Sensazionale scoperta archeologica: bisognerà riscrivere la storia di Tricase?

Powered by WP Bannerize

Tricase. La recente scoperta archeologica emersa dagli scavi dinanzi alla Chiesa Madre, avrebbe portato alla luce un elemento che potrebbe far retrodatare la nascita del Paese.

Durante gli scavi, infatti, sono state rinvenute le fondamenta di un battistero databile tra l’VIII e il IX sec. mentre, dalla documentazione fino ad oggi in nostro possesso,  le prime notizie documentate della storia feudale di Tricase risalgono intorno al XIII sec (1268 circa).

 “Se le ipotesi avranno conferma, si tratterà probabilmente di una scoperta estremamente significativa per la storia della comunità Tricasina”, spiega l’esperto in archivistica e biblioteconomia, dott. Carlo Vito Morciano, “le strutture dalla forma ottagonale, erano già utilizzate dal sec. IV per la costruzione di battisteri, edifici concepiti per il sacramento del battesimo”.

L’esperto specifica inoltre che “strutture religiose simili, in Puglia, si contano su poche dita: un esempio lo si può trovare a Canosa, tra i resti del battistero dedicato a S. Giovanni Battista, a pianta dodecagonale e risalente al secolo VI. Anche gli elementi archeologici di Tricase potrebbero effettivamente afferire all’epoca del dominio bizantino, registrandosi, quindi, tra le testimonianze medioevali più antiche presenti nel nostro centro storico ed un unicum nell’intera provincia.

Scavi archeologici, foto di Carlo Vito Morciano

Il Comitato “Tricase Sotterranea”, insieme a Carlo Vito Morciano e  all’archeologo Salvatore Musio, hanno già prodotto un’importante relazione storico-archivistica nella quale hanno raccolto alcune ipotesi circa gli ultimi ritrovamenti a partire da febbraio u.s.  fino ad ora. Ciò che ci si augura è che questi studi possano proseguire “quello che si prospetta per la nostra comunità” afferma Carlo Morciano “è un grande dono. Un dono che dev’essere accolto con unità e lungimiranza, illuminato dalla riflessione e dallo studio. , trattandosi della nostra storia identitaria”.

Si spera, dunque, che la Soprintendenza prenda a cuore quest’importante scoperta mettendo a disposizione le risorse necessarie per proseguire gli scavi e gli studi necessari.

Tags:

Powered by WP Bannerize


Commenti

commenti