Connect with us

Alessano

Cittadini Attivi d’Europa, cartolina dalla Turchia

Studenti del “Don Tonino Bello ” di Tricase, accompagnati da alcuni loro insegnanti, sono ad Isparta nella Turchia occidentale per partecipare al primo workshop del progetto europeo

Pubblicato

il

Una delegazione dell’Istituto “Don Tonino Bello” di Tricase-Alessano è ad Isparta città della Turchia occidentale.

Gli studenti del “Don Tonino”, accompagnati da alcuni loro insegnanti, si sono uniti ai coetanei europei per svolgere le attività legate al primo workshop del progetto europeo Active Citizens Of Europe, in corso di svolgimento fino a sabato 14 dicembre proprio nel capoluogo di provincia turco noto come la Città dei fiori (l’attività produttiva principale di Isparta è quella della produzione dell’acqua di rose oltre alla produzione di tappeti artigianali).

Gli studenti selezionati partecipano al primo gruppo di lavoro che li vede ospiti della scuola turca Isparta Anadolu Lisesi.

«Tra gli obiettivi principali dell’intero progetto», ha detto dalla Turchia, la dirigente scolastica del “Don Tonino Bello”, Anna Lena Manca, «ci sono quelli di aiutare i nostri studenti a imparare come interagire efficacemente, come agire in modo  socialmente responsabile; sviluppare il pensiero critico; guidarli nel prendersi cura della comunità, assumendosi la responsabilità di migliorare il loro ambiente; sviluppare in loro il rispetto dell’autorità quali le figure genitoriali, gli insegnanti, le autorità in genere; aiutare i nostri studenti a comportarsi responsabilmente online».

Alessano

La “Gravità” diventa Musica

Pubblicato

il

Concerti Lampus ad Alessano: la sera di San Valentino torna il grande jazz con il Marco Boccia Trio che presenta “Gravity”, il secondo disco del contrabbassista pugliese

Nella prestigiosa cornice della Sala della Musica di Palazzo Sangiovanni, ad Alessano, la gravità del fisico Rovelli si fa jazz per il Marco Boccia Trio e “Gravity”, il secondo disco del contrabbassista pugliese, che Lampus presenterà ad Alessano nel giorno di San Valentino.Dopo il grande successo di pubblico e di critica riscontrato dal suo primo disco, “In The Park”, Marco Boccia torna a stupire gli amanti del jazz con un secondo progetto discografico.

“Gravity” è il titolo del nuovo disco del contrabbassista e compositore pugliese, ancora una volta accompagnato nella sua avventura musicale da Marino Cordasco, al pianoforte, e Gianlivio Liberti alla batteria.

Il Marco Boccia Trio, forte del talento e della creatività dei tre musicisti, ha già presentato il disco in alcune vetrine internazionali quali il JazzitFest a Pompei, con un’anteprima ad agosto 2019, nonché il Catania Jazz.

“Gravity” è stato prodotto da Kekko Fornarelli con il supporto programma Puglia Sounds Records 2019 e, a partire da fine ottobre, è disponibile in CD/Digital su tutte le principali piattaforme.

All’interno del disco sono contenuti otto brani interamente composti da Boccia, fra cui la stessa titletrack che ha dato nome all’intero album.

«Gravity è stata per me un’esperienza umana che ha riguardato il rapporto della coscienza nello spazio e nel tempo», ha raccontato Marco Boccia, «ho capito che questo lavoro lo avrei chiamato così quando, le immagini e le suggestioni che affollavano la mia mente, avevano attinenza con il peso declinato nelle sue diverse sfumature semantiche come: forza, attrazione, spinta e, meno correttamente, impulso. Nel mio immaginario “Gravità”, a quel punto», continua il contrabassista pugliese, «si è aperto un mondo di antiche passioni e nuove riflessioni che hanno fatto sì che la penna fluisse, inaspettatamente, a pochi mesi dall’uscita di “In the Park”, il nostro precedente lavoro. Un vero e proprio “Apeiron”».

La gravità, dunque, come ‘energia’ che influenza lo scorrere del tempo e che impedisce agli oggetti di perdersi nello spazio infinito. Questo il concetto racchiuso fra le note di “Gravity”, un disco ispirato da un’approfondita lettura dei libri di Carlo Rovelli e dai suoi studi sul tempo e la gravità. Vibrazioni sonore in grado di sollecitare tutti sensi del corpo e dell’animo umano.

«Il disco», aggiunge Boccia, «è stato realizzato con il prezioso contributo di Marino e Gianlivio che, in un anno di preparazione, hanno tirato fuori capacità, passione e quella componente creativa determinante per la realizzazione di questa nostra nuova musica».

Così, la gravità si fa musica con il Marco Boccia Trio conducendo l’ascoltatore,durante il suo viaggio sonoro, a percepire tanto il calore umano (“Human Warmth”) quanto la profondità del mare (“Deep Sea”), ma anche le sensazioni di un dolce risveglio mattutino dinnanzi al volto di una persona amata (“MonkeyMorning Mood” e “Wake Up Sweet Love”).

Appuntamento con il Marco Boccia Trio venerdì 14 febbraio dalle 19 presso il Salone della musica di Palazzo Sangiovanni, ad Alessano.

L’ingresso è libero con prenotazione obbligatoria (347/5169946).

Il concerto del Marco Boccia Trio è un evento Lampus, un’associazione culturale non profit che, come ama ripetere, Paolo Insalata, «vuole spingere la bellezza a portata di tutti. O almeno, tenta di farlo!».

Continua a Leggere

Alessano

Alessano Città d’Arte

Riconoscimento da parte del dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia. La sindaca: «Tassello coerente con la visione di Città dell’accoglienza; passo in avanti utile ad intercettare risorse per la riqualificazione dei luoghi e ad aumentare gli investimenti in turismo e cultura».

Pubblicato

il

«Una splendida notizia per la nostra comunità!», Con questa premessa il sindaco Francesca Torsello annuncia dalla propria pagina facebook il riconoscimento ad Alessano della qualifica di Città d’Arte da parte del dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia.

Disposta anche l’iscrizione di Alessano tra i Comuni ad economia prevalentemente turistica e città d’arte.

«È un risultato importante», sottolinea la prima cittadina, «raggiunto grazie ad un intenso lavoro di implementazione dell’offerta e dei servizi culturali svolto dal Comune e dalla cittadinanza attiva insieme agli stakeholders che collaborano con noi».

Per la Torsello si tratta di «un tassello coerente con la visione di Città dell’accoglienza, un passo in avanti utile ad intercettare risorse per la riqualificazione dei luoghi, ad aumentare gli investimenti in turismo e cultura, a rendere più bella e accogliente la Città nel suo complesso. Il nostro sforzo», prosegue, «sarà quello di lavorare sempre di più perché Alessano continui a guardare nella direzione della vocazione alla cultura e alla valorizzazione dell’identità».

Infine Francesca Torsello rivolge «un grande ringraziamento all’assessore Loredana Capone sempre attenta e sensibile nei confronti del nostro territorio».

Le fa eco il consigliere con delega all’Accoglienza e al Turismo, Giuseppe Rizzo: «Il fresco riconoscimento proietta la nostra comunità verso nuovi e più alti traguardi. Ora saremo ancor di più nelle condizioni di attrarre finanziamenti e migliorare la bellezza dei luoghi, l’accessibilità delle infrastrutture e l’efficienza dei servizi. Quello in Cultura e Turismo», sottolinea infine Rizzo, «si conferma l’investimento più produttivo che un Comune possa mettere in campo per crescere».

 

Continua a Leggere

Alessano

Alessano: scomparso da ore, chiama i parenti dopo avvio ricerche

Vincenzo Ciardo, 44 anni, manca da casa da sabato sera

Pubblicato

il

Dopo ore di apprensione Alessano tira un sospiro di sollievo per la scomparsa di un uomo di 44 anni di cui si erano perse le tracce dalla sera di sabato scorso.

Protezione civile, vigili del fuoco e carabinieri avevano avviato le ricerche dall’area intorno al comune di Alessano, per trovare Vincenzo Ciardo.

L’uomo però, probabilmente venuto a conoscenza di quanto stava accadendo attorno alla sua sparizione, in tarda mattinata ha chiamato i parenti per rassicurarli.

Un weekend di apprensione

L’allarme era stato dato nella serata di domenica, intorno alle 21, dalla famiglia Ciardo.

I carabinieri avevano anche rilevato l’utilizzo del postamat da parte del 44enne e per questo si pensava fosse diretto verso Lecce. Dalla Prefettura era giunto l’invito a chiunque lo avesse avvistato di farne notizia.

Fortunatamente dopo lo spavento la buona notizia: il signor Ciardo sta bene.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus