Connect with us

Dai Comuni

Stemma capovolto a Tricase. L’architetto Ruberto: “Vi racconto come è andata”

Pubblicato

il


Dopo la notizia ripresa ieri da un post spuntato sui social, in merito alla realizzazione di un’opera scolastica a Tricase con lo stemma del paese incredibilmente a testa giù, interviene uno dei diretti interessati a far chiarezza sulla questione. È l’architetto Vincenzo Ruberto, sotto la cui direzione furono eseguiti i lavori in questione la bellezza di 25 anni fa.





“Non trovo imbarazzo a dire che l'”opera” è stata realizzata sotto la mia direzione dei lavori, circa 25 anni fa.
L’intervento generale prevedeva la messa in sicurezza del plesso scolastico (impianto antincendio, segnaletica,
vie di uscita, ecc.). La struttura in argomento rappresenta la perimetrazione di una scala antincendio, interamente in cemento armato, presente in un cortile destinato anche ad attività fisica”.





“I soldi previsti per l’intervento non erano, come al solito, tantissimi, da utilizzare solo per le opere necessarie a garantire un minimo di sicurezza, come da relative norme, e senza la minima disponibilità per la realizzazione, a tergo, di piccole opere di svago e/o per il gioco, in virtù del fatto che l’istituto scolastico era ed è destinato ai
bambini delle elementari”.





“Da architetto, ma ancor prima da genitore, mi chiedevo cosa si potesse fare per poter ingannare l’occhio su siffatta struttura, necessaria per legge, sicuramente, ma invadente e priva di alcun pregio architettonico”.




Ebbene, prima della gettata di cemento prevista, mi sono prodigato a realizzare, a mie spese, dei profili in polistirolo che disegnavano la figura dei numeri decimali, i quali, d’accordo con la Ditta appaltatrice (in quanto opere di particolare difficoltà di applicazione, non previste nell’elenco dei lavori da realizzare e quindi escluse
dal contratto, non messe a bando e dunque non remunerate) dovevano essere collocate, pur nella loro non semplice posa in opera, internamente alle pareti in legno costituenti l’involucro della gettata in cemento”.





Decisi anche, all’ultimo momento, di aggiungere il disegno del nostro emblema araldico, da applicare sulla superficie che vedete in foto.
Pur invitando gli addetti ai lavori a porre la massima attenzione (il tutto andava eseguito in fase di gettata e ad una particolare altezza da terra, come si evince dalla foto), purtroppo, a lavori eseguiti, constatavo che, erroneamente, gli elementi in polistirolo che rappresentavano il nostro stemma, ad eccezione di quelli con il numero, erano stati collocati in maniera inversa“.





A questo punto due erano le soluzioni: 1) coprire il tutto con cemento (faccio presente che tali opere di lavoro non erano previste in contratto e, dunque, non soggette ad eventuale contestazione); 2) lasciarlo a vista, con l’auspicio che l’errore potesse rappresentare per gli insegnanti, motivo di evidenza dello stesso ai loro alunni e
propedeutico per l’avvio di uno studio sul disegno originale dell’emblema e sul significato dello stesso.
Decisione, quest’ultima, assunta anche con la direttrice didattica dell’epoca”.


Cronaca

Taurisano, operaio morto al lavoro: condannato Scarlino

Condannato a sette anni per omicidio colposo l’amministratore unico del Salumificio taurisanese Attilio Scarlino.
Quattro anni al fratello Antonio. L’azienda ha già annunciato l’appello

Pubblicato

il

Omicidio colposo con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro: condannato a sette anni l’amministratore unico del Salumificio Scarlino di Taurisano, Attilio Scarlino, 61 anni. Quattro anni al fratello Antonio di 52 anni.

La vicenda all’esame dei giudici era quella dell’agosto 2013, quando Mario Orlando, operaio 51enne di Taurisano rimase stritolato in un’impastatrice nel salumificio taurisanese.

Assoluzioni e prescrizioni per gli altri imputati.

Deciso anche il risarcimento delle parti civili, cioè la moglie, i due figli e i sei fratelli di Orlando, in separata sede. Per moglie e due figli, inoltre, una provvisionale di 50mila euro ciascuno.

Infine, Attilio Scarlino è stato interdetto in perpetuo dai pubblici uffici, mentre Antonio per cinque anni.

Il comunicato dell’azienda

“La rimozione delle cautele antinfortunistiche, infatti, non avrebbe avuto alcuna incidenza causale sulla produzione dell’evento”, si legge in una nota diffusa dall’azienda.

Già annunciato il ricorso in appello.

Continua a Leggere

Attualità

Ruffano si mette in Agenda… 2030

Una serie di attività mirate a sviluppare una rete di volontariato attivo, efficace, competente e fondato sulle 5P dell’Agenda internazionale. Il progetto incrocerà anche Maru – Il peperoncino in festa ed ospiterà la poetessa Alessandra Carnaroli

Pubblicato

il

Libertà, diritti umani, sviluppo sostenibile. Questi i punti cardine del progetto “Mettiamoci in Agenda”, presentato al pubblico ieri a Ruffano da Made in Soap Aps e dalla sua rete di partner, nella cornice della “Farmacia dei Sani”.

Finanziato dal bando Capitale Sociale 3.0 della Regione Puglia, “Mettiamoci in Agenda” nasce con un evidente gioco di parole: un invito ad impegnarsi e mettersi in gioco per rendere realtà gli obiettivi dell’Agenda 2030. Si tratta infatti di un percorso che prevede una serie di attività mirate a sviluppare una rete di volontariato attivo, efficace, competente e fondato sulle 5P dell’Agenda 2030 (Persone, Prosperità, Pace, Partnership, Pianeta).

Partner di Made in Soap in questa esperienza sono: il Comune diRuffano, l’Istituto Comprensivo Statale di Ruffano, Pari Associazione Culturale ed il Centro Antiviolenza Il Melograno.

Il fine ultimo, quello di incarnare lo spirito dell’Agenda 2030 per trasferirlo nelle piccole comunità (come quella di Ruffano), si tradurrà nella realizzazione di eventi culturali sostenibili, buone pratiche di cittadinanza attiva e costruzione di nuove competenze. Tra le azioni, ad esempio, sono previsti tre corsi direttamente riconducibili ai goal dell’Agenda 2030: uno di green event manager, un altro per l’organizzazione di eventi inclusivi ed un terzo di storytelling sociale.

Le due manifestazioni pubbliche godranno anche della presenza di ospiti speciali e di rilievo nazionale ed attraverseranno un grande evento di Made in Soap: Maru – Il peperoncino in festa, in quella che (la prossima estate) sarà la sua undicesima edizione.

GLI INTERVENTI

Hanno aperto la conferenza stampa, per Made in Soap, Monia Saponaro, Elena Pistone e Marco Nicolì, i quali hanno ringraziato i partner del progetto: il Comune di Ruffano, presente con le assessore Pamela Daniele e Angela Bruno e il consigliere con delega alle politiche giovanili, Gabriele Cacciatore; l’istituto Comprensivo di Ruffano, rappresentato dal prof. Francesco Frisullo; Il Melograno, rappresentato da Nadia Cairo.

Roberto Molentino, di Pari, associazione che completa la rete di partenariato, si è soffermato su una delle attività più importanti previste dal progetto: un percorso artistico, dedicato alla promozione dei diritti delle donne e alla conoscenza del goal 5 dell’Agenda 2030, dedicato proprio all’empowerment di genere. Il percorso sarà ospitato nei locali della Pinacoteca Comunale dal 13 al 27 settembre e sarà curato dall’artista Pamela Maglie.

Monia Saponaro, per Made in Soap, ha chiuso la presentazione annunciando la presenza a Ruffano, in occasione della chiusura del progetto, della poetessa Alessandra Carnaroli.

Poi un excursus su Maru che, con Mettiamoci in Agenda, diventerà un evento con ancora maggiore attenzione alle tematiche ambientali: saranno svolti laboratori per bambini; l’intero percorso sarà strutturato per ridurre l’impronta ecologica della festa e sarà infine misurato l’impatto della stessa promuovendo anche attività compensative.

Per l’occasione, sono state annunciate anche le date in cui si terrà l’undicesima edizione della festa del peperoncino: il 31 agosto e l’1 settembre.

Continua a Leggere

Botrugno

Ennesimo incidente sulla SS 275 Maglie – Leuca

Auto in coda e traffico rallentato all’altezza dello distributore di carburante, all’inizio della due corsie

Pubblicato

il

Ennesimo incidente sull’asfalto della statale 275 Maglie-Leuca

Questa volta il sinistro se verificato sul tratto tra Maglie e Montesano Salentino, nei pressi del distributore di benzina, praticamente all’inizio della “due corsie”.

Almeno due le auto coinvolte.

Non risulterebbero feriti gravi, intanto si registrano auto in coda e traffico rallentato.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus