Connect with us

Cronaca

Schianto sulla 101: marito e moglie in ospedale

Fiat Panda semidistrutta, grande spavento e soccorsi in mattinata per coppia di anziani coniugi tamponati, pare, durante un sorpasso

Pubblicato

il

Grande spavento in mattinata sulla statale 101 per una coppia di coniugi protagonista di un violento incidente stradale.


Marito e moglie erano a bordo della loro Fiat Panda nei pressi di Nardò, in direzione Gallipoli, quando sono stati tamponati da una Opel Astra. Non ancora chiara la dinamica del sinistro che, però, pare essersi verificato durante una manovra di sorpasso.


Il retrotreno della Fiat Panda è andato completamente distrutto. Le vetture ammaccate hanno occupato la carreggiata per tutto il tempo necessario ai soccorsi ed alla rimessa in sicurezza dell’area.

Per sua fortuna la moglie dell’uomo alla guida della Panda (un 83enne di Galatina) sedeva sul sedile anteriore e non sul retro. Dopo il sinistro la coppia è stata trasportata in due ospedali differenti in codice giallo: a Copertino lui, a Lecce lei.


La stradale si è occupata dei rilievi finalizzati alla completa ricostruzione dell’accaduto.


Casarano

Ubriaco molesta clienti ristorante e sfonda finestrino auto carabinieri: arrestato

Pubblicato

il


Arresto a Casarano la notte scorsa.

I carabinieri del nucleo radiomobile hanno fermato dopo un controllo un 41enne di nazionalità marocchina.

L’uomo, K. J. le sue iniziali, era stato sorpreso ubriaco alla guida della sua auto. Era stato segnalato poco prima dai clienti di un ristorante che denunciavano di essere stati molestati.

Raggiunto dai militari, l’uomo si è opposto al controllo dando in escandescenze. I carabinieri hanno provveduto a trasportarlo in caserma ma all’arrivo l’uomo si è divincolato scalciando contro l’auto dell’Arma e sfondando un finestrino, per poi provare a fuggire.

L’uomo, regolare sul territorio e residente nel leccese, è stato poi condotto in ospedale. Qui è emerso esser affetto da malattia giudicata guaribile in 7 giorni. Il tasso alcolemico era invece pari a 3,2 g/l.

È scattato quindi l’arresto e, espletate le formalità di rito, il 41enne è stato tradotto presso la casa circondariale “Borgo san Nicola” di Lecce, così come disposto dall’autorità giudiziaria.

Continua a Leggere

Cronaca

Falsi rapporti di lavoro: truffa all’Inps da 250mila euro

Pubblicato

il

Controlli serrati dei carabinieri del comando provinciale di Lecce, dei militari del nucleo carabinieri ispettorato del lavoro e degli ispettori dell’Inps di Lecce nell’ambito dei servizi disposti e finalizzati a contrastare il fenomeno delle truffe ai danni dello stato.

L’attività ha consentito di scoprire 63 falsi rapporti di lavoro denunciati in agricoltura da un’azienda agricola di Lecce che operava anche a Surbo.

I militari hanno smascherato un amministratore unico di una società agricola che, oltre a denunciare fittiziamente i 63 rapporti di lavoro suddetti, percepiva anche 700 euro mensili come indennità a sostegno del proprio reddito a titolo di “reddito di cittadinanza”.

È stata quindi accertata una truffa ai danni dell’istituto previdenziale di circa 250mila euro e sono stati deferiti 63 falsi braccianti agricoli.

I terreni dove venivano denunciati i lavoratori, di fatto non erano mai stati nella materiale disponibilità dell’azienda agricola. I reali proprietari degli stessi erano infatti ignari che sulla denuncia dell’azienda agricola, oggetto di controllo, risultavano in carico detti terreni.

Le indagini hanno avuto inizio verso la fine dello scorso anno e si sono concluse in questi giorni.

Continua a Leggere

Andrano

Identificato cadavere in mare: è un 59enne di Castiglione. Ricerche in corso

Pattugliamento continuo delle coste tra Andrano e Tricase porto per ritrovare il corpo di Michele Arsieni, l’uomo annegato ieri, forse per un malore

Pubblicato

il

Non è stato ancora recuperato il cadavere individuato in mare ieri nelle acque al largo tra le marine di Andrano e Tricase. Ma le forze dell’ordine sono risalite alla sua identità.

Si tratta di un uomo di Castiglione d’Otranto (Andrano), Michele Arsieni, 59enne. È stato possibile identificarlo grazie ai suoi effetti personali, ritrovati sulla scogliera.

Morto probabilmente a causa di un malore mentre era in acqua, è stato avvistato ieri in mare da un peschereccio di passaggio, quando era già senza vita.

Era il tardo pomeriggio quando le operazioni di ricerca di informazioni in merito al ritrovamento sono scattate lungo il litorale. I carabinieri sono entrati in azione proprio a poche manciate di metri dalla colonna di fumo che, ieri stesso, si alzata nella fascia di costa flagellata da un enorme incendio che ha richiesto l’utilizzo dei Canadair.

Mentre si organizzavano le operazioni di recupero del corpo, il ritrovamento degli effetti personali.

Poi l’individuazione della sua autovettura, parcheggiata non lontano dal punto in cui sono stati trovati i vestiti. La notizia ha scosso il paese. Il 59enne era conosciuto anche a Tricase doveva aveva un’attività.

Per il ritrovamento, il recupero e l’eventuale estrazione del corpo dall’acqua sono al lavoro capitaneria di porto, carabinieri e subacquei dei vigili del fuoco.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus