Connect with us

Attualità

Casarano e gli angeli della porta accanto

Pubblicato

il


Un antico adagio dice che il Natale esisterà sempre finché ci teniamo mano nella mano ed il cuore nel cuore. Quest’anno, quelli che ne capiscono, insieme a quelli che ci governano, hanno deciso che mano nella mano non potremo proprio tenerci ma il Natale, ed il suo particolarissimo spirito, possiamo comunque salvarli perché mai nessun DPCM potrà vietarci di mettere in contatto i nostri cuori.





Le raccolte di viveri in questo periodo di crisi non sono certo una novità: dalle associazioni ai club calcistici, dalla Croce Rossa ai Lions fino alle suore, sono mille le occasioni che mettono in luce quanto cuore e quanta bontà ci sia in giro e di tutto ciò ne abbiamo spesso già parlato.
Così come colpisce e preoccupa la protesta quando non è organizzata ma nasce spontanea nelle piazze, allo stesso modo colpisce e commuove la bontà che nasce e si organizza spontanea perché vede e tocca le necessità di chi vive nella porta accanto.





Simona e Anastasia





Oggi vi parleremo di due ragazze di Casarano, Anastasia e Simona; loro, così come tanti altri volontari, da anni sono impegnate nella beneficenza pur non facendo parte di nessun ente formalmente organizzato. C’è però una particolarità che rende diversa l’iniziativa di cui stiamo parlando.
La beneficenza viene infatti quasi sempre distribuita a pioggia, andando a soddisfare i bisogni primari del maggior numero possibile di persone bisognose ma riuscendoci solo in maniera purtroppo effimera. Sono azioni bellissime ed importantissime, che donano solo un alito di ossigeno ma che non costituiscono quasi mai una soluzione definitiva o, quantomeno, in grado di donare un po’ di tranquillità a chi ne ha bisogno, per un periodo più o meno lungo. Anastasia e Simona hanno deciso invece di cambiare questo modo di agire. Loro hanno cominciato in piccolo, adottando solo un paio di famiglie, conosciute direttamente, alle quali si sono avvicinate con molta discrezione per non mortificare la dignità di persone che non avevano nemmeno il coraggio di chiedere aiuto. Avete presente quelle famiglie in cui la mamma fa finta di star male di stomaco pur di lasciare ai figli il poco cibo disponibile? Sono solo un paio di famiglie alle quali queste ragazze intraprendenti non hanno solo donato qualche pasto ma hanno cercato (riuscendovi) di donare un po’ di serenità, un po’ come dire: “Mentre tuo marito cerca lavoro per pagare l’affitto e le bollette, tu non preoccuparti del cibo e dei vestiti, dei colori e dei quaderni per i tuoi figli; non è molto ma a questo ci pensiamo noi”.





Aiutarsi a vicenda fa bene al cuore




Per riuscirci hanno deciso di creare un gruppo Facebook dal significativo nome “Aiutarsi a vicenda fa bene al cuore” e, utilizzando le proprie abitazioni come magazzini improvvisati, hanno cominciato a raccogliere tutto ciò che il cuore di alcuni conoscenti prima e di perfetti sconosciuti poi, voleva donare vestiti, giocattoli, materiale scolastico ed ovviamente cibo per poter essere la soluzione alle notti insonni di queste famiglie ma il cuore dei salentino riserva sempre delle sorprese bellissime e la raccolta è andata ben oltre le originarie aspettative tanto che, oltre alle due famiglie, di tanta bontà hanno cominciato a beneficiarne anche altre persone come anziani con la pensione minima e giovani coppie disoccupate.





«È commovente essere contattate da perfetti sconosciuti che offrono spontaneamente quello che hanno», dichiarano questi angeli della porta accanto, «così come è bello essere ripagate da un sorriso dolce e riconoscente di chi ha perso il lavoro ma non la dignità; e poi, quando aiuti gli altri, ti senti bene tu».
L’invito quindi è quello di essere sempre più numerosi in questa gara di solidarietà. il contatto è il gruppo Facebook; non si accetta denaro contante (per evitare qualunque commento e fugare qualunque dubbio) ed ovviamente ai beneficiari è garantito il più totale anonimato.





“Dobbiamo essere grati alle persone che donano felicità, sono gli affascinanti giardinieri che fanno fiorire la nostra anima”. (Marcel Proust).





Antonio Memmi


Attualità

Assembramenti a Leuca: il sindaco impone il divieto di stazionamento

Pubblicato

il


Non resta a guardare il sindaco di Castrignano del Capo Santo Papa: dopo un altro weekend in zona gialla, all’insegna del pericolo costante di assembramenti, arriva un’ordinanza che interessa Santa Maria di Leuca.





Proprio la marina di Castrignano infatti nelle ultime due domeniche è stata presa d’assalto da centinaia di persone alla ricerca di un pizzico di normalità. In tanti, troppi però hanno messo da parte ogni contegno legato al Covid ed, in barba alla normativa sul distanziamento sociale, han dato vita a capannelli di persone nei pressi di più locali (guarda qui cosa è accaduto ieri).





Ecco allora che la settimana per Leuca inizia con un’ordinaza. Documento nel quale il sindaco impone il divieto di stazionamento sulle zone “calde” della marina:





1. Il divieto di stazionamento dei pedoni su Lungomare C.Colombo;




2. Il divieto di stazionamento dei pedoni sul tratto di strada di Via D.
Croce, a partire da 100 metri prima del pubblico esercizio all’insegna
“Bar del Porto” fino all’incrocio con Via S.Elisa Martinez. Il divieto
viene esteso anche a Piazza Marinaid’Italia ed alla scalinata
monumentale;





3. Il divieto di stazionamento nel prolungamento di via Enea tra l’incrocio con via Fuorense e il lungomare C. Colombo.





4. Il divieto di stazionamento dei pedoni nel tratto di via Zara tra l’incrocio con via Fuorense e il lungomare C. Colombo.






Continua a Leggere

Attualità

Autovelox, telelaser e postazioni fisse nel Salento a marzo

 Sono pronti i calendari dei controlli sulle strade provinciali, che saranno effettuati dalla Polizia provinciale, tramite autovelox, telelaser e postazioni fisse, nel mese di marzo 2021

Pubblicato

il

POSTAZIONI MOBILI DI CONTROLLO DELLA VELOCITÀ

 

 

POSTAZIONE FISSA


CALENDARIO TELELASER MARZO 2021

Continua a Leggere

Attualità

Presicce-Acquarica: 865mila euro a Cooperativa Nuova Agricoltura

Ammesso a finanziamento il progetto di rigenerazione olivicola. «Premiato il lavoro di gruppo e una nuova idea di futuro per la nostra agricoltura»

Pubblicato

il

Un lavoro durato mesi che ha portato a dei grandi risultati: il progetto di rigenerazione olivicola presentato dalla Cooperativa agricola Nuova Agricoltura di Presicce-Acquarica è stata ammessa a finanziamento per una cifra ammontante a 865mila euro e, a breve, partiranno i lavori di espianto e poi reimpianto degli ulivi.

La Cooperativa ha partecipato al bando della Regione Puglia dedicato al “Reimpianto di olivi in zona infetta” (pubblicato sul BURP n. 128 straord. del 10.09.2020), misura esclusiva per la zona infetta da Xylella fastidiosa, volta a “riqualificare nel medio lungo periodo tutto il territorio salentino colpito dalla batteriosi, ricostituendo il patrimonio olivicolo danneggiato”.

Il bando permetteva l’inoltro di domande individuali ma ad essere privilegiate sono state le azioni collettive.




«Per questo abbiamo iniziato a lavorare sodo per creare una rete solida con tutti gli interessati», afferma il presidente della cooperativa Dario Ratta, «incontrandoli uno per volta, assieme all’agronomo che ha curato le pratiche Donato Ratano, e facendo conoscere il nostro progetto, che non si limita solo al reimpianto degli alberi secchi, ma che guarda al futuro e che mira alla rinascita di tutto il settore agricolo tra Presicce-Acquarica, per troppo tempo penalizzato dalla Xylella e dalla crisi».

È la prima volta che una cooperativa del posto è riuscita a mettere insieme tante persone, 83 proprietari tra agricoltori e semplici cittadini, che a breve verranno ricontattati per l’avvio dei lavori. In totale l’area interessata è di 126 ettari di superficie e verranno reimpiantate 13500 piante della varietà Leccino Favolosa.

«Siamo soddisfatti del risultato raggiunto perché l’unione fa la forza ed è l’unico modo per provare ad invertire la rotta nel nostro territorio», continua Ratta, «la popolazione ha risposto al nostro appello e ora possiamo tirare un sospiro di sollievo: grazie al finanziamento raggiunto possiamo assumere 9 lavoratori agricoli e ricominciare a far valere il comparto agricolo del territorio».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus