ha ricevuto puntualmente mancanza di coinvolgimento nelle scelte, negli incontri e nelle comunicazioni che avevano ad oggetto le mie deleghe.
In un’Amministrazione coesa, Sindaco e Vicesindaco lavorano sinergicamente insieme alla Giunta e al Consiglio per dare impulso all’attività amministrativa, ma Ottavio De Nuzzo ha scelto la strada dell’accentramento decisionale, ha scelto di marginalizzare e di non riconoscere il ruolo istituzionale del Vice Sindaco, che non è solo una scelta fiduciaria, ma è anche frutto di equilibri politici e del forte risultato elettorale della lista di Fratelli D’Italia. Da parte sua invece, numerosi sono stati i tentativi di boicottaggio di eventi e manifestazioni organizzate dal gruppo consiliare che mi onoravo di rappresentare, come in occasione della “Giornata dell’Ambiente” organizzata insieme alla Consigliera Simonetta Stefano, dedicata ai bambini delle scuole di Casarano, che è stata più volte rinviata e insabbiata, con lo sconcerto di insegnanti e genitori.
Se il Sindaco ritiene che estromettere dalla compagine amministrativa me e il gruppo Fratelli D’Italia serva per amministrare meglio, non posso che fargli i miei auguri di buon lavoro. Il mio impegno civico e politico continuerà indipendentemente dalle cariche e dagli incarichi, al fianco dei cittadini e delle associazioni.
Ringrazio per il supporto e il grande lavoro svolto in questi anni di Amministrazione, il Segretario Comunale, i responsabili di settore e tutti i dipendenti comunali, compresi coloro che ho conosciuto nel corso della mia esperienza amministrativa e che oggi sono in pensione”.




“Alla mia città, con tutto il mio cuore, auguro invece di trovare una strada alternativa per uscire dal degrado morale e risvegliare le coscienze. Grazie”, conclude Laura Parrotta, “a tutti coloro che in queste ore, con centinaia di telefonate e messaggi, mi stanno manifestando grande vicinanza e sostegno: significa che in questi anni il mio contributo non è stato vano”.





Fiducia al capolinea





Il sindaco, Ottavio De Nuzzo, aveva comunicato la decisione in settimana, con queste parole: “Dopo gli ultimi due consigli comunali ritengo opportuno fare chiarezza per informare i cittadini dell’accaduto. Sono stato sempre del parere che tutti noi eletti dobbiamo dare conto alla città e agli elettori del nostro operato, e che certe dinamiche, sia pur fisiologiche, non debbano restare nelle mura del Palazzo di Città. Nel consiglio comunale del 30 luglio, con ordine del giorno “Approvazione degli equilibri di bilancio”, del gruppo di Fratelli d’Italia, composto da tre consiglieri, due si sono assentati mentre il terzo si è astenuto. Nel consiglio comunale del 23 agosto con all’ordine del giorno “Approvazione rendiconto finanziario”, dello stesso gruppo, due componenti hanno votato a favore mentre il terzo si è astenuto senza motivare la propria decisione”.





“È pur vero”, spiegava il sindaco, “che i problemi con il gruppo di FDI risalgono già all’epoca della scelta del candidato sindaco allorquando la maggioranza delle forze politiche della coalizione, democraticamente convergeva sul mio nome, ma non tutti gli appartenenti a FdI, durante la campagna elettorale, hanno continuato a sostenere la candidatura del sottoscritto. Non nascondo che i rapporti con il partito sono stati sempre tesi nonostante la mia infinita pazienza e tolleranza e si sono particolarmente inaspriti negli ultimi tempi quando mi è stata richiesta la rimodulazione delle deleghe con la sostituzione di 1 o 2 assessori, proposta questa non rifiutata ma rinviata, per ovvi motivi, a dopo l’approvazione dei punti all’ordine del giorno degli ultimi due consigli comunali. Dopo questo si è giunti a richieste-imposizioni, sempre da parte di FdI, che considero solo provocatorie, considerato che la nomina ad assessore è una prerogativa del Sindaco e deve basarsi sul rapporto di completa fiducia tra Sindaco ed assessore, non si può proporre alla carica di assessore un consigliere al quale solo poche settimane prima sono state ritirate le deleghe da parte del sindaco, oltre al fatto, inconcepibile da un punto di vista politico, che FdI voglia imporre, senza darne motivazioni la nomina ad assessore di un consigliere appartenente ad altro gruppo politico, a meno che qualcosa a me sconosciuta non giustifichi tale richiesta.
Come se tutto ciò non bastasse sono venuto a conoscenza che parte del gruppo consiliare FdI e alcuni componenti del partito, unitamente al consigliere proposto per la carica di assessore, hanno promosso alcuni incontri carbonari con buona parte dell’opposizione al fine di sfiduciarmi; gli ultimi due in ordine temporale si sono tenuti nello stesso giorno del consiglio comunale del 23 agosto. Ora, dopo un’attenta e oggettiva riflessione, alla luce di quanto fin qui accaduto, sono giunto in questi due giorni alla decisione di revocare la nomina ad assessore dell’Avv. Laura Parrotta in quanto non posso immaginare che il vicesindaco non fosse a conoscenza di tutte le manovre messe in atto dal suo partito e soprattutto non abbia mai speso neppure successivamente agli eventi una parola in merito o di dissociazione da quanto accaduto. Per questo motivo essendo venuto meno il rapporto fiduciario che deve esistere con l’assessore nonché vicesindaco sono stato costretto ad assumere la predetta decisione”.


Attualità

Ascla, formazione ed educazione, venta’anni dopo

Pubblicato

il

Da 20 anni di Ascla, Associazione Scuola e Lavoro fondata nel 2002, con sede a Casarano e operativa in tutto il territorio salentino, offre servizi di orientamento e formazione ai lavoratori e alle imprese locali.

In occasione del 20° anniversario abbiamo intervistato il presidente Giuseppe Negro.

Era il 2002, come nasce Ascla… e come si è evoluta negli anni?

«Con alcuni giovani amici neolaureati, nell’attesa di trovare un lavoro stabile, si era avviata un’esperienza di aiuto allo studio per i ragazzi delle scuole medie. Ad un certo punto ci è venuto il desiderio di rendere più strutturato questo tentativo di risposta al bisogno formativo ed educativo dei ragazzi e delle loro famiglie.
Con il prezioso aiuto di altri amici che a Torino facevano formazione già da alcuni anni, abbiamo cominciato a fare formazione professionale accreditandoci presso la Regione Puglia.

Il primo progetto finanziato era rivolto a venti ragazzi ad alto rischio di devianza. In un anno di attività ci hanno dato un grande filo da torcere, ma è stata un’esperienza che ci ha consentito di comprendere che l’educazione e la formazione dei giovani era quello che a noi piaceva fare, e quindi abbiamo preso la decisione che sarebbe stato il nostro lavoro, per sempre.

Col tempo, il continuo susseguirsi di progetti e attività pensati con lo scopo di accompagnare i ragazzi e le loro famiglie verso il raggiungimento di un successo anche lavorativo, ci hanno aperto nuove prospettive di lavoro con le aziende, i consulenti, con tutti gli attori del territorio, non solo locale».

Educare e formare: motto e obiettivo raggiunto?

«L’educazione e la formazione sono una costante per tutta la vita di un uomo. Ci possono essere obiettivi specifici e mirati, ma il lavoro educativo è una costante che riguarda tutti, non solo i ragazzi e i giovani.

L’educazione della persona riguarda il continuo aiuto a stare nella realtà tenendo conto di tutti i fattori in gioco. Richiede un aiuto reciproco a non perdere mai di vista lo scopo per cui vale la pena affrontare la vita, fatta di cadute, rinascite, successi, sacrifici, delusioni, soddisfazioni.

La formazione consente di essere sempre “attrezzati” per affrontare queste condizioni professionali, lavorative, di vita, stando sempre sul pezzo. Oggi essere all’altezza delle continue sfide significa questo.

“Una vita per i giovani” è il nostro motto, perché nessuno può vivere senza uno scopo. Noi viviamo il nostro lavoro avendo sempre in mente che lavorando insieme e per i giovani, significa lavorare con tutti, perché tutto è funzionale al raggiungimento del loro successo formativo e lavorativo».

Quale risultato, fra i tanti, ti rende orgoglioso?

«Le nostre più grandi soddisfazioni le abbiamo quando un giovane trova lavoro al termine dei nostri percorsi formativi. Quando gli imprenditori ci ringraziano per avergli dato la possibilità di scoprire e inserire nelle proprie aziende persone formate ed educate al lavoro.

Genitori che ci chiamano meravigliandosi del cambiamento che vedono nei loro figli che frequentano la nostra scuola. Tanti piccoli risultati, che ci danno la forza per andare sempre avanti, superando anche i tanti piccoli o grandi fallimenti.

Quando si lavora con le persone, essendoci sempre la libertà di ognuno, è una continua e drammatica lotta tra un “io” e un “tu”. Non c’è mai nulla di scontato e predefinito».

Oggi celebrate 20 anni: qual è il servizio offerto al Salento ed ai salentini che avete istruito negli anni?

«In questi primi venti anni di attività abbiamo proposto al Salento ed ai salentini moltissimi servizi. Tengo a precisare che per noi fare un servizio significa “mettersi al servizio” della persona o dell’impresa. Può sembrare un dettaglio, ma è il metodo.

Il servizio formativo si sviluppa utilizzando gli strumenti dell’apprendistato, dei corsi di formazione finalizzati al conseguimento di qualifiche professionali, della formazione continua per i dipendenti delle imprese, dei progetti “sociali” di accompagnamento delle persone un po’ più in difficoltà, della scuola di grafica triennale per i ragazzi in obbligo formativo».

“Alfabetizzazione” sociale, recupero e reinserimento, è questa la vostra mission?

«Noi lavoriamo con tutti, utilizzando tutti i possibili strumenti finanziati e a mercato, ma facciamo tutto con il grande desiderio di educare e formare i ragazzi e i giovani. È questo lo scopo vero del nostro lavoro. Ogni nostra iniziativa deve servire solo per questo obiettivo. Il più importante lavoro che facciamo tra noi operatori di Ascla è quello di aiutarci a non perdere mai di vista questa strada, perché è sempre dietro l’angolo il rischio di cedere alla tentazione di lavorare sulla quantità dei progetti, trascurando la qualità.

Il lavoro di Ascla sul territorio diventa affascinante nel momento in cui si costruisce una nuova socialità, fatta di relazioni tra persone, tra aziende, tra istituzioni. In questo modo facciamo cultura: cultura del lavoro, della formazione, dell’educazione, dell’impresa, di tutto».

Orientamento, tirocinio e apprendistato oggi bastano per entrare nel mondo del lavoro?

«In questi ultimi anni abbiamo capito che la più grande difficoltà delle imprese è quella di intercettare persone da inserire nel proprio organico. Nello stesso tempo è drammatico il fenomeno della disoccupazione, soprattutto giovanile. C’è quindi un disallineamento tra domanda e offerta di lavoro che provoca gravi disagi alla nostra economia e quindi all’intera società.

Diventa quindi prioritario un lavoro sull’orientamento delle persone. Occorre costruire un rapporto diretto e vero con tutti coloro che sono alla ricerca di una propria strada formativa e lavorativa.

Un lavoro personalizzato che ci consente di utilizzare in modo adeguato i tantissimi strumenti di politiche attive e passive di lavoro che gli enti pubblici, a vari livelli, mettono a disposizione di tutti. Tra questi vale la pena mettere in evidenza i due principali: l’apprendistato e il tirocinio che sono entrambi legati alla formazione professionale».

Perché un giovane o un’azienda dovrebbero rivolgersi ad Ascla?

«I giovani, gli adulti, le imprese, alcune istituzioni, si “affidano” a noi perché, col tempo, hanno intuito che Ascla è un luogo fatto di persone che tengono al loro destino e che desiderano “accompagnarle” nel difficile percorso formativo e lavorativo. Ci muove una passione educativa e formativa che, grazie a Dio, è percepita dai nostri interlocutori».
Luigi Zito

Continua a Leggere

Attualità

La digitalizzazione in Salento

A Lecce la qualità della rete è buona tanto per affidabilità che per velocità. Aumentano i tour virtuali

Pubblicato

il

La tecnologia negli ultimi anni ha rivoluzionato completamente le nostre vite. Internet è stato un elemento determinante, capace di connettere persone di tutto il globo in modo inedito.

La diffusione di dispositivi mobili su larga scala ha reso la connessione alla rete Internet irrinunciabile: è uno strumento del quale oggi pochissimi possono fare a meno.

Negli ultimi anni abbiamo vissuto grandi cambiamenti. Internet è stato fondamentale per portare avanti le nostre attività lavorative anche in momenti di crisi e di emergenza generalizzata. In molti casi, è stato l’elemento che più di ogni altro ha mediato la nostra socialità. Il nostro accesso alla connessione internet è andato di pari passo con il fenomeno della digitalizzazione di molte pratiche amministrative. Sono sempre di più, infatti, le informazioni che scambiamo digitalmente.

Far viaggiare queste informazioni in rete in modo sempre più veloce ed efficiente è diventato un vero e proprio imperativo oggi.

Tante sono, infatti, le attività che si sono spostate online, vivendo sviluppi inediti e molto fruttuosi.

È il caso dell’e-commerce, fenomeno esploso negli ultimi anni: oggi lo shopping si fa online, in tanti sembrano aver superato definitivamente le ritrosie che un tempo erano legate a questo genere di acquisti. L’intrattenimento passa sempre più di frequente per le grandi piattaforme di streaming online: film e serie TV si guardano in rete.

Lo stesso vale anche per la musica, e non solo. Anche il mondo del gioco online ha conosciuto una grandissima crescita. Si va dai giochi più elementari e veloci, come le slot machine, a giochi come il blackjack 21+3, più complessi e articolati. La vasta offerta dei casinò online avvicina un numero sempre più ampio di giocatori.

Grazie alla rete l’utenza diventa sempre più eterogenea. Persino il turismo oggi si affida sempre di più al digitale, proponendo tour in realtà virtuale, o visite guidate in realtà aumentata.

Tutto passa ormai per nuove vie. Oggi lo sviluppo economico e sociale di intere regioni è sempre più legato alla digitalizzazione e all’accesso alla rete. L’Italia in questo contesto si presenta come un paese piuttosto in difficoltà rispetto alle altre realtà europee.

In particolare, è il Sud Italia a camminare a passo lento. Per la Puglia la situazione si mostra particolarmente complessa e disomogenea, lo stesso vale anche per il Salento.

A Lecce, capoluogo di provincia, la qualità della rete è buona tanto per affidabilità, che per velocità. La maggior parte del traffico dei dati online, infatti viene proprio dal capoluogo. Tuttavia, non si può dire lo stesso di altre realtà, soprattutto di quelle più interne.

Ad ogni modo, la digitalizzazione sta portando cambiamenti su vari livelli anche in Salento. Persino uno dei settori più importanti dell’economia salentina, il turismo, sperimenta molto in questo senso. Nel 2020 è nato il primo tour in realtà virtuale e aumentata della città di Lecce. Questo desiderio di innovazione è legato alla voglia di preservare e di promuovere il patrimonio storico culturale della città, e non solo.

È anche un’iniziativa che permette maggiore accessibilità a queste opere, offrendo un nuovo modo di conoscerle e di fruirle, più adatto a ogni individuo e a ogni sua esigenza. Molti luoghi difficili da raggiungere possono essere esplorati virtualmente, diventando visibili ogni dettaglio. Si propone, infatti, un’esperienza più immersiva delle opere che si visionano.

Ogni dettaglio diventa visibile, tutto può essere osservato e ogni curiosità può essere approfondita in modo nuovo.

In molti si domandano se il turismo digitale non si riveli poi una sorta di boomerang, capace di danneggiare il turismo tradizionale. La risposta degli esperti è un deciso no. La possibilità di visualizzare un luogo in anteprima è un fattore molto importante per chi prenota un viaggio oggi, soprattutto se il turista viene da paesi lontani e vuole avere un’idea chiara del luogo che visiterà.

La realtà virtuale si dimostra quindi un ottimo strumento di marketing territoriale.

La realtà aumentata, invece, permette di coinvolgere ancora di più i visitatori, attirando persone di ogni età e di ogni provenienza culturale. Inoltre, tutto questo permette un accesso ai servizi sempre più semplice e veloce. Il passo fondamentale da compiere è quello di creare una rete digitale di servizi integrati tanto per i turisti che per i cittadini.

Continua a Leggere

Casarano

Casarano: squarciate gomme dell’auto della Barlabà

Vile atto vandalico ai danni della consigliera comunale del PD e candidata sindaco alle ultime elezioni

Pubblicato

il

Ignoti nella notte tra venerdì e sabato hanno squarciato tutte e quattro le ruote della Fiat Punto di Antonella Barlabà (nella foto in alto), consigliera comunale e candidata alla carica di sindaco per il Partito democratico nell’ultima tornata elettorale.

L’episodio è avvenuto in zona Borgo Terra, praticamente in centro, dove l’auto era parcheggiata.

La stessa Barlabà che di mestiere fa l’avvocato ha escluso collegamenti «con la mia attività professionale e con quella politica. Pertanto, procedendo per esclusione, non posso che collegare quanto accaduto con la situazione di totale abbandono e con la mancanza di controllo e di rispetto delle regole che si registra in piazza Garibaldi e nelle altre piazze della movida casaranese».

Intanto il sindaco di Casarano, Ottavio De Nuzzo, ha voluto esprimere la sua vicinanza al consigliere Barlabà. Questo il suo post du facebook: «A nome dell’Amministrazione Comunale esprimo piena solidarietà e forte condanna sul grave atto intimidatorio che ha visto protagonista la Consigliera Comunale Antonella Barlabà che ieri mattina ha trovato la sua macchina, parcheggiata nel rione “Terra” o “Quartiere Vecchio”, con i quattro pneumatici forati presumibilmente con il taglio di una lama.

In qualità di Sindaco mi sono interfacciato immediatamente con le autorità competenti al fine di risalire e consegnare alla giustizia l’autore o gli autori di questo vile atto».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus