Connect with us

Cronaca

Taurisano: furto in bottega, preso ladro

La polizia ha arrestato un 43enne del luogo già ai domiciliari che si era introdotto all’interno di un’attività artigianale

Pubblicato

il

Nel tardo pomeriggio di ieri, gli agenti del Commissariato di Polizia di Stato hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, L.M., 43 anni, Taurisano, per furto aggravato ai danni di un salone di acconciature del suo paese.


Il furto è avvenuto tra le 14,10 e le ore 14,20, orario in cui il locale che ospita un’attività artigianale era chiuso.


Il ladro si è introdotto all’interno dopo aver forzato e danneggiato la finestra in alluminio e dopo aver messo a soqquadro il locale, ha rubato un computer marca HP, un telefono cellulare (Samsung modello Galaxy Trend Plus, munito di batteria e carica batteria), una borsa di colore nero Nike e il fondo cassa consistente in circa 20 euro.


Gli operatori visionati i filmati del sistema di video sorveglianza, installato all’esterno del locale, hanno riconosciuto, senza ombra di dubbio, il responsabile, già noto alle forze dell’ordine e già sottoposto alla misura alternativa della detenzione domiciliare.

Gli agenti, guidati dal Commissario Salvatore Federico, ci hanno messo poco a rintracciarlo ed arrestarlo. Recuperata l’intera refurtiva che è stata restituita al legittimo proprietario.


L.M. ora è in carcere a Lecce.


Cronaca

La Digos ha identificato 7 dei facinorosi delle proteste a Lecce

Pubblicato

il


Sono accusati, a vario titolo, di violenza, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, accensioni pericolose, getto pericoloso di cose, favoreggiamento e oltraggio a Corpo politico, amministrativo o giudiziario.




Sono 7 le persone individuate e deferite dagli investigatori della DIGOS della Questura di Lecce. Si tratta di alcuni giovani salentini, tra i 26 e i 40 anni, quasi tutti legati al mondo della tifoseria locale e della provincia, che, nel corso della manifestazione del 26 ottobre scorso, a Lecce, hanno posto in essere azioni violente e turbato l’ordine e la sicurezza pubblica.

La manifestazione, nata dal tam tam sui social media, non formalmente preavvisata e, quindi, non “autorizzata”, avrebbe dovuto essere un incontro pacifico nella piazza principale del capoluogo, volta, in particolare, a portare all’attenzione delle Istituzioni e dell’opinione pubblica, il malumore dei commercianti che, con le nuove e più restrittive disposizioni dell’ultimo DPCM, vedono chiudere numerose attività.

Nel corso della serata, però, allorquando le oltre 500 persone che avevano riempito piazza S. Oronzo – dove secondo le vigenti disposizioni avrebbero dovuto permanere in un presidio in forma statica – hanno improvvisato un corteo diretto a piazza Mazzini, un gruppo di circa 50 giovani, tutti indossanti abiti con cappucci di colore scuro e mascherine, utilizzate più per travisare il volto che come dispositivo di protezione dall’epidemia, si è “infiltrato” tra i manifestanti.

La manifestazione, giunta in piazza Mazzini, al termine di alcuni interventi da parte dei commercianti, è stata dichiarata, dagli stessi, conclusa ed i partecipanti, alla spicciolata, hanno preso a fare ritorno in piazza S. Oronzo. Qui, però, si sono ricompattati e, dopo essersi confrontati fra loro, hanno dato vita ad un nuovo corteo diretto su via Trinchese. In questa circostanza, al fine di raggiungere il loro scopo, alcuni dei soggetti deferiti hanno dato vita ad autonome iniziative violente e forzato con prepotenza lo schieramento delle Forze dell’Ordine poste sulla via per arginare l’incedere del gruppo; subito dopo aver oltrepassato gli uomini in divisa, inoltre, non hanno esitato ad offenderli con gesti e frasi oltraggiose ed hanno acceso alcuni fumogeni che sono stati, poi, lanciati al loro indirizzo.

In un episodio, in particolare, uno dei denunciati, non ha esitato a lanciare due artifizi in direzione della pattuglia della Polizia locale. Bloccato dagli agenti della DIGOS, presenti sul posto, il giovane ha opposto attiva resistenza al controllo e, aiutato da altri suoi sodali, è riuscito a dileguarsi tra la folla.

Gli investigatori della DIGOS sono giunti all’identificazione delle sette persone dopo una serrata ed attenta attività d’indagine ed una accurata analisi delle immagini registrate dagli operatori della Polizia Scientifica che ha consentito loro di individuare i rei e contestargli le relative condotte antigiuridiche.

Le indagini, intanto, proseguono, in attesa dei riscontri per l’identificazione di altri soggetti che, nei filmati, si vedono chiaramente far parte del gruppo di facinorosi.


Continua a Leggere

Attualità

Aumentano i contagi diminuiscono i tamponi

Più 75 casi, in Puglia, rispetto a ieri

Pubblicato

il

A fronte di 5.591 test analizzati per l’infezione da Covid-19, oggi in Puglia sono stati registrati 791 casi positivi.

I decessi sono sette. E siamo a più 75 casi rispetto a ieri che si erano riscontrati 716 casi su 7.083 test.

I nuovi casi: 302 in provincia di Bari, 41 in provincia di Brindisi, 127 nella provincia Barletta-Andria-Trani, 171 in provincia di Foggia, 41 in provincia di Lecce, 103 in provincia di Taranto.


Sette casi riguardano residenti fuori regione. I decessi sono avvenuti 6 nella provincia di Foggia, 1 in provincia di Bari.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 550.266 test, 6.448 sono i pazienti guariti, 10.699 sono i casi attualmente positivi.

Continua a Leggere

Cronaca

Dipendente comunale accusa sintomi Covid: sanificazioni in municipio a Ruffano

Pubblicato

il


Ruffano fa i conti col Covid. Dopo un lungo periodo da Covid-free, senza alcun contagio sin da inizio pandemia, è arrivato in settimana il primo contagio ufficiale. Ed in queste ore sale l’apprensione per possibili nuovi casi.





Grande attenzione in municipio dove nella giornata di ieri, nel pomeriggio, si è tenuta la sanificazione degli ambienti.




L’intervento di sanificazione sarebbe dovuto alle condizioni di un dipendente comunale che, sempre nella giornata di ieri, avrebbe accusato sintomi riconducibili ad infezione da Coronavirus. Lo stesso sarebbe stato poi sottoposto a test del quale tutt’ora non è noto l’esito.





In attesa di dati ufficiali quindi in Comune sono state avviate le procedure di sanificazione.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus