Connect with us

Casarano

Tagli della Provincia: scuole al gelo

Riscaldamenti spenti negli istituti superiori al rientro dalle vacanze. L’amara sorpresa: gli impianti verranno accesi solo per 3 ore

Pubblicato

il

Che la riforma Delrio, che prevede l’abolizione delle province, avrebbe rappresentato un terremoto amministrativo, lo si sapeva già. Ma che a farne le spese sarebbero stati, tra i primi, gli studenti delle nostre scuole rimasti al gelo, lo immaginavano in pochi.


Tra rinvii dell’entrata in vigore e i paventati bluff della nuova legge, restano due certezze: i conti provinciali quasi sempre in rosso e le competenze che, a dispetto della riforma, restano in gran parte intatte.


Tra le mansioni in mano alle province, infatti, rimangono quelle riguardanti le scuole superiori che finiscono nella voragine che si apre al netto di cifre, tagli, conti e bilanci finanziari. E ieri, gli istituti superiori salentini si sono ritrovati senza gasolio e, quindi, senza possibilità di attivare gli impianti riscaldanti.


Il presidente Gabellone aveva reso noto già qualche giorno fa il rischio di non riuscire a pagare le utenze e che si sarebbe rischiato di dover temporaneamente rinunciare ai riscaldamenti. I dirigenti scolastici, incassata la comunicazione, avevano prontamente risposto che, qualora non venissero pagate le utenze dell’acqua, si tratterebbe di interruzione di pubblico servizio, reato perseguibile per legge.


Fatto sta che, nel frattempo, gli studenti delle scuole superiori di quasi tutta la provincia hanno trovato nella giornata di ieri, al ritorno dalle vacanze natalizie, l’amara sorpresa: aule e corridoi gelati, temperature prossime a quelle esterne e nessun rimedio contro il freddo, se non l’affrontare le lezioni coperti da cappotti e sciarpe portati da casa.

Oggi l’andazzo è cambiato in alcuni istituti, tornati al caldo, ma sempre a causa dei tagli l’orario di accensione dei riscaldamenti non ricoprirà l’intero arco della giornata scolastica, ma durerà appena tre ore, dalle 7 alle 10.


Ovviamente, l’indignazione degli studenti non ha mancato di farsi sentire, precedendo quella di corpo insegnanti e personale dipendente. Il timore ora è che, di certo non più spaventati dalle temperature esterne, i ragazzi delle nostre scuole possano scendere in piazza a protestare qualora la situazione non dovesse pienamente tornare alla normalità.


Lorenzo Zito


 


Casarano

Casarano ancora con la pareggite, solo un punto con il brindisi

Costantino: “Ora dobbiamo andare a vincere a Nocera”

Pubblicato

il

CASARANO-BRINDISI 1-1
Reti: 59′ Citro (C), 78′ Sirri (B)

“Non sempre si può vincere” cantava un gruppo rock dei lontani anni Sessanta, ma per il Casarano dovrebbe valere il contrario ossia “bisogna sempre vincere” , afflitto com’è per lunghi mesi da un’inguaribile “pareggite”.

Inoltre, all’epoca la vittoria valeva due punti, non tre come da circa trent’anni, e per questo il Casarano con ben undici pareggi è sempre lì ai margini della zona play-off, impegnato in un’affannosa se non impossibile risalita.

Sulle cause di tutto ciò è difficile dissertare, visto che ogni partita fa storia a sé, ma, quando la storia si ripete, non son più coincidenze, bensì un dato di fatto.

Vero è che nei casi di rimonta si è parlato di pregio della squadra, divenuto poi “difetto” tutte le volte in cui non si è stati in grado di conservare il vantaggio conseguito.

Contro il Brindisi l’undici di mister Costantino ha confermato in pieno l’andazzo che sta penalizzando molto il cammino dei Rossoazzurri in un campionato strano e complicato.

Il pubblico dei circa duemila, accorsi al Capozza per l’incontro di cartello della ventunesima giornata, è sciamato via dagli spalti fortemente deluso, oltretutto dalla grave scarsità di occasioni da rete, ad eccezione della perla imbastita da Monaco, realizzata da Citro e vanificata dopo pochi minuti dall’ingenuità commessa in barriera sul missile di Sirri.

“Ora dobbiamo andare a vincere a Nocera” conclude in sala-stampa il giovane “trainer” delle Serpi.

Giuseppe Lagna

Continua a Leggere

Casarano

Autista scuolabus arrestato: “Non ho molestato gli studenti”

Negato ogni addebito nell’interrogatorio di garanzia. Ascoltate anche le presunte vittime, studenti che il 48enne accompagnava a scuola a Casarano

Pubblicato

il

Ha respinto ogni accusa nell’interrogatorio di garanzia l’autista di pullman scolastici arrestato pochi giorni fa nel basso Salento per presunte molestie ed abusi nei confronti dei minori che trasportava a scuola.

L’uomo, 48 anni, dipendente di un’azienda privata, è stato ristretto ai domiciliari lo scorso venerdì, in custodia cautelare, con le accuse di violenza sessuale aggravata e continuata e adescamento di minori.

Assistito dall’avvocato Fabrizio Mangia, nell’interrogatorio l’autista ha fornito la sua versione al gip Laura Liguori.

Per la Procura, si sarebbe reso protagonista delle condotte suddette in un arco temporale che va dal 2016 al 2022.

L’inchiesta a suo carico è partita dalla denuncia del padre di un 16enne che lo scorso maggio avrebbe letto dei messaggi sospetti sul telefono del figlio.

In questi mesi, le forze dell’ordine avrebbero ricostruito elementi ritenuti sufficienti a considerare l’autista reo di attenzioni moleste nei confronti degli studenti che ogni giorno trasportava presso alcuni istituti scolastici di Casarano. Dalle parole l’uomo sarebbe passato ai fatti: complimenti, carezze ed anche palpatine. E, in alcuni casi, si teme andando anche oltre.

In particolare, sarebbero 6 i minori, tutti tra i 14 ed i 16 anni e compaesani dell’uomo (ricordiamo che, a tutela delle presunte vittime, non viene reso noto il paese d’origine dell’arrestato), ad aver patito gli abusi, talora a bordo del mezzo, altre volte in un garage privato.

I ragazzi sono stati ascoltati in forma protetta. Oltre alle loro testimonianze gli inquirenti lavoreranno su alcuni supporti informatici sequestrati al 48enne.

Continua a Leggere

Casarano

Calcio, «Casarano da primato», parola di Zeman (Karel)

I rossoazzurri strapazzano il Lavello. Per il tecnico figlio del boemo la lista dei venticinque convocati salentini sembrava composta da due squadre da primato. Domenica la Capozza arriva il Brindisi

Pubblicato

il

CASARANO-LAVELLO 3-0

Reti: 44′ Saraniti, 51′ Guastamacchia, 90’+4′ Strambelli

Nel tepore della sala-stampa, dopo la pioggia fredda e copiosa, caduta per tutta la ripresa

dal cielo plumbeo sul Capozza, la conferenza post-gara assume a microfoni spenti vena da goliardia.

Mai finora fra le proprie mura il Casarano aveva ottenuto un risultato così pieno e, soprattutto, sfoderando una prestazione convincente, riguardo compattezza e coesione tra i reparti.

Saranno stati i nuovi innesti o chissà cos’altro, la squadra di mister Costantino ora mostra un centrocampo più flessibile, in grado di coprire la difesa e di rilanciare l’attacco, ponendolo in condizione di offrire azioni più fruttuose.

Il “povero” Karel Zeman, che ha ereditato dal “clarus pater” una sana ironia, ha proferito che lui avrebbe “giocato con tre uomini in meno pur di avere il solo Strambelli“. (si!)

E ha aggiunto che la lista dei venticinque convocati rossoazzurri sembrava la lista di due squadre da primato.

Bene, adesso spetta a chi di dovere il compito di corrispondere alle lodi tessute dal giovane tecnico del Lavello e proseguire su questo “cammino di Santiago”, che in sole quattro “tappe” ha ridotto lo svantaggio da dodici a cinque punti di distacco dalla vetta.

Non ci sono alibi, dunque, per tifosi, simpatizzanti e calciofili del comprensorio, riguardo la  presenza sugli spalti del Capozza, domenica prossima, contro il quotato Brindisi di mister Danucci (magari in orario più idoneo alla circostanza).

Nella foto in alto, i calciatori rossoazzurri salutano il pubblico sotto la pioggia battente (Ph Gigi Garofalo)

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus