Connect with us

Attualità

Tuteliamo il Made in Italy, ne va del nostro benessere

«Dall’immagine del Made in Italy all’estero dipende la nostra capacità di esportazione e quindi il nostro benessere economico. Occorre una presa di coscienza generale. Tutti dobbiamo sentire la necessità di far arrivare a livello politico ed istituzionale questo messaggio»

Pubblicato

il

La mancata tutela del Made in Italy, soprattutto nel settore moda, può arrecare danni irreversibili oltre che alla nostra economia e al nostro benessere anche alla salute di ognuno di noi.


Salvatore Rotundo, imprenditore di Castrignano dei Greci, stufo di attendere che le istituzioni facciano passi avanti concreti, per informare e sensibilizzare sulla questione ha deciso di fare da solo, utilizzando, ogni mezzo a disposizione, internet e social compresi.


«Mi spiace constatare che il prestigio del Made in Italy nel mondo non sia più quello di una volta», premette l’imprenditore salentino.


È un tema che direttamente o indirettamente riguarda la vita di ognuno di noi anche perché non ha solo implicazioni economiche ma anche implicazioni che hanno a che fare con la nostra salute.


Un esempio su tutti: «La tinta per tessuti e i filati in Italia è molto costosa perché si possono adoperare solo coloranti a norma di legge non pericolosi per la salute. In alcuni Paesi asiatici, invece, è consentito utilizzare coloranti economici, proibiti in Italia perché tossici e spesso anche cancerogeni, come i coloranti azoici che contengono metalli pesanti, cromo, nichel, cadmio, ecc. che entreranno a contatto con la nostra pelle».


Non solo: «Tutti i bagni di tintura in cui rimangono disciolte grandi quantità di coloranti vengono gettati nei fiumi, così chi produce risparmia ulteriormente sui costi di smaltimento e depurazione con conseguenze devastanti sull’ambiente che sono facilmente immaginabili».

Le conseguenze sulla nostra economia sono pesanti a partire di 120mila posti di lavoro persi negli ultimi anni solo nel settore moda.


Anche chi non è del settore, però, dovrebbe essere preoccupato.


Se è «inaccettabile la nostra mancanza di consapevolezza, ancor di più lo è quella delle istituzioni: dall’immagine del Made in Italy all’estero dipende la nostra capacità di esportazione e quindi il nostro benessere economico. Occorre una presa di coscienza generale. Tutti dobbiamo sentire la necessità di far arrivare a livello politico ed istituzionale questo messaggio».


IL VIDEO IN DIFESA DEL MADE IN ITALY



Attualità

Senza Rete, il docufilm contro il cyberbullismo  

Polizia di Stato e Rai Documentari presentano il docufilm nato per sensibilizzare all’uso consapevole del web: in onda domani sera, alle 23, su Rai Due

Pubblicato

il

“È un incubo e non so come uscirne, vorrei solo sparire per sempre”, con queste parole inizia “Senza Rete”, un docufilm che racconta il cyberbullismo, provando a svelarne la natura: un mostro da guardare in faccia per poterlo riconoscere e affrontare.

L’idea di questo documentario nasce dall’intervento del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione dell’inaugurazione dell’Anno scolastico lo scorso 16 settembre a Grugliasco (TO), che, ricordando il dramma di Alessandro Cascone – il giovane di Gragnano suicida a 13 anni vittima di bullismo – ha sollecitato un maggior impegno al contrasto del cyberbullismo da parte dell’intera società e ricordato il valore della scuola, centrale per la nostra Repubblica.

Un’iniziativa rivolta ai più giovani, promossa con la collaborazione del Ministero dell’Istruzione e del Merito per sensibilizzare i minori all’uso consapevole del web e prevenire il diffondersi del fenomeno del cyberbullismo e di tutte le varie forme di prevaricazione connesse ad un uso distorto delle tecnologie.

Parallelamente alla crescita di diverse forme di disagio giovanile, oggi sono triplicate le richieste di aiuto di ragazzi e ragazze vittime di cyberbullismo. Chi perseguita si nasconde dietro la rete dei social sminuendo la gravità delle proprie azioni, chi è perseguitato, invece, in quella rete rimane impigliato, al punto da correre il rischio di soffocare. “Senza Rete” intende rimuovere quella rete, che può essere alibi o allo stesso tempo strumento di tortura.

E lo fa ponendo al centro della narrazione le storie di alcuni ragazzi e ragazze vittime di cyberbullismo, attraverso la loro testimonianza diretta e quella delle persone a loro più vicine, degli Operatori della Polizia Postale che, con la loro umanità, si sono trovati ad affiancarli e soccorrerli.

Come la storia di Andrea, che non ce l’ha fatta a sconfiggere quel mostro, o quella di Francesco e Valeria che invece la spuntano e lo mettono al tappeto, lasciandosi alle spalle la paura e la vergogna.

Attraverso i loro racconti e con l’aiuto di psicologi, docenti e esperti della Polizia Postale, “Senza Rete” mostra le pieghe oscure del cyberbullismo ma anche e soprattutto la luce in fondo al tunnel che può rischiarare quel buio.

Proprio ad Alessandro Cascone è stata dedicata, nei giorni scorsi, la proiezione in anteprima del docufilm all’Auditorium Parco della Musica di Roma con la partecipazione di oltre 2500 studenti delle scuole romane insieme ai genitori di Alessandro, al Capo della Polizia, Lamberto Giannini, al Presidente della Rai Marilena Soldi e al direttore di Rai Documentari, Fabrizio Zappi.

Prodotto da Silvio Ricci per la SiriVideo in collaborazione con Polizia di Stato e Rai Documentari, scritto da Giovanni Capetta, Riccardo Mazza e Marco Speroni, che ne cura anche la regia, il docufilm sarà trasmesso da Rai Documentari domani (sabato 4 febbraio  in seconda serata su Rai Due e sarà proiettato in tutte le scuole d’Italia.

Continua a Leggere

Attualità

Calzini spaiati, inno alle diversità

Ricorre oggi la giornata internazionale dei calzini spaiati: non importa se monocromatici o a fantasia, se appaiati o meno, alla fine sono e resteranno sempre calzini…

Pubblicato

il

Oggi è la giornata internazionale dei calzini spaiati (decima edizione).

Ovviamente non è una giornata dedicata a coloro che continuano a far confusione e a smarrire calze e calzettoni sul fondo del cassetto e neppure a chi si ritrova con le calze spaiate nel cestello della lavatrice.

La giornata internazionale dei calzini spaiati nasce invece per celebrare la diversità.

È un vero e proprio inno alla diversità, che nasce per sottolineare l’importanza dell’inclusività e del rispetto reciproco e per veicolare un messaggio di solidarietà e di accettazione degli altri.

In Italia la ricorrenza cade il primo venerdì del mese di febbraio, quindi non si tratta un evento fisso.

Se la data fosse fissa non tutti gli anni cadrebbe in settimana e non sempre sarebbe quindi possibile festeggiare a scuola e in classe organizzando attività per i più piccoli.

In occasione della giornata internazionale dei calzini spaiati questa giornata, infatti, in numerose scuole italiane alunni e insegnanti vengono invitati a indossare i calzini spaiati per celebrare la metafora della diversità: non importa se monocromatici o a fantasia, se appaiati o meno, alla fine sono e resteranno sempre calzini. Aderire alla giornata internazionale dei calzini spaiati è molto semplice: basta mettere ai piedi due calzini diversi, che non nascano per essere indossati insieme, e condividere una foto sui social con l’hashtag #calzinispaiati2023.

Viva i calzini spaiati, viva le diversità.

Continua a Leggere

Attualità

Poggiardo: ecco il nuovo sindaco Baby

Il sindaco Antonio Ciriolo ha vestito il piccolo Luis Ferramosca con la fascia tricolore

Pubblicato

il

Insediato il Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze dell’Istituto Comprensivo di Poggiardo.

Si è svolta questa mattina la cerimonia di insediamento dei ragazzi e delle ragazze della locale scuola.

Il sindaco Antonio Ciriolo ha proclamato i Consiglieri eletti ed ha consegnato al sindaco baby Luis Ferramosca la fascia tricolore.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus