Connect with us

Melissano

Melissano… con tutto il Cuore

Gli “Amici del Piper” promuovono il salvadanaio del sorriso e della vita. Saranno i due reverendi, don Antonio e don Gianni a destinare i fondi a chi credono abbia maggiore bisogno

Pubblicato

il

Passo dopo passo, con l’orecchio sempre teso al modulato ed armonico suono di una tradizione giammai svilita e smorta, con l’occhio attento al mondo che ci circonda, pronto a recepire le incessanti istanze di una società in continuo divenire ed in grandi difficoltà di sopravvivenza, l’Associazione “Amici del Piper”, sospinta come non mai dall’intima ed inestimabile gioia per aver tante volte rinverdito le tradizioni della nostra Comunità facendone vivere momenti indimenticabili a tutti coloro che nel tempo hanno offerto con entusiasmo la loro fattiva collaborazione, intraprende ora una nuova strada arricchendo non poco il proprio bagaglio culturale, ponendosi come scopo primario da conseguire il miglioramento delle condizioni socio-economiche oggi in grande sofferenza. È questo il pressante messaggio che ci giunge dalla nostra Comunità, sempre più compressa dalla morsa dei bisogni più elementari. Di qui la grande e per certi versi triste intuizione dell’Ass. “Amici del Piper” nel promuovere e nel sostenere in ogni momento un piccolo-grande progetto che già nella sua definizione contiene un programma quanto mai attraente. “Con tutto il cuore” per Melissano: questo il progetto che si pone come semplice ed umile modo di raccolta fondi per creare il salvadanaio del sorriso e della vita. Il tutto dovrà svolgersi nella più completa trasparenza consegnando alla Parrocchia presieduta da don Antonio e don Gianni le offerte che giungeranno. Saranno i due reverendi a destinare i fondi a chi credono abbia maggiore bisogno tenendo ben ferma la convinzione che non è un gesto eroico donare un tozzo di pane a chi soffre la fame; non è certamente eroico dar da bere a chi ha sete, ma è certamente eroico bagnare quel pane nell’amore e dare a quell’acqua il delicato colore della speranza in un mondo in cui tutto sia pervaso dalla presenza di Dio inteso come Amore, Bontà, Misericordia, come andava predicando il nostro amatissimo don Quintino. Poco ci viene chiesto, molto ci viene dato; basta un sorriso, una semplice parola di conforto, basta una piccola disponibilità un po’ di serenità a chi ci tende la mano. Rivedersi e ritrovarsi nell’altro, questa la nostra spinta; offrire un sorriso e leggere negli occhi altrui la gioia di avere qualcuno vicino, di essere un anello di una catena infinita nella quale ci sia l’uomo ad una estremità ed all’altra ci sia quel Dio che emana da Sé un amore incommensurabile che a sua volta genera amore fino a veder realizzata una Umanità che accolga in sé con estrema tolleranza tutti quanti pur se diverso è il colore della pelle.

Carmelo Raheli

Il 1° giugno su… “Il Sipario” con Don Ray

Il salvadanaio del sorriso e della vita ha aperto la sua amorevole finestrella per accogliere parte del ricavato del Carnevale 2013 organizzato dal “Piper”. La gara è iniziata, avanti tutta! In collaborazione con la Parrocchia “Beata Vergine Maria del Santissimo Rosario” di Melissano e con la compagnia teatrale “Il Sipario”, si svolgerà il prossimo 1° giugno una serata musicale presso il “Nuovo Cinema Aurora” con la partecipazione straordinaria di “Don Ray” (Donato Manco). L’intero ricavato della serata sarà devoluto al sopraddetto salvadanaio del sorriso e della vita.

Cronaca

“Mia moglie ha fatto tutto da sola”

Melissano, 72enne scarcerato ma ancora accusato di tentato omicidio si difende imputando alla moglie problemi pischici. Manie di persecuzione confermate dalle dichiarazioni scritte dei figli

Pubblicato

il

Non è stato scagionato ma è uscito dal carcere l’uomo di 72 anni che, secondo l’accusa, avrebbe cosparso di liquido infiammabile la consorte tentando di metterle fuoco.

Il giudice per le indagini preliminari, Edoardo D’Ambrosio, ha convalidato l’arresto, ritenendo che sussistano i gravi indizi di colpevolezza ma ha concesso la scarcerazione dell’uomo.

Restano il divieto di avvicinamento all’abitazione ed ai luoghi frequentati dalla moglie.

Mia moglie s’è cosparsa l’alcool da sola”: ha dichiarato l’imputato durante l’interrogatorio di garanzia.

Difeso dall’avvocato Giuseppe Caputo, l’uomo ha negato tutto e sostenuto che la consorte soffrirebbe di gravi disturbi della personalità con manie di persecuzione e che, in passato, quando vivevano in Germania, dove l’uomo lavorava, sarebbe anche stata in cura presso una clinica.

Ipotesi quella dei presunti problemi psichici della donna che sarebbe supportata anche dalle dichiarazioni sottoscritte da due figli della coppia.

Continua a Leggere

Cronaca

Melissano: 72enne cerca di dare fuoco alla moglie

Le ha imbrattato i vestiti con liquido infiammabile e voleva appiccare il fuoco con un accendino. Solo l’intervento dei carabinieri ha evitato il peggio. Poche ore prima, sempre a Melissano paura per una bimba rimasta priva di sensi dopo aver infilato le dita in una presa di corrente scoperta

Pubblicato

il

Melissano segnato da due avvenimenti di cronaca che in appena 24 ore hanno scosso l’intera comunità.

Prima la paura per una bimba svenuta dopo aver messo le dita in una presa della corrente ed oggi il tentato omicidio di un uomo che ha cosparso di liquido infiammabile la moglie ed ha tentato di darle fuoco.

L’anziano del posto, un 72enne, al culmine dell’ennesima lite ha scaraventato per terra la moglie e cosparsa di liquido infiammabile salvo poi cercare di metterle fuoco con il proprio accendino.

Solo l’intervento dei Carabinieri ha evitato il peggio: allertati telefonicamente dalla stessa donna sono riusciti a fare irruzione e a bloccare l’uomo, arrestato in flagranza di reato per tentato omicidio e maltrattamenti in famiglia e accompagnato in carcere a Lecce.

Meno di 24 prima invece si era temuto per le sorti di una bimba di 2 anni ritrovata dalla mamma in terra, priva di sensi, con gli occhi sgranati.

Sentite le urla un vicino ha prestato i primi fondamentali soccorsi alla bimba in attesa dell’arrivo dei sanitari del 118 e fortunatamente la piccola non aveva subito conseguenze.

Ma cosa era accaduto? Aveva messo le dita in una presa di corrente scoperta e la scossa, violenta, l’aveva sbalzata in aria, e le aveva fatto perdere i sensi.

Ora la bimba è ricoverata sotto osservazione al reparto pediatrico del Sacro Cuore di Gesù di Gallipoli ma, fortunatamente, il peggio sembra essere alle spalle. Sull’episodio indagano ora i carabinieri che pare abbiano catalogato la vicenda come incidente domestico.

Continua a Leggere

Cronaca

Bar frequentato da malavitosi: chiuso per 15 giorni

Provvedimento del Questore di Lecce ai danni del Bar Movida di Melissano

Pubblicato

il

I carabinieri hanno temporaneamente chiuso un esercizio commerciale perché “frequentato da persone pienamente inserite in contesti di criminalità organizzata e da altre resesi responsabili di gravissimi reati”.

Il provvedimento di chiusura ai sensi dell’art. 100 del Tulps (Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza)  emesso dal Questore di Lecce, ha portato alla chiusura per 15 giorni 15 del Bar Movida di proprietà di una donna residente a Melissano.

Lo stesso bar ad aprile dello scorso anno fu sospeso per gli stessi motivi per 30 giorni.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus