Connect with us

Attualità

Sud Est: ammodernamenti o disagi?

Controllo della linea centralizzato, biglietterie chiuse e stazioni deserte: più svantaggi che altro

Pubblicato

il

Negli ultimi giorni in alcune stazioni salentine sono apparsi dei cartelli che segnalavano ai viaggiatori la chiusura di biglietterie finora sempre aperte. Il motivo è l’inserimento, deciso da parte dei vertici delle Ferrovie Sud Est, di questi presidi nel D.C.O. (Dirigente Centrale Operativo) che comporta l’esercizio in telecomando, ovverosia il controllo della movimentazione dei treni e le relative chiusure dei passaggi a livello dislocati sulla rete salentina, mediante centralizzazione dalla postazione di Novoli da cui viene monitorata l’intera linea. Così, lungo il tratto Maglie – Gagliano le operazioni svolte fino al 14 maggio scorso dai capistazione presenti nelle varie stazioni ferroviarie sono ora tutte computerizzate e controllate attraverso il C.T.C. (Comando Centralizzato del Traffico).

11FSEPertanto, in quest’ottica, attualmente si contano 2 stazioni porta (Maglie e Gagliano) che sono sempre presenziate, 4 posti periferici (Muro Leccese, Poggiardo, Andrano/Castiglione e Tricase) le quali possono anche non essere presenziate (subendo “passivamente” il comando del D.C.O.) e 4 posti di linea completamente dismessi (Sanarica, Spongano, Miggiano e Alessano).

Tuttavia l’adozione di questo processo tecnologicamente avanzato si traduce spesso in stazioni impresenziate e biglietterie chiuse, nell’impossibilità di ottenere informazioni, e di conseguenza senza servizi. Così si arriva al paradosso che un passeggero, in una stazione senza personale, può prendere il treno ma, non potendo fare il biglietto in loco, è costretto a salire sul convoglio essendone sprovvisto e, avvertendo il controllore onde evitare multe più salate, a dover pagare il costo fisso di 5euro su percorsi entro i 50km (quindi anche brevissimi) o 10euro per quelli più lunghi. A meno che non sia in possesso di un biglietto fatto precedentemente magari in qualche agenzia viaggi privata.

Per non sottacere del disagio dei dipendenti i quali prima osservavano regolarmente i loro turni nelle sedi assegnate mentre attualmente sono sballottati da una stazione all’altra a seconda delle esigenze. Una fase di ristrutturazione che non ha previsto pannelli informativi per fornire informazioni agli utenti e soprattutto ai turisti. In questo quadro così complesso l’unica certezza è che gli intenti di “ammodernamento” non fanno rima con “vantaggi” e che soprattutto in estate i disagi si moltiplicano. In un delicato momento come quello che sta vivendo FSE, per la quale si parla di acquisizione da parte di Trenitalia, l’immagine che viene offerta dalle stazioni chiuse (un tempo anche collante sociale) non è certo edificante.

Abbandonarle a se stesse non è dunque un segnale di progresso dal momento che tale scelta, anziché facilitare le attività dei cittadini, le complica.

Carlo Quaranta

Attualità

Elisa per la Notte della Taranta, sono per metà salentina…

Fiiiiiiiiuh…   Qui si trema e si studia ragazzi. Ci si vede a Melpignano il 24 agosto

Pubblicato

il

Che emozione grande, studiare le mie radici… che conosco pochissim0, ma io sono in effetti per metà salentina 🔥🔥🔥(mamma e papà di papà erano di Gallipoli).

Cercherò di dare proprio tutta l’anima per questa festa così piena di calore e di tradizioni bellissime che è la Notte Della Taranta.
Fiiiiiiiiuh…   Qui si trema e si studia ragazzi. Ci si vede a Melpignano il 24 agosto!

Manca Pocooooooo 😱😱😱

Elisa

https://www.facebook.com/elisaweb/

Continua a Leggere

Appuntamenti

De Santis: “Pienone negli alberghi per la Notte della Taranta”

Pubblicato

il

Come riportato da “Il Sole 24 ore”, il presidente di Federalberghi Lecce Raffaele De Santis ha evidenziato che si registra il tutto esaurito nelle strutture alberghiere del Salento nella settimana del Concertone de La Notte della Taranta.

Secondo i dati fornit, infatti, dal 19 al 25 agosto c’è un aumento di prenotazioni nelle strutture ricettive  salentine. “Questo dato, spiega Raffaele De Santis presidente di  Federalberghi Lecce, è parzialmente in controtendenza rispetto alla lieve flessione di richiesta turistica che si è registrata quest’anno nel periodo estivo. Non solo pienone dunque nella settimana clou dell’evento di Melpignano,  ma anche un nuovo dato che riguarda i turisti stranieri. Oltre alle consuete presenze dall’Europa e in particolare da Francia e Germania, nel 2019  aumentano le presenze da America, Australia e Cina”.

Il dato complessivo conferma quanto già evidenziato dal rapporto realizzato da CISET (Centro internazionale di studi sull’economia turistica) insieme a Confcommercio Iatlia e Agis: “Gli effetti della Notte della Taranta sulla ricettività sono quindi percepiti soprattutto nell’appuntamento del concertone finale, che è segnalato da quasi la metà degli operatori del Salento come ragione di aumento delle prenotazioni”.

Dallo stesso rapporto emerge che in ciascuna edizione, a partire da una spesa diretta dei visitatori sul territorio pari a 16,8 milioni € (di cui 13 milioni nei servizi), si generano 6 milioni € di valore aggiunto nel territorio. A fronte di un budget di circa 1,2 milioni di Euro speso nell’organizzazione di ciascuna edizione, ogni euro investito nell’evento produce 14 Euro di spesa dei visitatori, per 5 Euro di valore aggiunto.

Spesa degli spettatori in loco: € 16,8 milioni totale, di cui € 13,4 milioni per servizi; € 3,4 milioni per beni

Valore aggiunto prodotto dalla spesa degli spettatori in loco: € 6,3 milioni totale; € 5,8 milioni per servizi e € 540 mila per beni.

Cecilia Leo

Continua a Leggere

Attualità

È ancora Briatore Vs Puglia

Da Instagram tuona contro il porto di Gallipoli che nega l’accesso al tender Force Blue

Pubblicato

il

Flavio Briatore ancora una volta insoddisfatto dalla Puglia.

Stavolta, tuona contro Gallipoli. Lo fa dal suo account Instagram dove racconta (taggando anche il profilo della Regione Puglia) di un accesso negato al panfilo di 60 metri denominato Force Blue. In tutto il suo disappunto, spiega come lo yacht con a bordo “importanti turisti”, come li definisce lui stesso, ha poi deciso di virare verso Otranto.

L’imprenditore ha quindi deciso di esternare il suo stupore sui social etichettando Gallipoli come esempio del “movimento del non fare”.

Già in passato Briatore aveva scatenato il dibattito sul turismo in Puglia e sulla sua gestione. Non sottraendosi a commenti sugli operatori turistici stessi, definiti impreparati e adatti al “deleterio turismo da ciabatte”.

A questo punto vien da chiedersi, se non è meta all’altezza o gradita, anziché elargire etichette del non fare, in Puglia o in Salento cosa ci viene a fare…?

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus