Connect with us

Cronaca

Va a trovare la figlia in Veneto, muore durante passeggiata in bici

Traumi fatali per pensionato di Galatina, vanamente trasportato in elisoccorso: sotto i riflettori un dosso dissuasore di velocità di fresca installazione

Pubblicato

il


Un uomo di Galatina è morto in provincia di Verona in seguito ad uno sfortunato incidente in bici.





Michele De Lorenzis, 69 anni, si era recato nel Veronese per far visita alla figlia. Nel pomeriggio di mercoledì era uscito in bici e, percause ancora da accertare, ne aveva perso il controllo, cadendo e battendo con violenza la testa sull’asfalto.





Il salentino è morto ieri, nelle prime ore del pomeriggio, nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Borgo Trento, a Verona, dove si trovava ricoverato dal giorno dell’incidente. Le condizioni dell’uomo, pensionato, erano apparse subito molto critiche ai soccorritori del 118, intervenuti sul posto con un’ambulanza: aveva perso conoscenza dopo l’impatto.




Come riporta il quotidiano locale L’Arena, per i gravi traumi cerebrali riportati, era stato trasferito con l’elisoccorso di Verona Emergenza al reparto di terapia intensiva dove, purtroppo, ogni tentativo di salvargli la vita è risultato vano. Ospite da qualche giorno della figlia, nella sua abitazione di Vigo di Legnago, complice il bel tempo e i primi tepori primaverili, aveva deciso di prendere la bicicletta per un farsi un giro tra Legnago, Villa Bartolomea e Terrazzo.

Un momento di spensieratezza e di sana attività sportiva che si è interrotto bruscamente all’altezza del civico 49 di via Brazzetto dove, non si sa ancora per quale ragione, il 69enne è caduto rovinosamente dal mezzo, riportando traumi gravissimi. Il ciclista proveniva dal territorio di destra Adige, presumibilmente da Villa Bartolomea, e aveva da poco attraversato il ponte Romano-Posa, dirigendosi verso il paese della mela.





La dinamica dell’incidente rimane ancora al vaglio della polizia locale del Distretto Basso Adige di Legnago, che era intervenuta subito sul posto per eseguire i rilievi e regolare la viabilità. Tra le ipotesi formulate finora potrebbero esserci un malore, un guasto improvviso alla bicicletta, una distrazione o una perdita di equilibrio dopo aver superato uno dei dossi in asfalto posizionati come dissuasori di velocità da pochi giorni su via Brazzetto.





Foto L’Arena


Cronaca

Un’auto e due barche in fiamme: notte d’incendi a Gallipoli

Pubblicato

il

Due incendi nella notte a Gallipoli.

Alle ore 21:35 circa una squadra dei vigili del fuoco del locale Distaccamento è intervenuta presso lo scalo di Alaggio, zona Canneto, per un incendio che stava interessando due imbarcazioni.

Spente le fiamme e messo in sicurezza la zona operazioni i vigili del fuoco hanno avviato le indagini, tuttora in corso, per stabilire le cause che hanno generato il rogo.

Qualche ora più tardi, attorno alle 2e30, intervento del 115 l nel centro storico per un incendio d’auto. A bruciare, una Fiat Freemont.

All’arrivo della squadra dei vigili del fuoco l’incendio era generalizzato e l’irraggiamento delle fiamme stavano coinvolgendo un portone d’ingresso di un’abitazione un’insegna pubblicitaria ed un palo della pubblica illuminazione.

Spente le fiamme e messo in sicurezza la zona interessata dall’evento i vigili del fuoco hanno avviato le indagini, tuttora in corso, per stabilire le cause dell’incendio.

Continua a Leggere

Cronaca

“Non abbiamo più rispetto nemmeno per Lui!”

Spazzatura abbandonata accanto alle edicole votive della via Crucis su via Maddona di Fatima a Tricase

Pubblicato

il

Foto del giorno, giunta in Redazione. Un lettore ci invia lo scatto, accompagnati da un eloquente commento, di alcuni sacchi di spazzatura abbandonati a Tricase. Siamo su via Madonna di Fatima, la strada che porta sulla omonima collina, accompagnando chi passa con le edicole votive della via Crucis.

Continua a Leggere

Cronaca

Svaligiata casa del sindaco a Ruffano

Il colpo nella serata di ieri: ladri in fuga indisturbati

Pubblicato

il

Ladri in casa del sindaco a Ruffano nella serata di ieri, venerdì 25 novembre.

La dimora del primo cittadino, Antonio Cavallo, è stata raggiunta attorno alle 21, mentre nessuno era in casa.

Sono stati portati via oggetti preziosi ma anche elettrodomestici. Il bottino è da quantificare.

I carabinieri, intervenuti sul posto, indagano sull’accaduto. Si attende di capire se vi siano immagini utili, immortalate da telecamere di sorveglianza presenti in zona.

Il fatto che il furto sia avvenuto a colpo sicuro, forzando un infisso da una strada laterale, e l’ingombro di quanto asportato, fanno pensare che chi ha colpito sia più di una persona, a bordo probabilmente di un furgone.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus