Connect with us

Cronaca

Spaccio, evasione e assembramenti: l’esito dei controlli dei carabinieri

Pubblicato

il


Servizio coordinato nella notte tra venerdì e sabato, ad opera dei carabinieri di Gallipoli. Controlli finalizzati a garantire il mantenimento dell’obbligo del distanziamento sociale e il divieto di assembramento, con particolare riguardo agli esercizi commerciali e ai locali di intrattenimento. Ecco i seguenti risultati riportati dall’Arma:





– Deferito in stato di libertà per detenzione illegale ai fini spaccio (art. 73 d.P.R. 309/90) un giovane che, a Galatina, è stato fermato a bordo di un’autovettura e trovato in possesso di un contenitore in plastica contenente 3 involucri in celophane con 3 grammi ciascuno di marijuana, con la somma di 150 euro, tutto sottoposto a sequestro.

– Segnalati alla Prefettura per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti (art. 75 d.P.R. 309/90) di 2 soggetti trovati in possesso di marijuana.

– Deferito in stato di libertà per evasione (art. 385 c.P.) un uomo a Nardò, attualmente sottoposto al regime degli arresti domiciliari con permesso di assentarsi. Al momento del controllo, i militari hanno accertato che circolava liberamente per finalità differenti da quelle impartite dall’autorità giudiziaria.

– 5 deferiti in stato libertà per guida in stato di ebbrezza alcolica (art. 186 c.D.S.)




– Una sanzione amministrativa per violazione delle norme anticovid-19 connesse all’art.4 d.L. 19/2020 a carico di un bar di Nardò dove i militari han riscontrato il mancato rispetto del previsto distanziamento, sia all’interno che all’esterno del locale, nonché la presenza di centinaia di giovani, tutti assembrati e senza mascherina, intenti a consumare bevande alcoliche e a ballare. Sanzionato amministrativamente per il mancato rispetto delle misure di prevenzione anticontagio il proprietario del bar, con contestuale chiusura dell’attivita’ per 5 giorni.


Cronaca

Eroina e cocaina in auto

Arrestato in flagrante 37enne di Santa Cesarea Terme

Pubblicato

il

I carabinieri lo hanno sorpreso con eroina e cocaina in auto e per questo lo hanno arrestato.

È finito nei guai A. D. 37 anni di Santa Cesarea Terme.

Dopo averlo fermato, i carabinieri di Poggiardo hanno dato vita alla perquisizione domiciliare e veicolare, rinvenendo due involucri per complessivi 7,7 grammi di eroina e un altro involucro con 0,7 grammi di cocaina,

L’arrestato sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso l’abitazione di residenza.

Continua a Leggere

Cronaca

Pullman di studenti in fiamme, stanno tutti bene

Questa mattina sulla circonvallazione di Lecce, nei pressi del Comando della Polizia Municipale. Fortunatamente nessuno si è fatto male

Pubblicato

il

Un pulmann della Chiriatti carico di studenti ha preso fuoco stamattina in città.

Fortunatamente solo tanta paura e nessun danno fisico agli spaventati e involontari protagonisti della vicenda.

Sono ancora in corso di accertamento, le cause che hanno provocato l’incendio del mezzo proprio sulla circonvallazione  di Lecce, nei pressi del Comando della Polizia Municipale, il pulmino è stato avvolto dalle fiamme mentre era in transito.

Sul posto oltre ai vigili del fuoco anche gli agenti della polizia locale per decongestionare il traffico vista l’ora di punta.

Continua a Leggere

Attualità

Quell’alieno che minaccia pini ed ecosistema pugliese

L’entomologo, prof. Francesco Porcelli: « La Cocciniglia Tartaruga è un Alieno Invasivo e la sua presenza in Puglia è preoccupante perché minaccia i nostri pini e l’ecosistema in generale»

Pubblicato

il

Recente ritrovamento della Toumeyella parvicornis, la Cocciniglia Tartaruga del pino.

Il professor Francesco Porcelli, entomologo, afferma che da «Una sua occasionale recente osservazione, e campioni consegnati per l’identificazione da operatori sul territorio, confermano la presenza in Puglia della dannosissima cocciniglia che infesta il Pino da pinoli. La Cocciniglia Tartaruga è un Alieno Invasivo e la sua presenza in Puglia è preoccupante perché minaccia i nostri pini e l’ecosistema in generale».

«La cocciniglia», spiega il prof. Porcelli, «vive in dense e popolose infestazioni. Le grandi quantità di melata imbrattano le piante e i luoghi, annerendoli con la fumaggine. La Toumeyella si adatta facilmente a diversi ambienti, invadendo nuovi territori nei quali tende a uccidere le piante ospiti. L’Alieno compie diverse generazioni per anno nelle aree urbane che sono particolarmente minacciate da questa specie».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus