Connect with us

Dai Comuni

Esordio in A per arbitro salentino

Alessandro Prontera, originario di Ruffano, dirigerà il match di domenica a pranzo tra Fiorentina e Udinese

Pubblicato

il

Tra i dribbling del fenomenale Franck Ribery ed il ritorno dalla squalifica del talento Rodrigo De Paul, la sfida di serie A di domenica tra Fiorentina e Udinese avrà un ché di salentino.


Ad arbitrarla, alle 12e30 nello stadio Franchi di Firenze, il giovane Alessandro Prontera.


Esordiente nella massima serie e con delle partite di B alle spalle, il fischietto del Comitato Regionale Arbitri dell’Emilia Romagna è originario di Ruffano.

Dal Var lo assisterà l’esperto Calvarese.



Corsano

Anziana rapinata a Morciano: un’assoluzione e una condanna

Per fatti accaduti lo scorso novembre, una donna di Tricase ed un uomo di Corsano rispondevano in concorso di rapina pluriaggravata, lesioni personali aggravate ed indebito utilizzo di carta di pagamento

Pubblicato

il

Una condanna ed una assoluzione per gli unici due indagati e rinviati a giudizio per la rapina consumatasi lo scorso novembre a Morciano di Leuca ai danni di un’anziana del posto.

Ieri si è svolto, dinanzi alla giudice Valeria Fedele, il processo con rito abbreviato: l’imputato C.F. di Corsano, difeso dall’Avv. Luca Puce, è stato condannato a 4 anni di reclusione; mentre l’imputata G.A.R. di Tricase, difesa dall’Avv. Tony Indino, è stata assolta (previo esame della stessa richiesto dalla difesa).

Entrambi rispondevano in concorso di rapina pluriaggravata, lesioni personali aggravate ed indebito utilizzo di carta di pagamento.

I fatti

Quel 14 di novembre ignoti si intrufolarono in casa di una 85enne e le sottrassero il portafoglio con all’interno danaro, documenti personali e carte bancomat con le quali poi, dopo essersi allontanati, avevano anche effettuato dei prelievi agli sportelli.

I carabinieri della Compagnia di Tricase, con i militari della stazione di Salve, strinsero il cerchio attorno a due persone di Morciano. Si tratta del 51enne e della 52enne precedentemente citati e poi giudicati per come sopra indicato.

Continua a Leggere

Cronaca

Rissa a Montecitorio: il salentino Donno esce in carrozzina

Il grillino colpito dai leghisti mentre tentava di “consegnare” un tricolore al ministro Calderoli

Pubblicato

il

Tutta Italia oggi parla del deputato salentino Leonardo Donno, protagonista di un siparietto sfociato in rissa alla Camera dei Deputati dal quale è uscito in carrozzina.

Durante una discussione sull’autonomia differenziata, il parlamentare pentastellato di Galatina (che Repubblica oggi ha definito “idraulico prestato alla politica”) è stato colpito mentre tentava di consegnare una bandiera dell’Italia al ministro Roberto Calderoli.

Leonardo Donno

In quegli attimi, dai banchi della destra è partita una rappresaglia, con il leghista Igor Iezzi che avrebbe colpito il 39enne salentino nel bel mezzo di una rissa da peggiore bar di Caracas.

Scene di violenza e aggressività, anche verbale, in una giornata che a Montecitorio verrà ricordata pure per un leghista che fa il segno per tre volte della Decima Mas in Aula, mentre dai banchi le opposizioni cantano “Bella Ciao“. Con un deputato Fdi che, per non farsi mancare nulla, chiama il “presente” per ricordare un ex senatore scomparso nel 2020 e con il dem Nico Stumpo che lancia una sedia guadagnandosi l’espulsione dall’Aula.

Un ritratto non certo edificante del Paese che sta facendo il giro del mondo.

Tra i protagonisti, ad avere la peggio è il nostro conterraneo, cornuto e mazziato. A fine giornata ha dichiarato: “Non sono riuscito a capire bene nella confusione, ma hanno provato e sono riusciti anche a colpirmi con calci e pugni Iezzi, Candiani, Cangiano, Amich… Parlamentari di Lega e Fratelli d’Italia. Vedrò se prendere dei provvedimenti”.

Dai video che circolano in rete in effetti sembra proprio che i parlamentari leghisti non aspettassero altro per scatenare la violenza.

Il gesto di Donno, pur opinabile, non si era dimostrato in alcun modo violento o pericoloso. I deputati del Carroccio invece sono partiti dai banchi per aggredire il parlamentare dei 5 stelle. In particolare il leghista Igor Iezzi ha tentato di superare la barriera di commessi e parlamentari provando ripetutamente a colpire in testa il deputato grillino. Ha mancato la testa, ma non è chiaro se comunque ci sia stato un contatto. Pochi secondi dopo infatti Donno è caduto a terra ed è stato portato via dai paramedici in sedia a rotelle.

A sua discolpa Iezzi ha dichiarato: “Ho provato a dare cazzotti, ma non l’ho colpito. Donno ha tentato di aggredire Calderoli e ho reagito. Io mi allontano e lui dopo cade. Andrebbe condannata la sua sceneggiata”.

Continua a Leggere

Appuntamenti

La settimana del “Ferrari”

Oltre 2mila persone da Casarano, Alliste, Collepasso, Maglie, Matino, Melissano, Morciano di Leuca, Parabita, Patù, Presicce-Acquarica, Racale, Ruffano, Supersano, Salve, Taurisano, Taviano e Ugento: una grande catena umana per l’ospedale di Casarano

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

È stato presentato il calendario degli eventi che si terranno dal 14 al 20 giugno per sensibilizzare tutta la popolazione contro il demansionamento dell’ospedale “Francesco Ferrari” di Casarano.

Alla conferenza hanno partecipato: Marco Mastroleo, consigliere comunale ed esponente della Tenda dei Diritti; Claudio Casciaro, presidente del comitato Civico Pro Ospedale Francesco Ferrari; Emanuele Legittimo, assessore di Casarano.

Gli organizzatori delle attività sono “La Tenda Dei Diritti” e “Comitato Civico Pro Ospedale Francesco Ferrari” che hanno pensato anche ad un evento nell’evento, un flash mob “Il Grande Abbraccio!” sabato 15 giugno a partire dalle 17, per chiedere il ripotenziamento dell’Ospedale Ferrari.

E si chiameranno a raccolta oltre 2mila cittadini/volontari da Casarano, Alliste, Collepasso, Maglie, Matino, Melissano, Morciano di Leuca, Parabita, Patù, PresicceAcquarica, Racale, Ruffano, Salve, Supersano, Taurisano, Taviano e Ugento e di tutti i paesi vicini per realizzare insieme la grande catena umana che abbraccerà il Ferrari.

IL CALENDARIO DELLA SETTIMANA

Venerdì 14 giugno: in piazza Indipendenza, alle 21,30, con l’A.DO.VO.S. Messapica per la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue; in piazza Giovanni XXIII (davanti l’ospedale), alle 23, Ura Teatro con Fabrizio Saccomanno, alle 23,30, intervento musicale unplugged, a mezzanotte, Una notte tutti in Tenda. Ci addormenteremocu lli cunti ta Maria”.

Sabato 15: in piazza Giovanni XXIII (davanti l’ospedale), alle 9,30, Colazione per il Ferrari, con tutti coloro che hanno trascorso la notte in tenda; alle 16,30, la Serrata dei commercianti, con ogni esercizio commerciale aderente all’iniziativa che tarderà nell’apertura; alle 17, l’evento clou con “Il Grande Abbraccio”.

Domenica 16: in piazza Giovanni XXIII (davanti l’ospedale), alle 18, Raccolta dei mozziconi a cura dell’associazione Plasticfree.

Martedì 18: in piazza Giovanni XXIII (davanti l’ospedale), dalle 19,30, approfondimenti sulla sanità del sud Salento.

Giovedì 20: in piazza Giovanni XXIII (davanti l’ospedale), dalle 19,30, assemblea pubblica del “Comitato Civico Pro Ospedale F. Ferrari”.

LA TENDA DEI DIRITTI

Il rischio di un ridimensionamento dell’ospedale di Casarano è molto forte e, per evitare che si perdano professionalità e reparti, il consigliere di minoranza di Casarano Marco Mastroleo ha deciso di piantare una tenda davanti l’ospedale per sensibilizzare sulla tutela della salute e del presidio ospedaliero.

La sua “Tenda dei diritti” ha subito raccolto il sostegno di tanti cittadini di tutto il territorio.

Non Dormiamo sui Diritti, la Salute Non Aspetta” è lo slogan.

«Oggi esiste una grave riduzione di personale e il rischio di chiusura di reparti e per sensibilizzare ho scelto di attuare una protesta pacifica e simbolica: dormire in tenda davanti l’ospedale, fino a quando non verranno prese misure concrete per rafforzare il nostro sistema sanitario e proteggere l’ospedale di Casarano», ha affermato Marco Mastroleo, «i nostri ospedali, fulcro della salute per noi tutti, sono in crisi. È tempo di unirci e lottare per assicurarne la continuità operativa e l’incremento delle capacità. È essenziale comprendere definitivamente quale sarà il futuro delle nostre strutture».

L’OSPEDALE È DI TUTTI

Gli organizzatori hanno allargato la richiesta di sostegno alla causa invitando a prendere parte alle attività amministratori del Salento, la società civile e imprenditoriale perché l’ospedale è di tutti.

«Abbiamo inviato una proposta di ordine del giorno ai comuni limitrofi, », fanno sapere gli organizzatori, «affinché discutano e approvino un documento che impegni le amministrazioni locali a sostenere attivamente il potenziamento dell’ospedale F. Ferrari».

SI PUNTA A…

  • Gli obiettivi della manifestazione proposti dalla Tenda dei Diritti sono:
  • Sostenere concretamente il rafforzamento del personale;
  • Fornire una spiegazione chiara e accessibile delle strutture e delle funzioni del nostro ospedale, demistificando le sue complesse articolazioni.
  • Ottenere chiarezza e assicurazioni concrete sul futuro dell’ospedale di Casarano, la nostra proposta operativa è quella degli ospedali riuniti Casarano-Gallipoli.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus