Connect with us

Cronaca

SCU: arrestato boss latitante

Dopo 3 settimane di fuga e nascondigli manette per Sergio Notaro, capo dell’omonimo clan e affiliato al Clan De Tommasi

Pubblicato

il

È durata 3 settimane la latitanza di Sergio Notaro, capo dell’omonimo clan operante a Squinzano affiliato al Clan De Tommasi della frangia leccese della Sacra Corona Unita.


Sergio Notaro

Sergio Notaro


Il boss, come si ricorderà, era riuscito a sfuggire alla cattura dell’11 novembre scorso, quando i Carabinieri del Comando provinciale di Lecce, unitamente a quelli del ROS diedero esecuzione a 26 ordini di carcerazione in carcere per 416 bis, traffico internazionale di stupefacenti, estorsione, usura, abusivo esercizio dell’attività finanziaria. Già dalla stessa mattina dell’operazione era stato predisposto l’articolato dispositivo di ricerca dislocato sul territorio per captare ogni utile informazione finalizzata alla cattura di uno dei personaggi chiave dell’intera vicenda processuale che ha portato alla disarticolazione del clan De Tommasi e degli affiliati Pellegrino e Notaro. La rocambolesca, quanto sobria fuga di Notaro (allontanatosi dal tetto della sua abitazione per poi dileguarsi lungo il percorso della ferrovia che costeggia la sua proprietà) non aveva demoralizzato i Carabinieri, convinti che il fuggitivo fosse rimasto in zone a lui familiari. Da quell’11 novembre, dunque, è iniziata una fitta rete di servizi di osservazione, pedinamenti e verifiche che ha interessato le persone “storicamente” vicine a Notaro.


irruzione copiaÈ probabile che questi avesse previsto da tempo questa eventualità, e le modalità della sua fuga ne sono state in certo senso una conferma, poiché era stato predisposto un efficace sistema di compartimenti stagni, ognuno indipendente dall’altro, che avrebbe dovuto garantire l’impermeabilità delle notizie ad eventuali interventi delle forze dell’ordine. Pazienza, metodo ed esperienza investigativa di molti dei veterani del Nucleo Investigativo di Lecce, però, alla lunga hanno pagato. La svolta quando, finalmente, si è avuta conferma delle autovetture che venivano utilizzate per i vari trasbordi degli addetti alla logistica del latitante.

Arresto copiaTra l’altro la zona d’interesse nella quale si accentravano le attenzioni degli investigatori, all’immediato confine con la provincia di Brindisi, è da sempre un punto di riferimento costante per i fuggitivi leccesi, spesso protagonisti di traffici e rapporti “a cavallo” delle due province come dimostrato in decenni di vicende processuali.


I Carabinieri hanno deciso di intervenire a Cellino San Marco, letteralmente presidiata da uomini in borghese che in una frazione di secondo hanno circondato la villetta che ospitava il fuggitivo, irrompendo dalla porta principale, quasi abbattuta nella veemenza dell’intervento.


VillaNotaro, resosi subito conto della situazione e di non avere vie di fuga, non ha opposto resistenza. Dopo le formalità di rito e la notifica dell’ordine di carcerazione dei PM Capoccia e Cataldi della DDA, è stato associato alla casa Circondariale di Borgo San Nicola, dove nei prossimi giorni sarà sottoposto ad interrogatorio di garanzia dal GIP Carlo Cazzella.


Cronaca

Cocaina in casa: arrestato 33enne a Tricase

Pubblicato

il

Arresto in mattinata a Tricase ad opera dei militari del nucleo operativo radiomobile.

Durante una mirata attività finalizzata alla repressione dei reati in materia di stupefacenti, è stato beccato in flagranza di reato V. D. F., 33enne, in una perquisizione personale e locale effettuata presso il suo domicilio.

Qui, i carabinieri hanno rinvenuto 195 grammi circa di cocaina, di cui una parte custodita in busta in cellophane, ed una restante parte di circa 22 grammi ripartita in 5 involucri in cellophane termosaldati.

Trovate anche 12 sostanze da taglio non identificate, un bilancino elettronico di precisione e la somma contante di 440 euro in banconote di piccolo e medio taglio, ritenuta Provento della attività illecita di spaccio.

Infine: materiale atto al confezionamento dello stupefacente ed un iphone sottoposto a sequestro assieme al resto del materiale citato.

Il 33enne, dopo le formalità rito, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Lecce.

Continua a Leggere

Cronaca

Siria, diplomata anche da lassù

Pubblicato

il

Sono passati 7 mesi da quella tragica notte ma Siria, morta in un temendo incidente sulla SS275, vive ancora nel cuore dei tanti che la conoscevano e la amavano.

La sua scuola, il Liceo Linguistico di Tricase, ha deciso di ricordarla con un simbolico gesto: il rilascio del suo diploma di maturità.

Un modo per provare anche a colmare, in parte, quell’enorme vuoto che, in questi giorni di esami già stravolti dal Covid-19, ha riacuito il dolore per la sua perdita.

Continua a Leggere

Cavallino

Omicidio-suicidio a Torino: le ultime ore prima della tragedia

Pubblicato

il

Una tragedia che non è nata dal nulla quella consumatasi ieri a Torino in una famiglia salentina.

Chiara Rollo, 33 anni, ingegnere gestionale, viveva all’ombra della mole. Sua mamma, Luana Antonazzo, 60 anni, insegnante di matematica a Lecce, si era accorta da tempo che qualcosa non andava e venerdì si è precipitata in Piemonte dalla figlia.

Ha provato convincerla a tornare a casa, a Cavallino, ma Chiara, ieri notte, l’ha freddata a coltellate.

E poi, quando gli agenti della polizia hanno raggiunto il suo appartamento, si è buttata dal nono piano, l’ultimo, del palazzo dove abitava.

Il fidanzato Matteo ha lanciato l’allarme. La madre, prima dell’aggressione, lo aveva sentito per chiedere il suo aiuto.

Gli aveva detto che sua figlia non sembrava più in sé: era diventata aggressiva e le sembrava scompensata.

Queste le parole nel messaggio inviatogli alle 4e30, poco prima di morire.

Matteo al risveglio ha letto quanto scritto dalla donna. Ma era ormai troppo tardi.

Chiara soffriva di una forma di psicosi comportamentale che, da quanto racconta chi la conosceva, l’aveva portata nel 2019 ad un ricovero. Poi aveva perso il lavoro. Un duro colpo arrivato pochi giorni fa, a fine giugno. Alla madre aveva detto di sentir di aver fallito.

L’istinto materno qui non serviva per far capire alla 60enne che la figlia aveva bisogno di aiuto. Da qui il viaggio con partenza immediata che l’ha portata al tragico ed inatteso epilogo.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus