Connect with us

Cavallino

“I rifiuti di Roma nel Salento? NO grazie!”

Parla Paolo Pagliaro, presidente del Movimento Regionale Salento: “È inammissibile continuare a caricare di problemi la nostra terra in favore di accordi e business che non lasciano nulla di utile e positivo ma solo rischi”

Pubblicato

il

«I rifiuti di Roma a Ugento, Cavallino e Poggiardo? Sono molto preoccupato e arrabbiato per questo accordo tra la Regione Lazio e la Regione Puglia, lo considero l’ennesimo schiaffo ad una terra martoriata, il Salento, che ora rischia di diventare la pattumiera d’Italia. – Afferma Paolo Pagliaro di FI e Presidente del Movimento Regione Salento – È inammissibile continuare a caricare di problemi la nostra terra in favore di accordi e business che non lasciano nulla di utile e positivo ma solo rischi. Come se non bastasse il rischio di vederci recapitare i rifiuti radioattivi, a cui abbiamo già espresso tutto il nostro dissenso, adesso dobbiamo fare i conti anche con questa inconcepibile decisione della Regione. Si muovano alacremente i politici salentini e si schierino in difesa del Salento che non può più subire torti. E, ahinoi, non siamo rappresentati nemmeno a Roma da politici pronti a combattere le battaglie per ridare dignità e prospettive di crescita al nostro territorio, di cui non si parla nemmeno nel Contratto di Governo. Il Presidente Emiliano si rende conto di tutti i rischi e le problematiche che ci sono intorno a questo accordo? Riuscirà mai a prendere una decisione con lo zelo giusto? Ci rendiamo sempre più conto che questa non è la nostra Regione. – Conclude Pagliaro – Ci muoveremo in tutte le sedi opportune per evitare che continuino in quest’opera incessante di distruzione del Salento. Ora, a tutti gli sfregi, compreso il piano di riordino ospedaliero, aggiungiamo anche i rifiuti della capitale, perché Tap, Trivelle, Cerano, Ilva, xylella non ci bastavano? È uno scandalo, siamo veramente stanchi».


 

Cavallino

A Cavallino JFK diventa “Kennedi”

Pubblicato

il

Ci risiamo. Un altro cartello stradale odonomastico con un grossolano errore.

Stavolta siamo a Cavallino. Come già accaduto a Tricase con via Salvo D’Acquisto diventata via Salvo S’Acquisto, qui è John Fitzgerald Kennedy a pagare dazio.

All’angolo con via Cattaneo, la strada dedicata alla memoria del 35esimo presidente degli Stati Uniti d’America diventa Via Kennedi.

Lo scatto postato su Facebook da Marco Rizzo in un gruppo che riunisce tanti utenti di Cavallino ha dato spazio all’ironia e all’incredulità.

Continua a Leggere

Cavallino

Omicidio-suicidio a Torino: le ultime ore prima della tragedia

Pubblicato

il

Una tragedia che non è nata dal nulla quella consumatasi ieri a Torino in una famiglia salentina.

Chiara Rollo, 33 anni, ingegnere gestionale, viveva all’ombra della mole. Sua mamma, Luana Antonazzo, 60 anni, insegnante di matematica a Lecce, si era accorta da tempo che qualcosa non andava e venerdì si è precipitata in Piemonte dalla figlia.

Ha provato convincerla a tornare a casa, a Cavallino, ma Chiara, ieri notte, l’ha freddata a coltellate.

E poi, quando gli agenti della polizia hanno raggiunto il suo appartamento, si è buttata dal nono piano, l’ultimo, del palazzo dove abitava.

Il fidanzato Matteo ha lanciato l’allarme. La madre, prima dell’aggressione, lo aveva sentito per chiedere il suo aiuto.

Gli aveva detto che sua figlia non sembrava più in sé: era diventata aggressiva e le sembrava scompensata.

Queste le parole nel messaggio inviatogli alle 4e30, poco prima di morire.

Matteo al risveglio ha letto quanto scritto dalla donna. Ma era ormai troppo tardi.

Chiara soffriva di una forma di psicosi comportamentale che, da quanto racconta chi la conosceva, l’aveva portata nel 2019 ad un ricovero. Poi aveva perso il lavoro. Un duro colpo arrivato pochi giorni fa, a fine giugno. Alla madre aveva detto di sentir di aver fallito.

L’istinto materno qui non serviva per far capire alla 60enne che la figlia aveva bisogno di aiuto. Da qui il viaggio con partenza immediata che l’ha portata al tragico ed inatteso epilogo.

Continua a Leggere

Cavallino

Furto in abitazione: caccia al ladro a Cavallino

Pubblicato

il

Un furto in abitazione nella mattina di sabato ha seminato scompiglio in quel di Cavallino.

Approfittando dell’assenza dei proprietari, ignoti si sono intrufolati in una casa fuggendo poi indisturbati.

Poco dopo la scoperta, quando però era già troppo tardi. È partita la caccia al ladro, con scia anche sui social.

Su Facebook la vittima del furto ha reso pubblico l’accaduto, mettendo in guardia i compaesani e chiedendo aiuto (nel caso qualcuno avesse notato qualcosa).

Nessuna informazione certa al momento. Solo voci, tutte da confermare: qualcuno avrebbe notato una Volkswagen Golf di colore scuro con a bordo 4 individui non della zona. Ribadiamo, però, che si tratta solo di sospetti ancora privi di fondamento: non è detto che le persone viste in zona possano avere a che fare col furto.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus