Connect with us

Attualità

Sale Bingo, sale scommesse, parte la mobilitazione

“Il comparto occupa 150.000 addetti della distribuzione specializzata del gioco legale in tutta Italia. Anche nella nostra provincia – spiegano – sono centinaia i lavoratori del comparto che rischiano di non avere più in futuro”

Pubblicato

il

Mercoledì 12 maggio scatta la mobilitazione nazionale dei lavoratori del gioco legale, indetta da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil per denunciare la situazione drammatica di un intero settore che ormai è fermo da ottobre dello scorso anno.


Anche a Lecce i sindacati e una delegazione di lavoratori protesteranno davanti alla sede della Prefettura, in viale XXV Luglio, a partire dalle ore 9.30, nel rispetto delle misure di sicurezza anti-Covid19.


Sale Bingo, sale scommesse e gaming hall sono chiuse ormai da ottobre e non ci sono ancora prospettive di riapertura”, denunciano i segretari provinciali di Filcams Cgil e Uiltucs-Uil di Lecce, Emanuele Sozzo Antonio Palermo. “Il comparto occupa 150.000 addetti della distribuzione specializzata del gioco legale in tutta Italia. Anche nella nostra provincia – spiegano – sono centinaia i lavoratori del comparto che rischiano di non avere più in futuro. Molti di questi sono lavoratori dipendenti occupati presso le sale gioco, le sale bingo (circa 70 gli addetti nella sala bingo di Lecce), le sale scommesse, oltre a tutti i lavoratori dell’indotto commerciale”.


Le norme emanate dal Governo Conte, e ora dal Governo Draghi, che stanno definitivamente compromettendo l’occupazione di un intero settore produttivo, – proseguono Sozzo e Palermo – sembrano più di tipo etico-morale che sanitario; i protocolli, importanti strumenti sanitari e di sicurezza per i lavoratori e per i fruitori di gioco legale, che le parti sindacali a livello nazionale hanno sottoscritto con le controparti, nonché gli avvisi comuni sottoscritti tra le Parti Sociali e inviati al Governo, richiamano l’attenzione della politica e delle Istituzioni sul comparto, che al pari di altri settori, come ad esempio la ristorazione, deve vedere la riapertura in totale sicurezza. Inoltre – denunciano – con i luoghi di gioco legale chiusi si sta sviluppando un sistema occulto di gioco che è difficilmente rintracciabile e sta spostando l’attenzione dei fruitori fuori dalle sale”.

Nella convinzione che i lavoratori debbano avere pari dignità e trattamento dalle Istituzioni, rispetto all’intero mondo del lavoro, mercoledì 12 maggio ci saranno manifestazioni in contemporanea davanti alle Prefetture e alle sedi del Consiglio/Giunta regionale di tutta Italia, al fine di sensibilizzare le Istituzioni sul grave problema occupazionale che purtroppo si sta profilando all’orizzonte, se non si prenderanno decisioni sulla riapertura del settore.


 


Attualità

In viaggio solo col Green Pass

Decreto in arrivo: certificazione verde necessaria per l’utilizzo di navi, aerei e treni a lunga percorrenza. Per quanto riguarda la scuola, la decisione sull’obbligo vaccinale per il personale scolastico slitterà a fine agosto

Pubblicato

il

In arrivo una nuova misura del governo per conteenre le temuta “quarta ondata”. Dopo aver ufficializzato l’obbligatorietà del Green Pass a partire dal 6 agosto per tutte le attività al chiuso, inclusi ristoranti e bar per la consumazione al tavolo, è in arrivo quella per l’utilizzo di navi, aerei e treni a lunga percorrenza.

Si potrà salire a bordo soltanto con il certificato che attesti la vaccinazione completa, la prima dose di vaccino fatta almeno 15 giorni prima, la guarigione nei sei mesi precedenti, l’esito negativo di un tampone molecolare, antigenico o salivare fatto 48 ore precedenti

Dovrebbe invece rimanere libero l’accesso ad autobus, metropolitane e tram.

L’ufficialità è attesa tra domani e mercoledì 4 agosto quando è stata convocata la cabina di regia: seguirà un decreto governativo con tutte le nuove misure.

Dovesse passare, come pare, la linea del Green Pass obbligatorio da parte della cabina di regia, si porrebbe, ovviamente, la questione dei controlli e delle verifiche.

Indicativamente la verifica del Green Pass dovrebbe avvenire nel momento in cui il passeggero sale a bordo e dovrebbe essere lo stesso personale a effettuarla: esattamente come avviene in genere per documenti di imbarco e di identità.

Se il passeggero esibisce un certificato falso o contraffatto, riceverà una multa e verrà denunciato. Inoltre, il Green pass servirà anche al tracciamento qualora dovesse essere accertata la positività di uno dei passeggeri.

Al momento non sarebbero previsti controlli su autobus e metropolitane: troppo difficile verificare il Green pass di tutti i passeggeri. Il governo, però, ha già chiesto alle Regioni un piano dettagliato sul potenziamento dei mezzi pubblici che potrebbe essere discusso questa settimana insieme al piano per la ripresa della scuola.

Infatti, secondo il Cts la capienza all’80% non è sufficiente a garantire il distanziamento su bus e metropolitane, dunque in vista della riapertura delle scuole, che è prevista in presenza, sarà necessario un sostanziale aumento del numero delle corse.

A proposito di scuola, la decisione sull’obbligo vaccinale per il personale scolastico slitterà a fine agosto. Il governo  potrebbe decidere di intervenire con provvedimenti mirati poco prima dell’inizio del nuovo anno scolastico.

Continua a Leggere

Attualità

Pochi casi, nessun decesso

il tasso di positività resta relativamente basso: 1,22%. 66 i nuovi positivi in Puglia, solo 4 in provincia di Lecce

Pubblicato

il

Sono 66 i nuovi casi positivi registrati in tutta la Puglia, appena 4 in provincia di Lecce.

Va detto che i test registrati complice anche il weekend appena trascorso sono stati meno rispetto alla media, 5.049 ma ciò che fa fede è il tasso di positività che resta comunque relativamente basso: 1,22%.

Nessun allarme, dunque, almeno per il  momento per la temuta variante delta che da altre parti ha già denunciato numeri decisamente più roboanti.

Altra nota positiva: nessun decesso con covid registrato in tutti il territorio pugliese.

IL RIEPILOGO

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati  2.912.103 test.

247.134 sono i pazienti guariti.

2452 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 256.255, di cui 27.735 nella provincia di Lecce.

IL BOLLETTINO DEL  AGOSTO 2021

Continua a Leggere

Alessano

Antonio Ciriolo nuovo presidente del Gal Capo di Leuca

Succede a Rinaldo Rizzo, nominato presidente onorario

Pubblicato

il

L’Assemblea dei soci del Gruppo di Azione Locale (GAL) “Capo di Leuca” Scarl, attualmente soggetto attuatore del Programma Leader (Misura 19 del PSR Puglia 2014 – 2020), ha eletto all’unanimità Antonio Ciriolo presidente del sodalizio. Succede, per scadenza di mandato, a Rinaldo Rizzo, nominato presidente onorario.

Nella stessa occasione, i rappresentanti della compagine sociale hanno confermato i componenti uscenti del Consiglio di Amministrazione: Giulio Sparascio (vice presidente), Gabriele Abaterusso, Fabrizio Arbace e Adamo Fracasso.

Rizzo ha salutato e ringraziato i soci e lo staff, in particolare modo il direttore, Giosuè Olla Atzeni, che lo ha coadiuvato nella guida del sodalizio dal 2016, soprattutto, per essere stato al suo fianco dal momento della costituzione del GAL “Capo S. Maria di Leuca” Srl, costituito nel 1991 come soggetto attuatore del Programma di Iniziativa Comunitaria Leader, per il quale Rizzo, nei trent’anni di attività, ha ricoperto il ruolo di presidente e vice presidente. Lo scorso novembre, lo stesso Antonio Ciriolo era stato eletto all’unanimità come presidente di quest’ultima società a capitale misto pubblico-privato, che ha come obiettivo principale la valorizzazione delle risorse di imprenditorialità, storia, cultura e natura presenti nella penisola salentina.

L’area d’intervento del GAL “Capo di Leuca” scarl, comprendente i seguenti Comuni: Alessano, Alliste, Casarano, Castrignano del Capo, Corsano, Gagliano del Capo, Matino, Melissano, Miggiano, Montesano Salentino, Morciano di Leuca, Patù, Presicce-Acquarica, Racale, Ruffano, Salve, Specchia, Taurisano, Taviano, Tiggiano, Tricase e Ugento.

Il Presidente uscente Rinaldo Rizzo, nel messaggio di saluto ai soci e allo staff ha dichiarato: «Dopo trent’anni di amministratore di questa società, la mia esperienza si ferma praticamente qui oggi. In questo lungo periodo, insieme a tutti i collaboratori, abbiamo cercato di cogliere i bisogni propri della ruralità del nostro territorio, proiettandoci sempre verso il futuro, cercando di affiancare e seguire costantemente gli operatori beneficiari, assecondandone le esigenze e le più diverse richieste. In questi anni di responsabilità, ho sempre interpretato il mio ruolo come servizio utile per contribuire alla crescita del Capo di Leuca, una crescita sempre sostenibile e in armonia con il territorio e le sue popolazioni. Abbiamo attuato numerosi programmi comunitari, dando la possibilità a molti cittadini di mettersi in gioco e tanti di essi rappresentano oggi realtà affermate ormai da anni. Abbiamo cercato di metterci sempre tutto l’impegno, con la massima serietà e la massima trasparenza. Credo che questi valori ci contraddistinguano da sempre e ci siano riconosciuti da tutti. Un grazie particolare vorrei rivolgerlo al Direttore, Dott. Giosuè Olla Atzeni, che insieme al sottoscritto ha iniziato questa avventura sin dall’origine, nel 1991, condividendo tutte le fasi che ci hanno portato fino ad oggi. Sono sicuro che coloro che mi succederanno, sapranno confermare il ruolo del GAL, facendolo continuare ad essere un riferimento importante di sviluppo per il territorio. Ancora grazie a tutti. Grazie davvero. Io, comunque, rimango sempre nei paraggi».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus