Connect with us

Cronaca

Ubriaco al volante mette a soqquadro la città, arrestato

Arrestato 35enne di Gallipoli per resistenza a Pubblico Ufficiale. L’uomo è inoltre stato denunciato per  danneggiamento aggravato, oltraggio a Pubblico Ufficiale, guida di un veicolo in stato di ebrezza e per essersi rifiutato di sottoporsi agli accertamenti alcolemici e degli stupefacenti

Pubblicato

il

Nella tarda serata di ieri gli agenti in servizio presso la Sezione Volanti della Questura di Lecce, hanno tratto in arresto in flagranza di reato, Daniele Costante, 35enne di Gallipoli, per il reato di resistenza a Pubblico Ufficiale.


L’uomo è inoltre stato denunciato per  danneggiamento aggravato, oltraggio a Pubblico Ufficiale, guida di un veicolo in stato di ebrezza e per essersi rifiutato di sottoporsi agli accertamenti alcolemici e degli stupefacenti.


Alle ore 21 circa di ieri seta una segnalazione in Questura  raccontava di come nel Capoluogo, un Fiat Doblò procedesse a forte velocità in via D’Amelio urtando le auto in sosta e minacciando i passanti.


Gli agenti della Sezione Volanti della Questura intervenuti hanno notato il veicolo segnalato che usciva da Piazza Duomo svoltando a destra in Via Vittorio Emanuele II. Nonostante intimassero l’alt attivando i dispositivi di segnalazione visivi ed acustici, l’autista del mezzo ha proseguito la marcia  fino a poi fermarsi in Vittorio Emanuele II, nei pressi della Chiesa di Sant’Irene, dove è stato poi bloccato.


Sul posto i poliziotti notato il Fiat Doblò con la parte anteriore completamente danneggiata dal lato destro e l’uomo che era alla guida, in evidente stato di ubriachezza.


Alla richiesta degli agenti di fornire le proprie generalità, l’uomo senza alcun apparente motivo, è andato in escandescenza, proferendo parole minacciose ed oltremodo oltraggiose nei confronti degli agenti.

Inoltre ha iniziato a sputare colpendo in faccia i due agenti e, dopo un scatto d’ira, ha colpito con una manata in piena faccia un agente mentre questi tentava, con non poche difficoltà di bloccare la sua azione violenta.


Una volta del veicolo l’uomo, improvvisamente, ha scalciato all’indirizzo della portiera posteriore sinistra infrangendo il vetro del finestrino e provocandone il danneggiamento della portiera; stesso discorso per la portiera posteriore destra danneggiata in parte. Nel frattempo ha continuato a sputare all’indirizzo degli agenti e proferito ancora parole minacciose ed oltraggiose anche all’interno dell’abitacolo.


Sul posto è intervenuta anche la Polizia locale che ha effettuato  i  rilievi di competenza, accertando anche che in via Delle Bombarde vi erano tre fioriere ornamentali riverse in terra e danneggiate, il segnale stradale verticale inclinato e due bidoni della spazzatura riversi  a terra e danneggiati.


Dopo le formalità di rito Costante è stato accompagnato presso il suo domicilio agli arresti domiciliati. Stamattina è stata fissata l’udienza per il giudizio direttissimo.


Cronaca

Vento scoperchia rivestimento del santuario: intervento del 115 a Leverano

Pubblicato

il


Di buon’ora questa mattina i vigili del fuoco sono intervenuti a Leverano per la messa in sicurezza di un edificio.





Si tratta del santuario della Madonna della Consolazione, situato nell’omonima via. A render necessario l’intervento dei pompieri il maltempo: il vento forte, che ha soffiato imperterrito sin da ieri e per tutta la notte, ha scoperchiato una guaina collocata a protezione del tetto della chiesa.





Come si vede nella foto a fine articolo, scattata da E. Landolfo, una lunga striscia del rivestimento in guaina è stata rovesciata sulla facciata dell’edificio, rimanendo pericolosamente penzolante sull’ingresso.




Alle prime luci dell’alba, tre mezzi dei vigili del fuoco (come si vede nella foto in evidenza di William Tarantino) sono intervenuti raggiungendo il tetto del santuario e rimettendo in sicurezza la zona.










Continua a Leggere

Casarano

È ancora incubo Covid nelle Rsa: focolaio anche a Casarano

Pubblicato

il


L’incubo Covid continua a tener sveglie le Rsa salentine.





Ambienti protetti, tutelati e isolati che, purtroppo, non sempre possono reggere alla minaccia invisibile e silenziosa del virus. Virus che, talvolta, giunge così in sordina da esser scoperto per caso o da non permettere di ricostruire la catena del contagio.





Mentre a Miggiano la Rssa San Vincenzo tiene botta da ormai qualche giorno (i contagi sono aumentati, ma gran parte sarebbero asintomatici), c’è un nuovo focolaio qualche chilometro più a ovest.




È Casarano a vivere ore di apprensione. La residenza presso il plesso “Euroitalia” ha registrato una serie di positività tra anziani e personale.





Il primo giro di tamponi ha fatto emergere una ventina di casi. Perlopiù ospiti, ma anche un paio di infermieri ed almeno 4 Oss.





Anche qui non è ancora chiara l’origine del focolaio. Sono partiti isolamenti e quarantene e, al momento, per fortuna, non vi sarebbero ricoveri.


Continua a Leggere

Cronaca

Mascherine contraffatte approdano in Salento: in migliaia alla dogana

Pubblicato

il


Nell’ambito dell’attività di contrasto ai traffici illeciti, i funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli in servizio al porto di Brindisi, unitamente ai militari della Guardia di Finanza, hanno sottoposto a sequestro 5.600 mascherine di tipo chirurgico in contrabbando.





La merce viaggiava nascosta all’interno di un camion, sul traghetto proveniente dalla Grecia a attraccato questa mattina nel porto di Brindisi.




Le mascherine sono state prodotte in Cina. Già confezionate e pronte alla messa in vendita sul mercato, riportavano il marchio “CE” ma, al controllo degli agenti, sono risultate prive della documentazione necessaria atta a constarne la sicurezza e l’affidabilità.






Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus