Connect with us

Sannicola

In ricordo di Lucio Dalla

Marco Alemanno al Presidio del Libro di Sannicola

Pubblicato

il

Il Presidio del Libro, Archivio del Libro d’Artista VerbaManent di Sannicola presenta “Dalla Luce alla notte” di Marco Alemanno (Ediz. Bompiani). Appuntamento venerdì 12 aprile, alle 19,30, presso il Frantoio Ipogeo di Via Roma a Sannicola


Dopo il saluto dell’ assessore alla Cultura Danilo Scorrano, la giornalista Ilaria Marinaci Dialogherà con l’autore.


L’niziativa è promossa dalla Regione Puglia (Aassessorato al Mediterraneo) in collaborazione con l’Associazione Presìdi del Libro e col patrocinio del Comune di Sannicola, Assessorato alla Cultura.


IL LIBRO



Con Dalla Luce alla notte, Alemanno non ha solo composto un tributo d’amore, condotto una dolorosa autoanalisi e svelato coraggiosamente le tante verità della vita di Dalla ma, con rigore intellettuale e solida scrittura, ha compiuto un gesto di grande generosità nell’aprire ai tanti amici e ammiratori, quel forziere dei ricordi in grado di restituire l’immagine inedita dell’uomo e dell’artista”.


Dalla prefazione di Paolo Pallottino


Non potrei aggiungere altri aneddoti alla cascata di vitalità prorompente che esce da queste pagine, non saprei scovare luoghi, persone, storie più solari, non potrei inventare parole e suoni più efficaci per ridare a quanti hanno incrociato o semplicemente ascoltato Lucio una parte di quella gioia di vivere che ha trasmesso con la sua esistenza, la sua musica, le sue parole, il suo sguardo, il suo esserci”.


Dalla postfazione di Enzo Bianchi


“Sono qui semplicemente per raccontarvi una storia. Dentro ci sono io e chi conoscete meglio di me: Lucio, Lucio Dalla. Vi porterò con noi in un viaggio vero e proprio: attraverso i miei ricordi e i suoi racconti passerete dalle strade di Bologna a quelle di New York, da Dublino a Barcellona, da Mosca a Lisbona, ma anche in Sicilia, a Napoli, in Puglia e in tanti altri posti che Lucio amava tanto.

Sarà un viaggio nel tempo fatto di aneddoti e persone, incontri e sensazioni; e poi l’arte: quella vista in un museo oppure ideata, pensata, realizzata, oltre a quella che era ancora lì da venire.


E oltre alle parole troverete anche alcune mie fotografie scattate mentre eravamo in giro per il mondo, per farvi vedere quello di cui vi sto parlando e crearvi l’illusione di esserci stati quando fissavo in un’immagine quello che gli occhi di Lucio, insieme ai miei, si erano fermati in quel momento a guardare…


Ho scritto questo libro come fossi chiuso dentro il buio di una scatola, in una stanza fredda e isolata: la stanza del dolore.


L’ho fatto soprattutto per tentare di restituire alla gente la vera anima di Lucio. Il suo spirito più autentico, nascosto dietro la sua musica o anche in un solo pensiero…


Ho scritto questo libro in triste solitudine, assistito semplicemente dalla mia tenace, spietata e feroce memoria, consolato e desolato insieme da una casa amata, la nostra casa, quella casa che abbiamo tanto vissuto e che oggi invece mi ferisce ricordandomi la sua presente e costante assenza.


Ho scritto questo libro a cuore aperto, perché fosse una sorta di mio personale e doveroso saluto a tutta la sua brillante ironia, alla sua magnetica vivacità umana e intellettuale, alla sua irripetibile e infantile magia: un addio per sempre all’allegria smodata e contagiosa del folletto geniale che, fino all’ultimo istante, mi ha voluto al suo fianco”.


Dalla premessa di Marco Alemanno (dicembre 2012)


Bompiani ha raccolto l’invito della campagna “Scrittori per le foreste” promossa da Greenpeace: questo libro è stato stampato su carta certificata FSC, che unisce fibre riciclabili post-consumo a fibre vergini provenienti da buona gestione forestale e da fonti controllate.


Cronaca

Aggrediscono padre dopo litigio, nei guai i tre figli

È accaduto a Sannicola dove i carabinieri della locale stazione hanno accertato come i tre, in seguito a dissidi familiari, avessero aggredito e percosso con violenza il genitore

Pubblicato

il

Rispettivamente hanno 30, 22 e 21 anni i tre fratelli che a Sannicola sono stati denunciato per atti di violenza nei confronti del proprio padre.


I carabinieri della locale stazione hanno accertato che i tre, in seguito a dissidi familiari, avevano aggredito e percosso con violenza il genitore.

L’uomo, prima di formalizzare la querela è stata condotto presso il pronto soccorso dell’ospedale civile di Gallipoli, dove sono stati riscontrati i postumi dell’aggressione tra cui una frattura. È stato dimesso con una prognosi di 28 giorni.


Continua a Leggere

Cronaca

Nonostante il covid a Gallipoli e Sannicola: multe a prostitute e clienti

Pubblicato

il

Nello scorso fine settimana, i poliziotti del Commissariato di di Gallipoli sono stati impegnati nei servizi di contrasto al fenomeno della prostituzione in strada.


Perciò, nella mattinata di sabato scorso, gli agenti si sono concentrati tra Gallipoli e Sannicola, esattamente lungo le arterie della S.S. 101, direzione Nord, ed in particolare in Contrada Santa Teresa, dove spesso cittadine comunitarie di nazionalità bulgara, che dimorano in altri comuni del leccese, si prostituiscono in strada creando, peraltro, i presupposti per una pericolosa diffusione del corona-virus.


Durante il controllo di polizia, sono stati sorpresi due clienti che, incuranti del rischio sanitario, si erano avvicinati alle prostitute e per questo sono stati identificati e contravvenzionati dai poliziotti.


In particolare, le due donne, che nonostante i numerosi appelli da parte dei poliziotti, non hanno inteso denunciare i propri sfruttatori e neanche entrare in un percorso di protezione, e i due clienti, provenienti tutti da altri Comuni, sono stati tutti contravvenzionati per la violazione dell’attuale D.P.C.M. per un importo pari a euro 1.866.

Inoltre, i due clienti sono stati anche contravvenzionati per un importo complessivo pari a euro 600, per violazione dell’ordinanza anti-prostituzione emessa dal sindaco di Sannicola lo scorso 4 febbraio 2021.


Sono in corso indagini per risalire ai responsabili dello sfruttamento della prostituzione che, facendo credere di poter garantire un posto di lavoro in Italia, reclutano giovani donne per poi, mediante violenza e minacce, avviarle alla prostituzione.


Continua a Leggere

Cronaca

Vende mattonelle rubate: denunciati lui e l’acquirente

Furto aggravato ed incauto acquisto i reati rilevati nel basso Salento dai carabinieri, attivatisi dopo la denuncia di un imprenditore edile

Pubblicato

il

Due denunce nel basso Salento per la vendita di una serie di mattonelle risultate rubate.


I carabinieri hanno deferito all’autorità giudiziaria due uomini a Sannicola. Sono ritenuti responsabili rispettivamente di furto aggravato e di incauto acquisto. Oggetto della compravendita 1100 metri quadri di ceramiche e materiali edili sottratti ad un deposito.


Il proprietario di quest’ultimo, un imprenditore della zona, accortosi del furto, si è rivolto ai carabinieri, facendo scattare le indagini dei militari. Incauto l’acquisto, ma anche la vendita, verrebbe da dire: il venditore infatti ha pubblicato su Facebook un annuncio con una foto di materiale pressoché identico a quello rubato. Mentre il “cliente” è incappato in denuncia in quanto, come recita la legge che avrebbe violato, “ha comperato, senza accertarne la provenienza, cose che per la loro qualità o per la condizione di chi la offre o per l’entità del prezzo, devono dare adito a sospetti circa l’illecita provenienza”.

Sarà l’autorità giudiziaria ora a stabilire le responsabilità dei due coinvolti ed, eventualmente, a procedere.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus