Connect with us

Alezio

A Parabita hanno vinto sport e solidarietà

Archiviata con successo la  20° Maratonina “Salento d’Amare”: primi sul traguardo  Emanuele Coroneo e Paola Bernardo

Pubblicato

il

Si spengono i riflettori sulla 20° edizione della Maratonina “Salento d’Amare” organizzata ieri a Parabita.

Gli Amici di Nico

A curare l’evento, l’Associazione Sportiva Dilettantistica “Podistica Parabita” presieduta da Antonio Leopizzi.

Quattro i comuni coinvolti dalla gara podistica nazionale di 21,097 Km: ParabitaAlezio, Sannicola e Tuglie.

All’evento hanno partecipato numerosi atleti  provenienti da ogni parte della regione. Il percorso, con un tempo massimo stabilito di tre ore, ha alternato borghi e strade poderali, Centri storici, distese d’ulivi e macchia mediterranea.

L’arrivo del vincitore

Per la categoria maschile, a tagliare il traguardo su via Coltura con il tempo di 01:17:03 è stato Emanuele Coroneo tesserato con la “La Mandra Calimera” seguito da Daniele Leggio A.s.d. Tre Casali” con 01:17:42. Terzo posto per Rosario Graziano Petracca Podistica Magliese”01:18:41, quarto per Diego Mauro Friolo A.s. Action Runnig Monteroni”  con 01:22:47 e quinto per Giorgio Esposito Atletica Salentina Lecce” 01:23:39.

Tra le fila femminili, la vincitrice è stata Paola Bernardo 01:28:59 tesserata con l’Asd “Amatori Corigliano ”. Al secondo posto, Pamela Greco della “Saracenatletica” di Collepasso con 01:30:23, terzo per Francesca Mele Club Corre Galatina” 01:30:58, quarto per  Claudia Vincenti A.s.d. At Runnig”   01:32:23 e il quinto a Viviana Mele Atl. Amatori Corigliano”  01:36:37.

Nel corso della giornata non sono mancate le sorprese perché a prendere parte alla manifestazione anticipando la partenza intorno alle ore 6.00 del mattino  è stata Silvia Furlani 58 anni di Udine, ex maratoneta,  affetta da Sclerosi multipla.

Nel 1990 partecipò a 3 maratone in un mese: Berlino, Venezia e Carpi, poi runner su distanze più brevi e ora camminatrice.

Per non arrendersi all’avanzare inesorabile della malattia, dopo aver girato il mondo partecipando a manifestazioni prestigiose come il cammino di Santiago, la Maratona di New York e quella di Verona, quest’anno ha scelto anche la Maratonina “Salento d’Amare”.

Una sfida per dimostrare a se stessa e agli altri che riuscire a vincere la propria malattia è possibile.

L’arrivo della vincitrice

Abbastanza partecipata è stata la camminata veloce non competitiva “Running and walking to Rosa” lungo un percorso di 10 Km (con un tempo massimo stabilito di 1h30’). Per l’occasione, i proventi sono stati interamente devoluti   per la ricerca sul cancro a favore dell’associazione “Angela Serra – Italia Memma Ferrari” di Parabita.

All’interno di questo contesto si è inserita pure la partecipazione del Centro Servizi per l’Autismo “Amici di Nico” Onlus di Matino guidato dalla sua presidente Maria Antonietta Bove. A promuovere l’invito, la “Podistica Parabita” per favorire il tema dell’Inclusione sociale. Si tratta di un’idea già avviata lo scorso dicembre, dalla realtà “Amici di Nico” e dal Comune di Matino, attraverso il Progetto “Vivi la Città”.

I ragazzi, infatti, hanno potuto percorrere 1,5 Km con il supporto degli educatori e delle loro famiglie.

La mattinata è stata caratterizzata dalla presenza de i “Volontari del sorriso” del gruppo “Pacer – gli originali” i quali si sono messi a disposizione dei corridori per tenere alto il buonumore e tagliare il traguardo in allegria, dimenticando fatica e tensioni.

<< Abbiamo vissuto una grande giornata all’insegna dello Sport.  Ringrazio tutti i volontari che si sono prodigati per la buona riuscita della manifestazione>> afferma il presidente Antonio Leopizzi.

Agli atleti che hanno preso parte al percorso della  20° edizione della Maratonina “Salento d’Amare” 2019 sono state consegnate delle  medaglie realizzate in legno d’ulivo, a cura  dell’erbanista parabitano Carlo Antonio Nicoletti.

Alessano

Maltempo, allerta arancione e scuole chiuse

Niente scuola in molti Comuni. Istituti aperti a Maglie, Nardò, Casarano e Gallipoli. Sospese le lezioni all’Università del Salento. Il sindaco di Miggiano: “Le scuole resteranno aperte, non ci sono i presupposti per decidere altrimenti”.

Pubblicato

il

L’allerta meteo per domani diventa arancione e molti Comuni del Salento stanno decidendo se tenere le scuole chiuse come già hanno deciso i loro colleghi di Brindisi e Taranto.

Ancora fresco soprattutto nel Capo di Leuca il ricordo della tromba d’aria del 25 novembre di un anno fa.

Anche per questo, forse, a Tricase il sindaco Carlo Chiuri ha deciso di non correre rischi: domani niente scuole per ragioni di sicurezza.

Clicca qui per leggere l’ordinanza del Sindaco di Tricase.

Clicca qui per leggere l’Ordinanza del sindaco di Tricase

Scuole chiuse anche a Lecce, Soleto, Galatina, Corigliano, Minervino, Salve, Morciano, Patù, Andrano, Montesano Salentino, Alessano, Ruffano, Taurisano, Alezio e Alliste.

Molti altri Comuni come Castrignano del CapoCorsano e  sono in  C.O.C. (Centro Operativo Comunale a supporto del Sindaco, autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione in caso di calamità) ed in continuo contatto con la Prefettura.

Sospese le lezioni all’Università del Salento.

Istituti aperti a Maglie, Nardò, Casarano e Gallipoli.

Anche a Miggiano, scuole aperte.

Il sindaco Michele Sperti ha già deciso: “Non dovesse precipitare la situazione non mi pare ci siano i presupposti. Scuole aperte con la massima serenità, non è il caso di farsi prendere dal panico”.

Anche a Tiggiano,  e Gagliano del Capo, almeno per il momento, la decisione è quella di non chiudere le scuole.

Le previsioni per la prima parte della giornata di domani parlano di tempo fortemente instabile con rischio di temporali intensi  intensi con accumuli importanti soprattutto dalle zone interne verso il versante Adriatico.

Venti di forte intensità da Sud Est con raffiche oltre i 100 km orari.

Mari: molto agitato l’Adriatico, in burrasca lo Ionio con onde oltre i 5 metri!

 

Continua a Leggere

Alezio

Mese della prevenzione: la fontana di Alezio si tinge di rosa

Il sindaco Andrea Barone: «Informare, sensibilizzare e prevenire… Per vincere bisogna giocare d’anticipo».

Pubblicato

il

Su iniziativa dell’amministrazione comunale di Alezio, in collaborazione con la locale sezione della Lilt, e grazie al prezioso aiuto dei volontari Alessandro Romano e Michele Costantini, la fontana del parco vittime delle mafie si colora di rosa.

«Anche Alezio si tinge di rosa per sensibilizzare le donne sull’importanza della prevenzione del tumore al seno»,  dichiara il sindaco Andrea Barone, «informare, sensibilizzare e prevenire… Per vincere bisogna giocare d’anticipo».

Dal canto suo la Delegazione Lilt di Alezio ringrazia l’amministrazione comunale «per questo segno di fondata speranza, questo richiamo all’attenzione che, ricordiamo,  va mantenuta sempre alta per contrastare il cancro con più efficacia».

Continua a Leggere

Alezio

Da Alezio a Roma: La discesa negli Inferi

Al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia in scena lo spettacolo con la regia di Agostino De Angelis realizzato lo scorso luglio nell’area archeologica aletina Necropoli Messapica

Pubblicato

il

Nella splendida cornice del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, sabato 12 ottobre alle ore 20, sarà portato in scena, lo spettacolo teatrale itinerante “La Discesa negli Inferi” tratto dalla Divina Commedia, per la regia e adattamento di Agostino De Angelis e organizzato dall’Ass.ne Cult. ArchéoTheatron.

L’evento è inserito nell’ambito delle Manifestazioni d’Interesse indette dal Museo e rientra nel Progetto Nazionale di Promozione e Valorizzazione 2019 ideato dallo stesso regista e dall’associazione, che da anni promuovono il nostro patrimonio culturale attraverso eventi culturali e spettacoli teatrali realizzati in aree archeologiche, naturalistiche, beni monumentali, architettonici e religiosi e gode del patrocinio di: rivista Archeologia Viva, Firenze ArcheoFilm, Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa, Istituto di Stato per la cinematografia e televisione Roberto Rossellini di Roma.

Lo spettacolo, nasce all’interno di un percorso di teatro itinerante ideato da De Angelis, che da anni lavora alla messa in scena di percorsi storici e letterari a tema dantesco in alcune selezionate e suggestive location italiane ed è stato realizzato lo scorso luglio nell’area archeologica Necropoli Messapica di Alezio.

Per ogni location il regista costruisce uno spettacolo su misura, utilizzando il luogo come contenitore artistico e culturale.

L’area esterna del Museo Etrusco di Villa Giulia a Roma diventa spazio scenico della rappresentazione; senza utilizzo di scenografie e palcoscenico, ma avvalendosi di attori in voce che danno vita alle scene in mezzo al pubblico, brani musicali e cantati dal vivo.

Interpreti in scena, insieme a De Angelis nei ruoli di Dante, Ulisse e Conte Ugolino, anche il prof. Dall’Ara, critico d’arte che introdurrà le cantiche e nel ruolo di Virgilio e gli studenti del Corso di Cinema curato dall’Ass.ne Santa Marinella Viva provenienti dalla scuola superiore Galilei di Santa Marinella e studenti dell’Istituto Mattei di Cerveteri; obiettivo avvicinare le nuove generazioni al capolavoro letterario dantesco in ambito teatrale e far riscoprire un luogo simbolo dell’Etruria ponendolo sotto una luce nuova e diversa.

Dante e Virgilio, che saranno accompagnati dalla musica dal vivo di Luca Leszczynski e dal coro Arké diretto dal M° Giovanni Cernicchiaro, con la partecipazione del mezzo soprano Francesca Romana Iorio, non saranno in costume, questo perché il regista ritiene che Dante e l’opera dantesca siano ancora perfettamente attuali.

Durante il percorso il pubblico troverà allestimenti di opere d’arte realizzate sul tema etrusco, in omaggio al luogo che ci accoglie, a cura degli artisti Lorenza Altamore con sculture dedicate al Pantheon Etrusco e Teresa Venuto Riccardi costumista che ha realizzato abiti dipinti con scorci e temi del territorio del Lazio.

In scena anche la mostra dell’artista Oreste Baldini dedicata al tema della vita e dell’acqua.

Fotografo di scena Valerio Faccini, Riprese video Francesca Baldasseroni, Assistenza tecnica a cura della RoadShine Production e Istituto di Stato per la Cinematografia e televisione Roberto Rossellini di Roma.

Lo spettacolo si svolge nell’ambito dell’apertura serale straordinaria al costo di 5€ ed è compreso nel costo del biglietto di ingresso.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus