Connect with us

Attualità

Tricase, Dario Martina: «Esco dalla maggioranza»

Il presidente del consiglio comunale annuncia: «Presento le dimissioni dal Gruppo consiliare, non ci sono più le condizioni»

Pubblicato

il

Dopo la dura lettera-ultimatum sottoscritta da otto  consiglieri di maggioranza (Antonio Baglivo, Vincenzo Chiuri, Pasquale De Marco, Alessandra Ferrari, Luigi Giannini, Francesca Longo, Giuseppe Peluso, Maurizio Ruberto) più il sindaco Carlo Chiuri e protocollata lo scorso 26 settembre arriva la replica del presidente del consiglio comunale Dario Martina che annuncia le usa imminenti dimissioni.


Pare diventata una moda: anche Martina affida le sue riflessioni ad una lettera protocollata al Comune.


Il presidente del consiglio comunale si rivolge direttamente alla maggioranza nelle cui fila era stato eletto: «Attendevo una risposta alla mia istanza, in merito alle dinamiche dei lavori dell’Assise, mossa nell’interesse e nella garanzia delle funzioni di ogni singolo suo componente.  Invece, mentre dai colleghi di minoranza, e con mio forte stupore da molti cittadini, ricevevo apprezzamenti per un’azione che è stata letta come tutela di autonomia per l’unico organo elettivo di rappresentanza della comunità, dai voi colleghi di maggioranza solo un assordante silenzio. Silenzio che veniva rotto da una lettera firmata dalla quasi totalità della stessa e con la quale si richiedevano alla mia persona “chiarimenti” circa un “comportamento particolare poco favorevole alle attività ed iniziative dell’amministrazione…” avvallato, secondo voi firmatari della missiva, dal riscontro di un “atteggiamento distaccato ed avulso dalle dinamiche del confronto e della collaborazione… di perseguire una visione egoistica, ristretta e che guarda a logiche di parte…”. Ciò che colpisce», scrive Martina, «è la tempistica di questa richiesta, che viene a pochi giorni dalla mia istanza. Una tempistica che fa riflettere specie se rapportata a quanto già accaduto ai due ex assessori, rei di non aver condiviso alcune linee e di aver protocollato una lettera di divergenza sulle azioni della Giunta e, forse per questo disappunto, defenestrati senza alcun preavviso e con una certa immediatezza. Se così fosse, sarebbe questa una metodica razionale per azzittire quelle voci che sono fuori dal coro, per far tacere ogni pensiero discordante.  Verrebbe da pensare che se anch’io fossi stato un assessore probabilmente avrei condiviso le stesse sorti di questi».


Il presidente del consiglio punta l’indice contro il sindaco Chiuri: «Basti ricordare ciò che Lei, Sindaco, già nel corso della campagna elettorale ha fatto nei miei confronti quando, rivolgendosi ad alcuni miei sostenitori, ha chiesto che fossi “limitato”. Verrebbe, ancora, da pensare che ci sia la volontà di ricercare necessariamente un “nemico” per nascondere le proprie debolezze di tenuta amministrativa, distogliendo così l’attenzione da quei temi caldi che la politica locale in questo periodo deve affrontare. Si è quindi da voi riscontrato nella mia persona un atteggiamento distaccato dalle dinamiche del confronto e della collaborazione all’interno del gruppo maggioritario con il ricorso a comunicazioni protocollate. Per questo, signor sindaco, colleghi consiglieri, mi chiedo e vi chiedo: quali e quanti sono stati i momenti, nell’ultimo anno, in cui ci siamo ritrovati per discutere delle problematiche della città?».


Il presidente del Consiglio comunale Dario Martina


Martina poi spiega le sue scelte: «Nasce proprio da questa mancanza di confronto e pianificazione dell’opera la mia necessità di protocollare alcune richieste, raccolte dalle indicazioni della cittadinanza e presentate nel suo interesse agli organi competenti. Non credo che per un consigliere protocollare una richiesta possa essere fatta passare come una rivendicazione di “autonomia”, come la pretesa di differenziarsi o marcare posizioni personali. Al contrario, per il sottoscritto era divenuto questo uno “stato di necessità”, un bisogno che si è creato proprio da quella mancanza di dialogo all’interno della maggioranza, che molti di voi firmatari della missiva hanno più volte, e giustamente, lamentato richiedendo incontri di confronto che spesso non si sono mai tenuti».


Martina ha anche altre domande a cui vorrebbe risposta: «Quali decisioni hanno visto il coinvolgimento corale di quel giovane gruppo che affacciandosi alla politica con entusiasmo voleva apportare un sano cambiamento della città?  Dove è finito proprio quel nostro entusiasmo che era dei primi mesi? Dove sono i nostri candidati consiglieri (ottanta validi cittadini) che hanno permesso al candidato sindaco Carlo Chiuri di sedere sullo scranno di Palazzo Gallone?  Proprio a loro il primo cittadino aveva garantito una continua informazione sulle scelte amministrative e il loro coinvolgimento diretto, tramite l’ascolto e la condivisione delle loro idee, per essere parte attiva in quel disegno della città che doveva venire. Sono alcuni di loro, e non pochi oggi, i nostri primi oppositori perché profondamente delusi, perché lasciati soli, perché coscienti di essere stati abbandonati al termine della tornata elettorale, perché astanti incolpevoli di una promessa non mantenuta. Anche loro facevano parte di un gruppo che non si è saputo, o non si è voluto, mantenere».


Martina si dice «profondamente deluso perché mi sono sentito “usato”, considerato un portatore di voti e non di idee e contributi per la città, per una causa che si è dimostrata impregnata da troppo individualismo decisionale. Eppure, non era dai nostri palchi elettorali che la cittadinanza ha ascoltato termini come pacificazione, collaborazione e fattivo confronto con tutte le forze che sarebbero state presenti in Consiglio? Quella collaborazione e quel confronto che sfido chiunque oggi a trovare non solo all’interno della maggioranza ma anche nell’Assise, dove proprio lei, sindaco, si assenta ogni qualvolta a prendere la parola è un consigliere di opposizione, con tutto il significato che quell’atto comporta. (…) Che fine hanno fatto le nostre linee programmatiche con le quali ci siamo presentati all’elettorato e che da noi sono state votate in Consiglio? E soprattutto, le stiamo attuando?


Queste non sono solo mie domande; sono le domande che la città ci pone e a cui noi amministratori siamo tenuti a rispondere! Nessuno escluso.

Pertanto, esprimere all’interno di un gruppo una critica sul modus operandi o non condividere un’idea (un esempio è dato dall’avanzo di bilancio che per il sottoscritto doveva essere dirottato non su corso Roma ma sulle nostre marine) può essere definita una “visione ristretta”?


Denunciare, all’interno di un gruppo, l’assenza di una programmazione coraggiosa, la mancanza di una visione a medio/lungo termine della città, senza nascondersi dietro la continua rincorsa dell’emergenza, può essere fatta passare come “visione egoistica”? (…) Sono stato eletto in una lista civica nella quale era risaputo, chiaro ai più e ancor prima della tornata amministrativa, il mio pensiero e la mia vicinanza a quei valori che ricadono in un area progressista. (…) Non sembrava essere un problema allora, sembra lo sia diventato adesso ed in via esclusiva per la mia persona.


(…) Essere eletto in una lista civica non credo implichi un’estraneità assoluta nei confronti di gruppi politici.


Soprattutto se da un invito a conoscere in maniera informale un alto rappresentante politico nazionale, se da un incontro nel quale il tema non era certo l’attività amministrativa, se da una conoscenza dalla quale non poteva certamente nascere alcun “complotto” verso di essa, si vuole solo montare ad arte un pretesto, costruire un caso.


E allora parlatemi con i fatti; ricordatemi di quando avrei favorito il partito in questione (ricordo di interrogazioni presentate dal suo esponente in consiglio e da me non accolte) o di quando avrei votato in consiglio in disaccordo con la maggioranza e a favore di questo! Solo se ciò fosse vero, solo allora e a ragione vostra, si sarebbero violati i valori etici e politici di un patto che andate a richiamare e a cui credo ad oggi di aver portato rispetto.


E proprio per questa “visione di parte” che mi si attribuisce, a difesa del ruolo che ricopro all’interno dell’Assise, per il rispetto che ad essa devo, per confutare sul nascere ogni possibile dubbio, chiedo pubblicamente, a voi intestatari, di evidenziare qualsiasi atto o azione, semmai ci fosse stato, che nell’esercizio della funzione di Presidente del Consiglio abbia potuto favorire una parte delle componenti o abbia viziato i lavori dell’organo consiliare».


Pertanto, constatato che «ormai non possano esserci più le condizioni politiche di assonanza e condivisione di programmi e ideali», Dario Martina anticipa al Presidente del Gruppo “Cambiamenti per Tricase”, consigliere Antonio Baglivo, che «nelle prossime ore saranno presentate le mie dimissioni dal Gruppo consiliare di maggioranza».


LA LETTERA-ULTIMATUM DI SINDACO E MAGGIORANZA


Attualità

Centro vaccinale di Gagliano: “Houston abbiamo un problema!”

Altro che “la Puglia ti Vaccina”! Clima da saloon, trambusto “da chiazza” sgarbo diffuso, Sembrava di essere alla corte del Re Sole, o se preferite nel film il Marchese del Grillo, nella celebre frase: “Ahò, io so io, e voi non siete un c…”.

Pubblicato

il

di Luigi Zito


La Puglia ti vaccina, è il claim scelto dalla nostra Regione. Male, rispondo io.


Sono passati mesi dall’inizio della campagna vaccinale e, nonostante tutto, a qualcuno sembra non sia bastato per accumulare esperienza e comportarsi da servizio pubblico.


Anzi, sembra sia stato solo tempo perduto.


Da giorni si susseguono in Redazione appelli (scritti e non) a vigilare su quanto accade presso il centro vaccinale di Gagliano del Capo.


L’ultimo testo pervenuto racconta di «una situazione da caos, che da quando sono arrivate le dosi di Pfizer, medici e infermieri accolgono persone senza prenotazione per farsi vaccinare e, visto l’andazzo, ci sono corridoi pieni di persone non distanziate nonostante chi si reca con regolare prenotazione, attende ore prima del vaccino».


Questa è la cronaca, quelle che sono alcune voci che quotidianamente arrivano al giornale.


Ora prendetevi 6 minuti, vi voglio portare con me, e farvi vivere la mia esperienza vissuta ieri, 10 maggio, ore 18,20.


Essendo fragile ed avendo, ahimè, superato i 60, mi sarei dovuto vaccinare più di un mese fa, perché, come dice lo slogan: “La Puglia ti vaccina”.


Ebbene, oltre un mese fa mi son recato mio medico curante per informarmi su come poter aiutare la Puglia.


Laconica risposta: «Mi dispiace, lo so che sei nella categoria fragili, ma al di là dello slogan, a noi medici di base non arrivano vaccini».


E quindi? Che faccio? Mi prenoto online sul sito la Puglia ti vaccina?  «Vedi un po’ tu, cosa è meglio…».


Armato di santa pazienza, mi collego, cerco di prenotarmi ma scopro, mio malgrado, che la categoria fragili, online non c’è!


Decido così di effettuare comunque la prenotazione, compilando il form con tutti i dati della tessera sanitaria, omettendo la fragilità, e, “la Puglia ti vaccina” mi prenota circa un mese dopo, per il 10 maggio 2021, ore 18,20.


Alle 18,15 della data concordata, giungo al centro vaccinale di Gagliano del Capo, una via crucis di transenne mi fa approssimare al primo check point, dove chiedo ad alcuni ragazzi della Protezione Civile lumi su come devo cataminarmi, citando Montalbano.


Un piglio svogliato, o se volete la prima nota di indolenza, mi pervade la faccia; chiedo con fare garbato, dopo aver esposto la prenotazione: cosa devo fare, come mi devo comportare?


Con alito di scocciatura mi indicano il percorso, con fare incredulo prima di dirigermi verso la Puglia ti vaccina, chiedo: a quale nucleo di Protezione civile appartenete? Corsano, mi rispondono.

Seguo la via crucis e, come me tanti altri cittadini in attesa: chi seduto, chi no; c’è chi, come me, si reca fiducioso, seguendo un percorso tracciato, verso le scale.


Primo piano, secondo check point: un Oss, asettico come i saponi che usiamo ripetutamente, ci spiega qualcosa, dandoci degli ordini blandi e ci affida ad un terzo figuro della Protezione civile che, con la stessa clonata lena che avevamo saggiato pochi attimi prima, ci impartisce degli altri ordini, facendoci accomodare in una sala d’attesa.


Nel frattempo, catapultato nel trambusto da chiazza, incredulo, cerco di fotografare la scena, di realizzare se fosse vero quello che vedevo e ascoltavo o se invece degli attori stessero girando scene da film: infermieri impazziti che berciavano: «Tu vieni, siediti qui. Che devi fare? No, li non puoi stare! Chi deve fare il vaccino per la prima volta?».


Nel frattempo, man mano che ci avvicinavamo al luogo preposto alla inoculazione, arrivati davanti alla porta, sempre aperta, medici, infermieri, addetti a non so cosa, si affaccendavamo avanti ed indietro, come se l’Apollo 11 stesse per partire a momenti e loro fossero parte della fatidica Nasa: Houston abbiamo un problema!


Chi entrava, chi usciva, chi indicava, chi accompagnava, chi, riconosciuto l’amico, il parente, il conoscente, ritrovava la serenità perduta, giusto il tempo per assecondare l’astante nell’attesa e, magari, farlo passare avanti.


Nel mentre, nella stanza adiacente a quella della vaccinazione (due metri), un medico stanco, frustrato, avulso dal contesto, come se l’avessero caricato di tutti i guai del mondo (compreso di essere un medico al servizio della Asl, un bene pubblico), dopo avermi fatto accomodare, salace, sardonico, ma felice come i bambini che stanno per azzannare un gelato, mi riprende: «Lei mi dice che è fragile, che è stato qui già tre volte… cosa me lo comprova se non mi portate le carte?».


«Credevo fossimo nell’era digitale», abbozzo io, gentilmente, «che una volta digitato i dati nel form della prenotazione, compresi quella della tessera sanitaria, aveste tutti i miei guai! Ma se non è così chiamo subito i miei medici e…».


Il mio medico risponde, certifica allo zelante collega quello che gli avevo appena raccontato ed egli, quasi dispiaciuto, mi abbozza: «Aspetti qui!». Come i cagnolini, di fianco a lui.


Nel mentre fa accomodare un’altra signora fragile, avanti con gli anni, accompagnata dalla figlia e dal marito. Anche lei, come me, aveva auto l’ardire di non portare le carte. Apriti cielo! «Ma lei se si presenta ad una commissione per la pensione, va così, senza carte?!».


Stranito, attonito, stupito, perplesso e scandalizzato, non trovo le parole per intervenire, ma colgo lo sguardo affranto della povera donna che già mi aveva confidato, durante l’attesa, della fifa e del coraggio che a piene mani aveva attinto dalla figlia e dal marito per venire a fare il vaccino e, dallo sguardo, leggo: «Furmine a mie te quannu su vanuta. Messi stata a casa menu!».


Mi giro verso il corridoio, altro parapiglia. Un altro fragile prenotato, che aveva ricevuto delle informazioni lunari, lamentava di aver atteso al piano terra dalle 16 e, dopo 3 ore, poiché le dosi di Pfizer contenute in una fiala non bastavano, sempre gli stessi medici (bontà loro), gli avevano fatto sapere, fra abboccamenti, decisioni urlate senza contegno, aria da saloon, di non volerne aprire altre e che, quindi, se ne sarebbe potuto andare.


Sembrava di essere alla corte del Re Sole, o se preferite nel film il Marchese del Grillo, nella celebre frase: «Ahò, io so io, e voi non siete un c…».


Spero di aver riportato fedelmente la mia esperienza, senza mancare di rispetto a nessuno, ma mi chiedo e lo chiedo alle autorità competenti: «È questo il servizio pubblico? Stiamo chiedendo qualcosa che non ci spetta? Siamo noi pazienti (!) fuori luogo o c’è qualcuno che dovrebbe vigilare, farsi un esame di coscienza e, forse, chiedere scusa?».


Chi, come me, ha i mezzi per difendersi può anche cavarsela, ma pensate a quanti vostri padri, madri, fratelli, sorelle, per pudore, dignità, vergogna, garbo, sottomissione, ingurgitano la fiala di veleno senza fiatare! E sono la maggioranza! Non meritano, cari sanitari, il vostro rispetto, la vostra stima?


D’altronde se voi siete servizio, il pubblico siamo noi; e senza spirito di favore non c’è nessuna simbiosi.


Le date per le vaccinazioni continueranno a lungo, armiamoci di Santa Pazienza (tutti), ritroviamo il senso civico perduto ed andiamo avanti.


Continua a Leggere

Appuntamenti

Scuola di internet per tutti a Maglie

Corso gratuito volto a far acquisire ai cittadini di ogni età delle competenze digitali di base per conoscere ed affrontare il web e la vita di tutti i giorni

Pubblicato

il

La pandemia ci ha fatto scoprire come il mondo stia cambiando velocemente e come sia importante essere preparati per conoscerlo e guardare con fiducia al presente ed al futuro. L’agenda digitale è in programma già da tempo nelle pubbliche amministrazioni, ma le ristrettezze ed il distanziamento interpersonali insieme al divieto di spostarsi, hanno fatto capire l’importanza per tutti di avere delle competenze digitali.


L’amministrazione comunale di Maglie, guidata dal sindaco Ernesto Toma, «per essere vicina ai suoi cittadini» ha aderito al progetto nazionale Scuola di internet per tutti, un corso gratuito volto a far acquisire ai cittadini di ogni età delle competenze digitali di base, indispensabili nella vita di tutti i giorni. Il progetto favorisce un’educazione digitale ed è promosso da Tim in collaborazione con Fondazione mondo digitale e realizzato nell’ambito del programma nazionale Operazione risorgimento digitale.


Il lockdown ha fatto emergere le carenze e le differenze generazionali tra i nativi digitali e coloro che sono nati e cresciuti senza internet ed abituati a fare tutto de visu, ma ha avviato una rivoluzione, anche di pensiero, inimmaginabile sino a qualche anno fa ed in pochissimo tempo moltissimi hanno compreso anche i lati positivi di fare tutto o molto da remoto.


Attraverso corsi online gratuiti, esperti formatori di Tim guideranno i cittadini del Comune dell’Unione Entroterra Idruntino alla scoperta delle opportunità offerte dal digitale e potranno conoscere gli strumenti in grado di semplificare la vita di tutti i giorni.


Per partecipare al corso base “Scuola di internet per tutti” per migliorare la vita con il digitale, non occorrono specifiche competenze, ma una sufficiente padronanza nell’uso di telefoni smartphone, tablet o pc ed il desiderio di approfondire nuovi strumenti e applicazioni.

Il primo corso, “Migliorare la vita con il digitale” si svolgerà in quattro lezioni online da un’ora, per quattro settimane e svilupperà vari temi: “Digitale in tasca: dai vocaboli del digitale alla personalizzazione dei dispositivi mobili”; “Pagamenti digitali in sicurezza: come utilizzare in sicurezza home banking, e-commerce e shopping online”; “Io, Cittadino digitale: gli strumenti digitali della PA (appIO e cashback, pagoPA, SPID e CIE)”; “Salute e benessere on line: le applicazioni per salute (Fascicolo Sanitario Elettronico), il benessere e tempo libero”.


«Sono lieta dell’approvazione del progetto e dell’immediata formazione della classe virtuale», ha commentato l’assessore alla cultura del Comune di Maglie, Roberta Iasella“Scuola di Internet per tutti” è un progetto che promuove la cultura del digitale. È gratuito, non comporta oneri a carico dell’Ente comunale ed è tenuto da formatori esperti di TIM. Nella vita di tutti i giorni», ha aggiunto l’assessore magliese, «le competenze digitali sono sempre più indispensabili, e sempre più fondamentali, specie ora con la drammatica esperienza della pandemia. Spid, pagoPA, carta identità elettronica, acquisti in sicurezza, cash back di stato, sono ormai  strumenti di uso quotidiano. Insieme all’assessore Maria Grazia Maggiorano ed alla responsabile dell’VIII settore, Lina Signore,  abbiamo cercato di elaborare un progetto utile alla comunità magliese, che mirasse alla formazione digitale dei cittadini con minori opportunità, anziani, giovani e donne disoccupate, cittadini in situazioni vulnerabili».


Il corso inizierà giovedì 13 maggio alle ore 18.


«Siamo contenti e molto soddisfatti», ha concluso Roberta Iasella «della disponibilità degli esperti a formare una seconda classe virtuale, dopo le numerose richieste ed adesioni già pervenute».


Continua a Leggere

Attualità

Ripristino degli arenili: «Emiliano chiarisca e snellisca procedure»

Il presidente di Upi Puglia e presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva chiede al governatore di Puglia di intervenire per chiarire l’interpretazione delle norme  regionali e di snellire le procedure

Pubblicato

il

Un intervento del presidente della Regione Puglia per chiarire la complessa e controversa questione ripristino degli arenili, prevista nelle Linee guida regionali per la manutenzione stagionale delle spiagge, con l’obiettivo di semplificare le procedure amministrative e agevolare così la ripartenza del comparto turistico.


È quanto chiede il presidente di Upi Puglia e presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva, in una nota indirizzata al governatore Michele Emiliano.


Facendosi portavoce della complessità della vicenda e delle difficoltà di interpretazione della normativa nazionale e regionale in materia, il presidente Minerva ha chiesto un intervento chiarificatore al presidente della Regione «in merito alle previsioni contenute nelle Linee guida regionali per la manutenzione stagionale delle spiagge (versione del marzo 2020), dove si ravvisa una probabile incongruenza con riferimento alla definizione e alle modalità di attuazione dell’opzione 2 della categoria ‘Ripristino degli arenili”, la cui interpretazione applicativa può ingenerare un aggravio procedimentale, nonché un possibile disorientamento per gli operatori pubblici e privati chiamati a dare attuazione alle stesse Linee guida».


La presa di posizione del presidente Minerva sulle problematiche normative relative al ripristino degli arenili scaturisce da un approfondimento tecnico sulla complessa questione effettuato dagli Uffici provinciali del Servizio Ambiente e dall’Ufficio tecnico del Comune di Gallipoli.


Un approfondimento necessario anche alla luce del riparto di competenze tra la legislazione statale e quella regionale da cui emerge che la materia dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali rientra tra le competenze esclusive dello Stato che sono state già esercitate con il Decreto legislativo 152/2006 e, con riferimento ai ripascimenti e ai ripristini, con  il D.M. 173/2006.

«La lettura delle previsioni normative in materia», scrive Stefano Minerva, «chiarisce che al ripristino degli arenili, di cui alle linee guida regionali e al DM 173/2016, con particolare riferimento all’opzione 2 “Prelievo dall’accumulo sabbioso a partire dalla profondità di almeno 3 metri e comunque non oltre la profondità di chiusura e ridistribuzione lungo la linea di riva di riferimento all’interno dello stesso sito”, non può certamente applicarsi, come procedura amministrativa, l’istanza di autorizzazione, in quanto la stessa procedura è riferita all’immersione in mare di materiale derivante da attività di escavo e attività di posa in mare di cavi e condotte e, quindi, non al ripristino»,


«Appare di tutta evidenza che il ripristino con prelievo dell’accumulo sabbioso, anche sommerso», precisa ancora, nella sua nota, il presidente di Upi Puglia, «è comunque sempre un prelievo riferibile alla spiaggia, la cui profondità di chiusura è coincidente con il suo limite dal lato mare, pertanto tale operazione ha caratteristiche opposte all’immersione in mare di residui di attività di scavo».


«Considerata la necessità di uno snellimento delle procedure amministrative», conclude Minerva, «ho chiesto alla Regione di intervenire per rimuovere gli ostacoli e superare le difficoltà nell’interpretazione delle norme, facilitando così il riavvio del comparto turistico, strategico per l’intera economia regionale».


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus