Connect with us

Attualità

Fulminata dal telefonino mentre fa il bagno

In arresto cardiaco, la donna di 45 anni è stata portata all’ospedale…

Pubblicato

il

Usa il cellulare mentre fa il bagno: 45enne muore folgorata. A trovare il corpo senza vita della donna sono stati il compagno e il figlio della vittima

Morire folgorati mentre si utilizza lo smartphone in carica durante un bagno nella vasca. E’ l’ennesima tragedia riportata da diversi fonti francesi. Una donna sarebbe stata trovata morta compagno e il figlio della vittima nel bagno della sua abitazione a Dole, un comune francese situato nel dipartimento del Giura nella regione della Borgogna-Franca Contea.

In arresto cardiaco, la donna di 45 anni è stata portata all’ospedale di Besançon. È morta questa mattina, venerdì 10 gennaio, per le sue ferite. Nonostante le indagini siano ancora in corso, come si legge, il motivo principale pare essere «folgorazione», ovvero il passaggio di elettricità da un agente esterno al corpo, tramite un conduttore, in questo caso l’acqua.

Secondo le ricostruzioni, la donna avrebbe piazzato il suo cellulare a caricare vicino alla vasca nella quale era immersa. Sarà stato un caso o forse un gesto imprudente ma il cellulare, finendo in acqua dove è stato ritrovato, ha causato un corto circuito fatale. A spiegarlo, è stato un esperto, interpellato dai giornalisti francesi: «L’acqua è un conduttore di corrente ed è il motivo che ha scatenato la tragedia.

Se il telefono non fosse stato collegato a una fonte di energia da 220 volt non sarebbe successo nulla». La spiegazione è corretta, almeno in parte. All’interno dei telefonini odierni c’è una batteria che non rilascia corrente verso l’esterno anche quando il dispositivo è acceso.

Non a caso, cresce sempre più il numero di smartphone con certificazione IP67 o IP68, capaci di resistere a cadute accidentali in acqua o a immersioni più profonde e durature, fino a 3 metri e a 60 minuti. Il problema qui è la connessione del cellulare ad una sorgente elettrica, che porterebbe a seri incidenti solo in determinate situazioni.

C’è un però: la potenza da 220 volt di cui parla l’esperto non viene trasferita, totalmente, al cellulare perché ridotta e canalizzata dal trasformatore inserito nel caricabatterie. Al contrario, avremmo smartphone bruciati al primo caricamento. Le cause vanno allora ricercate altrove.

Lo smartphone di per sé non veicola elettricità. Anche se fosse agganciato alla presa a muro e da questa si staccasse per finire in acqua, la quantità di corrente che dalla porta di alimentazione passa per il cavetto non sarebbe tale da causare una folgorazione (si parla di 3 volt).

Certo, porte difettose o cavi sbucciati con parti scoperte indurrebbero esiti fatali ma sono solo congetture che le indagini dovranno chiarire. Una possibilità, la principale da vagliare, è quella della caduta in acqua di tutto il caricatore, i cui “dentini” potrebbero essere il presupposto del passaggio di corrente da una fonte primaria attraverso il conduttore, e da qui alla persona immersa.

Una potenza sicuramente minore di 220 volt ma resa rischiosa da alcune condizioni, come l’assenza di un salvavita.

Ed è quanto successo nel 2017 ad una ragazza di Crotone, folgorata da una ciabatta caduta nella vasca, alla quale era attaccato un telefonino in ricarica.

Proprio per questo, è necessario che le case produttrici adottino maggiori accorgimenti, anche in termini d’informazione ai consumatori per evitare che si ripetano casi analoghi.

Giovanni D’Agata

Attualità

Report dell’Asl leccese, i contagi paese per paese

Tutte le statistiche della diffusione del contagio nel Salento con i dati statistici diffusi dall’azienda sanitaria leccese ed aggiornati alle 10,30 di questa mattina

Pubblicato

il

Secondo il report dell’Asl leccese, aggironato a questa mattina alle 10,30 (quindi non sono inclusi nei calcoli i tre contagiati cosiderati nel bollettino epidemiologico della serata):

in Provincia di Lecce, dal 29 febbraio al 04 aprile 2020 sono stati accertati 361 casi di infezione da COVID‐19, 163 maschi (45%) e 198 femmine (55%);

il 35% dei casi di infezione hanno riguardato la fascia d’età 50‐69 anni;

i Comuni con maggior numero di casi sono Lecce (49) e Copertino (38);

si è registrato un importante focolaio (88 casi) nella RSA La Fontanella di Soleto;

i dipendenti ASL di Lecce risultati positivi a covid‐19 sono 50;

i deceduti in provincia di Lecce sono sono 43 (27 nei presidi della Asl leccese);

il 35% dei deceduti è nalla fascia di età 90 anni e più;

I guariti dall’infezione sono 21;

il 71% dei guariti è nalla fascia di età 50 ‐ 69 anni.

Di seguito il report integrale dell’Azienda Sanitaria Leccese.

Continua a Leggere

Attualità

Il bollettino epidemiologico: tre nuovi positivi in provincia

Il totale nel Salento dall’inizio dell’emergenza sanitaria è di 362 contagiati. In tutta la provincia sono invece 58 i nuovi casi che portano il totale a 2.240. Sale anche il numero dei guariti ora a quota 94

Pubblicato

il

Sono appena tre i nuovi positivi che riguardano la provincia di Lecce, almeno stando a quelle che sono le comunicazioni ufficiali a riguardo registrate nel nuovo bollettino epidemiologico diffuso dalla Regione Puglia.

Il totale in provincia di Lecce dall’inizio dell’emergenza sanitaria è di 362 positivi.

Su tutto il territorio regionale sono invece 58 i nuovi casi (effettuati 1.053 test) che portano a 2.240 il totale dei positivi pugliesi.

Purtroppo sono deceduti altri 9 pugliesi, uno dei quali della provincia di Lecce (il 40enne di Surbo morto questa notte al DEA di Lecce).

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 18.977 test.

Sono 94 i pazienti guariti clinicamente.

LA MAPPA DEI CONTAGI

Continua a Leggere

Attualità

Test precoci: “Efficaci, in particolare sui soggetti asintomatici”

Lo sostiene uno studio dell’Ircss di Bari. Nel 100% dei casi, a test rapido negativo corrisponde tampone negativo, nel 25% dei casi, a test rapido positivo corrisponde tampone positivo. Anche Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzani ne sottolinea la validità

Pubblicato

il

“Efficaci, in particolare sui soggetti asintomatici”: è questa la definizione data ai test precoci dall’Ircss, l’Istituto Tumori Giovanni Paolo di Bari.

Ed anche al TG della Rai, oggi, Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzani ne sottolineava la validità.

I test precoci o rapidi, per intenderci sono quelli di cui, burocrazia permettendo, potrebbero presto usufruire gratuitamente Tricase e Lizzanello, grazie alla collaborazione con l’Associazione “Uniti per la Vita” del dott. Mauro Minelli.

Test precoci da utilizzare in prima istanza per Forze dell’Ordine, Medici di Famiglia, Operatori Ecologici, dipendenti dei supermercati ed attività commerciali aperte al pubblico. Successivamente, poi, potrebbero essere utilizzati per le altre categorie professionali.

Alla conclusione riguardo all’efficacia soprattutto sui soggetti asintomatici l’Ircss ci è arrivato al termine di uno studio (“Clinical meanings of rapid serological tests in patients tested for SARS-Co2 rtPCR”), avviato lo scorso 24 marzo, su indicazione della Regione Puglia tramite l’acquisto di kit validati dalla Università di Singapore e autorizzati dal Ministero Italiano della Salute.

Come riporta Baritoday “sono stati eseguiti in tutto 450 test rapidi, 190 dei quali eseguiti su campioni di sangue di pazienti già sottoposti a tampone faringeo e in cui, dunque, era certa la positività o la negatività al virus. I restanti test sono stati eseguiti su campioni di sangue prelevati dal personale in servizio all’Oncologico. Il test rapido, come è noto, utilizza un metodo colorimetrico: è sufficiente un prelievo capillare, con puntura del polpastrello, per rilevare se sono presenti o meno anticorpi anticoronavirus. Il test dura appena 15 minuti”.

I risultati dei test rapidi si sono rilevati concordanti con i risultati del tampone, soprattutto nei soggetti asintomatici: nel 100% dei casi, a test rapido negativo corrisponde tampone negativo, nel 25% dei casi, a test rapido positivo corrisponde tampone positivo.

Si dimostra così l’utilità dei test rapidi per rilevare casi di positività fra la popolazione particolarmente esposta al contagio, come le categorie sopraelencate.

Il direttore generale dell’Oncologico barese, Antonio Delvino, ha sottolineato come il test sia “efficace nel rilevare la presenza di anticorpi, pur con qualche riserva su possibili positività crociate riferite ad altri virus dello stesso gruppo del COVID 19. Può essere utile nei soggetti asintomatici appartenenti alle popolazioni a rischio di contagio, come medici e infermieri, perchè permette di rilevare precocemente eventuali positività, con notevoli vantaggi di rapidità di refertazione e semplicità di esecuzione rispetto al tampone. In particolare, nei soggetti asintomatici la positività del test è molto suggestiva di presenza del virus. Allo stesso modo, un test rapido negativo fornisce forti elementi di probabilità che non ci sia il virus nel muco oro-faringeo; per altro la ripetizione del test ai medesimi soggetti a distanza di sette/dieci giorni minimizza il rischio di errore. Non da ultimo, i test rapidi possono essere certamente utili per verificare il livello di immunità acquisita nella popolazione, nella fase più avanzata dell’epidemia”.

La palla è stata colta la balzo dal presidente della Regione Michele Emiliano che ha già annunciato: “Saranno la Asl di Bari e il Policlinico di Bari a dar vita alle valutazioni sulle popolazioni a rischio medio-alto di contagio rappresentate dal personale sanitario addetto alla cura dei positivi con il supporto per la raccolta dei dati dell’Istituto Oncologico di Bari Giovanni Paolo II”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus