53enne entra nudo in un bar; chiama il 118 e li chiude a chiave in una stanza; dà alle fiamme un’auto…

A Calimera era diventato un incubo: seminava panico per strada e nei locali pubblici,  aveva “sequestrato” gli operatori del 118, si era presentato nudo in un bar, minacciandoli con una motosega spenta, aveva dato alle fiamme un’auto parcheggiata per strada.
Ora l’incubo sembra sia finito. E’ stato posto agli arresti domiciliari l’esecutore di tali atti: Salvatore Doria, 53enne di Calimera.

I carabinieri della cittadina, e la compagnia di Lecce comandata dal capitano Flavio Pieroni, questa mattina hanno fermato l’uomo ed eseguito l’ordinanza della misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Lecce.

A Doria vengono contestati: il 10 gennaio scorso, dopo aver richiesto l’intervento del 118 per un malore, aveva chiuso a chiave la porta di casa trattenendo all’interno i quattro malcapitati, contro la loro volontà, non solo li aveva minacciati con una motosega spenta. Il folle desisteva  dopo 20 minuti, quando ha capito che stavano arrivando i carabinieri.

A febbraio, aveva litigato con due automobilisti, per una mancata precedenza, e poi li aveva minacciati con un’accetta.

Dopo tre mesi, il 15 aprile, aveva dato alle fiamme un’auto parcheggiata per strada, con l’aiuto delle telecamere i carabinieri hanno riconosciuto il piromane.

Altra denuncia. Il 24 maggio era entrato nudo in un bar, coperto da un accappatoio; alla vista dei carabinieri li aveva minacciati con un bastone poi aveva asportato della benzina dal suo Ape e tentato di appiccare un incendio.

Tags:


Commenti

commenti