Zapatos Rojos ad Otranto

Domenica 9 marzo: giornata dedicata alla prevenzione della salute delle donne e al grave tema della violenza di genere. Zapatos Rojos è un progetto itinerante, viaggia per il mondo, nutrendo in maniera sempre più consistente la rete di solidarietà che il progetto mira a creare.

La cronaca riporta quotidianamente storie di donne uccise da uomini che sostenevano di amarle. Gli autori di reato sono spesso fidanzati, compagni, ex-compagni, mariti, ex-mariti, conviventi, ex-conviventi. Le storie di queste donne sono tutte accomunate dalla fine di un amore, perché l’amore può anche finire. Ma la fine di un amore non può diventare l’inizio di una serie di violenze e di maltrattamenti che talvolta, anzi troppe volte, terminano con la morte della vittima. Il femminicidio è un’emergenza sociale che assume dimensioni sempre più inaccettabili.

L’iniziativa, Zapatos Rojos (Scarpe Rosse), promossa dalla Commissione Pari Opportunità della Provincia di Lecce, ha lo scopo di scuotere le coscienze, di informare, formare e prevenire la degenerazione di un sentimento amoroso che può trasformarsi in disturbo psicopatologico e sfociare nell’omicidio. È un messaggio di protesta contro un male sociale, un modo per dire basta al dilagante fenomeno del femminicidio.

In occasione della Festa della Donna, in collaborazione con l’ASL/LE, lo sportello SOS Sanità e la Commissione Pari Opportunità della Provincia di Lecce, l’Assessorato alle Pari Opportunità di Otranto ha organizzato, domenica 9 marzo, una giornata dedicata alla prevenzione della salute delle donne e al grave tema della violenza di genere.  Presso i giardini pubblici, dal mattino, sarà allestito un gazebo con la partecipazione di Antonio Carriero, responsabile di “Senologia” al Vito Fazzi di Lecce e di Elisabetta Canitano, Dirigente medico della Direzione sanitaria Asl/Le, dove sarà possibile avere informazioni, prenotare lo screening mammario e il Pap-Test.

scarperosse5Presso Largo Porta Alfonsina sarà realizzata un’installazione artistica per dire “Basta alla violenza di genere”. Ogni paio di scarpe rosse (reperito attraverso l’attivazione di una rete di solidarietà tra donne, sia con il passaparola sia attraverso i social network) rappresenta una donna, la traccia di una violenza subita e la volontà di continuare insieme, con sempre più donne, il cammino per combattere la violenza di genere. Le scarpe, sistemate ordinatamente lungo un percorso, visualizzano una marcia di donne assenti, una camminata che sottolinea il dolore che provoca tale mancanza tanto a livello sociale che familiare. Zapatos Rojos è una chiamata rivolta a tutti i cittadini per manifestare la propria solidarietà verso quelle donne che, nel mondo, hanno subito violenza, per le donne che sono state uccise e per quelle rapite e di cui si sono perse le tracce. La mostra sarà incrementata durante il giorno dell’esposizione: si invitano tutti a portare un paio di scarpe rosse da donna. L’installazione è stata realizzata per la prima volta il 20 agosto 2009, nella Città di Ciudad Juárez, nel nord del Messico, dove moltissime donne vengono stuprate dalle numerose gang criminali e centinaia assassinate e rapite sotto l’indifferenza del governo locale e federale, come denunciato dalle inchieste portate avanti dal 2001 da alcuni organismi internazionali. Zapatos Rojos è un progetto itinerante, viaggia per il mondo, nutrendo in maniera sempre più consistente la rete di solidarietà che il progetto mira a creare.

Nel tardo pomeriggio di domenica 9, sempre a Otranto, sarà presentato un video, realizzato dalla Commissione Pari Opportunità, che ripercorrerà le tappe dell’emancipazione femminile, e richiamerà anche ai casi di violenza e femminicidio.


Commenti

commenti