Connect with us

Sport

Lecce spento, il Verona lo asfalta: 3-0

Pubblicato

il

È il momento del fischio d’inizio di Verona-Lecce a margine di un’altra settimana carica di importanti avvenimenti per i giallorossi.

In primis, la dibattuta decisione del prefetto di Verona di limitare l’acquisto dei biglietti per lo stadio ai tifosi ospiti. Di contro, le buone notizie dal calciomercato, con l’arrivo e la presentazione di Saponara.

Saponara che ancora non è tra gli uomini a disposizione di Liverani che manca in campo il seguente 11, riproponendo la difesa a 5 dopo il buon pareggio contro l’Inter e dovendo rinunciare all’ultimo a Petriccione: Gabriel; Rispoli, Dell’Orco, Lucioni, Rossettini, Donati; Tachtsidis, Deiola, Mancosu; Babacar, Lapadula.

Per il Verona invece in campo dall’inizio: Silvestri; Rrahmani, Kumbulla, Dawidowicz; Faraoni, Amrabat, Veloso, Lazovic; Pessina, Verre, Di Carmine.

La partita

Inizia forte il Lecce con una palla recuperata in mezzo al campo e trasformata in occasione gol con Lapadula che scarta il portiere e a porta vuota calcia sul difensore avversario. Il replay svela che però sarebbe stato offside non segnalato.

Al 12esimo Verre conclude una buona azione del Verona con una botta da fuori. Il suo sinistro fischia al lato del palo di Gabriel. Brivido.

Vantaggio Verona. Incornata vincente di Dawidowicz su corner battuto da Miguel Veloso al 19esimo.

Gabriel è costretto a lasciare il campo al minuto 27. Subentra Vigorito.

Al 34esimo il Verona raddoppia approffitando di un Lecce mai pericoloso e reattivo.

Su cross dalla sinistra di Lazovic spunta Pessina che incorna e fa 2a0. Colpevolmente sorpresa la retroguardia ospite.

Nemmeno fortunato il Lecce che allo scadere del primo tempo coglie una traversa con una sassata dal limite dell’area di Majer, appena entrato al posto di Lucioni.

Lecce in 10 uomini al minuto 69. Entrata in netto ritardo di Dell’Orco, già ammonito. Secondo giallo e rosso per lui. Per il Lecce si fa durissima.

Liverani costretto a spendere l’ultimo cambio ancora forzatamente per rimediare all’inferiorità numerica: nonostante il doppio svantaggio fuori una punta per un difensore. Entra Meccariello al posto di Babacar.

La gara si chiude definitivamente a pochi minuti dal 90esimo quando per fallo di Vigorito, Abisso fischia rigore. Dal dischetto Pazzini, subentrato nella ripresa, fa 3-0.

Vittoria pesante per il Verona che spicca definitivamente il volo verso la salvezza, rimasta ormai corsa a 4 per un posto tra Lecce, Genoa, Brescia e Spal.

Foto di Calciolecce.it

Cronaca

Tricase: morto giovane navigatore della Salentomotori

Un arresto cardiaco ha spento i sogni di Gianluca Stefanelli, appena 24 anni. Disposta per domani l’autopsia per stabilire con certezza le cause del decesso

Pubblicato

il

Tricase sgomenta per la scomparsa di Gianluca Stefanelli, appena 24 anni, conosciuto per la sua passione per i motori e per il rally.

Faceva da navigatore per la Salentomotori, scuderia del posto e sognava di poter un giorno, dopo aver completato gli studi, continuare coltivare la sua passione lavorando proprio nel mondo dei motori.

Invece, all’improvviso, ieri i suoi sogni si sono spenti per sempre. Nulla hanno potuto i soccorritori intervenuti presso la sua abitazione di Maggione, in provincia di Perugia (nel capoluogo umbro frequentava l’università).

A quanto pare Gianluca è stato stroncato da un arresto cardiaco.

Domani sarà effettuato l’esame autoptico che stabilirà con certezza le cause di questa morte così improvvisa e così prematura.

Non vuole crederci Antonio Forte, presidente della Salentomotori: “Per noi tutti era un punto di riferimento. Un ragazzo sano da tutti i punti di vista con una gran voglia di vivere. Siamo affrantio. Era un ragazzo d’oro“.

 

Continua a Leggere

Sport

Calcio: se OMS dichiara pandemia stop anche alle Coppe europee

Se l’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiarasse la pandemia da Covid 19, arriverebbe il blocco dell’attività per tutte le competizioni Fifa e Uefa. Prima gara rinviata anche in Premier League

Pubblicato

il

Mentre anche dall’Inghilterra e dalla Premier League arriva la notizia della prima gara rinviata (Manchester City – Arsenal (la decisione per precauzione e su consiglio dei medici dopo che è stato rivelato che membri dello staff dell’Arsenal impegnati nella gara di Europa League sono stati in contatto con il proprietario dell’Olympiakos, Evangelos Marinakis, positivo al coronavirus), tutto il mondo del calcio attende con ansia le decisioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Se l’Oms, infatti, come da più parti viene indicato, dichiarasse la pandemia da Covid 19, arriverebbe il blocco dell’attività per tutte le competizioni Fifa e Uefa.

Quindi stop anche a Champions League ed Europa League.

Gli scenari prefigurati, per ora ancora lontani, potrebbero dare anche il via libera al diritto di rescissione dei contratti dei calciatori, sia da parte del club di appartenenza sia da parte del calciatore stesso. Sarebbe un’autentica, ulteriore, rivoluzione.

Nel frattempo le squadre italiane, data la sospensione delle partite, stanno sospendendo via via anche gli allenamenti. Si tratta di un provvedimento che va incontro alle indicazioni del decreto governativo, che invita tutti i cittadini a restare a casa.

Anche per evitare eventuali contagi e evitare il rischio di aggiungere problemi agli ospedali, con potenziali infortuni: un rischio legato a ricoveri, visite e terapie supplementari, nell’attuale fase di grande emergenza.

Continua a Leggere

Lecce

Il calcio dopo lo stop: ipotesi play off e play out per la Serie A

Tre ipotesi da vagliare nella prossima irunione del 23 marzo: la non assegnazione del titolo, far riferimento alla classifica maturata fino ad oggi (Lecce in serie B) o spareggi (giallorossi ai playout)

Pubblicato

il

Qualora l’emergenza Covid-19 non dovesse consentire la conclusione dei campionati, ipotesio play off per scudetto e qualificazione a coppe europee e play out per stabilirire le tre squadre che retrocederanno in serie B.

L’emergenza coronavirus è da fronteggiare anche dal punto di vista sportivo, laddove allenamenti e partite sono occasioni di contagio. Per questo, la FIGC ha tenuto una riunione straordinaria del Consiglio Federale.

Il presidente Gabriele Gravina ha sottoposto all’attenzione delle Leghe interessate alcune ipotesi su cui discutere nella prossima riunione del Consiglio Federale, già fissata per il  prossimo 23 marzo.

Una di queste potrebbe essere la non assegnazione del titolo di Campione d’Italia e conseguente comunicazione alla UEFA delle società qualificate alle coppe europee; un’altra sarebbe far riferimento alla classifica maturata fino al momento dell’interruzione (in questo caso il Lecce sarebbe retrocesso in serie B); terza ipotesi, far disputare solo i play off per il titolo di Campione d’Italia ed i play out per la retrocessione in Serie B che coinvolgerebbero anche i giallorossi di Liverani.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus