Connect with us

Attualità

Bimbo dona papà dona

Campagna di sensibilizzazione e promozione delle donazioni del sangue cordonale e delle cellule staminali emopoietiche. Due centri per i donatori del Salento, uno a Lecce e l’altro a Tricase

Pubblicato

il

ANCI Puglia patrocina e sostiene il progetto “Bimbo dona papà dona” che ha l’obiettivo di incrementare le donazioni solidali di cellule staminali emopoietiche, in una regione dove è operativa una importante Banca del sangue cordonale presso la Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, con una rete di raccolta presente negli ospedali di tutte le province.


«Per combattere alcune gravi malattie è indispensabile, oltre alla ricerca, la solidarietà sociale», sottolinea Fiorenza Pascazio, presidente di Anci Puglia, «donare è un gesto di amore e di generosità incondizionata verso il prossimo. Importante il coinvolgimento dei Comuni nella azione di sensibilizzazione per promuovere e diffondere la cultura del dono solidale e per contribuire concretamente a preservare la salute delle nostre comunità. È fondamentale approfondire la conoscenza per donare consapevolmente, sapendo che il trapianto di cellule staminali emopoietiche per alcune malattie è l’unica speranza di vita. I Comuni possono fare molto, sul piano dell’informazione alla cittadinanza, ma anche dotandosi di registri locali di potenziali donatori, per individuare donatori compatibili quando c’è bisogno di un trapianto».


Bimbo dona, papà dona” è rivolto ai neopapà con meno di 36 anni che hanno scelto di donare, insieme alla mamma, il sangue cordonale del proprio bambino e rappresenta la risposta delle Associazioni ADoCeS ed Adisco alla grande urgenza di reclutare nuovi giovani volontari: la pandemia Covid-19 ha messo duramente in crisi la rete donazionale e trapiantologica ed è fondamentale, per dare opportunità di cura a chi attende il trapianto, incrementare le donazioni italiane.


Non solo, è indispensabile maturare una profonda consapevolezza del proprio gesto: oggi il 25% dei donatori richiamati rinuncia alla donazione, una percentuale troppo alta, che mette a rischio il futuro dei pazienti che non hanno in famiglia un donatore compatibile, per i quali il trapianto è la sola terapia salva vita.


«Il progetto “Bimbo dona papà dona” ha l’obiettivo di promuovere la donazione come “un valore di famiglia” coinvolgendo nella scelta solidale genitori e figli», spiega la prof.ssa Giorgina Specchia, referente e componente Comitato Scientifico Federazione Italiana ADoCeS, «si incardina nel percorso donazionale del sangue cordonale, proponendo anche ai papà, già sensibili alla tematica e idonei, l’iscrizione al Registro IBMDR. Rappresenta la risposta della Federazione Italiana Adoces e di Adisco alla grande urgenza di reclutare nuovi giovani volontari: la pandemia Covid-19 ha messo duramente in crisi la rete donazionale e trapiantologica ed è fondamentale, per dare opportunità di cura a chi attende il trapianto, incrementando le donazioni italiane. Non solo, è indispensabile maturare una profonda consapevolezza del proprio gesto: oggi il 25% dei donatori richiamati rinuncia alla donazione, una percentuale troppo alta, che mette a rischio il futuro dei pazienti che non hanno in famiglia un donatore compatibile, per i quali il trapianto è la sola terapia salvavita».


Bimbo dona, papà dona” è un progetto multidisciplinare, che ha ottenuto il Patrocinio del Ministero della Salute e delle società scientifiche AOGOI e FNOPO e SIDEM, che si incardina su un percorso già esistente e che vede coinvolte molte figure professionali: dalle ostetriche e i ginecologi, che operano nei consultori territoriali e durante i corsi di preparazione alla nascita promuovono la donazione del sangue cordonale solidale e l’iscrizione al Registro IBMDR, ai volontari di ADoCeS e di Adisco, che sensibilizzano alla donazione, ai medici delle banche di sangue cordonale e delle medicine trasfusionali.


Il percorso invita i padri a “consolidare” la decisione, assunta insieme alla mamma, di donare il sangue cordonale del proprio figlio, invitandoli a iscriversi loro stessi al Registro. In questo modo, si dona tre volte: la vita, il sangue cordonale, l’iscrizione al registro IBMDR.


Un dono che rimarrà un prezioso ricordo per tutta la famiglia. ADoCeS e Adisco OdV, Associazioni componenti la Commissione nazionale Cellule staminali presso il Centro Nazionale Trapianti (ISS), promuovono le donazioni solidali del sangue cordonale e delle cellule staminali emopoietiche (che hanno ormai quasi sostituito il midollo osseo) per incrementare le donazioni volontarie disponibili presso il Registro Italiano Donatori IBMDR a beneficio dei malati di leucemia o altre gravi malattie onco-ematologiche che necessitano del trapianto ma non hanno in famiglia un donatore compatibile.

I Centri di Trapianto devono trovare quindi una donazione fra quelle volontarie, messe a disposizione dalle mamme donatrici e dai donatori iscritti al Registro. Il sangue del cordone ombelicale viene raccolto dopo il parto, in totale sicurezza per mamma e bambino, in sacche che vengono crioconservate, tipizzate, iscritte nel Registro IBMDR e possono rimanere disponibili anche per decenni nelle Banche dei nostri Ospedali.


In caso di riscontrata compatibilità con un paziente, la sacca viene inviata al Centro di trapianti per essere utilizzata a scopo trapiantologico.


La coppia donatrice deve rispondere ai criteri di idoneità alla donazione stabiliti dalle normative vigenti al fine di garantire al paziente la sicurezza della donazione.


Questa iniziativa incrementerà ulteriormente l’informazione alla cittadinanza, favorendo così le donazioni solidali. Anci Puglia sosterrà questa iniziativa condividendo con i Comuni l’informativa, i materiali promozionali e il promemoria dei webinar mensili gratuiti, dedicati alle coppie in attesa di un figlio, organizzati ogni ultimo martedì del mese alle ore 17,30 con la presenza di esperti del settore: ematologo, ginecologo, pediatra neonatologo, ostetrica, che approfondiscono il tema e rispondono alle domande.


Gli opuscoli informativi spiegano l’importanza delle due donazioni, i principali requisiti di idoneità, come avvengono e dove rivolgersi per potersi iscrivere. Le coppie che desiderano donare il sangue cordonale chiamano la segreteria per fissare l’appuntamento con l’ostetrica, un mese prima della data presunta del parto.


I papà che scelgono di diventare donatori (età 18-36 anni non compiuti) possono pre-registrarsi direttamente sulla piattaforma https://adocesfed.it, scegliere il Centro Donatore pugliese più vicino alla residenza dal quale verrà richiamato per concludere l’anamnesi medica e sottoporsi al prelievo di un campione di sangue o di saliva. Rimarrà iscritto fino al compimento dei 55 anni.


Tra i Centri pugliesi per i donatori, due sono salentini e sono ospitati dall’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce e dall’ospedale “Cardinale Panico” di Tricase.


Attualità

Non solo turismo: 706 offerte di lavoro nel Leccese

Il 22° Report Arpal Puglia: cercasi un ottico optometrista a Casarano; un farmacista a Collepasso; un fisioterapista a Spongano; due assistenti alla poltrona presso studi odontoiatrici a Presicce-Acquarica e Vignacastrisi; cinque tra tecnici della riabilitazione, educatori sanitari e infermieri nel basso Salento; due Oss a Cutrofiano e Poggiardo. Mentre a Martano un’agenzia è alla ricerca di un operatore funebre…

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Non solo posti di lavoro nel settore turistico, dove si oscilla dagli skipper agli chef, dai bagnini ai barman e barwoman, etc.

Sono in totale 706 le posizioni lavorative aperte riportate nel 22° Report settimanale dell’Ambito di Lecce di Arpal Puglia.

Nel settore della sanità e dei servizi alla persona, ad esempio, se ne contano 22, tra cui quelle per un ottico optometrista a Casarano; un farmacista a Collepasso; un fisioterapista a Spongano; due assistenti alla poltrona presso studi odontoiatrici a Presicce-Acquarica e Vignacastrisi; cinque tra tecnici della riabilitazione, educatori sanitari e infermieri nel basso Salento; due Oss a Cutrofiano e Poggiardo, mentre a Martano un’agenzia è alla ricerca di un operatore funebre.

Tra i 203 annunci di lavoro, molti afferiscono al settore edile, dove sono richiesti 129 lavoratori, mentre nel settore trasporti e riparazione dei veicoli ci sono 32 opportunità. Il settore del commercio offre 33 posizioni.

Il settore amministrativo e informatico ne registra 18, il comparto dello spettacolo e organizzazione eventi 3. Nel settore dell’agricoltura, agroalimentare e ambientale sono ricercati 37 lavoratori, mentre nel settore delle telecomunicazioni 30.

Il comparto Tessile-Abbigliamento-Calzaturiero (Tac) conta 40 posti vacanti. Bene anche l’industria del legno con 17 posizioni aperte per falegnami e mobilieri in aziende di arredamento del territorio e per allestimenti di cantieri civili e navali.

Sono, poi, 41 le offerte per il settore metalmeccanico4 nel settore bellezza e benessere.

La sezione dei tirocini contiene 11 opportunità, mentre la rete europea dei servizi per l’impiego Eures offre numerose occasione oltre i confini della Penisola.

Sono presenti, infine, tre posizioni riservate a persone con disabilità e sei posizioni destinate a categorie protette nell’Ambito Lecce-Brindisi-Taranto. Si ricorda che le offerte, parimenti rivolte ad entrambi i sessi, sono pubblicate quotidianamente sul portale lavoroperte.regione.puglia.it e sono diffuse anche sulla pagina Facebook “Centri Impiego Lecce e Provincia”, sul portale Sintesi Lecce e sui profili Google di ogni centro per l’impiego.

Le candidature possono essere trasmesse tramite Spid, via mail o direttamente allo sportello presso gli uffici, aperti dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 11.30, il martedì anche nel pomeriggio dalle 15 alle 16.30 e il giovedì pomeriggio su appuntamento.

Con la chiusura delle scuole, poi, si ricorda che per il 2024 il personale scolastico con contratto in scadenza a giugno e nei primi giorni di luglio può presentare la domanda di NASPI dal giorno successivo alla cessazione del contratto ed entro i successivi 68 giorni.

La domanda deve essere presentata esclusivamente online sul portale INPS, direttamente o tramite centri di assistenza e patronato.

Non è necessario recarsi al Centro per l’Impiego per la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al Lavoro (DID), poiché la domanda di NASPI equivale alla DID grazie alle semplificazioni normative. In caso di mancata assunzione all’inizio del nuovo anno scolastico, gli interessati dovranno recarsi al CPI di competenza a partire dal 15 settembre per confermare lo stato di disoccupazione e sottoscrivere il Patto di Servizio Personalizzato. Per ulteriori informazioni, si può consultare il portale INPS o rivolgersi ai centri di assistenza e patronato.

CLICCA QUI PER CONSULTARE IL 22° REPORT SETTIMANALE ARPAL – AMBITO DI LECCE

Continua a Leggere

Attualità

Adriana Poli Bortone sindaca di Lecce

Risultati ancora non definitivi ma chiaramente a favore della candidata del centrodestra. Salvemini si è già complimentato con la sua avversaria

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Adriana Poli Bortone torna ad essere sindaco di Lecce.

È in fase di conclusione lo spoglio del ballottaggio tra la Poli e il sindaco uscente Carlo Salvemini ma i numeri indicano già chiaramente qual è il risultato finale.

Mentre da una parte Adriana Poli Bortone ed i suoi già festeggiano, dall’altra parte Salvemini ha già ammesso pubblicamente la sconfitta e si è congratulato con la nuova sindaca.

I dati, lo ribadiamo, non definiti, ma ormai conclamati, danno la nuova sindaco oltre il 51%.

Così a 81 anni l’ex ministra torna a guidare la sua città.

«È stato bello, stupendo stare insieme e vedere la città dalla mia parte», le primissime parole della neoeletta sindaca.

 

Continua a Leggere

Attualità

Comincia in anticipo la calata dei Vip in Salento

Sabato poi, ad Oria, una parata di Vip sono scesi per il matrimonio del figlio di Bruno Vespa, Alessandro Vespa, che ha portato all’altare Isabella…

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Nonostante siamo ancora a giugno, e non sia arrivata l’alta stagione, inizia la calata di volti noti (e meno noti) verso il Salento.

Cominciando dall’allenatore del Napoli, salentino doc, Antonio Conte, che si è concesso un po’ di riposo a Porto Cesareo.

Anche Fedez, e la nuova compagna, Garance Authiè, sono stati avvistati a Taranto.

Sabato poi, ad Oria, una parata di Vip sono scesi per il matrimonio del figlio di Bruno Vespa, Alessandro Vespa, che ha portato all’altare Isabella (rito tenutosi nella cattedrale Santa Maria Assunta).

Sempre la settimana scorsa erano stati pizzicati in Salento Fiorello e Gianni Morandi, a Gallipoli, oltre che Stefano Accorsi, presso la Masseria Samali, di Leverano.

Teo Mammuccari (nella foto in alto con Roberta Calati, promotrice del concorso nazionale di poesia “Poiesis“) invece, da giorni si concede un po’ di relax (e di lavoro) a Tricase

E’ stato a Lecce per un paio di giorni, anche il Papu Gomez, ex giocatore dell’Atalanta, che una volta raggiunta Polignano a Mare, ha postato una foto di famiglia, con la seguente didascalia: “Questo luogo è stato creato prima del paradiso“.

 

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus