Connect with us

Attualità

Maglie-Leuca: “Perplessità sulla Cosimina”

Comitato Pro 275: “Scongiurato lo stop a Montesano, ma il tracciato proposto sembrerebbe più impattante e pericoloso”

Pubblicato

il

Un misto di soddisfazione e perplessità per il Comitato delle Associazioni Pro 275 in merito alla ridefinizione del progetto della S.S. 275 Maglie – Leuca da parte di Anas (CLICCA QUI).

Se da un lato “ci conforta la volontà dichiarata da tutti di assicurare la realizzazione di un tracciato extraurbano da Maglie fino a Santa Maria di Leuca, dunque non fino a Montesano”, come dichiara Francesco De Nuccio, preoccupa che “dall’altro, per venire evidentemente incontro alle richieste di un Comune, ANAS e Regione propongono di traslare il tratto interno al territorio di Tricase ad est di quest’ultimo centro abitato, utilizzando la cosiddetta Cosimina che, da Tiggiano, verrebbe raccordata verso Alessano all’ultimo tronco parallelo alla ferrovia, già progettato (e ridotto a due corsie con l’accordo della “strada-parco” siglato nel 2011)”.

In attesa di acquisire maggiori dettagli, dal Comitato arrivano alcune considerazioni: “sul piano della sostenibilità ambientale: al tracciato prevalentemente a raso progettato a ovest di Tricase si preferisce l’adeguamento di una strada in rilevato, la cosiddetta Cosimina, che, a ridosso di Tiggiano, obbliga ad una deviazione verso Alessano mediante la costruzione di una nuova arteria con un notevole impatto, e una probabile trincea nella collina sovrastante Caprarica. Un brano di paesaggio rurale certamente più pregevole rispetto all’agglomerato di capannoni, parchi fotovoltaici, cave e insediamenti commerciali che caratterizzano il territorio a ovest di Tricase”.

Secondo De Nuccio “l’utilizzo della Cosimina potrebbe aumentere esponenzialmente i pericoli, per il maggiore volume di traffico incanalato lungo una arteria a due corsie insidiata da svincoli e innesti in prossimità di curve e dossi naturali”.

È sostenibile economicamente”, si chiede, “ un investimento su una arteria, la Cosimina, che non garantirebbe fasce di rispetto stradale a norma e sufficienti a consentire in futuro un eventuale allargamento?

Secondo il Comitato “resterebbe irrisolto il problema del traffico interno al centro storico di Lucugnano, rispetto al quale si dovrà prevedere in prospettiva una circonvallazione, con conseguente ulteriore consumo di suolo. Poi De Nuccio ricorda come “l’opzione della Cosimina fu già bocciata dal Ministero dell’Ambiente proprio in ragione del suo maggiore impatto ambientale, urbano e paesaggistico oltre che per la sua minore funzionalità e la sua maggiore pericolosità”.

Temiamo che, se tutte o una parte di tali criticità troveranno conferma nella proposta progettuale che verrà presentata”, concludono dal Comitato Pro 275, “i proprietari dei suoli intaccati dall’adeguamento della Cosimina e sventrati dalla probabile trincea di Tiggiano avranno argomenti sufficienti per innescare una nuova stagione di ricorsi giudiziari”.

 

 

 

Attualità

Rientri record in Puglia: il secondo giorno “senza frontiere” nel dettaglio

Pubblicato

il

Se ne parla già da ieri anche sui quotidiani nazionali: il numero di arrivi in Puglia, dopo l’apertura agli spostamenti tra Regioni, è da record.

Numeri superiori a quelli delle altre regioni. Numeri, beninteso, prevedibili: la Puglia non scopre certo oggi di avere migliaia di figli sparsi per il Paese e per il mondo interno. Persone alle quali è stato chiesto a gran voce (dalla comunità prima ancora che dalle autorità) di rinviare il più possibile il rientro a casa. A tempi migliori. Tempi che, stando a numeri e leggi, per tantissimi pugliesi sono finalmente arrivati.

I numeri

Se nel pomeriggio del 3 di giugno erano già oltre 6mila le autosegnalazioni sul portale online della regione (andato in tilt nelle prime ore di Fase 3), l’indomani, il 4 giugno, a metà giornata è stata superata quota 20mila.

Dalla Lombardia la più grande fetta di arrivi: il 34,8%. Seguono l’Emilia Romagna (13,7%) e poi sotto il 7%, Campania, Veneto e Piemonte. 

Si contano anche spostamenti di persone provenienti dall’estero. Sempre a mezzogiorno di ieri, erano in 749.

È la Svizzera la prima nazione per numero di autosegnalazioni: 26,7%. Poi la Germania col 17,6%. In tanti arrivano anche da Gran Bretagna, Francia e Polonia.

Continua a Leggere

Attualità

La Puglia riparte: 448 milioni di aiuti, anche a fondo perduto

Pubblicato

il

Dopo le tante le riunioni di questi giorni con le associazioni di categoria, i sindacati, gli operatori di tutti i settori produttivi, la Regione Puglia annuncia l’arrivo dei nuovi strumenti per la ripartenza.

Sono online i nuovi avvisi Microprestito (Lift), Titolo II Capo 3 Circolante (Lift Plus) e Titolo II Capo 6 Circolante (Lift Plus), gestiti da Puglia Sviluppo in qualità di organismo intermedio e finanziario.

“Un’importante iniezione di liquidità, del valore di 448 milioni di euro, per far fronte alla carenza di liquidità determinata dalla emergenza sanitaria da Covid 19 e far ripartire il nostro tessuto produttivo”, spiega Loredana Capone.

“Tutti i settori produttivi e dei servizi, tutta la filiera allargata del turismo, le imprese culturali e le partite iva iscritte alla Camera di Commercio potranno partecipare”, commenta. “Le parole d’ordine sono: liquidità immediata e una quota di fondo perduto”.

Ecco i link:

*Avviso Microprestito Circolante*
https://www.regione.puglia.it/web/competitivita-e-innovazione/-/microprestito-circolante

*Avviso Titolo II Capo 3 Circolante*
https://www.regione.puglia.it/web/competitivita-e-innovazione/-/titolo-ii-capo-3-circolante

*Avviso Titolo II Capo 6 Turismo Circolante*
https://www.regione.puglia.it/web/competitivita-e-innovazione/-/titolo-ii-turismo-capo-6-circolante

Continua a Leggere

Attualità

Tricase: lavori in corso nella nuova area mercatale

Gli operai stanno asfaltando quell’area dove un tempo erano ospitati circo e giostre

Pubblicato

il

Lavori in corso nella Zona 167 in quella che sarà la nuova area mercatale.

Gli operai stanno finendo di asfaltare lo spiazzo dove un tempo erano ospitati il circo e/o le giostre e dove, dal 9 giugno, sarà ospitato una parte del mercato settimanale che dovrebbe riprendere a pieno regime il 9 giugno prossimo.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus