Connect with us

Patù

Amministrative a Patù: parola ai candidati

Priorità del programma ed appello agli elettori di Gabriele Abaterusso e Maria Luisa Cucinelli

Pubblicato

il

Gabriele Abaterusso (Centopietre)


“Riqualificheremo ancora”


Riqualificazione del territorio: mettere in cantiere ulteriori azioni per elevare l’offerta turistica, riqualificando il borgo e migliorando i servizi. Proseguire con la cura del centro storico, dopo gli interventi già eseguiti in Piazza Indipendenza, via P.pe di Napoli e Via S. Pellico.


Gabriele Abaterusso

Gabriele Abaterusso


Restaurare e recuperare alla pubblica fruizione i tanti beni culturali e archeologici di Patù e Vereto, che negli ultimi 3 anni sono stati acquisiti al patrimonio comunale. Potenziare il Museo Archeologico di Palazzo Romano, già sede dell’Ufficio di Informazione Turistica, grazie alla convenzione appena sottoscritta tra Comune, Soprintendenza Archeologica della Puglia e Dipartimento Beni Culturali Unisalento. Completare i lavori di rifacimento del manto stradale di tutte le arterie comunali. Elaborare, assieme ai residenti, un progetto di riqualificazione della zona 167.


Scuola e servizi sociali, formazione delle future generazioni, ascolto e supporto alle fasce più deboli. Riqualificare gli edifici scolastici (la nuova Scuola dell’Infanzia vedrà la luce con l’inizio del prossimo anno scolastico; attivare il Centro Polifunzionale per Immigrati Regolari e realizzare un Micronido con annessa Ludoteca a supporto della genitorialità.


Marine: riqualificare l’Area servizi di San Gregorio, completando l’impianto sportivo con un nuovo campo da tennis, un’area attrezzata per bambini e famiglie, ed un’area per le manifestazioni estive. Già da questa stagione verrà attivato il servizio sorveglianza, manutenzione e pulizia giornaliera delle spiagge comunali di San Gregorio e Felloniche.


 


Maria Luisa Cucinelli (Scegliere Liberamente – Patù)


“Cittadini da ascoltare”

Adottare una politica sociale fatta di ascolto per individuare le vere esigenze dei cittadini  che appartengono alla fasce più deboli, l’attivazione di uno sportello di sostegno, per non confondere il sostegno con l’assistenzialismo, sostegno al cittadino più bisognoso inteso come accompagnamento, a sostenerlo, appunto,  all’inserimento sociale rendendolo persona capace di esprimere le proprie potenzialità.


Maria Luisa Cucinelli

Maria Luisa Cucinelli


Il bisogno di essere seguite ed accompagnate all’avvio di nuove forme di inserimento nella vita  lavorativa, ma dare anche la possibilità ai giovani di dare sfogo alle loro idee e seguirli al fine di realizzarle e renderle concrete. Procedere immediatamente alla riorganizzazione degli uffici al servizio dei cittadini, primo fra tutti il potenziamento dell’ufficio dei servizi sociali.


Immediato ingresso nell’Unione dei Comuni Terra di Leuca: che senso ha uscire da una forma associativa come quella dell’Unione, quando poi si chiede di fare rete ed essere ente attivo all’interno del territorio del Capo di Leuca? Patu’ deve essere parte attiva a 360°.


Il turismo merita attenzione attraverso una politica di azioni rivolte alla creazione di servizi rivolti a questo settore; ciò vuol dire che creare servizi turistici genera ricadute occupazionali per i giovani e per chi intende adoperarsi in questo settore.


Ed ecco che mi rivolgo a voi cari cittadine e cittadini di Patù di sostenere il 5 giugno la lista n.° 1 “Scegliere liberamente – Patù”. Scegliete di essere liberi.


 


 


Cronaca

Fallimento calzaturificio Vereto: assolto il sindaco Abaterusso

Era stato condannato per bancarotta e, in passato sospeso dall’incarico di primo cittadino per la Legge Severino. Ora, la pronuncia definitiva della Cassazione

Pubblicato

il

Un sorriso dopo una settimana buia per il sindaco di Patù Gabriele Abaterusso.

La lunga vicenda giudiziaria nata dopo il crac del calzaturificio Vereto si è conclusa ieri con una assoluzione definitiva.

La Corte di Cassazione ha annullato per la terza volta, stavolta senza rinvio, la condanna scaturita al termine del processo di Appello bis.

Processo in cui il sindaco di Patù era stato condannato per bancarotta a 2 anni di reclusione con sospensione della pena.

Condanna che, alla luce della legge Severino, era costata anche la sospensione della carica di primo cittadino.

La vicenda giudiziaria si era aperta dopo la cessione, nel 2005, di un ramo dell’azienda suindicata da una società amministrata dal padre Ernesto al figlio, per un valore di 28mila euro.

Ieri, a poco più di una settimana dalla scomparsa proprio di Ernesto Abaterusso, la bella notizia, avvolta così dal sindaco: “Grazie agli avvocati Michele Laforgia e Giancarlo Zompì per il prezioso e costante lavoro. Un forte abbraccio a papà che ha sempre combattuto come un leone per il raggiungimento di questo risultato”.

Continua a Leggere

Alessano

“Tricase, che fare?” sulla SS 275: «Si proceda subito con il primo lotto!”

Giovanni Carità: «La mia considerazione, basata su dati reali, credo sia sufficiente a spiegare come, facendo un rapporto costi/benefici, il secondo lotto della SS 275 sia di fatto sproporzionato rispetto alle reali esigenze»

Pubblicato

il

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

«Con questo mio intervento spero di riuscire a spiegare quanto sia necessario e urgente far partire i lavori del primo lotto della SS275 e, viceversa, quanto non sia urgente mettere mano al secondo lotto, ossia il tratto da Tricase verso Leuca.

La SS275, una volta giunta con le quattro corsie a Tricase, dovrebbe essere meglio collegata alla SP335, detta “Cosimina“, per servire in sicurezza i comuni di Alessano, Corsano e Tiggiano.

A tal proposito va tenuto in considerazione il fatto, non secondario, che Corsano e Tiggiano sono unite urbanisticamente e che le prime abitazioni di Tiggiano distano appena 100 metri da Tricase.

Pertanto, se la SS275 dovesse fermarsi a Tricase, i cittadini di questi comuni non sarebbero assolutamente penalizzati.

Inoltre, stando ai dati, il totale della popolazione di questi comuni non supera quella di Tricase: meno di 14mila abitanti.

A sud di questi paesi ci sono tre altri comuni.

Ne indico solo tre perché i comuni di Morciano, Salve e Presicce-Acquarica si trovano lungo la SS 274 e quindi sono già serviti dalla stessa.

Restano Gagliano del Capo, Castrignano del Capo e Patù. Questi centri non sono serviti da una comoda viabilità, ma basterebbero delle circonvallazioni, per alleggerire il lieve traffico che aumenta esclusivamente nel bimestre luglio-agosto.

Il totale della popolazione di questi paesi supera di poco i 10mila abitanti, frazioni comprese.

Quindi la popolazione dei comuni a sud di Tricase che si trovano lungo la SS275 è inferiore ai 25mila abitanti. Vale a dire 7mila in più rispetto a Tricase che ne conta 17.665.

Ho voluto, sinteticamente, riportare questi dati per renderci conto della realtà.

Altra considerazione mi preme farla sui flussi di traffico da nord a sud lungo l’attuale SS275.

Questi dati ci dicono che ogni 10 vetture che giungono all’altezza di Montesano Salentino, 7 si fermano a Tricase e solo 3 proseguono oltre.

Sempre dai dati ufficiali, si evince che la maggior parte degli incidenti stradali avviene nel tratto Scorrano – Montesano Salentino.

Inoltre, a chi sostiene che la nuova SS275 servirebbe a eliminare il traffico pesante, inteso come pullman e mezzi di trasporto commerciale, va rilevato che i pullman entrerebbero comunque nei paesi, per prendere o lasciare pendolari, e altrettanto dicasi per i mezzi ad uso commerciale, che entrano nelle aree urbane per scaricare la merce da rivendere in paese. Non si è mai vista una fermata autobus su una strada ad alta velocità, tantomeno un’area di carico e scarico.

Mi auguro che questa mia breve rappresentazione della realtà, basata su dati reali, sia sufficiente a spiegare perché, facendo un rapporto costi/benefici, il secondo lotto della SS 275 sia di fatto sproporzionato rispetto alle reali esigenze.

Piuttosto sarebbe opportuno e utile fornire i comuni a sud di Tricase di una viabilità leggera, sicura e comprensiva di trasporto pubblico efficiente, mirata a fornire servizi e al contempo preservare la bellezza di questi luoghi tanto amati e apprezzati dai turisti.

Turisti che vengono da noi non per correre su una lingua di asfalto, bensì per rilassarsi e godere delle nostre bellezze e parimenti della nostra lentezza».

Giovanni Carità (Capogruppo Consiliare “Tricase, che fare?”)

Continua a Leggere

Cronaca

Abaterusso, Patù si prepara all’ultimo saluto

Nel pomeriggio camera ardente nell’aula consiliare del Comune. Attese in paese molte personalità della politica a partire da Massimo D’Alema

Pubblicato

il

Patù si è fermata per porgere il suo ultimo saluto ad Ernesto Abaterusso, deceduto ieri pomeriggio.

Mel primo pomeriggio, dale 14,30 circa,  sarà allestita la Camera ardente presso la sala consiliare del Municipio.

Il funerale si terrà domani alle ore 15.

Attesi in paese molti protagonisti della politica a partire da Massimo D’Alema legato da vecchia e granitica amicizia con il politico salentino.

Tra le personalità in arrivo, nel piccolo centro salentino, anche l’ex ministro della Salute Roberto Speranza.

*La foto in alto risale al 2010 quando Ernesto Abaterusso ci accolse nel suo studio di Patù per un intervista. 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus