Connect with us

Attualità

Tricase, pass disabili: «Si al buon senso, no alla burocrazia»

Stefania Sciurti (Associazione D.A.I. Reagiamo): «Evitiamo di strumentalizzare per fini puramente politici la disabilità, in quanto argomento profondamente doloroso, e aggiungo frustrante, per chi è costretto a conviverci ogni giorno»

Pubblicato

il

«Perché per una volta che non ci si perde nei meandri della burocrazia e si usa il buon senso si scatena il finimondo?».


È la domanda che si pone la presidente dell’Associazione D.A.I. Reagiamo Tricase, Stefania Sciurti.


Il riferimento è all’ultimo consiglio comunale in cui è stata rivolta al sindaco Carlo Chiuri un’interrogazione avente come oggetto il procedimento di rilascio dei pass auto per l’accesso a Tricase Porto dei diversamente abili.


«Su tale argomento», sottolinea la Sciurti, «ci si è soffermati a discutere animatamente, gridando anche “vergogna” nel momento in cui sono state analizzate le modalità di assegnazione e consegna dei pass stessi».


«Non voglio addentrarmi nella specificità delle normative, poiché assolutamente non mi compete», precisa la presidente dell’Associazione, «mi sembra doveroso, però, come rappresentante della categoria, fare una riflessione di natura puramente personale. Premesso che bisogna dare atto all’attuale amministrazione di aver evaso ogni richiesta solo se legittimata dal possesso del contrassegno disabili ex art.381, rilasciato previo accertamento sanitario, solo a persone con capacità di deambulazione impedita o sensibilmente ridotta, mi chiedo come sia possibile che in un’epoca in cui la risoluzione di problemi di natura sociale, annega in un mare di carenze e/o eccessiva burocrazia, ci si possa accanire con tanto fervore contro un procedimento basato, una volta tanto, sulla semplificazione, in un contesto dove la sensibilità, la disponibilità e l’immediatezza devono essere gli elementi di riferimento dell’azione delle amministrazioni pubbliche».

«Anzi», insiste Stefania Sciurti, «vorrei augurarmi che ciò possa essere esempio da replicare poiché troppo spesso ci troviamo, per scarsa organizzazione, scarsa informazione e scarsa attenzione da parte delle istituzioni sul tema della disabilità, sballottati da un ufficio all’altro nel tentativo di vedere riconosciuti i nostri diritti. Tutto ciò, sì, è vergognoso».


«Spero», conclude, «che si possa evitare in futuro di strumentalizzare, per fini puramente politici, la disabilità, in quanto argomento profondamente doloroso, e aggiungo frustrante, per chi è costretto a conviverci ogni giorno».


Sulla vicenda il consigliere di opposizione Nunzio Dell’Abate ha invece denunciato: «Nessuna procedura, nessun regolamento, nessun atto, nessuna tracciabilità, nessun responsabile comunale preposto». (clicca qui)


Attualità

Cinque deputati hanno chiesto il bonus da 600 euro all’Inps

Pubblicato

il

Cinque deputati hanno chiesto all’Inps il bonus da 600 euro mensili, poi elevato a 1000, previsto dai decreti Cura Italia e Rilancio per sostenere il reddito di autonomi e partite Iva: la segnalazione arriva dalla direzione centrale Antifrode, Anticorruzione e Trasparenza dell’Inpas ed è riportata oggi dal quotidiano La Repubblica.

Lo riporta l’Ansa che spiega che i cinque ‘furbetti di Montecitorio’, a norma di legge, essendo tutti i possessori di partita Iva, liberi professionisti co.co.co, oltre ad alcune categorie di autonomi, avevano diritto di accedere all’indennità.

Inps non fa ovviamente i nomi dei cinque ma sui social c’è già chi chiede al presidente Roberto Fico di rendere note le identità dei deputati. Intanto però trapelano i partiti di appartenenza: 3 della Lega, un pentastellato ed uno di Italia Viva.

“Oggi La Repubblica parla di 5 parlamentari, di 5 poveri furbetti che durante la pandemia hanno avuto il coraggio di avanzare richiesta allo Stato per avere il bonus di 600 euro riservato ai lavoratori autonomi e alle partite Iva in difficoltà. Evidentemente non gli bastavano i quasi 13mila euro netti di stipendio al mese, non gli bastavano tutti i benefit e privilegi di cui già godono. È vergognoso. È davvero indecente”, scrive Luigi Di Maio su Fb.

“I nomi di queste 5 persone sono coperti dalla legge sulla privacy. Bene, siano loro allora ad avere il coraggio di uscire allo scoperto. Chiedano scusa agli italiani, restituiscano i soldi e si dimettano, se in corpo gli è rimasto ancora un briciolo di pudore”, aggiunge specificando che “non in importa di quale forza politica” siano.

“Posso dire che è una vera vergogna?”. E’ il commento laconico, su Facebook, del segretario del Pd Nicola Zingaretti alla notizia dela richiesta all’Inps, da parte di cinque deputati, del bonus da 600 euro mensili previsto dal governo per sostenere il reddito di autonomi e partite Iva.

“È una vergogna che cinque parlamentari abbiano usufruito del bonus per le partite iva. Questi deputati chiedano scusa e restituiscano quanto percepito. È una questione di dignità e di opportunità. Perché, in quanto rappresentanti del popolo, abbiamo degli obblighi morali, al di là di quelli giuridici. È necessario ricordarlo sempre. Lo affema il presidente della Camera Roberto Fico su facebook.

Continua a Leggere

Attualità

Super agosto per i treni: 36 Frecce in più per il Sud

Pubblicato

il

Potenziata con 36 Frecce aggiuntive per l’intero mese di agosto l’offerta ordinaria di Trenitalia per il Sud Italia. Un servizio per le principali mete turistiche e balneari di Puglia, Campania e Calabria.

Alle 12 corse già vendute nei giorni scorsi se ne aggiungono altre 24 in vendita da oggi 8 agosto.

Il dettaglio: si aggiunge il «Frecciarossa» che da Milano Centrale raggiunge Reggio Calabria nelle giornate del 15, 21, 22, 23, 27, 28, 29 agosto, con viaggio in direzione Nord nei giorni del 16, 22, 23, 24, 28, 29, 30 agosto. Questi gli orari:

Milano C.le (11.50) – Reggio Calabria (22.05);
Reggio Calabria (11.50) – Milano C.le (22.10).

In entrambe le direzioni i «Frecciarossa» fermano anche a Reggio Emilia AV, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Salerno, Agropoli, Vallo della Lucania, Pisciotta-Palinuro, Sapri, Maratea, Scalea, Paola, Lamezia Terme, Vibo Pizzo, Rosarno e Villa San Giovanni.

Con la stessa modalità crescono le corse del «Frecciargento» in circolazione nel secondo fine settimana di agosto sulla rotta tra Roma e Lecce: sarà replicato nei giorni 10, 14, 16, 17 e 23 agosto in entrambe le direzioni. Questi gli orari:

Roma (9.35) – Lecce (15.05);
Lecce (17.55) – Roma (23.30).

I «Frecciargento», in entrambe le direzioni, fermano anche a Caserta, Benevento, Foggia, Barletta, Bari, Monopoli, Ostuni e Brindisi.

Il potenziamento dei collegamenti verso le maggiori mete vacanziere conferma la forte attenzione da parte del Gruppo FS Italiane a sostegno del turismo, volano dell’economia nazionale e pilastro fondamentale per la ripresa del Paese.

Continua a Leggere

Attualità

La Puglia supera il valore d’allerta Rt: è ad 1,1

Pubblicato

il

La Puglia è tra le 11 Regioni d’Italia che hanno superato il valore d’allerta Rt per il Coronavirus, raggiungendo l’1,1.

Nel report settimanale di Iss e ministero della Salute si legge: «Negli ultimi 14 giorni si osservano stime dell’indice di trasmissione Rt superiori ad 1 in undici Regioni dove si sono verificati nelle ultime 3 settimane recenti focolai, ma senza comportare un sovraccarico dei servizi assistenziali».

L’indice Rt è, come dice la parola stessa, indicativo ma non così stringente. È infatti suscettibile a variazioni anche con un numero limitato di casi di contagio nelle regioni con pochi contagi totali.

Di contro è un campanello d’allarme che colloca la Puglia tra le Regioni a rischio. La media di una decina di contagi al giorno, con picchi anche di 20-23 casi, non tiene lontano il fantasma di un potenziale riacutizzarsi della curva.

“Al momento – si legge ancora nella nota – i dati confermano l’opportunità di mantenere le misure di prevenzione e controllo già adottate e di mantenere alta l’attenzione alla preparazione di interventi in caso di evoluzione in ulteriore peggioramento”

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus