Connect with us

Approfondimenti

Miggiano, a nozze la prima coppia gay

Intervista esclusiva alle prime due donne spose del sud Salento: “Un grande giorno, anche grazie ad uffici competenti e disponibili, altro che a Tricase…”

Pubblicato

il

La nuova legge 20 maggio 2016 n. 76 ha riformato il diritto di famiglia introducendo le unioni civili e la possibilità per le coppie di regolare gli effetti patrimoniali della loro convivenza. Si definiscono unioni civili tutte quelle forme di convivenza di coppia, basata su vincoli affettivi ed economici, alla quale la legge riconosce attraverso uno specifico istituto giuridico uno status giuridico analogo, per molti aspetti, a quello conferito dal matrimonio.


Volutamente non abbiamo fatto riferimenti né distinzioni tra le cosiddette coppie eterosessuali e quelle dello stesso sesso. Il mondo è cambiato, è ora di rendersene conto: la laicità di pensiero, guadagnata in tutti questi anni necessari ad affrancarci da una rigida educazione cattolica, dovrebbe farci accettare senza difficoltà che chiunque, laddove non ci siano costrizioni, possa vivere liberamente la propria sessualità e godere di tutti i diritti di legge consentiti ad una coppia. Per dirla tutta dovrebbe cambiare anche il modo di esprimersi: basta distinzioni tra gli uomini per razza (una persona non è bianca o di colore, è una persona e basta), stop ai distinguo tra coppie. Due persone che si amano e costruiscono il proprio nucleo familiare devono diventare la normalità anche se non sono i canonici marito e moglie.


Anche per questo motivo abbiamo deciso di tralasciare i nomi delle protagoniste della nostra storia, per evitare che diventino mero oggetto di pettegolezzo e siano ritenute un fenomeno da baraccone. La notizia della prima unione civile tra donne nel Capo di Leuca e nel sud Salento resta comunque storica e la strada aperta dalle due protagoniste potrà servire alle tante altre coppie che vivono con la difficoltà solita dei piccoli centri la loro storia d’amore.


Le nostre due, hanno coronato il loro sogno d’amore a Miggiano, paese di una delle due (la compagna è di Lecce): lo scorso 11 settembre sono state accolte in municipio dal sindaco Giovanni Damiano, bardato di fascia tricolore che ha sancito ufficialmente la loro unione. “Non solo la firma nostra e dei testimoni sul registro delle unioni civili, ma una vera e propria festa che abbiamo voluto condividere con parenti stretti e alcuni amici. In realtà volevamo fare il tutto a luglio ma, anche se era stata approvata la legge, il Comune di Miggiano come quasi tutti gli altri della provincia e non solo, non era ancora attrezzato all scopo”.


Quale è stata la reazione in Comune quando siete andate a chiedere di poter celebrare la vostra unione?


Ci teniamo a precisare che l’impiegato comunale che ci ha accolte è stato gentilissimo, competente e disponibile. Ho sentito quanto è avvenuto a Tricase e della risposta assurda del dipendente di quel Comune (“Si rivolga altrove”); noi, invece, abbiamo trovato grande professionalità. Parlato col sindaco e appurato la fattibilità, siamo state seguite da un impiegato dell’ufficio anagrafe e tutto è filato liscio”.


Riguardo al grande giorno, poi, ricordano:


Il sindaco ha letto gli articoli, rivoltoci delle domande facendoci scegliere il cognome, e chiestoci se optavamo per l’unione dei beni; dopo aver letto una poesia (“è stato molto carino”) ha dichiarato ufficialmente l’unione civile”.


Alle due donne abbiamo chiesto di raccontarci la loro storia:


Siamo insieme da 14 anni e viviamo insieme dal 2006. Dal momento in cui è stata approvata la legge abbiamo pensato di sistemare la nostra situazione anche per metterci un po’ al sicuro pensando al domani. Non siamo più tanto giovani, pensavamo alla vecchiaia e ad eventuali imprevisti della vita. L’unione civile può aiutarci a vivere in maniera più serena. Giusto pensarci prima: è già accaduto che, deceduto uno dei partner, l’altro non si sia visto riconoscere alcunché. Ovviamente la tranquillità non è solo di tipo economico, ora siamo una famiglia a tutti gli effetti ed è giusto aver potuto sottoscrivere un patto, un contratto che ci tutela entrambe. Per noi è stata solo l’ufficializzazione giuridica di una situazione che esisteva da anni, vivevamo già nella più grande normalità e la nostra storia era ben chiara a parenti ed amici”.


State insieme da 14 anni. Mai subiti episodi di intolleranza o comunque antipatici?


Niente di particolare. All’inizio, quando abbiamo cominciato a frequentarci, magari se ne parlava, come accade in tutte le situazioni nuove che si vengono a creare. La gente parla, parla finché non si stufa e sceglie un altro argomento. Ritengo che già da anni la nostra storia sia stata assorbita e sia diventata normalità”.


Tornando a ritroso negli anni, com’è stato l’outing in famiglia? “Credo sia stato un processo arrivato per gradi”, ci racconta una delle due conviventi, “dopo aver vissuto le mie esperienze frequentando sia uomini che donne, la mia compagna è stata la prima con cui ho deciso di costruire una vita insieme. Ho capito che era la persona giusta e me ne sono innamorata. Non ho dovuto dire nulla direttamente ai miei, hanno visto che abbiamo cominciato frequentarci e ci hanno fatto l’abitudine. Pian piano hanno realizzato il tutto ma senza alcun trauma. Questo vale sia per i miei genitori che per quelli della mia compagna. Qualcuno ha realizzato più velocemente, altri meno, ma non ci hanno mai creato problemi”.

Chiacchierando è venuto fuori anche un aneddoto relativo ad un genitore piuttosto anziano di una delle due donne che merita di essere raccontato.


Il papà della mia compagna, l’ha capito prima di tutti e ci ha detto testuale: “Non vedo che problema ci possa essere, ce ne sono tante come voi, l’importante è che vi vogliate bene”. È stato straordinario…”.


Voi avete fatto il grande passo, vi sentite di dire qualcosa a chi vive nell’ombra il proprio amore?


Dichiaratevi, unitevi, sposatevi: più siamo a farlo e meno clamore ci sarà. Se restiamo in pochi sarà sempre un argomento di cui parlare e sparlare o magari nascondere; se invece continuiamo a farlo, diventerà una cosa normale”.


Le facciamo notare che ora anche la tv generalista tratta in modo diverso l’argomento. Addirittura da Maria De Filippi “Uomini e Donne” ha inaugurato il “trono gay”. Non che la la cosa ci entusiasmi, però tant’è…


Dobbiamo riconoscere che la tv oggi influenza molto il pensiero comune. Ed anche nei programmi dei teenager la cosa ora passa senza grandi difficoltà. Tutto questo magari può aiutare i genitori che scoprono l’omosessualità di un figlio ad affrontare la cosa con un pizzico di apprensione o addirittura timore in meno”.


Sognate di poter avere un figlio?


Ci abbiamo provato, ma in Italia non è ancora possibile. Siamo state all’estero ma siamo incappate nelle mani di medici o personaggi poco chiari che avevano l’unico scopo di spillarci dei soldi. Anche per evitare che accadano cose come queste, dovrebbero sbrigarsi a renderlo possibile anche in Italia. Nel frattempo sono passati gli anni ed ora non ci pensiamo più”.


Intanto entrambe non vedono l’ora che “questo clamore si spenga perché non ci piace stare sotto i riflettori e vogliamo ritornare alla nostra vita tranquilla”.


Già quella tranquilla vita familiare, perché una famiglia comunque sia composta, resta sempre e solo una famiglia.


Giuseppe Cerfeda


 


Approfondimenti

L’accorato appello di un nostro connazionale di Lucerna

“Ci eravamo impegnati per raccogliere i fondi e rilevare la Casa d’Italia, ma Roma ci ha delusi…”

Pubblicato

il

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO


Dopo diverse telefonate ricevute in Redazione da parte del signor Ippazio Calabrese di Tiggiano, che ci esortava a pubblicare la lettera indirizzata alle istituzioni italiane per tramite di un suo console, abbiamo deciso di rendere pubblica questa denuncia (che molte redazioni di giornali hanno ricevuto), nella speranza che il grido d’aiuto dei tanti connazionali all’estero, nella fattispecie quelli del cantone Lucerna, in Svizzera, possano ricevere la dovuta attenzione, e che il danno per aver dovuto “abbandonare l’Italia” ieri non si trasformi in una sonora beffa oggi.


Lettera aperta al Console generale di Zurigo, dr. Giulio Alaimo 


Il Console di Zurigo, dr. Giulio Alaimo, tra qualche settimana si trasferirà  nel Principato di Monaco, dove ricoprirà  l’incarico di  Ambasciatore e vorremmo approfittare dell’occasione per portare a conoscenza della comunità italiana  alcuni particolari sull’operato dello stesso.


Era il 23 settembre del 2016, ad  appena 2 mesi dal suo insediamento, quando venne per la prima e ultima volta a trovarci alla Casa d’Italia di Lucerna, i connazionali erano onorati e contenti di fare la sua conoscenza. 


La Casa d’Italia, in quel periodo, ospitava l’asilo materno gestito dalle Suore Scalabriniane che accudivano diversi bambini. Il suddetto immobile, era stato comprato, nel 1939, dallo Stato italiano, grazie anche al contributo della comunità italiana locale che, così facendo, andava incontro alle esigenze dei tanti genitori che lavoravano, e potevano affidare i propri figli alle stesse suore che albergavano nella  struttura. 


Per motivi di sicurezza e fiducia, la Comunità affidò, in seguito, l’immobile nelle mani sicure dello Stato, ma  quest’ultimo ha preferito, (e siamo ad oggi, nel 2018), mettere all’asta l’edificio, senza interrogarsi come venire incontro agli interessi ed alle esigenze dei propri Connazionali.


La Casa d’Italia negli anni è stata sede  anche del consolato fino al 2000, diventata poi agenzia consolare ed infine assorbita dal Consolato di Zurigo. 


Inoltre, sempre nello stesso edificio, ha operato il corrispondente consolare, la Missione Cattolica, la Dante Alighieri, l’Unitre, le ACLI, il CASLI, la biblioteca italiana, il CONI, ed altro, financo un ristorante italiano gestito dalla Colonia Libera. 


Nel 2017 da Roma venne  deciso di chiudere e vendere l’edificio. Preoccupati della vendita avvenuta negli ultimi anni di altri immobili dello Stato italiano ubicati in Svizzera, e ci riferiamo a quelli  di Locarno, Bellinzona e San Gallo, subito ci siamo messi all’opera per racimolare la somma di denaro, corrispondente alla cifra della base d’asta, richiesta nel bando, affinché la casa rimanesse nelle mani degli italiani in Svizzera. 


Nonostante quell’immobile, come Lei è a conoscenza, pregiatissimo dr. Alaimo, racchiudeva 80 anni di storia dell’emigrazione italiana e, pertanto, meritava di essere salvato e tramandato alle future generazioni,  nonostante avessimo un accordo con la Farnesina, tramite una trattativa privata scritta, nonostante ci fossimo strenuamente battuti per racimolare il denaro, il Ministero degli Esteri non ci è venuto incontro e l’ha venduto al miglior offerente!


Adesso ci sentiamo traditi dalle Istituzioni: dall’allora Ambasciatore Del Panta, dai parlamentari eletti all’estero, dall’inutile CGIE  e dal Com.It.Es di appartenenza. 


Ci saremmo aspettati dal Presidente del Com.It.Es di Zurigo che, oltre che a scrivere lettere a destra e a manca (senza ricevere risposte), si fosse premurato di farsi ricevere, con spirito patriottico, dal Console Alaimo e dal precedente  Ambasciatore e, a nome della Comunità tutta, avesse contattato la Farnesina, per non far partire l’asta. 


Purtroppo tutto ciò non è stato fatto, per non contraddire le Istituzioni romane. 


Con rammarico dobbiamo evidenziare l’indifferenza di tutti i rappresentanti delle Istituzioni,  per non essere stati in grado  di fare squadra, per salvare quell’immobile dall’immenso valore umano-storico-culturale.  


Quello che più ci ha fatto arrabbiare è stato l’atteggiamento arrogante e denigratorio dello Stato italiano, che non si è degnato nemmeno di rispondere alle richieste di sospensione del bando di vendita all’asta della Casa d’Italia di Lucerna, e quello di concederci la priorità di acquisto. 

Purtroppo, con amarezza, dobbiamo affermare che la nostra richiesta di acquisto non è stata presa nemmeno in considerazione. 


Qual è il rispetto delle Istituzioni verso noi italiani all’estero?


E’ questa la stima, il rispetto ed il valore che ha Roma verso gli Italiani residenti all’estero? 


Abbiamo dovuto giustificare l’operato di Roma anche nei confronti della Città di Lucerna, che  aveva espresso per iscritto la  volontà di acquistarla ma non seguì nessuna risposta. Proviamo vergogna!


Nella comunità di Lucerna e cantoni limitrofi, non sappiamo dove organizzare eventi culturali  o commemorare le nostre feste nazionali. Ci  sentiamo abbandonati dallo Stato italiano con una profonda ferita che stenta a rimarginarsi, e ancora oggi attendiamo una replica per coprire l’assordante silenzio per quello che non è successo. 


Infine, vorremmo portare a conoscenza al dr. Alaimo, che nel novembre 2018 sono stati cancellati nella sola zona di Lucerna, Niedwalden, Obwalden e Uri ben 3 corrispondenti consolari.  Ne è rimasto  solo uno che, ora, deve fare il lavoro che, precedentemente,   svolgevano in quattro.


Dopo oltre vent’anni di  volontariato, queste persone  che la comunità apprezzava, sono state improvvisamente destituite dalle loro mansioni, senza una spiegazione. Sarebbe stato cortese se fosse giunto loro un ringraziamento per iscritto per il decennale lavoro di volontariato, svolto a costo zero.


Nonostante il caso fosse stato fatto presente in diverse occasioni alle riunioni del Com.It.Es, che Lei, dr. Alaimo, nell’ultimo anno (prima del coronavirus), non ha presieduto, facendosi sostituire da un funzionario del Consolato, finora non è stata presa nessuna decisione sull’argomento.


Ed è per questo che i firmatari in calce ne approfittano, per rivolgere un immenso grazie agli ex-corrispondenti consolari:  Andrea Nieddu, Pietro Razza e  Carmine Di Clemente.


Un’ ultima osservazione riguarda la ristrutturazione della Casa d’Italia di  Zurigo, ancora di proprietà dello  Stato, dove  Lei, dr. Alaimo, non si è prodigato più di tanto per riservare, in futuro, un piccolo spazio alle Associazioni e ai Connazionali, che prima della chiusura dell’immobile, del 2017, era stato ritrovo sicuro e punto di riferimento. 


Da persone educate e rispettose delle Istituzioni Le auguriamo ogni bene per il suo nuovo ruolo di Capo Missione nel Principato di Monaco.


Firmato:


Ippazio Calabrese Consigliere Com.It.Es /Zürich – Carmine Di Clemente ex-Corrispondente Consolare – Cavaliere Giulio Rossi – Carmela Sbaraglia 


Judith Conte – Angelo  Farina – Giuseppe  Carrubba – Franco Nuzzo – Richard Emmenegger – Carmelina Santangelo – Evangelo Perez  


Continua a Leggere

Approfondimenti

Ebrei a Tricase Porto, la storia che sfila tra le dita

Si chiamava Geltrude Kraus ed era una bella ragazza di origini austriache, ebrea, bionda, che sembrava…

Pubblicato

il

Le emozioni sono attimi fuggenti che sfilano tra le dita, come un nastro di seta che, scivolando via, ci accarezza la pelle e sprigiona sensazioni e suggestioni che permeano l’animo umano.


Sono briciole di storia sedimentata, attimi di letizia che riemergono dalla profondità dei ricordi che, solo col trascorrere del tempo, apprezziamo sempre di più.


Quelle dell’estate del 1945, anche se lontane nella memoria, cristallizzate nel racconto di Ercole Morciano e descritte con maestria, ci fanno riflettere sui momenti bui che quella generazione ha vissuto, ha saputo affrontare e superare, sul candore della fanciullezza e sul valore dell’amicizia che, nonostante tutto, vince su ogni obbrobrio che l’uomo genera.


Il libro Ebrei a Tricase-Porto è uno scrigno di racconti che immortala una breve storia tricasina di quegli anni; attimi di vita vissuta che scorrono via come nastri di seta fra le dita; avvincente come un giallo che cattura con piacevole leggerezza, riportandoci in quelle suggestive estati che hanno segnato la vita per tanti tricasini e molti altri “immigrati” di passaggio.


Luigi Zito


STORIE DI RAGAZZE TRICASINE ED EBREE


Ercole Morciano


Clara e Marisa Bleve abitano in Tricase, corso Roma, nei pressi del passaggio a livello ferroviario e sono entrambe pensionate.


Il racconto che segue è una delle tante storie – oltre cinquanta – che ho raccolto nel mio libro Ebrei a Tricase-Porto, pubblicato dalle edizioni del Grifo di Lecce. Sono storie accadute negli anni 1945-1947, quando alla marina di Tricase era attivo il D.P. Camp n. 39, per l’accoglienza dei profughi Ebrei alla fine della seconda guerra mondiale.


Le sorelle Bleve furono da me intervistate, nella loro casa, l’11 febbraio 2016. Segue il loro racconto:


“Al tempo in cui avvennero i fatti, [nell’immediato secondo dopoguerra, ndc] noi eravamo piccole. Nostro padre [Pippi] era dipendente delle Ferrovie del Sud-Est ed abitavamo a S. Eufemia, frazione di Tricase che ora è attaccata al paese, invece in quel periodo era ancora abbastanza separata.


La nostra famiglia era composta da nostro padre, nostra madre e quattro sorelle: Stella, Ornella, Clara e Marisa. Le prime due sono morte. In particolare Stella, la nostra sorella maggiore della quale vi parleremo, è morta trenta anni fa.


Stella nel 1946 frequentava la quinta elementare. In quel tempo gli alunni e le alunne della quarta classe elementare che volevano continuare fino alla quinta, dovevano recarsi alle scuole elementari di Tricase, perché nelle scuole di S. Eufemia la quinta classe non c’era.


Anche per questo motivo non tutti continuavano; la maggior parte si ritirava perché era più importante, per i genitori, che i figli andassero a lavorare in campagna.


Un giorno nostra sorella tornò da scuola molto contenta perché in classe era stata presentata dalla maestra una nuova alunna.

Si chiamava Geltrude Kraus ed era una bella ragazza di origini austriache, ebrea, bionda, che sembrava essere più grande di età perché era più alta. La maestra Elena Iannace aveva accolto molto bene la nuova alunna e aveva invitato tutti, compagni e compagne, ad essere gentili con lei che veniva da molto lontano e, a causa della guerra, aveva sofferto molto con la sua famiglia.


Geltrude era una ragazza molto socievole che faceva subito amicizia. Infatti nostra sorella, anche lei molto brava, legò subito con la nuova compagna. Geltrude veniva spesso a casa nostra per stare con nostra sorella e perciò anche noi l’abbiamo conosciuta.


Anche se eravamo più piccole, lei ci trattava molto bene e ricordiamo che era abbastanza affettuosa. Ricordiamo inoltre che spesso portava con sé cose buone da mangiare. A noi non mancava il necessario, ma aspettavamo Geltrude con una certa impazienza e chiedevamo a Stella «quando viene Geltrude?».


Lei ci portava infatti caramelle, cioccolata, ma le cose che aspettavamo di più, perché erano per noi una vera novità, erano le gomme americane da masticare, le “cingomme”: così le chiamavamo tutte contente.


Geltrude era una brava ragazza. Anche a scuola – ce lo diceva nostra sorella – era brava e riceveva dalla maestra buoni voti. Ricordiamo che parlava l’italiano discretamente.


Anche durante l’estate, l’amicizia con nostra sorella continuò. L’anno scolastico successivo papà iscrisse Stella alla scuola media di Tricase.


Per l’esame di ammissione le due amiche furono preparate dalla signora Jannace che abitava in via Stella d’Italia. Le due amiche si ritrovarono poi nella stessa classe e noi ne fummo contente.


Durante l’anno scolastico, nei primi mesi del 1947, Geltrude lasciò improvvisamente la scuola perché la sua famiglia andò via dalla casa di Tricase-Porto dove i Kraus abitavano. Stella aveva perduto la sua amica, ma anche noi rimanemmo dispiaciute perché non avremmo più rivisto Geltrude.


Di quel periodo ci rimase una foto di Geltrude, che col tempo purtroppo è andata perduta e un quaderno dalla copertina scura, regalo di Geltrude a Stella, dove c’è scritto “ […s]chool” e che ancora conserviamo con cura. Ci resta soprattutto il ricordo di un’amicizia che, nata spontanea, è rimasta cara alla memoria della famiglia perché ci lega alla nostra indimenticabile sorella maggiore e alla fanciullezza vissuta insieme”.


Albania, 1945-46. Geltrude Kraus è la terza da sn.


Le è a fianco un’altra ragazza, un po’ più grande d’età: Johanna Gerecter. Le due ragazze si ritrovarono nel campo di Tricase-Porto dove giunsero nel 1946 attraversando, con le loro famiglie, il Canale d’Otranto.


Il quaderno scolastico donato da Geltrude Kraus alla compagna di classe e poi amica Stella Bleve.


Elena Jannace Stefanachi, l’insegnante elementare che accolse nella classe quinta la profuga ebrea Geltrude Kraus.


Continua a Leggere

Approfondimenti

Fitto: la morte dell’on Gorgoni merita rispetto

Un atto vile e spregevole

Pubblicato

il

 “’Una società che non conserva il culto dei morti fra i suoi valori spirituali più preziosi, non merita di sopravvivere’, affido alle parole di Foscolo tutta l’amarezza che provo dopo aver appreso la notizia che un gruppo di cittadini di Cavallino ha festeggiato, addirittura con una torta, la morte dell’ex parlamentare e sindaco, Gaetano Gorgoni.


“Si può essere avversari politici e non condividere l’operato di un amministratore, ma la morte, anche del peggior nemico, merita rispetto. Sono vicino alla famiglia e a tutta la comunità di Cavallino per questo vile e spregevole gesto”.

Raffaele Fitto


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus