Connect with us

Cronaca

Tricase: vasto incendio sulla litoranea

Complice anche il forte vento di tramontana le fiamme hanno divorato la vegetazione della collina prospiciente alla strada Tricase Porto – Marina di Andrano. In attesa dell’arrivo dei candair, alcuni residenti hanno dovuto armarsi di secchi d’acqua e mezzi di fortuna per fermare le fiamme giunte fino alla porta di casa

Pubblicato

il

Le fiamme alimentate dal forte vento proveniente da nord stanno divorando la macchia mediterranea di un’ampia area della collina prospiciente alla litoranea Tricase Porto – Marina di Andrano.


Sul posto sono giunti i vigili del fuoco del Distaccamento di Tricase, precedentemente impegnati in un altro incendio, questa volta nei pressi della marina di Novaglie, sono giunti sul posto e hanno provato a domare le fiamme.


Le operazioni sono state assai difficoltose perchè la zona è impervia ed ai vigili del fuoco non è stato possibile giungere sul luogo coi loro mezzi.


Intanto come già detto il vento soffiava  forte ed alimentava ulteriormente le fiamme che ci hanno messo poco per arrivare dalla zona dell’Isolotto fino a quasi Tricase Porto.


Cosi, in attesa dell’arrivo dei canadair, i residenti si sono attrezzati con secchi e quanto possibile per arignare le fiamme nei pressi delle loro abitazioni.


Ora, dopo l’arrivo dei canadair la situazione sembra tornata sotto controllo.


Fortunatamente non ci sono, almeno al momento notizia di danni a persone o abitazioni.


Restano il dispiacere per tutta quella macchia mediterranea andata in fumo e, soprattutto, la paura di molti, che hanno visto arrivare le fiamme fino alle porte di casa.


Resta anche una discreta rabbia nei confronti di chi ha appiccato il fuoco (difficile immaginare sia andata diversamente) e nei confronti di chi non provvede a pulire adeguatamente il terreno di proprietà.


Questa volta è andata bene. E la prossima?



Giuseppe Cerfeda











Sul posto anche uomini e mezzi della Protezione Civile





Cronaca

Presicce-Acquarica: infermiere in quarantena si toglie la vita

Pubblicato

il


Lavorava al “Vito Fazzi” di Lecce come infermiere. È stato trovato senza vita dalla moglie in casa: si è suicidato mentre era sottoposto ad un periodo di quarantena.





È la triste storia registrata in queste ore a Presicce-Acquarica. Protagonista un 58enne del posto infermiere del reparto Cardiologia dell’ospedale di Lecce.




Da giorni era in isolamento dopo esser entrato in contatto con un paziente positivo al Coronavirus. Ma non aveva contratto il Covid. Perlomeno, il primo tampone cui si era sottoposto aveva dato esito negativo. Il secondo avrebbe dovuto arrivare a breve, tra qualche giorno.





Quel giorno non arriverà: l’uomo non rientrerà mai più al lavoro. Si è tolto la vita nella sua abitazione con una iniezione per motivi non ancora chiari. Sull’accaduto, come atto dovuto, è stata aperta un’indagine.


Continua a Leggere

Attualità

Miasmi a Maglie: «Sulla soglia dell’allarme sociale»

L’assessore Antonio Fitto: «Non possiamo trascurare il rischio che l’allarme sociale, causato dai continui sforamenti dei valori di Pm 10 e Pm 2,5, possa tramutarsi in pericolo anche per la salute»

Pubblicato

il

«L’emissione continua di miasmi, costantemente sopportati dai cittadini di Maglie e del circondario, rappresenta ormai un vero e proprio allarme sociale».

L ’assessore all’ambiente e alla qualità urbana del Comune di Maglie, Antonio Fitto, ha messo nero su bianco, in una lettera inviata al Presidente della Provincia di Lecce e al comandante della Polizia Provinciale oltre che all’Arpa, la preoccupazione per la presenza di un forte e diffuso allarme sociale che investe i residenti a Maglie e nell’’hinterland.

«La presenza di emissioni odorigene nell’aria, spesso in punti precisi della città, viene riscontrata ormai in maniera costante in determinati periodi della giornata», precisa Fitto, «è conclamato che i dati sugli sforamenti di Pm2,5 individuati da Arpa sono conformi con i dati rilevati dalle centraline installate autonomamente dai cittadini magliesi: per questo, oltre ad aver già segnalato ad Arpa che le emissioni odorigene si manifestano in concomitanza con lo sforamento dei parametri di sostanze altamente inquinanti, oggi ho chiesto anche che provveda ad avviare una puntuale indagine sulla presenza di PM 10 in città posizionando i cosiddetti deposimetri».

Il neoassessore all’ambiente Antonio Fitto



L’ex sindaco ed oggi assessore aggiunge: «Non possiamo trascurare il rischio che l’allarme sociale, causato dai continui sforamenti dei valori di Pm 10 e Pm 2,5, possa tramutarsi in pericolo anche per la salute. I cittadini già duramente messi alla prova dalle limitazioni e dalla paura causate dal Covid, sono oggi particolarmente sensibili rispetto alle problematiche ambientali e sanitarie: per questo alle autorità preposte ho segnalato la necessità di provvedere a rintracciare tutti i possibili principi inquinanti presenti nel territorio: ritengo che le autorità preposte, Polizia Provinciale in primis, debbano mettano in campo ogni misura utile a rintracciare con precisione le possibili fonti delle emissioni odorigene attraverso un controllo serio e capillare che porti anche all’individuazione di luoghi – cave dismesse o terreni abbandonati – utilizzati per mettere a combustione qualsiasi tipo di materiale che possa generare fumi e/o maleodori».

Il neoassessore all’ambiente Fitto, che già aveva instaurato un rapporto di costruttiva collaborazione con Arpa, nei giorni scorsi aveva chiesto ed ottenuto da AQP, gestore del depuratore di San Sidero, uno dei possibili siti inquinanti, la formale consegna dei lavori per l’annosa copertura delle vasche.

«Nei prossimi giorni concorderò una data per visitare il depuratore consortile», prosegue l’assessore, «intendo rendermi conto di persona dello stato del cantiere e dell’andamento dei lavori. In più, in tempi brevi saranno individuati i siti per effettuare le analisi anche sugli aghi di pino».

L’amministrazione rimane attenta e vigile: la problematica delle emissioni odorigene deve essere affrontata radicalmente per essere definitivamente risolta» conclude Antonio Fitto che ai cittadini chiede «la massima collaborazione e la segnalazione di ogni dato utile».

Continua a Leggere

Cronaca

Ubriaco al volante mette a soqquadro la città, arrestato

Arrestato 35enne di Gallipoli per resistenza a Pubblico Ufficiale. L’uomo è inoltre stato denunciato per  danneggiamento aggravato, oltraggio a Pubblico Ufficiale, guida di un veicolo in stato di ebrezza e per essersi rifiutato di sottoporsi agli accertamenti alcolemici e degli stupefacenti

Pubblicato

il

Nella tarda serata di ieri gli agenti in servizio presso la Sezione Volanti della Questura di Lecce, hanno tratto in arresto in flagranza di reato, Daniele Costante, 35enne di Gallipoli, per il reato di resistenza a Pubblico Ufficiale.

L’uomo è inoltre stato denunciato per  danneggiamento aggravato, oltraggio a Pubblico Ufficiale, guida di un veicolo in stato di ebrezza e per essersi rifiutato di sottoporsi agli accertamenti alcolemici e degli stupefacenti.

Alle ore 21 circa di ieri seta una segnalazione in Questura  raccontava di come nel Capoluogo, un Fiat Doblò procedesse a forte velocità in via D’Amelio urtando le auto in sosta e minacciando i passanti.

Gli agenti della Sezione Volanti della Questura intervenuti hanno notato il veicolo segnalato che usciva da Piazza Duomo svoltando a destra in Via Vittorio Emanuele II. Nonostante intimassero l’alt attivando i dispositivi di segnalazione visivi ed acustici, l’autista del mezzo ha proseguito la marcia  fino a poi fermarsi in Vittorio Emanuele II, nei pressi della Chiesa di Sant’Irene, dove è stato poi bloccato.

Sul posto i poliziotti notato il Fiat Doblò con la parte anteriore completamente danneggiata dal lato destro e l’uomo che era alla guida, in evidente stato di ubriachezza.

Alla richiesta degli agenti di fornire le proprie generalità, l’uomo senza alcun apparente motivo, è andato in escandescenza, proferendo parole minacciose ed oltremodo oltraggiose nei confronti degli agenti.

Inoltre ha iniziato a sputare colpendo in faccia i due agenti e, dopo un scatto d’ira, ha colpito con una manata in piena faccia un agente mentre questi tentava, con non poche difficoltà di bloccare la sua azione violenta.

Una volta del veicolo l’uomo, improvvisamente, ha scalciato all’indirizzo della portiera posteriore sinistra infrangendo il vetro del finestrino e provocandone il danneggiamento della portiera; stesso discorso per la portiera posteriore destra danneggiata in parte. Nel frattempo ha continuato a sputare all’indirizzo degli agenti e proferito ancora parole minacciose ed oltraggiose anche all’interno dell’abitacolo.

Sul posto è intervenuta anche la Polizia locale che ha effettuato  i  rilievi di competenza, accertando anche che in via Delle Bombarde vi erano tre fioriere ornamentali riverse in terra e danneggiate, il segnale stradale verticale inclinato e due bidoni della spazzatura riversi  a terra e danneggiati.

Dopo le formalità di rito Costante è stato accompagnato presso il suo domicilio agli arresti domiciliati. Stamattina è stata fissata l’udienza per il giudizio direttissimo.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus