Connect with us

Attualità

Tricase, sigari y rum

Non solo l’idea, “rivoluzionaria”, di produrre a Tricase sigari cubani e rum, ma una lunga intervista in cui il sindaco, Antonio Coppola, parla a trecentosessanta gradi dell’attività amministrativa, dei progetti in ballo, del (non certo amichevole) rapporto con l’opposizione ed anche di temi scottanti, come le denunce penali a suo carico e la diffida pervenutagli nientemeno che dal procuratore antimafia Cataldo Motta

Pubblicato

il

Una lunga intervista con Antonio Coppola nella quale il primo cittadino spiega tutto quanto è stato intavolato per il futuro di Tricase e cosa dovremo aspettarci da qui in avanti. Non tirandosi indietro su nessun argomento, neanche quelli più scottanti.


Sigari e rumInnanzitutto l’Acait per la quale pare ci siano novità importanti: “Abbiamo già a disposizione circa 300 mila euro per due progetti che serviranno a ristrutturare una delle parti più antiche, la capriata a sinistra, quella crollata, che serviva per la pesa delle merci. I lavori sono già stati appaltati”. Un primo passo, perché sull’Acait sono in ballo numerosi progetti. E un’idea stuzzicante, che farebbe diventare Tricase un polo di produzione di… sigari cubani! Ma è proprio vero? “Da novembre dell’anno scorso”, ammette vistosi scoperto il primo cittadino, “ne sto parlando con l’Ambasciata di Cuba a Roma. Ci sono già stati 6-7 incontri, spero che la cosa possa andare a buon fine, anche se le problematiche legate alla commercializzazione del sigaro cubano sono complesse perché ci sono di mezzo delle multinazionali. Noi però ci proveremo con tutte le nostre forze perché non ci va di trasformare l’Acait nel solito posto buono solo per mostre, conferenze, musei, ecc.”. Abbandonata ogni resistenza, Coppola spiega il suo progetto: “Riuscire a produrre un sigaro di altissima qualità come quello cubano, senza pretendere di averne il marchio e senza impelagarci nella coltivazione del tabacco che, è assodato, non conviene più. L’idea è quella di acquistare da Cuba il “semilavorato” da rifinire a Tricase. All’Ambasciata cubana ho chiesto anche di metterci a disposizione le maestranze, perché ci istruiscano sulla corretta lavorazione. Vorremmo realizzare, nella parte antica dell’Acait (circa 2 mila mq), un prodotto con il fascino di ciò che si realizza da secoli da collocare in una fascia di qualità alta, praticamente senza concorrenza in loco… Solo sentire di nuovo l’odore del tabacco nel centro di Tricase sarebbe una gran cosa”.


Ovviamente intorno al sigaro potrebbero esserci un contorno di attività di contorno “di spettacolo, intrattenimento, cultura eristorazione. Senza escludere le produzioni locali, quelle che caratterizzano Tricase e il Salento. Una serie di attività che in definitiva creino attrazione per quel turismo di qualità sul quale continuiamo a puntare”. Il primo risultato sarebbe quello “della riqualificazione degli operai espulsi dal mondo del lavoro”. Ma come si finanzierebbe un’impresa di tal genere? “Il Comune farebbe da volàno, ma è impensabile che sia un Ente pubblico a reggerne il peso. Dopo l’avviamento andrebbe realizzato un bando pubblico per l’ingresso dei privati”.


Nel progetto il Sindaco ha “coinvolto la Regione Puglia (“con una richiesta di partecipazione attiva che ci consenta di accedere ai fondi”) e al Ministero del Lavoro. Ho chiesto in modo formale un interessamento anche al Nunzio Apostolico a Cuba, don Bruno Musarò, di Andrano: persona gentilissima e disponibilissima che ha compreso la portata del progetto. Con la buona volontà da parte di tutti potremmo anche riuscirci, ma è bene non illudere nessuno e sottolineare che al momento è tutto in embrione. Sigari o no, però, quel che conta è la nostra strategia che va in questa direzione: cercare delle attività produttive che dovranno essere sostenute da privati (“senza il loro intervento i Comuni costruiscono solo carrozzoni che favoriscono clientelarismi”)”.


Sempre “mirando” al “paraiso” caraibico, Coppola svela di aver “intavolato un discorso con i Musei civici di Firenze. Stiamo valutando di utilizzare il Castello non soltanto come freddo contenitore di mostre sporadiche che non lasciano tracce. Mi piacerebbe poter creare degli appuntamenti di livello che possano invertire quanto avvenuto finora: non il turista che viene da noi e visita la mostra ma nuovi turisti che arrivano perché c’è la mostra”. Perché i Musei civici di Firenze? “Dopo l’alluvione del 1966 e l’appello al mondo dell’allora Sindaco gigliato di aiutare Firenze, Fidel Castro donò alla città 100 opere d’arte, d’alto pregio e valore, di pittori cubani post rivoluzionari. Opere che, per un motivo o per l’altro sono sempre rimaste chiuse nei depositi fiorentini e mai esposte: ce le daranno e noi le esporremo da giugno a settembre in assoluta esclusiva mondiale in una mostra organizzata in modo altamente professionale. Tutto ciò”, continua Coppola, si inquadra “nella strategia di turismo di qualità e di destagionalizzazione già avviata con manifestazioni come il Salento International Film Festival (quest’anno a giugno), il film con Claudia Gerini che sarà girato in loco, la produzione indiana che sta per iniziare a girare qui a Tricase, il Convegno internazionale sulla protezione dei dati informatici, previsto dal 30 maggio al 1° giugno e organizzato dalle industrie del software che ruotano intorno ad IBM. Il Castello dovrà diventare sempre di più il luogo della promozione e dello sviluppo del territorio”.


E qui arriva un’altra ghiotta anticipazione: “Esiste un problema di logistica generalizzato: dagli uffici comunali alla Compagnia dei Carabinieri, dalla Tenenza della Guardia di Finanza alle strutture sanitarie. Una delle ipotesi prevede la Guardia di Finanza a Campo Verde in una struttura nuova (“ristrutturare l’ex tribunale costerebbe molto di più”) e i Carabinieri nella sede di Caprarica del Tribunale ormai dismesso (“per il Giudice di Pace troveremo una sede idonea”). A questo punto resta l’edificio che attualmente ospita i Carabinieri e che potrebbe essere il luogo ideale per metterci gli uffici comunali. Demolendo un muro di 20 metri, lo metteremmo in comunicazione con il parco dell’Acait, con un parcheggio per almeno 100 auto, in più avremmo un complesso municipale che comprende la sede della Polizia Locale, i Servizi Sociali, la Biblioteca e il resto del Comune, tolte le sale della rappresentanza che resterebbero in uno spazio ridotto del Castello: una cittadella pubblica che ruota intorno alla parte produttiva della città”.


AcaitE il Parco dell’Acait? “Si farà regolarmente di fronte alle nuove costruzioni di Andrea Bentivoglio. Nell’incontro tenuto in Regione si è raggiunto un accordo siglato da tutte le parti: rispetto al precedente progetto quei duemila metri ora occupati dal nuovo fabbricato verranno recuperati intorno al parco, a ridosso della scuola: un polmone di verde con i collegamenti realizzati ad un’altezza di quattro metri. Partendo dal parco basso della Zona Lama, saranno realizzati dei percorsi che diventeranno una sorta di passeggiata fruibile anche dai diversamente abili che si collegherà anche al grande complesso dell’Acait”. Anche qui, i tempi? “Manca solo il parere definitivo della Regione sulla riqualificazione urbanistica”. Abbiamo lasciato fuori le strutture dell’Asl… “Raggiunto un accordo per la famosa “Città della Salute”, che sorgerà a Campo Verde”. Dopo il Villaggio Arcobaleno e il CIM quindi non dovremo temere altre perdite di servizi? “No. Ho presentato personalmente richiesta al Presidente della Regione, Nichi Vendola, all’assessore Elena Gentile e al direttore generale dell’Asl di una rivisitazione totale delle problematiche della salute sul territorio. Non è possibile svuotare i territori di servizi, solo perché dobbiamo utilizzare dei fabbricati vuoti. Ho chiesto, trovando risposta positiva, di sospendere ogni decisione. L’accordo con l’Asl prevede che noi mettiamo a disposizione gli immobili di Campo Verde e loro ci restituiscano quello dove era ospitato il Villaggio Arcobaneo, quello di via Santo Spirito dove ora c’è la Guardia Medica (Fabbricato di valore storico, già domicilio di Carlo Minoli, primo direttore d’orchestra della Banda di Tricase), e quelli dove sono ospitati gli ambulatori in Zona Draghi”. Tra le novità auspicate “una struttura che possa garantire l’assistenza diurna agli anziani malati di Alzheimer o patologie simili. Un luogo dove poter effettuare terapie di gruppo ed interagire con gli altri per ritardare il più possibile gli effetti degenerativi della malattia”.


Il “gusto del proibito”, detto con assoluta leggerezza e un discreto senso degli affari, sembra proprio aver coinvolto Coppola che vorrebbe fare “dei capannoni ex Adelchi della Zona Industriale un luogo di produzione di rum, importando il semilavorato di canna da zucchero”. La cosa potrebbe strappare un sorriso, così come del resto accade anche allo stesso Coppola che, però, spiega: “Basta piangersi addosso, sappiamo benissimo che nei periodi di maggior crisi i prodotti più attrattivi restano quelli di alta qualità. Se dessimo l’opportunità a chi vuole di bersi un gustoso rum, fumarsi un buon sigaro e magari ascoltare della buona musica, non sarebbe una cosa buona? Io credo proprio di si”. Poi il primo cittadino si lancia in un paragone solo all’apparenza azzardato: “Sarebbe un po’ come accadeva per la produzione delle scarpe: si comprava il semilavorato e da noi si finiva il lavoro. Perché col rum e con i sigari non potremmo fare lo stesso?”.


Il porto, il museo, il piano parcheggi


PortoUn aggiornamento sul porto: “L’idea non è quella di una megastruttura ma di salvare e valorizzare l’esistente, un porto rifugio unico in Italia. Insieme al Parco Otranto-S.M. di Leuca, la Facoltà di Biologia dell’Università di Lecce, l’Istituto Agronomico del Mediterraneo (“ormai diventato collaboratore ufficiale e costante del Comune”), Magna Grecia Mare e la Provincia, siamo riusciti finalmente a sbloccare il Laboratorio di Biologia Marina, ora nella fase di progetto esecutivo con l’appalto per 250 mila euro circa che dovrà essere subito assegnato. Prevista la realizzazione di un laboratorio permanente, per lo studio di ciò che accade nel nostro mare e la verifica della sua evoluzione, e finalizzato alla formazione con collegamenti con le scuole”. Poi ci sono le grotte, quelle vicino alla spiaggetta, da salvare: “Nell’ottica del Porto-Museo, abbiamo un finanziamento di un milione e 150 mila euro per restaurale per intero e consolidarle. Verranno rimesse esattamente com’erano; in più con quei soldi saranno effettuati il consolidamento del costone che dava segni di cedimento e il rifacimento della banchina fino a Punta Cannone”. La novità più ghiotta però riguarda la piazzetta che affaccia sul porto “Sempre con quei soldi abbatteremo quell’orrendo “muro del pianto” rivestito in “Pietra di Trani” (finalmente!), e al suo posto ci saranno dei blocchi di pietra con una ringhierina in alto che consenta l’affaccio senza alcun pericolo”. Oltre ai lavori, però, “saremo chiamati ad avviare i processi per delle attività permanenti che riguardano il porto. Dovremo formare delle persone che siano in grado di gestire quegli ambienti, oppure dare in affidamento a chi sia in grado di favorire l’attrazione turistica, un ritorno economico e l’autosostentamento”.


Resta l’annoso problema dei parcheggi giù al porto… “Questa settimana renderemo pubblico il nuovo “Piano parcheggi” che riguarderà tutta Tricase e sarà di ampio respiro. Prevede un periodo decennale per garantire a chi investirà di rientrare delle spese. Tra le premialità ci sono tutte quelle attività per garantire il parcheggio a Tricase Porto, Marina Serra e in zona Ospedale”.


Arrivano le navette


minibusNo a nuovi parcheggi, chiederemo servizi come navette, locazioni in affitto di terreni vicini, ecc. Nei pressi del Liceo Comi, ad esempio, ci sono centinaia di posti macchina che saranno raddoppiati con la lottizzazione della zona di fronte e che potranno essere utilizzati. Prevedendo anche la chiusura al traffico del centro storico, un servizio navetta potrebbe agevolare sia la fruizione delle marine che di Piazza Pisanelli e dintorni. Questo razionalizzerebbe il traffico nelle marine anche perché, come previsto dal Piano Coste, chi eventualmente vincerà il bando per realizzare stabilimenti balneari,dovrà garantire il suo parcheggio o un servizio di parcheggio per i suoi utenti”. Per gli stabilimenti balneari resta il concetto chiaro a Coppola e ampiamente condivisibile: “Non potranno essere realizzati in zone già fruibili per la balneazione, ma solo in posti oggi non agevolmente accessibili”. Già da quest’anno? “Non ci vorrà molto tempo, credo però che per quest’anno sarà difficile”. A proposito di Piano Coste, come mai è stato depositato a maggio 2012 e fino ad oggi non se ne è saputo nulla? “È un fatto fisiologico, siamo nei tempi previsti. È stato presentato alla fine del mandato del Commissario prefettizio, noi ci siamo insediati, lo abbiamo studiato e sottoposto al Parco Otranto – Leuca per le coste a rischio di friabilità e per le specie vegetali presenti sulle nostre rocce. Gli esperti del Parco, in primis il biologo, Francesco Minonne, hanno effettuato dei sopralluoghi ed elaborato la mappa delle zone utilizzabili. Abbiamo poi avviato la discussione per la partecipazione del piano con l’Ente Parco e la Regione in previsione del Piano Paesaggistico regionale, in modo che quest’ultimo sia sovrapponibile. In questo senso l’assessore regionale, Angela Barbanente, ha raggiunto un accordo con il Demanio e con i Comuni per uniformare le norme per i Comuni in condizioni simili, come possono essere tutti quelli che ricadono nel Parco Otranto-Santa Maria di Leuca. Assodato questo, avremo tempo fino al 30 giugno prossimo per ultimare il Piano Coste comunale”.


Insieme al Parco


La collaborazione con il Parco intanto è sempre più proficua. “Con i Servizi Ambiente e Cultura (SAC), recentemente approvati, il ruolo di Tricase assume notevole importanza per il patrimonio monumentale di cui dispone. È stato inserito con varie strutture: la Chiesa dei Diavoli, la Torre del Sasso e Casa Comi a Lucugnano che potrà diventare Parco Letterario. Non vogliamo creare vincoli, ma trovare il modo perché il patrimonio sia anche produttivo. Ci sarà un bando pubblico per associazioni o imprenditori che proporranno il loro progetto che verrà finanziato per i primi due anni ma che poi dovrà autosostenersi. Come? Creando delle attività che siano di stimolo ai laboratori e che valorizzino il Parco e i monumenti inseriti in un circuito turistico di alto livello”.


L’impianto di compostaggio


Da un anno ci stiamo proponendo per un grosso impianto di Compostaggio nella nostra Zona Industriale”. Vale la pena tranquillizzare chi pensa possa arrecare danni: “Si tratta di umido compostabile, vale a dire quegli scarti da cucina che solitamente mettiamo nelle piccole compostiere a casa. Sarà un impianto controllatissimo che non comporterà alcun rischio di inquinamento né di cattivi odori”. D’altro canto, invece, “porterà vantaggi con il compostaggio, che ci consentirà di abbassare i costi del singolo cittadino per lo smaltimento e di creare occupazione diretta (“anche se con numeri ristretti comunque non disprezzabili”) e soprattutto un indotto che ruota intorno al compost anche proveniente da ramaglia, così come previsto dalle norme. Nell’ultima Assemblea dei Sindaci abbiamo ottenuto di stralciare la posizione di Lecce rispetto al resto del Salento (“Loro manterranno Cavallino”). Se ci riuscissimo sarebbe davvero una gran cosa per Tricase”.


“Con la partecipazione di tutti”


image descriptionNon c’è progetto di un certo livello che non sia stato partecipato. Il Piano Paesaggistico Tematico Regionale è stato oggetto di assemblee, tavoli di lavoro, raccolte di osservazioni, ecc. Sul sistema rifiuti abbiamo già tenuto un’assemblea e ne terremo un’altra martedì 22 aprile(Sala del Trono, ore 18, estesa a tutti i Comuni dell’Aro e trasmessa in diretta anche sul sito internet comunale), per l’illustrazione del modello di gestione del ciclo rifiuti e della centrale di compostaggio. Ne discuteremo ed ascolteremo quello che ci diranno i cittadini. Parteciperà all’assemblea anche l’ingegnere consulente per il Biocomposter di Capannoli (Pisa), il Comune italiano con la più alta percentuale di riciclaggio”. Eppure una delle accuse più feroci dell’opposizione è proprio quella di non coinvolgere la cittadinanza… “Se parliamo di partecipazione credo che siamo stati i primi ad introdurre il Bilancio partecipato. Vogliamo far conoscere ai cittadini tutte le problematiche che dobbiamo affrontare. Ci siamo trovati di fronte un milione di euro di debiti maturati dalla fine degli anni ’70 ad oggi. Con un bilancio in cui noi possiamo gestire 3-400 mila euro significa ritrovarsi in ginocchio. Mercoledì 16 aprile (sempre Sala del Trono, alle 18) ci sarà la seconda assemblea per il Bilancio partecipato in cui renderemo edotti tutti dei parametri di spesa, delle entrate da Tares, Imu e Tise (trasferimenti statali prossimi ormai allo zero”). Chiederemo, in base a questi parametri, come distribuire il carico su ogni cittadino di Tricase e se vogliamo spendere ognuno un po’ di più, magari per sistemare le strade e la pubblica illuminazione o se preferiamo starcene fermi senza avere un euro per fare alcunché. Per i rifiuti, poi, preferiamo che si contribuisca in base alla grandezza dell’immobile, o al numero dei componenti il nucleo familiare e quindi sull’effettiva produzione? Preferiamo che un fruttivendolo arrivi a pagare 24mila euro, cioè molto di più di altre attività che producono maggiori rifiuti? Vogliamo la Tise distribuita in egual misura o vogliamo aumentare l’Imu sulla seconda casa? Sono scelte che dovremo fare e per quanto possibile vorremmo effettuarle insieme alla gente. Martedì 29 aprile (Sala del Trono, ore 18) si terra l’assemblea definitiva, nel corso della quale diremo qual è stato l’orientamento maturato dai tavoli operativi, dalle sezioni di studio, a cui noi vorremmo partecipassero le parti datoriali, i sindacati, la consulta delle associazioni, i commercialisti, i cittadini e quanti vorranno partecipare”.


Il Piano Urbanistico Generale


Lo stesso sistema partecipativo lo adotteremo anche per il PUG che dovrà essere portato avanti con la consultazione quotidiana della città e degli operatori del settore”. A proposito di PUG, tante le polemiche per l’affidamento di un incarico all’Università. “La diatriba tra professionisti ed Università è datata. Gli atenei possono svolgere attività di progettazione alla stregua di professionisti. Per uno studio approfondito della situazione generale, per  raccogliere tutti i dati sullo stato dell’arte ad oggi, per avere la cartografia più aggiornata, i servizi più aggiornati, la sovrapposizione normativa più aggiornata, per avere i controlli sul territorio realizzati in modo professionale da un numero molto alto di persone; per avere contributi di scambi di opinione non solo nel settore della progettazione urbanistica, perche il PUG è uno strumento di sviluppo che coinvolge tutti i settori, quale luogo più dell’Università può darci di più?”.


Eppure quell’incarico dato all’Università è contestato in una delle quattro denunce del Collegio dei Revisori dei Conti alla Procura della Corte dei Conti a vostro carico. E siete accusati di danno erariale… “Ci sono modi diversi di fare politica: chi la fa contrapponendo ad un’idea e strategica per il territorio, un’altra idea e lo fa nel tentativo di cercare la soluzione migliore e chi la fa con un’azione che mira soltanto a demonizzare e distruggere chi è stato eletto dai cittadini”. Il riferimento è alle opposizioni? “Alcune delle denunce come quelle dei debiti fuori bilancio sono degli atti dovuti, gli altri…”. Atti dovuti? “Certo. Quello che invece non è tanto normale è che un gruppo, un’Associazione scriva alla Procura della Corte dei Conti regionali per temuto danno all’erario. Intanto si ha danno all’erario quando invece di guadagnare 10, guadagni 5 o invece di spendere 5 spendi 10. Ma se io con una gestione simile guadagno circa il 13% in più dando un servizio uguale… Se questo è un danno, qualcuno me lo deve spiegare. Tornando al PUG, premesso che se avessi interessi personali mi tornerebbe sicuramente più comodo un incarico al privato, qualcuno mi dovrebbe spiegare perché un incarico all’Università, adottato con la stessa procedura da un Commissario straordinario, che è un funzionario dello Stato, viene tranquillamente portato avanti senza che nessuno dica nulla, mentre quando lo facciamo noi si scatena il pandemonio. Se quando c’era il Commissario tutto andava bene, perché gli stessi uffici comunali che hanno eseguito le due pratiche avrebbero dovuto cambiare?”. Tra le denunce anche i 25mila euro riconosciuti alla vice segretaria comunale. “Alla fine del mio primo mandato il segretario generale se ne andò ed io affidai l’incarico alla vice di assolvere anche a quelle funzioni con il riconoscimento di un’indennità in più. Questo incarico provvisorio fu portato avanti anche nel secondo mio mandato per oltre un anno e mezzo. Perché? Nei Comuni piccoli come il nostro un Segretario Generale ha un ruolo limitato e costi molto alti perché è un dirigente dello Stato che percepisce molto di più di un dipendente comunale e senza avere alcuna responsabilità, concretamente non firma nessun atto. In più può liberamente decidere di andare in qualunque momento mentre se il Comune volesse cacciarlo lo potrebbe fare solo in caso di dolo provato. Credevamo di essere nel giusto anche perché stavamo facendo risparmiare all’ente Comune dei bei soldini. Sollevata l’obiezione, ho ritenuto comunque che il lavoro in più svolto dalla vice segretaria andasse pagato, così, con un mio personale provvedimento, ritenni opportuno riconoscerle quanto dovuto, applicando le tariffe approvate. Il responsabile dell’Ufficio ragioneria ritenne ammissibile questa mia richiesta ma non compilò nessun provvedimento definitivo in attesa di eventuali controdeduzioni dei Revisori dei Conti. In effetti quest’ultimi hanno sollevato delle obiezioni sulla legittimità della procedura, io ho revocato per autotutela quanto avevo disposto ed invitato il segretario generale a recuperare quelle somme. Ovviamente la diretta interessata ha tutto il diritto di ricorrere con gli strumenti che le fornisce la legge. Detto questo, però, mi sembra strano criminalizzare un Comune che ha risparmiato in un anno e mezzo più di 90 mila euro e, poi, ne ha pagati appena 25 mila, Non è stata forse un’oculata gestione pubblica? Non spetta a me, però, dirlo e, se ho sbagliato, mi assumo tutte le mie responsabilità”.

L’infantilismo della politica


L’altra denuncia riguarda l’arrivo in Consiglio comunale di una variazione di Bilancio da parte della Giunta, quattro mesi dopo a fronte dei 60 giorni previsti dalla legge. “Una cosa che è sempre successa! Questo è l’infantilismo della politica. Il Consigliere comunale (il Sindaco non lo nomina mai ma è chiaro che l’obiettivo dei suoi strali è il capogruppo all’opposizione, Nunzio Dell’Abate, suo rivale alle elezioni) deve svolgere un compito di confronto politico su programmi politici e sui progetti o deve svolgere il ruolo del vecchio comitato regionale di controllo sugli atti degli enti locali? Se vuole fare il funzionario pubblico lo faccia… Qui si sta facendo l’opposizione non al Sindaco e alla maggioranza ma ai funzionari. In questo modo, cosa gravissima, si sta minando la serenità burocratica, attivando un processo che mette i funzionari in una situazione di fortissimo disagio psicologico. Non vorrei che alla fine si attuasse una sorta di sciopero bianco che provocherebbe un grave danno alla comunità. Per fortuna abbiamo funzionari bravi e serissimi e sulla cui onestà metterei le mani sul fuoco”.


Capitolo denunce penali. Giorni fa l’avviso di proroga delle indagini per aver concesso il permesso a due esercizi commerciali di mettere delle pedane asportabili nel periodo estivo a ridosso delle attività nel centro storico. “Questo rientra in quello che dicevo prima. Non avendo capacità di esporre progettualità politica ci si attacca a che cosa? A nulla… Si tratta di pedane che non superano i 10 metri quadrati in totale… si voleva andare incontro alle esigenze dei bar vicino al Castello e vicino al Municipio per dare al contempo anche una parvenza di accoglienza migliore ai turisti presenti in città. E per questo finiamo sotto inchiesta?”. Anche se “un’inchiesta penale per due pedane da neanche 10 metri quadri per due bar mi sembra francamente eccessiva”, tutto ciò non toglie al primo cittadino “la mia fiducia nella giustizia. Sono e siamo convinti di dimostrare nelle sedi opportune la nostra correttezza amministrativa”.I reati contestati sono abuso in atti d’ufficio e falso ideologico. Se la prossima estate le chiederanno ancora di mettere le pedane? “Io continuerò a fare quello che ho sempre fatto e lo dico con grande convinzione. Per quale motivo non dovrei fare ciò che ritengo giusto in un momento di grande difficoltà per tutte le attività? Devo assumermene la responsabilità? Lo farò!”.


La diffida del Procuratore Antimafia


MottaÈ vero che ha ricevuto una diffida nientemeno che dal procuratore antimafia Cataldo Motta? “Il Giudice Motta a cui vanno tutta la mia stima e riconoscenza totale per tutto quello che fa, è una persona di una serietà straordinaria. Come qualunque Magistrato ha il dovere di esaminare qualunque azione penale. Ciò non significa ci sia per forza un comportamento fraudolento, ma lui ha il dovere di indagare. È arrivato un quesito alla Procura della Repubblica dal Comandante della Polizia Locale, riguardante una deliberazione con cui si da incarico ad un’agenzia di assicurazioni di verificare in anticipo se gli incidenti per cui si chiedono i danni prevedano delle responsabilità dell’ente pubblico. È un ausilio tecnico. Motta mi ha scritto di non affidare all’agenzia alcuni incarico nel caso in cui in un incidente ci fosero feriti o morti. Nulla da eccepire, questo non è mai avvenuto e nella delibera c’è anche scritto che l’operatore interviene con l’ausilio della Polizia Locale e dell’Ufficio tecnico. Quindi…”.


Il Concorso per la Polizia Locale


Altra bega, per il concorso della Polizia Locale. Ci spiega? “Escluso il Comandante, dai primi anni ’70 non si registravano assunzioni. Siamo riusciti a concludere un concorso pubblico per l’assunzione di tre unità senza alcuna interferenza politica, tant’è che uno dei candidati, che ha partecipato sia al concorso per vice comandante che a quello di polizia municipale e non ha superato il più importante, il primo, alla fine di quella prova si è complimentato con il sottoscritto perché non ha “visto mai un concorso così serio”. Inutile dire che la cosa mi ha riempito di soddisfazione. In più si è verificato che il Comandante della Polizia Locale abbia fatto ricorso al TAR perché noi abbiamo affidato l’incarico di esperto al Comandante della Polizia Locale di Poggiardo e non a lui. Prima di prendere una decisione abbiamo chiesto un parere legale e ci è stato risposto che non si è mai visto che un caposettore scelga il suo vice. E poi, se si fosse presentato (come puntualmente  avvenuto) qualcuno che avesse partecipato al concorso per comandante e fosse stato escluso non avrebbe potuto pensare male? Non era certo per mancanza di fiducia verso il nostro Comandante, tant’è vero che a lui è stato affidato, in quel concorso, il ruolo di Presidente della Commissione per i Vigili”.


Conflitto di interessi?


Cambiando argomento: continua ad essere additato di conflitto di interessi: Sindaco, ingegnere e per tanti anni a capo dell’Ufficio Tecnico. Secondo qualcuno ci sarebbero stati dei progetti approvati che porterebbero la sua firma. “Io svolgo l’attività di ingegnere per l’Ospedale di Tricase dal 1990 e per quest’attività ho avuto tutte le autorizzazioni del caso. La legge sugli amministratori locali lo dice espressamente altrimenti non potrebbero lavorare la maggior parte dei sindaci-ingegneri: “Non possono svolgere attività professionale gli assessori all’Urbanistica e ai Lavori Pubblici. Io non ho queste deleghe, per cui di che parliamo? In più la mia progettazione a Tricase e per il 99 per cento, se non di più, legata all’Ospedale”.


 “Abbiamo fatto…”


Il sindaco vuole ricordare l’impegno della sua Amministrazione per “dare buoni lavoro per 13mila euro a chi aveva reddito vicino allo zero ed era in graduatoria; realizzare un servizio civico con tre giovani, compreso un diversamente abile, che lavorano per 400 euro al mese”.


E poi tanta attenzione all’agricoltura: “Abbiamo messo a disposizione degli agricoltori gli immobili sulla via di Martina Serra, ex deposito dei mezzi comunali per fare il mercato a km zero. Ed il tutto è in fase di avanzata progettazione. Ed è continua e proficua la collaborazione con la Confederazione Italiana Agricoltori”.


E sui lavori in Largo Sant’Angelo: “Di pari passo con la Soprintendenza, di cui godiamo di una costante collaborazione, abbiamo scoperto nel corso dei lavori la vecchia Chiesetta di Sant’Angelo, una stanza con un Cristo pitturato di azzurro che è il primo impianto della chiesa. Stiamo restaurando il tutto e recuperando tutti gli scantinati con ossari e granai e che saranno ricoperti con una lastra in fase di pavimentazione della piazza. Puntiamo anche a togliere quei tre alberi di pino  le cui radici potrebbero minacciare tutta Largo Sant’Angelo”.


I soldi per la scuola


Il Sindaco rivela che “abbiamo un finanziamento di 300 mila euro che ci servirà per risanare la Scuola Pisanelli di Tutino; di 135 mila per la Scuola Media Dante Alighieri ed altri 150 mila per la Scuola di via Apulia”.


Una variante alla 275


CosiminaMentre continuano le polemiche per i temuti espropri in vista della realizzazione della Statale 275 Coppola, svela che “abbiamo sottoposto alla Regione Puglia una variante al progetto che coinvolga la “Cosimina” (la tangenziale che collega Montesano Salentino a Tiggiano) ma non nel modo in cui era stato inizialmente pensato per non danneggiare Tiggiano e Corsano. L’idea è quella di demolire la “Cosimina”, fare una strada in galleria, cioè sottoterra, che arrivata al sovrappasso verso Tiggiano, devi verso ovest, passi sotto la collina di Caprarica e si colleghi con Alessano”. Non le sembra che tale progetto possa avere un costo eccessivo? “La mia ipotesi pare stia trovando accoglienza in Regione anche perché l’appalto è previsto con un 42% di ribasso, quindi 80-90 milioni di euro, che per dispositivo di aggiudicazione di gara dovranno essere utilizzati per il risanamento ambientale. Se noi riusciamo a fare un’opera che ci restituisce la continuità paesaggistica tra Tricase centro e marina (oggi bloccata dalla barriera della “Cosimina”) e realizzare questo tratto evitando di costruire ex novo 8 km di strada, con relativa strage di alberi di ulivo, non è forse risanamento ambientale? Così si, che sarebbe una strada nel parco, non come previsto dal progetto iniziale”.


Tricase morta? “Chi lo dice si guardi allo specchio!”


C’è qualcosa che il sindaco Coppola vuole proprio dire e ci chiede di scriverlo a chiare lettere: “Se qualcuno dice che Tricase è morta, si guardi allo specchio perché è morto lui! O forse semplicemente non vuole partecipare, visto che le opportunità ci sono. E non parliamo di carri allegorici…! Sto lavorando per Tricase con entusiasmo rinnovato e sto macinando incontri con tanta gente che ha voglia di sapere, fare e migliorare. E mai come in questo periodo c’è unità di azione tra Comune, tutte le parrocchie, la consulta delle associazioni, ecc. Stiamo lavorando tutti insieme anche, e forse soprattutto, per quanto il disagio sociale e la povertà. C’è un rapporto di collaborazione nel tessuto sociale enorme di cui vado particolarmente fiero”.


Giuseppe Cerfeda


Appuntamenti

Maglie, il Museo Archeo-industriale di Terra d’Otranto

Il primo nel meridione d’Italia. Inaugurazione sabato 2 marzo, dalle 18, con il Ministro alla coesione e PNRR Raffaele Fitto

Pubblicato

il

Tutto pronto per l’inaugurazione del Museo del patrimonio industriale del comune di Maglie: un bene di grande prestigio che nasce dal restauro conservativo dell’ex fabbrica di mobilio dei f.lli Piccinno, “Stabilimento moderno per l’arte del mobilio e della decorazione della Casa”, progettato nel 1919 da Adolfo Piccinno ed ultimato nel 1925.

I Piccinno furono rinomati ebanisti e intagliatori magliesi sin dal 1863.

La cerimonia del taglio del nastro in programma per sabato 2 marzo, dalle ore 18, alla presenza del ministro alla coesione e PNRR Raffaele Fitto.

Il sindaco di Maglie Ernesto Toma

«Finalmente grazie a positive sinergie che nel corso degli anni hanno fatto molto e bene la città ed a tutto il territorio di riferimento», afferma il sindaco Ernesto Toma che organizza l’evento inaugurale, «possiamo beneficiare di una struttura innovativa che non è solo la sintesi del sistema industriale locale tra il 1850 e il 1950 (infatti racchiude testimonianze di ciò che era il sistema produttivo dei tempi) ma anche, e soprattutto, un vero e proprio contenitore culturale, estremamente smart; un luogo attivo, contenitore di eventi, di percorsi didattici, di aggregazione e animazione. Inoltre l’ex mobilificio è un elemento essenziale di un più vasto percorso di valorizzazione del territorio, insomma un unicum fra luogo di sperimentazione didattica e momento di marketing territoriale».

«L’orgoglio mio personale», prosegue il primo cittadino magliese, «è quello di aver potuto dare alla mia Città il racconto concreto della produzione industriale di Terra d’Otranto e della città di Maglie: sono state censite e localizzate su una carta tematica tutte le realtà industriali come concerie, molini e pastifici, magazzini per la lavorazione del tabacco, stabilimenti vinicoli, frantoi ed altri opifici, che hanno portato alla luce un volto della città di Maglie ancora poco noto».

«Realizzazioni come questa che ci apprestiamo ad inaugurare», conclude Toma, «diventano il fulcro di un cambiamento del concetto di bene culturale, posto al centro di nuove strategie, finalizzate all’attrazione di flussi turistici, laddove il recupero del patrimonio industriale e la sua valorizzazione costituiscono la chiave di volta».

COSA CONTIENE IL MUSEO

Il Museo archeo-industriale di Terra d’Otranto di Maglie è il primo nel meridione d’Italia.

La fabbrica di mobili dei noti ebanisti, i F.lli Piccinno, poi magazzino di tabacco, diventa un Museo dedicato all’industria della città di Maglie e al patrimonio industriale presente sul territorio di Terra d’Otranto: le attuali tre province di Lecce, Brindisi e Taranto.

Il museo realizzato ed allestito grazie ad una task force di specialisti ed esperti, ospita al suo interno una Sala virtuale dedicata alle attività produttive di Terra d’Otranto ed alla loro evoluzione tecnologica, altri spazi sono riservati alle due principali attività produttive, quella agricola e quella artigianale-manifatturiera; risulta, quindi, diviso in due sezioni: una dedicata all’industria di Terra d’Otranto; una alla Maglie industriale, nota in tutto il Salento meridionale come “Emporio del Capo di Leuca”.

È stata, inoltre, allestita una sala polifunzionale a carattere didattico con l’installazione di apparecchiature multimediali e la creazione di spazi polivalenti, dedicati alle attività culturali ed a percorsi privilegiati per le scuole.

Lo spazio dedicato al Centro di documentazione del patrimonio industriale del Capo di Leuca è integrato nell’ambiente museale in modo da fornire all’utente qualcosa di diverso dalla classica biblioteca.

Un museo reale e al tempo stesso multimediale.

Per l’allestimento del museo, sono state molto importanti le numerose donazioni delle famiglie magliesi, delle quali i loro congiunti sono stati i protagonisti di questa straordinaria storia, ed anche donazioni da parte di altre famiglie salentine.

La sezione dedicata all’industria di Maglie è articolata in due settori: quello agroalimentare e il manifatturiero; il primo illustra le attività e i suoi protagonisti, legate alla produzione dell’olio, del vino, del grano e pasta, dei dolci. Nel secondo invece si parla: della produzione di mobili; di cancelli, inferriate, ferro battuto; di berretti e cappelli; di tabacco; della concia delle pelli; di fiscoli e altro.

LA CERIMONIA INUAGURALE

Il Ministro alla coesione e PNRR Raffale Fitto

All’evento inaugurale saranno presenti: il sindaco di Maglie Ernesto Toma per i saluti istituzionali; l’arch. Giovanni Guido del Comune di Maglie; Antonio Zunno, funzionario Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio; Renato Covino docente dell’Università degli studi di Perugia e Presidente AIPAI (Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale); l’arch. Laura Piccinno, discendente famiglia Piccinno; Franco Milella,  oordinatore tecnico-scientifico dei partenariati pubblico-privati e fondatore della Fondazione Fitzcarraldo di Torino. In collegamento Francesca Riccio, Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Lecce e Brindisi.

L’ conclusioni saranno affidate a Raffaele Fitto, ministro per gli Affari Europei, il Sud, le Politiche di Coesione e il PNRR.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Argento Vivo a Galatina e Sogliano Cavour

Distretto Socio-Sanitario di Galatina, percorsi di active ageing. L’aspettativa di vita per chi oggi ha 65 anni mediamente è di altri 20 anni di vita ma durata della vita media in salute di 50 anni…

Pubblicato

il

La sfida come diceva il Premio Nobel Rita Levi Montalcini non è tanto quella di invecchiare, bensì di invecchiare bene aggiungendo vita agli anni e non anni alla vita.

Prosegue con il terzo appuntamento a Galatina, tenendo ben saldo il principio espresso da Rita Levi Montalcini, il progetto di invecchiamento attivo Argento vivo, percorsi di active ageing, costituito dalla rete di partenariato composta da Anteas Lecce, Cisl Fnp Lecce, Spi Cgil Lecce, Auser Lecce, Gruppo di Cammino ‘Camminando…Insieme’, Fondazione di Comunità del Salento nell’ambito dell’Avviso Pubblico emanato per la presentazione di specifici progetti di prevenzione sul territorio della Asl di Lecce finalizzati alla promozione e valorizzazione dell’invecchiamento attivo e della buona salute.

In ogni Ambito Socio-Sanitario del Salento previsti tre appuntamenti: il primo di presentazione dell’iniziativa, il secondo di passeggiate di comunità, il terzo di show-cooking e pizzica.

A GALATINA

Terza tappa dell’iniziativa, venerdì 1° marzo (ore 16), a Galatina, presso l’Ex Convento delle Clarisse sito in Piazzetta Galluccio con la presentazione del progetto alla comunità. Dopo i saluti del sindaco Fabio Vergine, gli interventi di Romeo Delle Donne, presidente di Anteas Lecce, della fisioterapista Lorena Spalluto (relazionerà su ”Attività fisica e prevenzione nell’invecchiamento attivo) e della nutrizionista Lucrezia Perrone (La nutrizione per l’invecchiamento attivo).

Al termine dei lavori è prevista una passeggiata con guida turistica nel centro storico di Galatina.

A SOGLIANO CAVOUR

Lunedì 4 marzo tappa nel comune di Sogliano Cavour: alle ore 16ritrovo presso il Groove Bar Gertrude, In Via dei Gigli n. 7. Dopo i saluti del sindaco Giovanni Casarano, gli interventi di Romeo Delle Donne, presidente di Anteas Lecce, del dott. Marcello Viola su Allenare la memoria” e di una specialista nella nutrizione che relazionerà su “La nutrizione per l’invecchiamento attivo”.

Alle 17 in programma un coinvolgente show cooking.

Mercoledì 6 marzo, terza tappa di Argento Vivo sempre a Sogliano Cavour, presso la Tenuta Pellegrino, in Via Aradeo n. 2. Dalle 16, i saluti del Presidente di Anteas Lecce, Romeo Delle Donne e, a seguire, passeggiata e visita della tenuta, uno show cooking e una lezione di pizzica a cura del gruppo Nachiru.

L’evento è patrocinato dal comune di Galatina.

L’organizzazione consiglia la prenotazione delle passeggiate allo 0832.311736 o al 327.8797287, dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 12.

IL PROGETTO

Il progetto Argento Vivo – percorsi di active ageing è stato presentato nei giorni scorsi presso il Polo Didattico dell’Asl di Lecce in occasione della Giornata di Promozione dell’Invecchiamento Attivo nella Asl di Lecce.

Il fatto che le persone vivano più a lungo è certamente un aspetto positivo ma non si possono sottovalutare le conseguenze che questo fenomeno creerà sui modelli e sugli standard di vita, sui sistemi di welfare e di protezione sociale previdenziale e sanitaria, sul mercato del lavoro.

Si pensi che nel 2050 le spese pubbliche per le cure della popolazione anziana raddoppieranno. Di conseguenza invecchiare bene ed in salute non è solo un obiettivo personale ma diventa una responsabilità sociale. L’Organizzazione Mondiale della Sanità dice che «mantenere la popolazione attiva è dunque una necessità e non un lusso».

Le politiche sull’invecchiamento attivo sono decisive per fare fronte ad uno straordinario cambiamento demografico in atto e per favorire un futuro di benessere personale, di inclusione sociale e di nuovo protagonismo per le persone over 65.

I cambiamenti demografici stanno modificando in profondità, in modo strutturale, la composizione sociale e certamente avranno un impatto ancora maggiore per il futuro.

La popolazione sta invecchiando progressivamente e velocemente a causa dell’aumento dell’aspettativa di vita e della riduzione della natalità.

È necessario prendere atto che dobbiamo misurarci con una società sempre più longeva.

La questione demografica impatta sul futuro del Paese, sulla sua sostenibilità sociale ed economica.

L’invecchiamento attivo diventa perciò strategico, dove per invecchiamento attivo sempre l’OMS ha inteso «il processo di ottimizzazione delle opportunità di salute, partecipazione e sicurezza per migliorare la qualità della vita delle persone che invecchiano».

L’aspettativa di vita per chi oggi ha 65 anni mediamente è di altri 20 anni di vita. In molti casi l’allungamento della vita media non ha coinciso con la qualità della stessa, perché a fronte di una durata della vita media di oltre 80 anni (79,7 per gli uomini- 84,4 per le donne) abbiamo una durata della vita media in salute di 50 anni.

Per queste ragioni, è stato presentato il progetto ‘argento vivo – percorsi di active ageing’, finalizzato alla promozione e alla valorizzazione dell’invecchiamento attivo e della buona salute.

È necessario che una vita più lunga sia vissuta in buona salute e all’insegna della partecipazione sociale e della sicurezza.

Nuovi stili di vita e performanti azioni di active ageing designeranno un nuovo processo che si snoderà verso un nuovo concetto dell’invecchiamento.

Il tema delle persone anziane e dell’invecchiamento attivo deve dunque essere strettamente connesso, come detto, alle politiche contro la povertà, alle politiche a favore della salute e a nuovi stili di vita più includenti.

OBIETTIVI DEL PROGETTO

–       Promuovere la diffusione di stili di vita che favoriscano l’invecchiamento attivo con particolare riferimento al rapporto con l’alimentazione e con la cultura nutrizionistica e alla fruizione del tempo libero;

–       Valorizzare l’anziano come risorsa sociale per la comunità;

–       Rendere quanto più pratica possibile la conoscenza di una cultura alimentare finalizzata alla buona salute e alla pratica della dieta mediterranea attraverso la realizzazione di show cooking partecipativi.

–       Promuovere azioni di attività ricreative ed aggregative.

LE AZIONI DI PROGETTO

Incontri sulla salute e sul benessere. Si organizzeranno, in modalità partecipata e informale, n. 3 incontri con professionisti della salute e del benessere (psicologi, geriatri, nutrizionisti). Saranno incontri di sostegno, interazione, confronto, analisi ed elaborazione degli aspetti emozionali e gestionali delle persone più anziane. Si promuoverà la nascita di un gruppo di auto mutuo aiuto.

Output dell’azione: la definizione di un camp sull’invecchiamento attivo. Si allestirà un luogo accessibile in cui invitare la cittadinanza a fare indagini diagnostiche di prevenzione: misurazione dei parametri vitali, misurazione della glicemia, visite senologiche, visite neurologiche, altro.

Passeggiate di comunità. Si individueranno dei luoghi accessibili e percorribili per passeggiate esperienziali di gruppo, con l’aiuto di una guida esperta. Ogni passeggiata sarà occasione di socializzazione e inclusione e terminerà con la visita di una struttura ristorativa che valorizza le produzioni a kilometro zero per una cucina sana ed economica. (n. 3 passeggiate).

Show cooking. Al termine di ogni passeggiata, il gruppo coinvolto si soffermerà in una struttura ricettiva per essere protagonista di uno show cooking che valorizzi le produzioni agricole dell’area territoriale di riferimento che siano in linea con gli standard di sana alimentazione a cui si ispirerà tutta l’architettura progettuale.

Continua a Leggere

Attualità

La potenza di un battito di ali che abbraccia ciascun individuo

Giornata mondiale sulle malattie rare: la Scuola Primaria di Miggiano in prima linea su “inclusione e diversità”. La testimonianza di Luigi A., sempre di Miggiano, che racconta la sua convivenza con una malattia rara e con il pregiudizio degli altri che «colpisce dentro l’anima e fa più male di una ferita!»

Pubblicato

il

Una malattia è considerata rara, quando ha una prevalenza nella popolazione generale, inferiore a una data soglia, cioè quando pochi soggetti sono affetti dalla patologia in un dato momento.

Nell’Unione europea la soglia è fissata allo 0,05 per cento della popolazione, non più di 1 caso ogni 2000 persone.

La bassa prevalenza nella popolazione, non significa però, che le persone con malattie rare siano poche o che non abbiano diritto alle cure e ad una vita dignitosa.

Si parla di un fenomeno, che colpisce milioni di persone in Italia.

In Europa la stima è di 36 milioni di persone.

In Puglia, sono 27mila i pazienti affetti da malattie rare, di cui 6mila sono bambini.

Purtroppo, la stima cresce costantemente con l’avanzare della scienza medica e della ricerca genetica.

Infatti, la stragrande maggioranza, sono malattie ereditarie di origine genetica.

Parlare di malattie rare nella loro totalità e non come singole patologie, serve a mettere in luce e riconoscere, una serie di problematiche assistenziali e a progettare interventi di sanità pubblica mirati, che coinvolgano gruppi di popolazione con bisogni sanitari pur salvaguardando peculiarità e differenze.

La quasi totalità delle malattie rare, sono croniche e invalidanti e il paziente affetto, deve spesso convivere con i sintomi e le complicanze della malattia per tutta la vita, spesso sin dalla nascita.

In molti casi si tratta di patologie pericolose per la sopravvivenza del paziente, che riducono le speranze di vita media e che determinano una riduzione della qualità della vita.

Durante il percorso della malattia, inoltre, il paziente si trova spesso a soffrire l’isolamento e l’incomprensione della comunità in cui vive a causa della mancanza di informazione e di conoscenza sulla patologia e sulle sue manifestazioni.

Pertanto, è doveroso informare e sensibilizzare i bambini su questi temi attuali e sociali.

La Scuola Primaria di Miggiano si conferma attenta ai temi di inclusione e di rispetto verso ogni individuo nella sua unicità: in occasione della Giornata mondiale sulle malattie rare, che si celebra proprio il 29 febbraio, ha realizzato un cartellone con gli origami di farfalla e uno striscione con il logo dell’associazione “Le Ali di Camilla” per promuovere la ricerca e la cura dell’Epidermolisi  Bollosa nota anche come malattia dei bambini farfalla, un grave e rara malattia genetica che colpisce la pelle e le mucose rendendole fragili come le ali di farfalla .

«Bisogna iniziare da un cambiamento culturale interno» ha dichiarato il prof. Gregorio Campi, «l’inclusione è un processo continuo, quotidiano, bisogna pensare a ciò che si può fare con i mezzi che si hanno a disposizione, valorizzando le risorse presenti e favorendo la creazione di ambienti accoglienti le diversità».

Spesso si confonde l’integrazione (riferita a un soggetto specifico, che si coordina con il percorso normale e con gli insegnanti della classe) con l’inclusione in cui tutti gli insegnanti e i percorsi di apprendimento devono poter rispondere alle differenze dei vari soggetti .

Includere è qualcosa di più complesso.

Sono raro, ma per questo non diverso. La connessione tra uomini passa attraverso un senso di comunanza e di reciproca co- appartenenza”. Carl Gustav Jung.

LA TOCCANTE STORIA DI LUIGI

«Bisogna imparare a conviverci»

«Sono nato a Miggiano, 48 anni fa… Mezzo secolo di vita di convivenza con questa malattia rara dal nome strano: “Epidermolisi Bollosa».

Inizia così la testimonianza di Luigi A. che convive con una cosiddetta malattia rara sin dalla nascita.

«Per i miei genitori», prosegue, «sarà stata un’esperienza devastante. Soprattutto sentirsi dire dai dottori che il loro primogenito aveva poche settimane di vita. Con quelle bolle sulle labbra, dietro la schiena e sui gomiti… Ma loro, i miei genitori, non si son dati per vinti, hanno cercato, chiesto in giro a parenti amici e specialisti finché non sono “approdato” al Gaslini di Genova».

«Il mio primo volo in aereo l’ho fatto ad un anno di vita», ricorda, «dopo il Gaslini altre strutture, fino all’ultima, il Policlinico di Modena, a cui son arrivato grazie all’associazione di cui faccio parte, “Le Ali di Camilla”, di Modena».

Questo il suo percorso clinico ma convivere l’EB non è facile: «Io, fortunatamente, ho una forma lieve rispetto ad altri, ne ho visti tanti con la mia stessa malattia con forme gravi, bolle su tutto il corpo e rischi carcinomi. La mia parte del corpo più sensibili son rimaste le gambe e i piedi, in parte gomiti e mani. Appena arriva il caldo o se prendo una “botta” iniziano ad uscir bolle, che se rotte e mal curate rischiano di trasformarsi in infezioni difficili da guarire e con tempi lunghi di guarigione».

Una vera e propria odissea fisica alla quale si aggiunge quella non meno grave psicologica: «Difficoltà maggiori, per me, più che la malattia son venute dall’esser guardato dalla gente in maniera strana, come se avessi chissà che! Sa piccolo mi sentivo isolato dagli altri, più che altro da mamme che non riuscivano a capire che ero un bambino come gli altri. Adulti che chiedevano cosa avessi o non chiedevano proprio e giudicavano e basta, escludendo senza conoscere, a prescindere… il pregiudizio colpisce dentro l’anima e fa più male di una ferita! E lo dico per esperienza, perché conosco cosa vuol dire avere delle ferite che non si rimarginano facilmente. Ma almeno quelle passano, lo sguardo della gente ti rimane dentro!»

L’E.B. è un problema anche per il lavoro: «Sono obbligato a trovare un posto dove c’è un microclima ideale per la mia pelle, lontano da cose contro cui potrei urtare ed inciampare. Come si può comprender non è facile».

«Con gli anni ho imparato a convivere con l’E.B.», racconta ancora Luigi, «a stare attento, a non espormi troppo al sole. Ma ho imparato anche ad apprezzare il bello della vita. Secondo i dottori che mi hanno visto nascere avrei dovuto vivere solo poche settimane. Ho compiuto da poco 48 anni… la vita va oltre le nostre aspettative e mi considero fortunato ad aver una forma lieve, perché altri non ce l’hanno fatta e non son più fra noi».

In conclusione Luigi si sofferma su “Le Ali di Camilla”, l’associazione di Modena «conosciuta per caso tramite ricerche internet di strutture per l’E.B.perché è raro trovar dermatologi specialisti che ti indirizzano in strutture specializzate»). Per me, per noi associati, “Ali” è una gran famiglia. Ci aiutano tanto, fornendoci supporto logistico quando andiamo a Modena per sottoporci alle visite, aiutandoci a reperire medicine, agevolando la ricerca genetica e, non ultimo, dandoci supporto morale».

«Siamo rari ma non soli», conclude Luigi A., «non smetterò mai di ringraziarli».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus